La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meccanica 15 19 aprile 2011 Fluidi. Viscosita`. Pressione Fluidostatica. Leggi di Stevino, Pascal, Archimede Fluidodinamica. Moto stazionario. Tubo di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meccanica 15 19 aprile 2011 Fluidi. Viscosita`. Pressione Fluidostatica. Leggi di Stevino, Pascal, Archimede Fluidodinamica. Moto stazionario. Tubo di."— Transcript della presentazione:

1 Meccanica aprile 2011 Fluidi. Viscosita`. Pressione Fluidostatica. Leggi di Stevino, Pascal, Archimede Fluidodinamica. Moto stazionario. Tubo di flusso. Portata Legge di Leonardo Legge di Bernoulli

2 Fluidi Comprendono i liquidi e i gas I fluidi possono fluire o scorrere, e quindi, a differenza dei solidi, non riescono a sostenere staticamente uno sforzo di taglio I liquidi, a differenza dei gas, sono essenzialmente incomprimibili, quindi la loro densità si può considerare (approssimativamente) costante La meccanica dei fluidi si divide in – Statica – Dinamica Lo studio concerne non solo i fluidi, ma anche i corpi immersi in essi o le pareti che li contengono 2

3 Fluidi Riguarderemo i fluidi come sistemi continui, caratterizzati da densità e composti di elementi di massa dm e volume dV: In realtà la materia di cui sono fatti i fluidi ha struttura discreta, cioè è costituita di atomi e molecole Considerarli sistemi continui è unutile approssimazione I fluidi possono trasmettere sforzi: – Nei liquidi grazie alle forze intermolecolari a corto raggio dazione – Nei gas grazie alle collisioni tra le molecole che li costituiscono 3

4 Viscosità In un fluido in moto lo sforzo può trasmettersi anche perpendicolarmente alla direzione lungo cui è applicata la sollecitazione Questo è possibile grazie ad una grandezza fisica propria dei fluidi detta viscosità (e indicata con ) Quando cè scorrimento relativo tra due elementi di fluido, compaiono sullarea di contatto forze tangenziali dattrito interno I due elementi esercitano luno sullaltro due forze uguali e contarie (3° principio) 4

5 Viscosità In un fluido in equilibrio statico non ci sono forze viscose, quindi le condizioni di equilibrio sono le stesse per fluidi viscosi e non viscosi Non esiste il corrispondente dellattrito statico: in assenza di moto (v=0) non cè attrito viscoso Per semplicità si considera spesso il caso ideale in cui la viscosità sia nulla e la densità sia uniforme (fluido ideale) 5

6 Pressione In un intorno di un punto P qualunque di una superficie a contatto con un fluido, consideriamo una superficie infinitesima di area dA Su di essa il fluido agisce con una forza dF Definiamo (in termini differenziali) la pressione come forza per unità di superficie: La forza dF, e quindi la pressione, possono variare da punto a punto della superficie, perciò abbiamo usato la definizione differenziale 6

7 Pressione TH: la forza esercitata da un fluido in equilibrio statico su una superficie è perpendicolare alla stessa, punto per punto DIM: se esistesse una componente parallela, il fluido scorrerebbe e non sarebbe in condizioni statiche 7

8 Pressione In un fluido in equilibrio statico la pressione non dipende dalla giacitura della superficie su cui agisce Consideriamo un volume di fluido a forma di prisma, le cui sezioni con i piani verticali xz siano un triangolo rettangolo x y z x y z 8

9 Pressione Consideriamo la sezione contenente il CM del prisma (per simmetria è quella mediana) Le risultanti delle forze di pressione sulle facce, F 1, F 2, F 3, siano applicate ai punti P 1, P 2, P 3 Il fluido è in equilibrio, usiamo la 1 a eq. cardinale CM x z WF1F1 F3F3 F2F2 P1P1 P3P3 P2P2 9

10 Pressione In termini di pressione: Esprimendo le aree in funzione dei lati E semplificando CM x z WF1F1 F3F3 F2F2 P1P1 P3P3 P2P2 10

11 Pressione Le pressioni sono calcolate nei punti P i Esprimiamole come sviluppo in serie al 1° ordine rispetto al CM CM x z WF1F1 F3F3 F2F2 P1P1 P3P3 P2P2 11

12 Pressione Se facciamo tendere le dimensioni del prisma a zero, mantenendo fisso il CM: E quindi la pressione non dipende dalla giacitura della superficie su cui agisce 12

13 Legge di Stevino TH: in un fluido in equilibrio statico nel campo di gravità la pressione aumenta linearmente con la profondità DIM: sia dato un elemento cilindrico di fluido di volume V, base A e altezza z 2 -z 1 Lequilibrio statico impone che la forza risultante sia nulla Nel piano xy questo è dovuto alla simmetria p(z 1 ) p(z 2 ) W z 13

