La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meccanica fluidi Leggi di Pascal – Stevino - Archimede.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meccanica fluidi Leggi di Pascal – Stevino - Archimede."— Transcript della presentazione:

1 Meccanica fluidi Leggi di Pascal – Stevino - Archimede

2 Densità del corpo ( massa volumica): massa (Kg) del volume unitario (m^3) rapporto tra la sua massa e il suo volume d = m / V La densità varia in funzione di: stato aggregazione, temperatura, pressione, natura sostanza Stato di aggregazione :da solido a liquido a vapore il volume in genere aumenta e quindi la densità diminuisce se la temperatura, aumenta anche il volume aumenta e quindi la densità diminuisce: viceversa aumenta densità se diminuisce la temperatura Se aumenta la pressione (gas) il volume diminuisce e quindi la densità aumenta:viceversa se la pressione diminuisce la densità diminuisce

3 Peso volumico (peso specifico) : peso (Nw) del volume unitario( m^3) della sostanza Υ = P / V d = m / V P = m*g m= d / V m = P / g d / V = P / g P / V = d * g Υ = d*g Il peso volumico dipende dalla densità e dalla g (9,8 m/sec^2) Υ = 9,8 * d

4 Pressione (pascal) : rapporto tra intensità della forza (newton) agente perpedicolarmente e in modo uniforme su una superficie, e area (m^2) della superficie stessa p = F / S 1 pascal = 1 Nw / 1 m^2 F = 4 nw p = 4 nw / 4 m^2 = 1 nw / m^2 F = 4 nw p = 4 nw / 2 m^2 = 2 nw / m^2

5 F Sp = F / S Principio di Pascal : la pressione esercitata su un liquido si trasmette inalterata in seno al liquido e si esercita perpendicolarmente a qualsiasi superficie interagente con il liquido (pareti comprese…)

6 F Sp = F / S Principio di Pascal : la pressione esercitata su un liquido si trasmette inalterata in seno al liquido e si esercita perpendicolarmente a qualsiasi superficie interagente con il liquido (pareti comprese…) pistone Il liquido zampilla in modo uguale dai fori perpendicolarmente alle pareti

7 Torchio idraulico S1 S2 F1 F2 p1 p1 = F1 / S1 F2 = p1 * S2 F2 = F1*S2/S1 F2 : F1 = S2 : S1 La forza F1 applicata al pistone S1 genera una pressionep1 che si trasmette al pistone S2 originando una forza F2

8 Normalmente la superficie libera di un liquido in quiete soggetto alla sola forza peso si dispone orizzontalmente

9 S h Forza peso F agente su S pressione su S: p = F/S F = Υ * V V = S*h F = Υ * S * h p = Υ * S * h / S P = Υ * h Legge di Stevino: la pressione in seno a un liquido in quiete dipende dalla sua natura (peso volumico Υ) e dalla profondità (in proporzione)

10 h Tre recipienti con area superficie S uguale; identico liquido Υ, uguale altezza liquido h, diverso volume V = S * h Sa Sc Sb Fa = Υ * Va Fb = Υ * Vb Fc = Υ * Vc pa = Fa /Sa pb = Fb /Sb pc = Fc /Sc Essendo Vb > Va > Vc e quindi Fb > Fa > Fc dovremmo trovare che pb > pa > pc Invece secondo Stevino dovremmo trovare pa = Υ*h…pb = Υ*h …pc = Υ*h

11 h Sa Sc Sb Possibile interpretazione e giustificazione della sperimentale uguaglianza di pressione riscontrata nei tre recipienti Il liquido, in equilibrio, è soggetto al proprio peso e alle reazioni del fondo e delle pareti del recipiente: la forza F sarà risultante della forza peso e delle reazioni agenti sul liquido azione reazione In a, la reazione non si oppone al peso : F = peso..p = F/S in b :la reazione fornisce una componente verticale che si oppone al peso : F = peso – rv..p = F/S In c : la reazione fornisce una componente verticale che si somma al peso :F = peso + rv..p = F/S Componenti verticali Componenti orizzontali

