La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s. 2008.2009 1 La tesina Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s. 2008.2009 1 La tesina Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni."— Transcript della presentazione:

1

2 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s La tesina Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

3 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Definizione Dal greco thésis, derivazione del tema tìthemi= porre, propriamente latto di porre. Nelle università italiane la tesi è una dissertazione scritta su una argomento attinente a una delle discipline studiate nel corso universitario, che il laureando presenta e discute poi con il professore relatore davanti ad una commissione di docenti. Nella didattica delle scuola secondaria superiore viene elaborata una versione ridotta della tesi denominata: tesina, essa viene redatta a conclusione di un modulo didattico o al termine degli studi e presentata durante il colloquio per lesame di stato ai sensi dell Ordinanza Ministeriale n. 31 del 4 feb 2000, art.16, comma 2 e 4. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

4 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Schema della tesina TitoloIndiceIntroduzioneCapitoli – paragrafi Conclusioni ConclusioniAppendici Bibliografia o Sitografia Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

5 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Struttura della tesina Titolo e argomento –Largomento della tesina deve essere qualcosa che ci appassiona e che incoraggia la nostra propensione culturale. –E sufficiente avere una idea e da qui iniziare una ricerca bibliografica appropriata, non dimenticandosi di andare a vedere tra i nostri testi e appunti di studio. –E il primo passo ed il più importante per ottimizzare le modalità di lavoro e per non rischiare di ritrovarsi a metà strada con una tesina che non ci appaga da nessun punto di vista. –E' molto importante scegliere un argomento al quale si è appassionati perchè su questo si passano alcune ore a studiare e a scrivere. –Una volta scelto largomento è necessario darsi gli obiettivi che intendiamo raggiungere, ossia se intendiamo dimostrare o confutare una o più tesi scientifiche oggetto della nostra documentazione. –Una Tesina è compilativa quando prevede la stesura di una rassegna storico- critica relativa ad un argomento, una corrente di pensiero, un periodo storico, ecc. [si lavora su del materiale già esistente] –Una Tesina è di ricerca (ovvero sperimentale) quando prende le mosse da studi o da letteratura esistente per analizzare autonomamente un proprio campo d'indagine (generalmente più diffusa nelle facoltà scientifiche) [E' una creazione quasi esclusivamente propria, si fa ricorso a interviste e ricerche per scrivere qualcosa che non è mai stato scritto]. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

6 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Come si redige e si aggiorna lindice della tesina: LIndice è solitamente una delle prime cose da fare, dopo aver delineato largomento ed il titolo (anche provvisorio) della Tesina. La stesura dellindice ha una doppia funzionalità: chiarire sia allo scrivente che al lettore la struttura del lavoro da realizzare e permettere alle due parti di cominciare un dialogo costruttivo che si protrarrà fino alle fine del lavoro. Nel corso del lavoro, lindice avrà diverse occasioni di essere modificato dallautore, lIndice finale assomiglia poco o per niente alla prima stesura dello stesso. Quindi, non affezionatevi troppo ai documenti che create e siate estremamente flessibili. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

7 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Scriviamo lintroduzione della tesina: LIntroduzione deve descrivere nel modo più chiaro possibile il lavoro compiuto. Partendo dalle motivazioni che hanno spinto alla scelta dellargomento della tesina, lautore deve illustrare con chiarezza la tesi o le ipotesi che intende dimostrare e indicare gli obiettivi che si prefigge di raggiungere, presentare gli strumenti utilizzati e mostrare lorganizzazione del lavoro in parti e capitoli. Tutti gli obiettivi e le ipotesi che qui vengono descritti saranno poi ripresi nelle Conclusioni della tesina, a dimostrazione che, quanto ci si prefiggeva (documentato e dimostrato nel corso dei vari capitoli) è stato raggiunto. La stesura dellintroduzione, contrariamente a quanto potrebbe pensarsi, va fatta alla fine del lavoro della tesina, in considerazione del fatto che le ipotesi e gli obiettivi che ci siamo prefissati mutano nel corso del nostro lavoro. Solo quando saremo arrivati in fondo e la tesina avrà assunto i connotati che le spettano, sarà ben chiara la struttura del lavoro ed è in quel momento che potremo scrivere la nostra Introduzione. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

8 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Disponiamo e dividiamo in capitoli la tesina: Il corpo centrale della tesina deve essere suddiviso in parti, capitoli e paragrafi dotati di numeri progressivi per facilitare i rinvii interni ed esterni al testo e corredato di titoli in grassetto di tipo descrittivo/informativo. In questa fase di redazione è bene compiere una verifica approfondita delle informazioni raccolte e della loro credibilità, confrontando tutte le fonti a disposizione. Nel caso in cui si trovino elementi in contrasto con le asserzioni riportate nella tesina, si possono fornire argomentazioni efficaci ai propri enunciati, motivandone la scelta. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