14 Legge di Stevino Lungo z le forze di pressione e la forza peso devono bilanciarsi Detta la densità del fluido Se le quote differiscono per un infinitesimo Abbiamo cioè la versione differenziale della legge 14

15 Legge di Stevino Se avessimo scelto il verso opposto sullasse z, avremmo ovvero Ovviamente bisogna introdurre un segno meno anche nella versione diferenziale p(z 2 ) p(z 1 ) W z 15

16 Legge di Pascal Orientiamo z verso il basso e poniamo come origine (z=0) la superficie limite del liquido, sia p 0 la pressione esterna agente su tale superficie, abbiamo Ogni variazione della pressione esterna comporta un uguale cambiamento della pressione in ciascun punto del fluido 16

17 Pressa idraulica E` unapplicazione della legge di Pascal E` formata da due contenitori idraulici a tenuta C 1 e C 2, collegati da un condotto e dotati di due pistoni scorrevoli di area A 1 e A 2 Applicando una forza F 1 sul pistone 1, la pressione in ogni punto del fluido aumenta di Sul pistone 2 questo aumento di pressione si traduce in una forza F1F1 F2F2 C2C2 C1C1 A2A2 A1A1 17

18 Vasi comunicanti Laltezza raggiunta da un liquido in vasi comunicanti e` uguale in tutti i vasi: h 1 =h 2 Il principio si dimostra con la legge di Stevino: la pressione sulla superficie libera è uguale per i diversi vasi, così come quella alla base Ne segue che la differenza di pressione è uguale per i diversi vasi, il che si traduce in unuguale altezza delle colonne di fluido h1h1 h2h2 18

19 La pressione dipende solo dallaltezza del fluido sovrastante e non dalla sua massa Quindi nei tre contenitori in figura, la pressione sul fondo e` la stessa, nonostante la massa del fluido sia diversa nei tre casi Ciò è dovuto al fatto che le pareti contribuiscono con una forza che si compone col peso del fluido Paradosso idrostatico Pressione allinterno del contenitore 19

20 Barometro di Torricelli E` costituito da un tubo di vetro aperto ad unestremita` e riempito di mercurio e da una vaschetta contenente mercurio in cui capovolgere il tubo Esso servì a dimostrare per la prima volta che latmosfera ha un peso ed è usato ancor oggi per misurare la pressione atmosferica (barometro di Fortin) h p La pressione esercitata dalla colonna di mercurio di altezza h e` bilanciata dalla pressione atmosferica agente sulla superficie libera del mercurio nella vaschetta 20

21 Manometro a liquido E` costituito da un tubo a U riempito da un liquido di densita` nota Serve per misurare una differenza di pressione (o pressione differenziale) 21

22 Superfici isobariche Dalla legge di Stevino Vediamo che per z=costante la pressione è costante Ma z=costante rappresenta un piano orizzontale Superfici di questo tipo per cui la pressione è costante si dicono isobare 22

23 Forza di Archimede Sia dato un corpo di peso W e densità immerso in un fluido di densità f Esiste una forza, detta di Archimede, che agisce sul corpo, uguale al peso del volume di fluido occupato dal corpo e diretta in direzione opposta al suo peso S Il corpo sia delimitato da una superficie S Immaginiamo un secondo corpo, fluido, delimitato dalla stessa superficie S e costituito dello stesso fluido in cui è immerso 23

24 Forza di Archimede Poiché il fluido è in equilibrio, il corpo fluido è pure in equilibrio, questo significa che il suo peso W f è bilanciato dalla forza risultante A dovuta allazione della pressione del fluido esterno sulla superficie S, quindi W2W2 A W1W1 A Ove V è il volume comune dei due corpi e M f è la massa del corpo fluido Ma la forza A dipende solo dalla superficie S e non da quello che essa contiene Ne segue che A agisce anche sul primo corpo 24

25 Forza di Archimede La forza risultante è infine E ha verso uguale al peso (il corpo tenderà a scendere nel fluido) o opposto (tenderà a salire) a seconda del segno della differenza delle densità 25

26 Forza di Archimede Abbiamo visto che la forza di Archimede, bilanciando il peso del corpo fluido, è applicata nel suo CM Se soltanto una parte del corpo è immersa, la forza di Archimede è relativa a questa parte soltanto Poiché il primo corpo può avere il CM in un punto diverso dal corpo fluido (corpo non omogeneo, ad esempio una barca), avremo in generale anche un momento risultante W A 26 Situazione di non equilibrio A W

