La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Memoria Germano Rossi – ISR 2011/12. G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria2 Gli studi psicologici sulla memoria durano da moltissimi anni, ma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Memoria Germano Rossi – ISR 2011/12. G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria2 Gli studi psicologici sulla memoria durano da moltissimi anni, ma."— Transcript della presentazione:

1 Memoria Germano Rossi – ISR 2011/12

2 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria2 Gli studi psicologici sulla memoria durano da moltissimi anni, ma ancora non c’è una teoria unificata. Ci sono differenti approcci, parzialmente connessi 3 stadi della memoria: codifica, immagazzinamento,recupero 3 tipi di memoria: sensoriale, a breve termine a lungo termine Differenze nei contenuti da ricordare

3 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria3 Stadi della memoria Consideriamo un qualunque evento 1. Il primo stadio dei processi di memoria è quello di codificare l’informazione (ad es., conoscere una persona nuova, il suo nome, il suo volto) 2. Il secondo stadio è quello di immagazzinare le informazioni da qualche parte 3. E il terzo è quello di recuperare l’informazione quando ci serve (ad es., quando ri-incontriamo la persona

4 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria4 Magazzini della memoria Atkinson e Shiffrin (nel 1968) ipotizzarono che ci fosse un “buffer” di memoria in cui il materiale del ricordo risiede temporaneamente fra il momento della codifica e quello di immagazzinamento Ipotizzarono una memori a breve termine e una a lungo termine

5 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria5 Magazzini della memoria Le teorie più recenti, ipotizzano tre magazzini: Un magazzino sensoriale (meno di 1 secondo), dove le informazioni vengono mantenute per le primissime analisi Un magazzino a breve termine o di lavoro (qualche secondo) Un magazzino a lungo termine (da pochi minuti ad anni interi). È quella che noi chiamiamo comunemente come “memoria”

6 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria6 Differenze nei contenuti da ricordare Quando memorizziamo qualcosa, generalmente vengono memorizzate anche informazioni contestuali Per molto tempo si è pensato che tutte queste informazioni venissero immagazzinate insieme Le teorie più recenti ipotizzano invece che le informazioni vengano scomposte in base al tipo e memorizzare in modo diverso l’una dall’altra

7 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria7 Memoria sensoriale Gli organi di senso percepiscono le sensazioni provenienti dall’esterno e lo fanno in modo continuo Ma abbiamo visto che noi “percepiamo” solo le cose a cui siamo interessati e che queste informazioni vengono pre-codificate Si ipotizza quindi un’area (la memoria sensoriale) in cui le sensazioni sono immagazzinate così come vengono ricevute dagli organi di senso

8 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria8 Memoria sensoriale È in grado di tenere una grande quantità di informazioni Tiene una rappresentazione piuttosto fedele proveniente dagli organi di senso È di brevissima durata Le più studiate sono la memoria iconica (visiva) e quella ecoica (uditiva)

9 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria9 Memoria sensoriale Osservate il segno + di sinistra e contate fino a 30 poi spostate l’occhio sul + che sta a destra. Cosa vedete?

10 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria10 Esperimenti sulla memoria sensoriale Numeri da memorizzare presentati velocemente e di numero crescente. Si riconoscono 4 o 5 cifre Griglie di numeri (3 righe e X colonne): Se il compito è di riportare tutti i numeri, si ricordano i primi 4, 5 numeri della prima riga Se, durante la presentazione, un suono indica la riga da riportare, si ricordano i primi 4,5 numeri della riga indicata Se si aumentano le colonne, si ricordano comunque i primi 4,5 numeri Se il suono arriva dopo 300 ms, i risultati sono pessimi

11 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria11 Esperimenti sulla memoria sensoriale Due griglie (5x5) contengono dei puntini in modo che se vengono sovrapposte resta un sola casella vuota Le due griglie vengono mostrate velocemente una dopo l’altra e il compito è quello di individuare la casella vuota Se il tempo di presentazione è molto piccolo (< 10 ms) viene data la risposta giusta Se il tempo supera i 10 ms si cominciano a commettere errori e se si superano i 150 ms non si è in grado di individuare la cella vuota.

