La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza delle capacità verso terra Se si considera la totale capacità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza delle capacità verso terra Se si considera la totale capacità"— Transcript della presentazione:

1 1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza delle capacità verso terra Se si considera la totale capacità verso terra C t uniformemente distribuita e si trascura l'induttanza, ciò che spesso è possibile per valori di R 1 abbastanza elevati, il divisore presenta una costante di tempo pari a R 1 C t /6.

2 2 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Distribuzione della tensione al variare del rapporto

3 3 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Esempi di partitore campione

4 4 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Divisori capacitivi puri

5 5 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Divisori capacitivi smorzati (Zaengl) Le soluzioni proposte nel paragrafo precedente non risultano più sufficienti quando si considerino divisori per tensioni molto elevate. La parte alta tensione è costituita dalla serie di elementi che hanno, singolarmente, un valore di capacità abbastanza elevato e generalmente induttanza non trascurabile. Tenendo conto delle capacità parassite verso terra il divisore va considerato come una linea con attenuazione trascurabile e non adattata agli estremi, sede pertanto di oscillazioni dovute a riflessioni multiple agli estremi. Il divisore, infatti, è praticamente cortocircuitato sul lato uscita e non certamente adattato sul lato di ingresso. In queste condizioni una resistenza di smorzamento messa in ingresso al divisore non comporta alcun miglioramento. Per tale motivo è stato sviluppato il divisore capacitivo smorzato che prevede una resistenza di smorzamento uniformemente distribuita lungo la colonna.

6 6 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento

7 7 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento (3÷4) Valori di R1 pari a danno ottimi risultati; considerando i valori che possono assumere questi parametri parassiti la resistenza è tipicamente di qualche centinaio di ohm. Naturalmente si deve realizzare R 1 C 1 =R 2 C 2 : se il rapporto è molto elevato, la realizzazione della bassa tensione deve essere studiata con cura perché i valori di R 2 sono frazioni di ohm. Per ottenere un rapporto indipendente dalla frequenza dovrebbe essere anche L 1 /R 1 =L 2 /R 2 : questa condizione è sostanzialmente impossibile da soddisfare perché lunità di bassa tensione dovrebbe avere induttanze di pochi nH.

8 8 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento

9 9 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento

10 10 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento CONCLUSIONI Ohmici : resistenza bassa – solo LI Capacitivi puri: AC e SI Capacitivi smorzati : AC, SI, LI In qualche caso divisori con due rami in parallelo R - RC

11 11 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Cavi di collegamento Il sistema di misura è costituito, generalmente, oltre che dal partitore, da un cavo coassiale di collegamento e da uno strumento, oscilloscopio o voltmetro di cresta. Un cavo coassiale omogeneo, senza perdite, va considerato come una linea di trasmissione di impedenza caratteristica Z o =

12 12 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Adattamento dei cavi Per avere una trasmissione fedele del segnale è necessario, come si è detto, che il cavo sia adattato in uscita, sia cioè chiuso sulla sua impedenza caratteristica. Se possibile sarebbe opportuno adattarlo anche in ingresso in modo che anche un'eventuale onda riflessa trovi il cavo chiuso sulla sua impedenza caratteristica. Con lo schema di figura l'adattamento allingresso, essendo R 1 molto grande, si ha imponendo che R 2 +R 3 = Z o.

13 13 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Nel calcolo del rapporto se ne deve tener conto ottenendo: Partitori capacitivi

14 14 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Le impedenze caratteristiche dei cavi normalmente usati sono di 50 o 75 ohm per cui uno schema come quello di figura non è generalmente pensabile in quanto la costante di tempo Z o C 2 risulta troppo piccola per i segnali più usuali. PseudoadattamentoSchema di Burch C1 + C2 = C3 + Cc

15 15 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Adattamento di partitore capacitivo smorzato


Scaricare ppt "1 Università degli studi di Padova Dipartimento di ingegneria elettrica G.Pesavento Influenza delle capacità verso terra Se si considera la totale capacità"

Presentazioni simili


Annunci Google