La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Come si scrive (parte quarta) LABORATORIO DI ITALIANO Lezione settima La documentazione Sissis semestre aggiuntivo classe 43A 40 ore dal 17 al 28 marzo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Come si scrive (parte quarta) LABORATORIO DI ITALIANO Lezione settima La documentazione Sissis semestre aggiuntivo classe 43A 40 ore dal 17 al 28 marzo."— Transcript della presentazione:

1 Come si scrive (parte quarta) LABORATORIO DI ITALIANO Lezione settima La documentazione Sissis semestre aggiuntivo classe 43A 40 ore dal 17 al 28 marzo 2003 Prof. Silvio Vitellaro

2 La documentazione Prima di iniziare a stendere uno scritto, nella maggioranza dei casi, è necessario un lavoro di documentazione, cioè una raccolta di informazioni ed opinioni sull'argomento del testo. L'arricchimento delle proprie conoscenze prima di iniziare a scrivere permette di maturare le proprie opinioni e di esemplificarle poi in modo efficace. I due ruoli della documentazione sono: a. La raccolta di informazioni sull'argomento: fatti, dati, esperienze, opinioni, ecc. b. La generazione di nuove idee su stimolo degli elementi precedenti.

3 Fasi della documentazione Il lavoro di documentazione inizia con una fase preparatoria in cui si mette a fuoco l'argomento. Si deve: Leggere qualche testo molto generale e sintetico per farsi una prima idea del problema Fare un elenco scritto degli elementi su cui si vorrebbero trovare informazioni. Trovare un titolo allo scritto, se non ne è stato già assegnato uno. Ricercare altre fonti (libri e articoli) partendo dai testi fin qui individuati, e farne un elenco. Leggere i testi così individuati e prendere appunti sintetici. Raccogliere le proprie idee e riorganizzarle tenendo conto dei materiali raccolti. Più il testo da creare è lungo e complesso, più la ricerca viene arricchita svolgendo molte volte e in ordine diverso le operazioni degli ultimi tre punti.

4 Appunti di sintesi A mano a mano che si leggono articoli, relazioni, libri e giornali conviene costruire un archivio di tutte le informazioni utili. Spesso ingenuamente si sopravvaluta la capacità della propria memoria e, coinvolti dalla lettura, si è convinti che si ricorderà tutto senza prendere appunti. Per evitare tutto questo dobbiamo prendere buoni appunti. Questi appunti hanno due compiti: Sintetizzare le opere Registrare le nostre reazioni immediatamente dopo la lettura. Questi due punti vanno tenuti ben separati, in modo da poter citare le proprie opinioni o riportare le valutazioni delle fonti bibliografiche senza confonderle.

5 Appunti di sintesi: descrizione Gli appunti di sintesi mettono a fuoco il contenuto di ciascun documento. Scopo principale è quello di consentire la ricostruzione del contenuto in modo efficiente. Gli appunti devono essere schematici e comprensibili alla rilettura. È possibile includere negli appunti anche opinioni personali, ma devono essere ben evidenziate, ad esempio tramite parentesi quadrate che le separano dal resto del testo.

6 Appunti di sintesi: come costruirli Ecco alcuni principi per costruire dei buoni appunti: Stendere appunti che permettano di ricostruire il contenuto del documento anche a distanza di tempo. Costruire le note per punti separati, cercando di evidenziare la struttura del documento. Parafrasare e "tradurre" il testo nei termini a noi più congeniali, non copiare. Usare prevalentemente frasi complete, che richiamino il contenuto con facilità. Cercare, se è possibile, nel testo schemi ricorrenti e sfruttarli negli appunti. Distinguere i propri commenti dalle informazioni del testo. Riportare elementi di riferimento al documento. Autore, titolo, editore, anno di pubblicazione e numero della pagina del documento a cui gli appunti si riferiscono.

7 Appunti di sintesi: errori comuni Alcuni errori frequenti nella costruzione degli appunti di sintesi. Leggere testi su testi rimandando il momento di cominciare a prendere appunti. Utilizzare fogli volanti senza numerarli. Copiare larghe porzioni del testo di partenza, invece che sintetizzare e ritradurre il testo con le proprie parole. Copiare parte del testo di partenza senza utilizzare le virgolette. In questo caso nella stesura dello scritto si rischia di commettere un plagio. Scrivere un testo continuo, difficile da rileggere e riutilizzare. È meglio articolare le sintesi in punti e sottopunti, accompagnati da schemi e tabelle. Utilizzare prevalentemente parole chiave. Al loro posto, è meglio usare brevi frasi complete che permettano di ricostruire le informazioni del testo con maggiore facilità. Mescolare le informazioni del testo con i nostri commenti.

8 FINE


Scaricare ppt "Come si scrive (parte quarta) LABORATORIO DI ITALIANO Lezione settima La documentazione Sissis semestre aggiuntivo classe 43A 40 ore dal 17 al 28 marzo."

Presentazioni simili


Annunci Google