12 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria12 Memoria sensoriale Il primo esperimento dimostra come noi possiamo estrarre determinate informazioni dalla nostra percezione sensoriale in base a dei “segnali” (attenzione) Il secondo esperimento dimostra che noi abbiamo una percezione di “visibilità” di ciò che abbiamo percepito tramite l’attenzione Esempio: guidando, le informazioni visive che riceviamo sono molte. Ma siamo in grado di ricordare tutto quello che abbiamo visto? No, solo quello che l’attenzione, l’interesse… ci hanno portato a vedere

13 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria13 Memoria a breve termine Le informazioni che escono dalla memoria sensoriale passano a quella a breve termine o memoria di lavoro La memoria di lavoro svolge moltissimi ruoli Decidere se, cosa e come deve essere passata alla memoria a lungo termine È stata studiata in relazione ai 3 stadi: codifica, immagazzinamento, recupero

14 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria14 Memoria di lavoro: codifica Abbiamo già visto che la memoria di lavoro riceve solo una parte delle informazioni della memoria sensoriale Il primo compito della memoria di lavoro è di codificarle I principali meccanismi di codifica si basano su codici acustici, visivi o semantici Esempio: Dovete memorizzare un numero (ad es. di telefono). Se volete memorizzarlo solo il tempo necessario per comporlo, sicuramente lo ripetete a voce. Se invece lo volete memorizzare per sempre, potete usare sia strategie acustiche, sia visive, ma anche motorie

15 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria15 Memoria di lavoro: codifica Vengono presentate delle parole senza senso composte da sole consonanti (RLBKS) Quando scompaiono bisogna trascriverle Gli errori commessi dalle persone erano legate al “suono” delle lettere (come P/B) piuttosto che alla somiglianza visiva Se le parole avevano consonanti con le lettere acusticamente simili si ricordavano meglio (TDCGV) È interessante notare che la maggior parte delle persone ha una “rappresentazione acustica interna” ovvero noi “leggiamo” un testo nella nostra testa, pronunciandolo.

16 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria16 Memoria di lavoro: codifica Ovviamente dei disegni o delle figure devono essere memorizzate in modo diverso da quello acustico, ma solo chi ha una memoria iconica può memorizzare solo in modo visivo Spesso noi usiamo una combinazione visuo-spaziale, ovvero ricordiamo determinati pezzi della figura in determinate posizioni e non ricordiamo tutto il resto È stato dimostrato che quando utilizziamo la codifica acustica, viene attivata una zona del nostro cervello diversa da quella utilizzata dalla codifica visuo- spaziale

17 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria17 Memoria di lavoro: immagazzinamento La memoria di lavoro ha una capacità limitata e la regola generale è “7±2” ovvero possiamo conservare informazioni comprese fra 5 e 9 unità (chunk) Già nel 1885, Ebbinghaus aveva fatto ricerche con parole e poi con sillabe e con lettere: la nostra capacità di ricordare una sequenza è di circa 7 lettere, 7 sillabe, 7 parole… Tuttavia questo riguarda solo la memoria di lavoro

18 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria18 Memoria di lavoro: immagazzinamento Provate a memorizzare gli stimoli che vi presento d r k l t f s p w c j qda ra la te fu se po ca mu pir za ne nil vufa re la te la da se du ti sen za ve de re nul la

19 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria19 Memoria di lavoro: immagazzinamento Se riusciamo a “semantizzare” lo stimolo nella memoria di lavoro, la nostra capacità aumenta Il concetto di chunk corrisponde all’unità di senso Un lungo numero di telefono viene memorizzato in chunk più facili da ricordare: => , =>