9 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Come chiudere una tesina: le conclusioni. Sono lultimo capitolo della tesina e rappresentano la summa del lavoro svolto. Con le Conclusioni il lavoro ha termine e tutte le ipotesi e gli obiettivi che ci si era prefissi nellIntroduzione, devono qui trovare compimento. E il momento della verifica in cui tutte le argomentazioni e le informazioni riportate nel corso dei vari capitoli trovano il giusto posto in un discorso organico, chiaro e scientifico. Le conclusioni devono riportare i risultati più importanti emersi e prospettare eventuali possibili sviluppi della ricerca. Questo capitolo sarà tanto ben riuscito quanto riuscirà ad armonizzarsi con lIntroduzione, presentandosi quindi come risposta alle domande o agli obiettivi ivi sollevati. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

10 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Che cosa sono le appendici della tesina? Sono una parte importante della stesura e quindi della presentazione della tesina. Possono essere costituite da: Grafici: diagrammi, istogrammi etc. Immagini di opere darte Immagini scannerizzate di cinquecentine Filmati ed audio se la tesina è svolta il formato multimediale. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

11 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Che cosè la bibliografia della tesina: Una definizione: La Bibliografia è lelenco dei libri scritti intorno ad un argomento, un autore, o consultati per la compilazione di un opera. Questa si trova sempre in fondo alla Tesina ( o, volendo, alla fine di ogni capitolo). Anche in questo caso, le voci riportate nellelenco sono suscettibili di modifiche e revisioni, così che il lavoro finale si baserà su libri che via via riteniamo opportuni consultare per il buon esito del nostro lavoro. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

12 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Che stile utilizzo per scrivere una tesina ? Non ci sono stili predefiniti per scrivere la tesina, ma piuttosto possiamo indubbiamente dire che lo stile deve essere consono allargomento prescelto. Esistono tanti argomenti e discipline e ognuna di queste necessita di uno stile redazionale diverso. Ad ogni modo è bene: –Utilizzare frasi brevi, semplici e chiare. –Utilizzare sovente il condizionale perché non siamo sempre sicuri di quanto affermiamo –Non utilizzare mai i superlativi –Moderare luso di aggettivi e avverbi –Non utilizzare frasi di collegamento tra paragrafi o capitoli ( come si è detto nel capitolo… o cercheremo di delineare in questo paragrafo…) –Fare un buon uso dei sottotitoli –Scrivere le parole straniere non in vigore sul vocabolario italiano in corsivo e al singolare (evitare le s finali per parole come test(s), sport(s), ecc.) Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

13 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Segue… Quando,invece, si riportino anche opinioni personali, giudizi, critiche, è bene esprimerli nel modo più impersonale possibile, piuttosto che in prima persona, utilizzando formule del tipo "Si deduce che", piuttosto che "Io credo che". Essere sintetici nellesposizione Fare uso di strumenti multimediali per lesposizione (PowerPoint e altri software simili) Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

14 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Che materiale utilizzo per lamia tesina? La ricerca bibliografica è un elemento importante che normalmente precede la composizione della tesina. Il più delle volte per ottenere una buona bibliografia è necessario passare le proprie giornate nei polverosi schedari delle maggiori biblioteche, o nelle cantine dei più avanzati centri di ricerca e poi selezionare tra una mole notevole di titoli quelli che più attengono all'argomento del lavoro che si sta preparando. Negli ultimi tempi gli studenti hanno iniziato a cercare direttamente su Internet autori e titoli, velocizzando molto i tempi e risparmiando energie. Che cosa possiamo aspettarci di trovare dalla Rete? Mai un media ha rivoluzionato così tanto i modi di lavorare delle persone! Con Internet puoi fare la tua Bibliografia direttamente e comodamente dalla poltrona di casa tua accedendo ai Cataloghi, alle Informazioni ed ai Sevizi delle più importanti biblioteche italiane. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

15 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s La bibliografia multimediale : Un click di mouse e sei subito nel catalogo giusto: ICCU –Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane e per le Informazioni Bibliografiche Virtual Library –Il mondo delle biblioteche e dei libri AIB –Associazione Italiana Biblioteche, con l'elenco delle biblioteche online ed offline in tutto il mondo. Liber Liber –Associazione culturale senza fini di lucro. I testi sono scaricabili immediatamente. Biblioteche italiane –Elenco delle biblioteche italiane realizzato dal Politecnico di Torino Cosa è un OPAC? –L'acronimo OPAC sta per ONLINE PUBLIC ACCESS CATALOG. Si tratta di cataloghi che raccolgono ed archiviano i titoli e i dati dei materiali presenti presso tantissime biblioteche in tutto il Mondo secondo un criterio di schedatura standard che permette di effettuare ricerche in diverse modalità (per autore, argomento, titolo, localizzazione, ecc.). Gli OPAC contengono l'equivalente dei cartoncini compilati a mano o a macchina presso le biblioteche tradizionali. Insomma i siti giusti dove partire per la propria bibliografia. Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni

16 Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s Quante pagine deve essere la mia tesina? In merito alla stesura dell'intero lavoro va ricordato che non ci sono numeri standard di cartelle, anche se una tesina che si rispetti deve essere di almeno: 20 cartelle o pagine 20 cartelle o pagine interlinea due 22 righe per cartella, ogni riga deve contenere 65 battute Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni


Scaricare ppt "Prof.ssa Caterina Vagliviello a.s. 2008.2009 1 La tesina Liceo Classico "G.Bruno" Maddaloni."

Presentazioni simili


Annunci Google