27 Ovvero Da cui troviamo il volume immerso Galleggiamento Iceberg in equilibrio statico 27 B G W A

28 Galleggiamento di una barca G: centro di gravita` della barca B: centro di spinta di Archimede M: metacentro : angolo di inclinazione 28

29 Misura di densita` di un liquido: Densimetro Sia m la massa del densimetro, A sia la sezione dello stelo su cui e` incisa una scala che permette di leggere la lunghezza immersa h dello stelo Sia V 0 il volume del bulbo Allequilibrio Da cui la densita` del liquido 29

30 Misura di densita` di un corpo sommerso Mediante un dinamometro si eseguono due misure, la prima con il corpo in aria e la seconda con il corpo immerso in un liquido di densita` nota L 30 T T W W A

31 Moto di un fluido La descrizione del moto di un fluido è, in generale, molto complessa Adotteremo la descrizione euleriana del moto: fissiamo lattenzione su di un punto P(x,y,z) dello spazio e sulla velocità v(x,y,z,t) di un elemento fluido che passa per tale punto Scopo della dinamica dei fluidi è determinare la funzione v, in base ai principi della meccanica, per tutti i punti in cui si trova il fluido, e per tutti i valori di t 31

32 Moto stazionario Per semplicità studieremo solo fluidi ideali e il moto in regime stazionario, caratterizzato dal fatto che v dipenda solo dalle coordinate spaziali, ma sia costante nel tempo: v=v(x,y,z) Linee di corrente o di flusso: sono linee (traiettorie) percorse da ciascun elemento ideale di volume In ogni punto hanno la direzione e il verso della velocità v, ne segue che due linee di flusso non possono intersecarsi Sperimentalmente si possono visualizzare, almeno approssimativamente, iniettando nel fluido polveri particolari che vengano trasportate dalla corrente del fluido 32

33 Tubo di flusso Tutte le linee di corrente che passano attraverso una generica superficie attraversata dal fluido, individuano un tubo di flusso Un condotto chiuso, se riempito completamente di fluido, è un esempio di tubo di flusso, in cui la superficie in questione è una generica sezione del condotto Per un tubo finito, possiamo definire una superficie laterale e due superfici di base 33 In situazione stazionaria le linee di flusso non possono intersecare la superficie laterale

34 Portata Consideriamo un tubo di flusso di sezione dS (e area dA) perpendicolare alle linee di corrente Il volume di fluido che attraversa dS nel tempo dt è pari al volume del solido di base dS e altezza vdt dA vdt v 34

35 Portata La portata ha dimensioni E lunità di misura è il m 3 /s Il volume di fluido passato nellunità di tempo prende il nome di portata Se la sezione è finita, la portata relativa è data dallintegrale esteso a tutta la sezione 35

36 Portata, flusso, corrente Il concetto di portata in idrodinamica e` analogo al concetto di flusso e di corrente in altri ambiti Portata volumica Flusso di massa Corrente elettrica Ove e` la densita` di corrente Supposta la velocita` uniforme sulla superficie 36

37 Equazione di continuita` Supponiamo che il tubo di flusso cambi sezione Siano dS 1 e dS 2 le sezioni diverse del tubo e consideriamo il volume di fluido contenuto nel tubo tra queste sezioni In condizioni stazionarie il fluido può soltanto entrare da d S 1 e uscire da d S 2 ma non dalla superficie laterale del tubo di flusso La massa entrante da d S 1 e quella uscente da d S 2 sono 37 dA 1 v 1 dt v1v1 dA 2 v 2 dt v2v2 dS 1 dS 2

38 Equazione di continuita` Poiche la massa si conserva, esse devono essere uguali ovvero Stesse considerazioni per Per una superficie finita S dovremo integrare i contributi infinitesimi su tutta la superficie La costanza del flusso di massa prende il nome di equazione di continuita` 38

39 Conservazione della portata Se la densita` e` uniforme, la si puo` eliminare dalle eqq., ottenendo Cioe`, se il fluido è incompressibile, in un dato intervallo di tempo, tanto volume entra da S 1 quanto ne esce da S 2, in quanto non è possibile che il volume tra le due sezioni vari riducendosi o espandendosi Ne segue che la portata attraverso le due sezioni è uguale 39

40 Legge di Leonardo Usando il valore medio della velocità sulla sezione, la portata può scriversi E su sezioni di area diversa, il teorema precedente diviene Ovvero area e velocità sono inversamente proporzionali 40

41 Densita` delle linee di flusso Siano N le linee di flusso contenute in un tubo di flusso, la loro densita` superficiale sulle due basi e` Tali densita` sono quindi inversamente proporzionali allarea della sezione attraversata e, per la legge di Leonardo, direttamente proporzionali alla velocita` del fluido nelle sezioni 41