20 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria20 Memoria di lavoro: immagazzinamento La capacità della memoria di lavoro dipende dalla lunghezza degli stimoli e dalla loro velocità Se ci sono molte parole, ne ricordiamo solo alcune Se le parole sono molto lunghe, ne ricordiamo di meno Se arrivano nuove parole, ne ricordiamo ancora di meno È come se i nuovi stimoli “buttino fuori” gli stimoli più vecchi

21 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria21 Memoria di lavoro: recupero Apparentemente, se la nostra memoria di lavoro contiene una certa quantità di informazioni, recuperarle dovrebbe essere facile Abbiamo già visto che non è così, ma… Immaginate di dover memorizzare una lista di numeri (3, 6, 1) che poi scompaiono, quindi compare un nuovo numero (6) e dovete decidere se questo numero era presente nella lista Ci vuole più tempo a rispondere se il numero NON è presente Ci vuole più tempo a rispondere se la lista è più lunga (circa 40 ms per numero)

22 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria22 Memoria di lavoro: recupero Lo stesso succede con lettere, parole, simboli, grafici, immagini… Questo fa pensare che il recupero delle informazioni dalla memoria di lavoro sia “seriale” Ogni elemento necessita di circa 40ms per essere esaminato e per decidere

23 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria23 Memoria di lavoro e pensiero Nella memoria di lavoro non arrivano solo informazioni dalla memoria sensoriale, ma anche dalla memoria a lungo termine. Quando dobbiamo capire il significato di una frase molto lunga, la spezziamo in parti e, per ciascuna parte, dobbiamo ricavare i significati delle parole, metterli insieme, trovare un significato unico (chunk), memorizzarlo e passare alla successiva parte della frase

24 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria24 Memoria di lavoro e pensiero In molti problemi da risolvere, noi dobbiamo tenere nella memoria di lavoro una serie di informazioni e usarle per trovare la risposta Questo procedimento non è limitato ai giochini, ma anche a decisioni che dobbiamo prendere nella vita Indicare la parola da scartare: Sassari Parigi Genova Ferrara Taranto ■+■=●se ■=1, ● sarà uguale a:

25 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria25 Memoria di lavoro Obiettivi: 1. La memoria di lavoro immagazzina le informazioni per brevi periodi di tempo 2. La memoria di lavoro è una stazione di transito verso la memoria a lungo termine In entrambi i casi è implicata la “Ripetizione” (una sorta di meccanismo automatico) Solo le informazioni “ripetute” transitano alla memoria a lungo termine

26 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria26 Memoria a lungo termine La memoria a lungo termine trattiene le informazioni per periodi che oscillano fra pochi minuti, anni interi e, addirittura, tutta la vita In questo caso, i 3 stadi della memoria vedono prevalentemente un’interazione fra codifica e recupero In effetti è difficile dire se l’oblio delle informazioni dipende da una perdita dell’immagazzinamento o da problemi di recupero

27 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria27 Memoria a lungo termine: codifica La codifica in memoria è prevalentemente di tipo “significato” per tutto il materiale verbale Esempio: se doveste riportare una conversazione avuta con una persona, difficilmente ricordereste le singole frasi esatte. Più probabilmente ricorderete il “significato” della conversazione e qualche pezzo di frase (se aveva un uso insolito, indicava una situazione particolare o dava un senso particolare al discorso) Sono possibili anche codifiche “iconiche” ma sono più facili in giovane età (poesie) o dopo un lungo allenamento.

