La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Preghiere Preghiere. La felicità non può nascere dalla rabbia o dall'odio. Nessuno dice: "Oggi sono felice perché stamattina mi sono arrabbiato assai".

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Preghiere Preghiere. La felicità non può nascere dalla rabbia o dall'odio. Nessuno dice: "Oggi sono felice perché stamattina mi sono arrabbiato assai"."— Transcript della presentazione:

1 Preghiere Preghiere

2 La felicità non può nascere dalla rabbia o dall'odio. Nessuno dice: "Oggi sono felice perché stamattina mi sono arrabbiato assai". Al contrario, la gente si sente a disagio e dice: "Oggi non sono contento perché stamattina ho perso le staffe". Tramite la gentilezza, tanto al livello personale, quanto a livello nazionale e internazionale, col rispetto reciproco e la reciproca comprensione, otterremo la pace, unitamente a una genuina soddisfazione. (Tenzin Gyatzo, XIV Dalai Lama)

3 Sia pace in terra e negli spazi aperti! Sia pace al cielo, alle acque, alla vegetazione ed agli alberi! Possano tutti gli dei concedermi la pace! Possa la pace essere diffusa da questa invocazione! (Atharva Veda)

4 Al momento della morte, ricordandoti di me, chiudi i portelli dei sensi e porta l'attenzione al cuore. Allora, mentre sei assorto in meditazione, metti a fuoco tutta l'energia verso la cima della testa. Ripetendo, in questa condizione, il nome divino, la sillaba Om che rappresenta il Brahman immutabile, andrai oltre il corpo e raggiungerai l'obiettivo supremo. (Bhagavad Gita 8:12-13)

5 Nessuno può morire. Nessuno può essere degradato per sempre. La vita non è che un campo di gioco: per quanto rozzo possa essere il gioco, per quanti colpi possiamo ricevere e per quanto possiamo essere battuti, lo Spirito non ne risente. Noi siamo quell'Infinito. (Vivekananda)

6 Devi solo comprendere che nascita-e- morte sono in sé il nirvana. Non ci sono cose da evitare come la nascita e la morte; non c'è nulla come il nirvana da cercare. Solo quando ti renderai conto di ciò sarai libero dalla nascita e dalla morte. (Dogen, "La luna in una goccia di rugiada")

7 Se una persona pensa d'esser nata, non può evitare la paura della morte. Dovrebbe indagare in prima persona se è davvero nata oppure se il Sé possa nascere. Allora scoprirà che il Sé è sempre esistito, che il corpo che è nato si risolve nel pensiero e che la manifestazione del pensiero è la radice di tutta la catastrofe. Scopri da dove originano i pensieri, allora sarai in grado di abitare nel più intimo Sé onni-presente e sarai libero dall'idea della nascita e dalla paura della morte. (Ramana Maharshi)

8 Molla il passato, molla il futuro; molla anche il presente e attraversa il flusso dell'esistenza fino all'altra riva. Con la mente completamente liberata non ritornerai più a nascere né a morire. (Dhammapada 348)

9 «Io vivo costantemente la morte. La morte è un problema per l'individuo, ma non per la persona. Ognuno di noi, nella propria individualità, è una goccia d'acqua. Cosa capita a questa goccia d'acqua quando, secondo una tradizione che è transculturale, cade nel mare e sparisce come goccia? Dipende da che cosa è: la goccia d'acqua o l'acqua della goccia? La goccia d'acqua sparisce, ma all'acqua della goccia non succede niente. Si unisce a tutto il mare, a tutto il divino, ma non perde la sua vera natura. Ciò che sparisce, sono le difficoltà di comunicare, di abbracciarsi, di amarsi, che nascono grazie all'individualismo». (Raimon Pannikar)

10 Non chiedo di essere esentato dai pericoli, chiedo il coraggio per affrontarli. Non prego che il mio dolore sia alleviato, prego di avere il coraggio per affrontarlo. Non cerco alleati sul campo di battaglia della vita, cerco la mia forza. Non prego con ansiosa paura di essere salvato, ma spero di avere la pazienza per conquistare la mia liberta'. Preghiera tradizionale buddista

11 Che tutti siano felici! Che tutti, forti o deboli, magri, grassi o normali, bassi, minuti o slanciati, quelli che vediamo e quelli che non vediamo, quelli che abitano vicino a noi e quelli che abitano lontano, quelli che già sono nati e quelli che nasceranno in futuro, che tutti, senza eccezione, siano felici. (Preghiera attribuita al Buddha Gautama Siddharta) )

12 "Possano tutti gli esseri non lasciare mai la via del risveglio, che è la loro vera natura ed è priva di un'esistenza egoica separata". (Prajnaparamita)

13 stefy 170


Scaricare ppt "Preghiere Preghiere. La felicità non può nascere dalla rabbia o dall'odio. Nessuno dice: "Oggi sono felice perché stamattina mi sono arrabbiato assai"."

Presentazioni simili


Annunci Google