La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione I) La propaganda : che cosè ? a) Definizione b) Le caratteristiche della propaganda fascista II) Tre differenti tipi di propraganda a) La.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione I) La propaganda : che cosè ? a) Definizione b) Le caratteristiche della propaganda fascista II) Tre differenti tipi di propraganda a) La."— Transcript della presentazione:

1

2 Introduzione I) La propaganda : che cosè ? a) Definizione b) Le caratteristiche della propaganda fascista II) Tre differenti tipi di propraganda a) La stampa b) I manifesti c) Il cinema III) Le reazioni degli italiani di fronte alla propaganda a) Reazioni positive b) Reazioni negative Conclusione

3 Benito Mussolini crea il movimento fascista nel 1921 in Italia. Nel 1922 dopo la marcia su Roma diventa il duce dItalia. Il fascismo è un sistema politico totalitario basato su cinque caratteristiche : - Il culto del duce : Benito Mussolini ha sempre ragione, - Il partito fascista controlla tutto. Nessuna opposizione, - Uneducazione fascista particolare per i bambini e gli adolescenti, - Delle ceremonie grandissime in onore del duce, - Un sistema di propaganda molto sviluppato.

4 a) Definizione La propaganda : La propaganda è un tipo di messaggio mirato a influenzare le opinioni o il comportamento delle persone. b) Caratteristiche della propaganda fascista. Pubblico mirato : Tutti gli italiani, uomini, donne e bambini. Tutte le classe sociali.

5 Mezzi : -Modi di communicazione. (Stampa, radio, televisione …) -Arte. (Cinema, architettura …) -Educazione. -Sport. -Manifestazioni fasciste. Messaggi : - Culto della personalità, - Grandezza dellItalia, - Sentimento nazionale, - Elogio dei soldati e dei lavoratori. - I comunisti - Gli ebrei

6 Scopo : Controllare ogni fatti e gesti della popolazione, essere onnipresente per ottenere un uomo nuovo: Il fascista. Questo fascista deve : -Avere un sentimento nazionale molto forte, -Obbedire senza guardare più lontano, -Dedicarsi interamente al Duce e alla patria. La moralità di questo fascista si riassume in questa frase: CREDERE OBBEDIRE COMBATTERE

7 a) La stampa Censura Cronache nere Debolezze economiche Quotidiani Periodo fascista Modello di pace e di moralità -Restrizioni sulla libertà di stampa :

8 -Giornali di opposizione : chiusi -Giornali fascisti : ammessi -Alcuni giornali riescono ad essere pubblicati. -Esempio di censura : È vietato prendere in foto un pugile a terra Nei giornali per bambini gli argomenti sono legati allideologia fascista. Con le « leggi Fascistissime », tutti i giornali, prima di essere pubblicati devono essere controllati da un direttore responsabile che fa parte del partito fascista.

9 Benito Mussolini Min. Cul. Pop.* Pubblicazione dei giornali *Min. Cul. Pop. (Ministero della Cultura Popolare) Come i giornali sono manovrati ?

10 b) I manifesti Facile a fare e simplice a diffusare, la propaganda con i manifesti è il modo il più utilizzato per i fascisti. Potevano mostrare, grazie ad un manifesto, tutti i simboli del fascismo e rivolgersi a tutta la popolazione.

11 c) Il cinema Unaltro modo di propaganda : Il Cinema. È stato utilizzato principalmente per creare lideale del fascista perfetto, vantare la grandezza dellItalia e la dedizione alla patria. Questa propaganda con il cinema fu molto incoraggiata dallo stato. -La creazione di studi « dello stato » : Cinecittà -Lo sviluppo della mostra con il prezzo « coppa Mussolini » -La creazione di Istituti del cinema per creare dei film a scopo politico.

12 a) Reazioni positive Quasi tutti gli italiani accettano quel sistema perchè Benito Mussolini : - È mostrato come un uomo della popolazione (fa la Guerra) - È il Duce : visto come una persona infallibile e sovrumana - La popolazione italiana si sente bene in questo periodo. - Tutti si mettono per terra per lui e la parola « Duce » è scritta dappertutto

13 b) Reazioni negative Nell'Italia Fascista le reazioni di resistenza sono numerose : i comunisti, l'alleanza nazionale, il movimento Giustizia e libertà o semplicemente degli uomini come Carlo Sforza che si rivoltano contro la politica di Mussolini. Altri uomini si sono anche opposti al Duce, generalmente erano dei pensatori, dei politici o delle persone perseguitate. Ma la resistenza fu veramente debole per due ragione : -La popolazione era manipolata dalla propaganda -Tutte le forme di opposizione erano eliminate Carlo Sforza Giacomo Matteotti

14 In conclusione, la propaganda fascista serve a influenzare la popolazione in modo che faccia totalmente parte del partito fascista. Infatti, Benito Mussolini crea lo stereotipo perfetto dell italiano nuovo : il Fascista. Ci sono diverse forme di propaganda : la radio, la stampa, il cinema, i manifesti, leducazione. Grazie alle parole « CREDERE-OBBEDIRE-COMBATTERE », Mussolini può facilmente controllare gli italiani perchè sono messi nellideologia fascista e si sentono in sicurezza. Mentre alcuni resistenti si rendono conto che ci sono molti problemi in Italia e che quelle persone opposte, sono quasi tutte eliminate.

15 Livre du CDI Ieri, domani da Carlo Cartiglia


Scaricare ppt "Introduzione I) La propaganda : che cosè ? a) Definizione b) Le caratteristiche della propaganda fascista II) Tre differenti tipi di propraganda a) La."

Presentazioni simili


Annunci Google