28 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria28 M a lungo termine: codifica In realtà anche quando codifichiamo il significato delle informazioni, vengono codificate anche una serie di informazioni collaterali che sono a loro collegate In alcuni casi sono relazioni fra concetti precedentemente codificati (ad es. per la musica, una lezione di filosofia…) Ma possono essere associazioni mnemoniche (tipo gli acronimi o le frasi di “suggerimento”)

29 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria29 M a lungo termine: codifica In altri casi si tratta di informazioni provenienti da altri sensi o da elaborazioni involontarie come riconoscere una persona da lontano in base a come cammina, una voce al telefono (ed anche scambiare la voce di una persona con quella di un’altra perché il telefono altera le frequenze)

30 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria30 M a lungo termine: codifica Nel memorizzare i brani, sono importanti le informazioni aggiuntive. Se un brano contiene solo “cose importanti”, non le ricordiamo tutte Se le parti importanti sono frammezzate da parti secondarie, quelle importanti si ricordano più facilmente. Anche le parti che includono spiegazioni che giustificano delle conclusioni sono più facilmente ricordate. Parti legate fra loro logicamente, sono più facili da ricordare

31 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria31 M a lungo termine: codifica Esperimento: A due gruppi di persone viene sottoposto un testo su Mozart Il primo gruppo ha un testo semplice, con i fatti: “Mozart andò da Vienna a Parigi” Il secondo gruppo, un testo con informazioni aggiuntive, anche non rilevanti: “Per evitare complicazioni sentimentali, Mozart andò a Parigi per tenere un concerto” Il secondo gruppo ricordava di più

32 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria32 M a lungo termine: recupero Si crede che la maggior parte delle volte in cui dimentichiamo informazioni della memoria a lungo termine, sia dovuto a problema di recupero Le situazioni di vero oblio sembrano essere molto poche e legate a degenerazioni cerebrali

33 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria33 M a lungo termine: recupero Capita spesso di non riuscire a ricordare qualcosa quando ci serve (un esame, un colloquio importante) e, appena passato il momento di stress, l’informazione cercata viene alla memoria da sola Nelle sedute psicoterapeutiche capito spesso che il paziente riporti delle informazioni di cui non si ricordava da tempo

34 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria34 M a lungo termine: recupero Esperimento: Si chiede alle persone di memorizzare una lunga lista di parole e alcune appartengono a determinate categorie (animali, cibo, fiori..) Successivamente a metà persone si chiede di riportare quante più parole possono, all’altra metà si chiede di riportare gli animali (o i fiori) Il gruppo con aiuti, ricorda di più Ripetendo l’esperimento con le stesse persone, ma invertendo la situazione, di nuovo, l’aiuto aiuta il ricordo

35 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria35 M a lungo termine: recupero E’ più facile ricordare qualcosa con un suggerimento (riconoscimento) che tramite il richiamo semplice dell’informazione. Per questo, un “esame” basato su domande a scelta multipla è più facile di un esame con domande aperte! Tuttavia, il riconoscimento può essere facilmente “deviato” con suggerimenti “erronei”

36 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria36 M a lungo termine: recupero Il recupero delle informazioni è associato a delle “chiavi di ricerca” Se più informazioni sono associate alla stessa “chiave” sarà più difficile recuperare l’informazione cercata A meno che non usiamo più chiavi di ricerca per quell’informazione

37 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria37 M a lungo termine: recupero Esperimento: Chiediamo di ricordare: “Il banchiere (1) fu invitato a rivolgersi alla folla, (2) ruppe la bottiglia (3) e non differì il viaggio” “L’avvocato (1) imbiancò il vecchio granaio” È più difficile ricordare le informazioni sul banchiere Ma se la frase fosse: “Il banchiere (1) fece una conferenza di economia, (2) poi andò al lavoro (3) e diede un prestito ad un cliente” è più facile

38 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria38 M a lungo termine: recupero Ci sono interferenze fra il numero di informazioni associate ad una chiave di ricerca, e il tipo di associazioni Informazioni che rientrano in un “contesto” sono più facilmente memorizzabili di quelle che non lo sono Il contesto sembra funzionare come un aiuto al riconoscimento

