La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli organi collegiali Sergio Cicatelli Corso di legislazione scolastica / 4.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli organi collegiali Sergio Cicatelli Corso di legislazione scolastica / 4."— Transcript della presentazione:

1 Gli organi collegiali Sergio Cicatelli Corso di legislazione scolastica / 4

2 Sergio Cicatelli2 I decreti delegati  Alcuni organi collegiali della scuola derivano da una antica tradizione: il consiglio di classe e il collegio dei professori erano già previsti dalla riforma Gentile.  Sarà però solo con i decreti delegati del 1974 (DPR 416), in attuazione della legge 477/73, che gli organi collegiali diventeranno organi di partecipazione.  OO.CC. territoriali e di istituto.

3 Sergio Cicatelli3 Gli organi collegiali territoriali  Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione (CNPI)  Consiglio Scolastico Provinciale (CSP)  Consiglio Scolastico Distrettuale (CSD)

4 Sergio Cicatelli4 Gli organi collegiali di istituto  Consiglio di intersezione, di interclasse e di classe  Collegio dei docenti  Consiglio di istituto o di circolo  Giunta esecutiva  Comitato per la valutazione del servizio dei docenti

5 Sergio Cicatelli5 Consiglio di intersezione, di interclasse e di classe  Testo Unico, articolo 5 È composto dai docenti delle sezioni del plesso, dai docenti delle classi parallele delle primaria, dai docenti di ciascuna classe nella secondaria. Ne fanno parte rappresentanti dei genitori e, nella scuola superiore, degli studenti. È presieduto dal dirigente scolastico o da un membro del Consiglio da lui delegato. Programma le attività della sezione o delle classi di rispettiva competenza. Limitato alla sola componente docente, provvede alla valutazione degli alunni negli scrutini periodici e finali.

6 Sergio Cicatelli6 Collegio dei docenti  Testo Unico, art. 7 È composto dal personale docente di ruolo e non di ruolo in servizio nel circolo o nell'istituto, ed è presieduto dal dirigente. Delibera in materia di funzionamento didattico e cura la programmazione dell'azione educativa. Formula proposte al dirigente per la formazione delle classi e l'assegnazione ad esse dei docenti, per la formulazione dell'orario delle lezioni e per lo svolgimento delle altre attività scolastiche, tenuto conto dei criteri generali indicati dal consiglio di circolo o d'istituto. Delibera la suddivisione dell'anno scolastico in più periodi. Valuta periodicamente l'andamento dell'azione didattica. Provvede all'adozione dei libri di testo, sentiti i consigli di interclasse o di classe. Elabora il Piano dell’offerta formativa. Elegge i suoi rappresentanti nel consiglio di circolo o di istituto. Elegge, nel suo seno, i docenti che fanno parte del comitato per la valutazione del servizio del personale docente.

7 Sergio Cicatelli7 Consiglio di circolo o di istuto  Testo Unico, articoli 8-10 È Composto da 14 (fino a 500 alunni) o da 19 componenti (oltre 500 alunni), in rappresentanza di docenti, genitori, personale ata e – nelle superiori – studenti. Il dirigente ne è membro di diritto. È presieduto da un genitore. Adotta il Piano dell’offerta formativa e i regolamenti interni. Approva il Piano annuale (bilancio) e delibera sull’organizzazione della scuola. Delibera sull’acquisto delle attrezzature didattiche, sull’adattamento del calendario, sui criteri generali di programmazione, sulle attività para-, inter- ed extrascolastiche. Indica i criteri generali per la formazione delle classi, per l’adattamento dell’orario, per l’assegnazione dei docenti alle classi e per il coordinamento dei consigli di classe e interclasse.

8 Sergio Cicatelli8 Giunta esecutiva  Articoli 8-10 È composta da 6 membri, in rappresentanza di ciascuna componente dei consiglieri d’istituto. È presieduta dal dirigente e ne fa parte di diritto il DSGA con compiti di segreteria. Predispone il Piano annuale, prepara i lavori del Consiglio di istituto e ne esegue le delibere.

9 Sergio Cicatelli9 Comitato di valutazione  Testo Unico, articolo 11 È composto dal dirigente, che lo presiede, e da 2 o 4 docenti eletti all’interno del Collegio (più 1 o 2 membri supplenti) a seconda che la scuola abbia più o meno di 50 docenti. Valuta il servizio prestato dai docenti nell’anno di prova e in qualsiasi altro momento in cui lo richiedano i docenti stessi.

10 Sergio Cicatelli10 Assemblee e comitati  Hanno diritto di assemblea gli studenti delle scuole secondarie superiori e i genitori.  Sono possibili un comitato studentesco (formato da tutti i rappresentati degli studenti) e un comitato genitori (formato da tutti i rappresentanti dei genitori).  La legislazione sull’autonomia ha riconosciuto il diritto di proposta a qualsiasi raggruppamento (anche informale) di genitori o studenti.

11 Sergio Cicatelli11 Proposte di riforma  Negli anni si è fatta esperienza della scarsa volontà di partecipazione e quindi della vanificazione di alcuni organi collegiali.  Esistono proposte di modifica degli organi collegiali, sia per renderli più coerenti con l’autonomia, sia per semplificarne il funzionamento.  Deve sempre rimanere la collegialità della valutazione, ma potrebbero essere soppressi i consigli di classe e potrebbe essere ridotto il numero dei componenti del consiglio di istituto.


Scaricare ppt "Gli organi collegiali Sergio Cicatelli Corso di legislazione scolastica / 4."

Presentazioni simili


Annunci Google