42 Legge di Bernoulli Consideriamo un tubo di flusso e due sezioni perpendicolari S 1, S 2 Supponiamo che la velocità del fluido su ciascuna sezione abbia un valore uniforme v 1, v 2 Nellintervallo dt la sezione S 1 si trasformerà nella sezione S 1 e la sezione S 2 nella sezione S 2 e la massa di fluido che al tempo t si trova tra S 1 e S 2, al tempo t+dt si troverà tra S 1 e S 2 S1S1 S2S2 S2S2 S1S1 ds 1 =v 1 dt ds 2 =v 2 dt z 1 z 2 42

43 Legge di Bernoulli Il volume di fluido contenuto tra le sezioni S 1 e S 1 e quello contenuto tra S 2 e S 2 è Per la legge di Leonardo, i volumi sono uguali; le corrispondenti masse sono pure uguali S1S1 S2S2 S2S2 S1S1 ds 1 =v 1 dt ds 2 =v 2 dt z 1 z 2 43

44 Legge di Bernoulli S1S1 S2S2 S2S2 S1S1 ds 1 =v 1 dt ds 2 =v 2 dt z 1 z 2 Applichiamo la conservazione dellenergia meccanica alla massa di fluido che al tempo t si trova tra S 1 e S 2 e al tempo t+dt si trova tra S 1 e S 2 Poiché siamo in regime stazionario, il fluido compreso tra le sezioni S 1 e S 2 non cambia il suo stato di moto Un cambiamento avviene per le masse contenute tra le sezioni S 1, S 1 e S 2, S 2 44

45 Legge di Bernoulli Basterà quindi applicare la conservazione dellenergia alle due masse dm 1, dm 2 Il lavoro delle forze di pressione e di gravità devessere uguale alla variazione di energia cinetica S1S1 S2S2 S2S2 S1S1 ds 1 =v 1 dt ds 2 =v 2 dt z 1 z 2 Lavoro della forze di gravità Le forze di pressione agiscono sulle sezioni S 1, S 2, e sulle pareti laterali del tubo 45 p 1 p 2

46 Legge di Bernoulli Queste ultime compiono lavoro nullo, in quanto in assenza di viscosità la forza è perpendicolare alla superficie laterale e quindi al moto del fluido Il lavoro delle forze agenti sulle sezioni è La variazione di energia cinetica è 46 S1S1 S2S2 S2S2 S1S1 ds 1 =v 1 dt ds 2 =v 2 dt z 1 z 2 p 1 p 2

47 Legge di Bernoulli Abbiamo dunque E dividendo per il volume S1S1 S2S2 S2S2 S1S1 ds 1 =v 1 dt ds 2 =v 2 dt z 1 z 2 Ovvero, vista larbitrarietà delle sezioni 47

48 Legge di Bernoulli I risultati calcolati con questa legge sono casi limite, poiché in un fluido reale bisogna sempre spendere lavoro contro gli attriti Quindi c.p. la variazione di velocità del fluido sarà minore di quanto calcolato 48

49 E` dotato di un manometro differenziale M per la misura della pressione Applichiamo la legge di Bernoulli alle sezioni 1 e 2, entrambe alla stessa quota media z Tubo di Venturi Serve per misurare la velocita` e la portata di un fluido in un condotto 2 1 M

50 Usando leq. di continuita`, possiamo esprimere la velocita` in 2 in termini della velocita` in 1 Per la velocita` otteniamo Tubo di Venturi M

51 Tubo di Pitot Serve per misurare la velocita` di un fluido, anchesso e` dotato di un manometro differenziale Applichiamo la legge di Bernoulli, notando che la velocita `del fluido nel punto 1 e` nulla Ne segue p 1 e` anche detta pressione totale e p 2 pressione statica, mentre il termine 1/2 v 2 e` detto pressione dinamica

52 Legge di Torricelli Descrive la velocita` di efflusso di un bacino Applichiamo Bernoulli notando che la pressione nei punti 1 e 2 e` uguale a quella atmosferica Quindi Applichiamo la conservazione della portata alle sezioni 1 e

53 Legge di Torricelli Se A 1 >> A 2, la velocita` v 1 e` trascurabile e otteniamo Che e` uguale alla velocita` di caduta libera dalla medesima altezza 53


Scaricare ppt "Meccanica 15 19 aprile 2011 Fluidi. Viscosita`. Pressione Fluidostatica. Leggi di Stevino, Pascal, Archimede Fluidodinamica. Moto stazionario. Tubo di."

Presentazioni simili


Annunci Google