39 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria39 M a lungo termine: recupero Esperimento: Si chiede a delle persone di memorizzare 13 sillabe e di riperterle più volte finche non si riesca a riprodurle correttamente per due volte. Siamo così sicuri che sono nella memoria a lungo termine Dopo 20 minuti devono recitarle e se sbagliano devono ri-impararle di nuovo Il giorno successivo, dopo una settimana e dopo un mese, di nuovo Il tempo necessario per ri-imparare diventa sempre più breve

40 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria40 MLT: codifica e recupero Vi sono interazioni fra il modo il cui viene codificata l’informazione e il suo recupero: Organizzazione delle informazioni al momento della codifica Contesto di codifica simile al contesto di recupero Sia esterno (luoghi, situazioni) Sia interno (stato emotivi, attivazione, alterazione)

41 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria41 MLT: codifica e recupero Organizzazione delle informazioni al momento della codifica In molti casi della vita quotidiana, aver “categorizzato” le informazioni ci aiuta nel recupero “L’infermiera ha detto… e poi il medico ha fatto… e quindi mi ha spiegato… Poi fuori c’era una persona anziana…” Infermiera, medico e persona anziana sono “categorizzazioni” ovvero fanno riferimento a “classificazioni” che noi già possediamo

42 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria42 MLT: codifica e recupero Contesto di codifica - contesto di recupero Quando andiamo in un posto in cui abbiamo trascorso del tempo, ci vengono in mente ricordi legati ad oggetti, luoghi specifici Esperimento: dei sommozzatori devono imparare delle liste di parole; metà le imparano a terra e metà in immersione. Quando si chiede loro di ricordare, le persone ricordano più parole nel contesto in cui le hanno memorizzate

43 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria43 MLT: codifica e recupero Contesto di codifica - contesto di recupero Anche lo stato fisico-emotivo incide sul ricordo Esperimento: un gruppo di persone deve imparare e ricordare una lista di parole. A metà di loro si fa assumere del caffè, all’altra metà della marjuana. Il ricordo delle parole è migliore se quando si devono recuperare si è assunto caffè (o marjuana) rispetto alla non assunzione e rispetto all’altra sostanza (marjuana o caffè)

44 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria44 MLT: oblio ed emozioni L’emozione influenza il recupero o l’oblio in 5 differenti situazioni: Ripetizione Ricordi flash Ansia Contesto Rimozione

45 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria45 MLT: oblio ed emozioni Ripetizione Quando siamo emotivamente attivati (in senso positivo o in senso negativo) tendiamo a ripetere nella nostra testa la situazione e a riviverla più volte Abbiamo visto come la ripetizione favorisca il passaggio nella MLT Diversi esperimenti hanno rilevato come la memorizzazione sia migliore sui ricordi emotivamente “carichi” rispetto a quelli “neutri”

46 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria46 MLT: oblio ed emozioni Ricordi flash “registrazione vivida e relativamente stabile delle circostanze in cui si ha notizia di un evento significativo e a forte carica emotiva” Molte persone dicono di ricordare esattamente dov’erano e cosa stessero facendo nel momento in cui hanno saputo dell’attacco alle torri gemelle, hanno sentito il terremoto, hanno visto un certo film… In questi casi, l’intera situazione contestuale viene memorizzata in modo apparentemente fedele In realtà anche i ricordi flash sono soggetti ad oblio o alterazioni

47 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria47 MLT: oblio ed emozioni Ansia interferente con il recupero L’ansia (emozione negativa) può interferire con il recupero delle informazioni La spiegazione più accettata è che lo stato d’ansia attivi il ricordo di informazioni ad essa legate e questi ricordi interferiscano con il recupero dell’informazione cercata La situazione più eclatante sono le situazioni d’esame: se si entra in ansia, si viene assaliti da molti dubbi e ricordi di fallimenti….