12

13 Vasi comunicanti: vasi con diversa forma e capacità, contenenti lo stesso tipo di liquido,dispongono il liquido alla stessa altezza in tutti i rami ha hb Pa= Υ*ha Pb= Υ*hb pa > pb Infatti se il livello iniziale è diverso, anche la pressione esercitata sulla superficie divisoria risulta diversa:il liquido si sposta verso la pressione minore fino a raggiungere lequilibrio con uguaglianza delle pressioni Pa = pb

14

15 a b Manometro con vasi comunicanti Due liquidi non miscibili separati da rubinetto chiuso:aprendo il rubinetto avviene uno spostamento dal ramo a al ramo b : lo spostamento ha termine con un dislivello nei due rami comunicanti Il liquido nel ramo a genera una pressione a livello del rubinetto pa = Υa * Ha Il liquido nel ramo b genera una pressione a livello del rubinetto pb = Υb * Hb Se lo spostamento avviene verso ramo b significa che pa > pb (ed essendo Ha=Hb) significa che Υa > Υb HaHb Allequilibrio, pa = pb pa = Υa * ha pb = Υb * hb ha hb Conoscendo Υb è possibile calcolare Υa Ya = Yb*hb / ha

16 123 Manometro 1 :liquido identico nei due rami:nessun dislivello Manometro 2: liquidi con diverso peso volumico Ya > Yb: dislivello Manometrro 3 : liquidi con diverso peso volumico Ya < Yb: dislivello a aa b a b Misure di densità, peso volumico, per liquidi immiscibili, con manometri

17 Acqua-acquabenzina.-acqua manometro

18 Principio di Archimede : un corpo immerso in un liquido riceve una spinta verticale verso lalto pari al peso del liquido spostato, applicata al baricentro (centro di spinta) del liquido spostato H h1 h2 p1 = Υ * h1 p2 = Υ * h2 Essendo p2 > p1 anche F2 > F1 :spinta F = F2 – F1 = Υ * V F2 = p2*S = Υ * S * h2 F1 = p1*S = Υ * S * h1 F = F2 – F1 = Υ * S * (h2-h1) = Υ * S * H = Υ* V Le forze orizzontali si neutralizzano le forze agenti sulle basi F1, F2 agiscono in senso opposto: la risultante F ha un valore Υ * V pari al peso del volume del liquido spostato (volume uguale a quello del corpo) S S = superficie corpo H = altezza corpo

19 Bilancia idrostatica Cilindro compatto con volume uguale alla cavità dellaltro cilindro Pesare i due cilindri in aria :peso reale Immergere cilindro compatto in acqua e ripesare:si misura la spinta idrostatica Riempire cavità con acqua: si ottiene equilibrio: si misura peso reale Il peso dellacqua aggiunta neutralizza la spinta generata dallacqua spostata Pesetti per bilanciare

20 Cilindri in aria:peso Cilindro in acqua:spinta Cilindro in acqua+cilindro riempito acqua

21 Galleggiamento dei corpi in funzione del loro peso P : Υc* V e della spinta idrostatica archimedea F : Υf * V Equlibrio se P = F ( quindi se Υc = Υf) Il corpo affonda se P > F ( Υc > Υf) Il corpo galleggia se F > P ( Υf > Υc)

22 Galleggiamento possibile anche se Υc > Υf deve verificarsi che il volume spostato dal corpo sia molto grande rispetto a quello che occuperebbe se la materia del quale è formato fosse compatta masse uguali della stessa sostanza: volumi diversi :sfera compatta e sfera cava) pesi uguali ma spinte diverse perché diversi i volumi può verificarsi che la spinta F risulti in un caso minore del peso P e in un altro caso F > P Barchetta metallica

23 Corpo omogeneo e non omogeneo centro di spinta, baricentro, problemi di stabilità del galleggiante Baricentro del corpo omogeneo e centro di spinta coincidenti: se F=P equilibrio indifferente baricentro Centro di spinta Corpo non omogeneo :se P = F Equilibrio stabile Equilibrio instabile Equilibrio assente


Scaricare ppt "Meccanica fluidi Leggi di Pascal – Stevino - Archimede."

Presentazioni simili


Annunci Google