48 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria48 MLT: oblio ed emozioni Effetti del contesto Abbiamo visto che il contesto può facilitare il ricordo Quando “memorizziamo” qualcosa viene memorizzato anche il contesto e questo contesto implica anche lo stato emotivo Se quindi abbiamo memorizzato mentre eravamo tristi o felici, un contesto differente può contrastare il ricordo

49 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria49 MLT: oblio ed emozioni Rimozione Secondo Freud, certi ricordi infantili sono così emotivamente traumatici che il loro ricordo potrebbe sconvolgerci anche da adulti, quindi li “rimuoviamo” ovvero non permettiamo loro di diventare coscienti Secondo la teoria cognitiva, la “rimozione” agirebbe bloccando selettivamente determinati ricordi Tuttavia non è stato possibile replicare questa situazione tramite esperimenti (soprattutto per problemi etici)

50 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria50 Memoria a lungo termine In sintesi Immagazzina informazioni per lunghi periodi (da pochi giorni a molti anni) Il recupero è sensibile a molti meccanismi di interferenza Molte situazioni di oblio (forse tutte, escluse lesioni) sono in realtà insuccessi nel recupero È influenzata (positivamente e negativamente) dalle emozioni

51 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria51 Memoria implicita Abbiamo finora parlato di situazioni di memoria in cui in modo più o meno consapevole recuperiamo informazioni dalla nostra memoria Ci sono situazioni in cui i nostri comportamenti “migliorano” in efficienza perché abbiamo imparato dalle esperienze precedenti È evidente che abbiamo memorizzato, ma non siamo minimamente consapevoli del processo di recupero di queste informazioni

52 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria52 Memoria implicita: amnesia Tutto quello che, generalmente, chiamiamo “abilità” sono basate sulla memoria implicita Esempi: Una lingua man mano la usiamo, il significato delle parole, il nostro parlare/scrivere La strada per raggiungere una meta Allacciarsi le scarpe Guidare la macchina (andare in bicicletta)

53 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria53 Memoria implicita: amnesia La maggior parte della informazioni derivano dallo studio delle amnesia (perdita parziale della memoria) L’amnesia può dipendere da lesioni cerebrali, colpo apoplettico, encefalite, terapia elettroconvulsiva, interventi chirurgici al cervello, alcolismo… Può essere anterograda o retrograda

54 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria54 Memoria implicita: amnesia Amnesia anterograda: Un paziente può rileggere ogni giorno la stessa rivista e dev’essere presentato ogni volta al suo medico che lo segue da decenni Amnesia retrograda: in seguito ad un incidente o colpo apoplettico, una persona non ricorda più nulla di quello che è successo prima

55 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria55 Memoria implicita: amnesia Le amnesie di solito non sono complete, ma parziali Una persona può essere incapace di ricordare cose vecchie o di imparare cose nuove; ma, in genere è in grado di fare altre cose, come mangiare, allacciarsi una scarpa… Questo porta a pensare che la memoria esplicita si occupa di fatti e quella implicita di abilità e che siano basate su meccanismi diversi

56 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria56 Amnesia infantile La stragrande maggioranza delle persone non ha ricordi dei primi anni di vita (memoria esplicita) I primi ricordi che si riescono a collocare temporalmente oscillano fra i 3 e i 5 anni Il primo a occuparsene è stato Freud Da un esperimento su eventi facilmente ricostruibili (la nascita di un fratello) si è visto che i ricordi dell’evento aumentano all’aumentare dell’età del soggetto al momento della nascita La memoria implicita non sembra avere problemi

57 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria57 Memoria costruttiva La memoria non è solo una codifica, immagazzinamento, recupero di informazioni Invece noi usiamo operiamo anche “costruttivo” o ricostruttivo Piaget, fino a 15 anni, credeva di aver subito (a 2 anni) un tentativo di rapimento e ricordava perfettamente tutto quello che era successo e lo raccontava tutte le volte nel medesimo modo Quando aveva 15 anni, la sua ex baby-sitter scrisse una lettera ai suoi genitori in cui chiedeva perdono per aver simulato il rapimento per poter avere una ricompensa

58 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria58 Memoria costruttiva In pratica, Piaget aveva in qualche modo sentito raccontare la storia e l’aveva posizionata attorno ai 2 anni. L’aveva quindi ri-creata nella propria memoria, anche visivamente In realtà non aveva un ricordo “vero”, ma ri- costruito da lui stesso

59 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria59 Memoria costruttiva I meccanismi di ricostruzione possono agire in diversi momenti e con pesi diversi Il processo di memorizzazione implica: La percezione iniziale di un evento/fatto (ovvero qualcosa viene trasferito nella memoria di lavoro) Il trasferimento nella memoria a lungo termine

60 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria60 Memoria costruttiva Dalla percezione abbiamo visto che noi le integriamo con informazioni che non sono effettivamente presenti In alcuni esperimenti sono state mostrate sequenze di immagini (di oggetti) molto sfocate o moderatamente sfocate che venivamo messe via via più a fuoco. Se l’immagine era solo moderatamente sfocata, le persone arrivavano a denominare velocemente l’oggetto, ma sbagliavano spesso Se l’immagine era molto sfocata, l’oggetto veniva identificato solo quando cominciava ad essere un po’ più a fuoco e non sbagliavano molto

61 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria61 Memoria costruttiva In un altro esperimento, metà persone erano trattenute per 4/5 ore prima dell’esperimento in modo che avessero fame Queste persone vedevano in prevalenze cibi, rispetto alle altre persone “non affamate” La conclusione è che, in certe situazioni, le nostre attese, incidono sulla percezione e possono quindi provocare un falso ricordo

62 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria62 Memoria costruttiva Si può applicare anche a situazioni “linguistiche” in particolari nei riassunti schematici Esempio: Pravel è un piccolo e pittoresco regno in Francia François è l’erede al trono Ed è stanco di aspettare François pensa che l’arsenico potrebbe essere utile I soggetti che leggevano questo schema, ricordavano che François aveva ucciso il padre con l’arsenico

63 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria63 Ricostruzione mnestica post-fattuale Quando aggiungiamo ad un ricordi, fatti o spiegazioni che vanno d’accordo con quello che ricordiamo originariamente ma che non erano presenti Spesso accade in base a suggerimenti (impliciti o espliciti) che riceviamo o a schemi mentali che abbiamo (stereotipi) Esempio: in un supermercato vediamo delle scatolette sparpagliate per terra come se fossero state impilate e fossero crollate. Pensiamo che qualcuno abbia tolto una scatoletta facendo crollare tutto Ricordiamo e riportiamo quello ce ci sembra di aver visto

64 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria64 Ricostruzione mnestica post-fattuale Esperimento: si mostra un filmato di un incidente fra 2 automobili A metà persone si chiede “Qual era la velocità della macchina quando ha urtato l’altra?” e alla’altra metà “Qual era la velocità della macchina quando si è schiantata contro l’altra?” La parola “schiantarsi” produce risposte di velocità più elevate

65 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria65 Ricostruzione mnestica post-fattuale 2 settimane dopo, agli stessi soggetti si pongono altre domande, del tipo “C’erano vetri rotti?” (non c’erano) La parola “schiantarsi” produce un falso ricordo coerente con il suo significato e i soggetti riportano di ricordare vetri rotti Il significato di “schiantarsi” ha agito a posteriori alterando quanto si era visto

66 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria66 Ricostruzione mnestica post-fattuale La ricostruzione mnestica post-fattuale funziona molto bene con circa il 25% dei soggetti (ovvero anche piccoli suggerimenti vengono accolti facilmente) Sembra dipendere dalla personalità

67 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria67 Migliorare la memoria Non è facile migliorare la memoria di lavoro (7±2) È possibile aumentare i chunk tramite strategie di accorpamento, ma ci sono dei limiti È possibile migliorare la memoria a lungo termine (memotecniche) in particolare tramite l’immaginazione

68 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria68 Migliorare la memoria Il ricordo è facilitato se abbiamo molte “chiavi d’accesso” Il modo più semplice è usare ricordi pre- esistenti (quindi già codificati) e associare loro le nuove informazioni da memorizzare Nel “metodo dei loci” (usato spesso per prodezze di memoria) si associano le cose da ricordare a luoghi in qualche modo legati tra loro, ad es. una passeggiata per la vostra casa, la strada fra il luogo di residenza e quello di lavoro

69 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria69 Migliorare la memoria Ad ogni “luogo” vengono associate determinate informazioni tramite l’immaginazione, Ad es: una fetta di pane inchiodata sulla porta; la porta è il luogo, la fetta di pane la parola da ricordare Per ogni luogo si associa qualcosa Immaginando poi di fare una passeggiata, si ricordano i luoghi, si vedono le immagini create e si recupera la parola

70 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria70 Migliorare la memoria Metodo della parola chiave (usata per le lingue) Dovendo imparare le parole in un’altra lingua si fa un elenco delle parole corrispondenti (italiano, inglese) e si cerca una chiave comune (una sillaba, un fonema…, meglio qualcosa che abbia un senso) Si immagina una scena che memorizza la chiave insieme alla parola italiana

71 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria71 Migliorare la memoria La maggior parte delle memotecniche serve per memorizzare qualcosa “verbatim” Nella vita quotidiana, nello studio, serve di memorizzare concetti, significati piuttosto che frasi o parole Bisogna quindi fare riferimento alle conoscenze che abbiamo sulla memoria: codifica, contesto, organizzazione, ripetizione

72 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria72 Migliorare la memoria Codifica: sappiamo che più cose conosciamo (più elaborazioni facciamo) su ciò che dobbiamo memorizzare e più facile è ricordarlo Possiamo allora: Leggere lo stesso contenuto in forme diverse (ad es. su libri diversi) Porci delle domande su quello che abbiamo letto e cercare le risposte nel testo

73 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria73 Migliorare la memoria Contesto: sappiamo che il contesto viene memorizzato assieme a ciò che dobbiamo ricordare Allora possiamo ricreare nella nostra testa il contesto in cui lo abbiamo memorizzato Ad es. l’aula della lezione, la stanza in cui abbiamo studiato

74 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria74 Migliorare la memoria Organizzazione: sappiamo che più lavoriamo su ciò che dobbiamo memorizzare e meglio lo ricorderemo Possiamo allora prendere appunti e creare uno schema che leghi i vari appunti fra di loro, non necessariamente in ordine sequenziale (ma anche a stella, a cerchio) Possiamo fare delle tabelle riassuntive

75 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria75 Migliorare la memoria Ripetizione: sappiamo che ripetere migliora la codifica Possiamo allora provare a ripetere quato dobbiamo memorizzare, più volte per migliorare il suo consolidamento Sappiamo anche che la memoria a lungo termine riceve le informazioni da quella breve termine e che quest’ultima ha bisogno di non saturarsi Possiamo allora organizzare lo studio in brevi periodi di 15/20 minuti, intervallate da altro

76 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria76 Migliorare la memoria Possiamo utilizzare tutte queste tecniche contemporaneamente Leggere, annotare le informazioni, organizzarle in schemi, aggiungere informazioni ponendoci domande e cercandole in un altro testo, ripetere allo specchio o a qualcun’altro

77 G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria77 Basi neurali La corteccia frontale è implicata nella memoria di lavoro L’ippocampo è essenziale per la memoria a lungo termine L’ippocampo sembra implicato nel meccanismo di consolidamento delle informazioni a lungo termine: piccole scosse elettriche al cervello “cancellano” i ricordi recenti (entro 2-4 settimane), ma non quelle successive


Scaricare ppt "Memoria Germano Rossi – ISR 2011/12. G. Rossi - Introduzione alla psicologia Memoria2 Gli studi psicologici sulla memoria durano da moltissimi anni, ma."

Presentazioni simili


Annunci Google