La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL COLLOQUIO DI SELEZIONE...mi parli di lei.... Cosa rappresenta, per me, un colloquio di lavoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL COLLOQUIO DI SELEZIONE...mi parli di lei.... Cosa rappresenta, per me, un colloquio di lavoro."— Transcript della presentazione:

1 IL COLLOQUIO DI SELEZIONE...mi parli di lei...

2 Cosa rappresenta, per me, un colloquio di lavoro

3 IL COLLOQUIO DI SELEZIONE...mi parli di lei... È UNO SCAMBIO RECIPROCO DI INFORMAZIONI - non è un interrogatorio – non è un esame - obiettivi Per noi Capire che tipo di lavoro ci viene proposto Capire se il lavoro proposto ci interessa Capire se lazienda ci piace illustrare al meglio le nostre capacità, competenze e potenzialità Per il selezionatore Capire cosa sappiamo fare Capire se quello che sappiamo fare può servire allazienda Capire se il lavoro proposto ci interessa Capire se siamo persone affidabili su cui contare

4 LE FASI DEL COLLOQUIO Prima, Durante, Dopo

5 IL PRIMA

6 La preparazione la raccolta di quante più informazioni possibili (attraverso la ricerca informativa) sulla società e sulla mansione. la preparazione alle domande del selezionatore. Quello che il datore chiede è prevedibile … la definizione di una lista di domande che si desidera porre al selezionatore. Il colloquio è uno scambio di informazioni in cui anche il candidato ha il diritto di porre domande sullazienda, sul mercato e sulle caratteristiche del profilo da ricoprire.

7 La preparazione la preparazione del materiale da portare al colloquio: curriculum (solo se richiesti: foto, attestati, etc.) lidentificazione della sede del colloquio. Perdersi alla ricerca della sede e giungere in ritardo spesso vuol dire giocarsi loccasione. decidere cosa indossare: la prima impressione è molto importante e il modo in cui ci si veste ha un forte impatto. Non ci sono regole generali se non quello di indossare abiti sobri e adatti alla società e al ruolo che si vuole ricoprire.

8 IL DURANTE

9 Fasi di un colloquio Riscaldamento: rompere il ghiaccio Esame del candidato Descrizione attività tipiche dellazienda e della posizione offerta (durata 10 minuti) Chiusura (saluti e congedo … le faremo sapere)

10 Latteggiamento generale Il fatto di essere giunti ad un colloquio indica che la nostra candidatura è stata ritenuta interessante, lopinione del selezionatore è quindi che siamo lì perché possiamo offrire qualcosa. Attenzione ai primi momenti del colloquio Questi danno il tono, il colore di tutto il colloquio successivo. La sintesi è molto importante: è preferibile rispondere brevemente e chiaramente

11 Latteggiamento generale Non criticare ex datori di lavoro, clienti, fornitori, colleghi: Essere preparati a parlare dei propri pregi ma anche dei propri difetti

12 Latteggiamento generale NON mentire. Un periodo di disoccupazione, una difficoltà in famiglia o negli studi può essere spiegato (non cè bisogno di giustificarlo) in maniera matura, senza farne scaturire difetti o colpe. Essere se stessi evitando atteggiamenti artefatti. In fondo si tratta di una conversazione tra due persone con lobiettivo di scoprire se le reciproche aspettative possono incontrarsi. Essere emozionati e tesi è naturale, e il selezionatore lo sa. Parlare di soldi solo se si è ben informati su quanto prevedono i contratti o quella azienda, e solo dopo aver sentito la possibilità di assunzione; preferibilmente rimandando ad un secondo colloquio

13 IL DOPO

14 Dopo il colloquio Ripercorrere mentalmente le fasi del colloquio e individuare gli eventuali errori commessi, le dimenticanze, gli aspetti positivi. Può essere utile fare una telefonata dopo alcune settimane nel caso no vi siano state comunicazioni dai referenti della selezione circa lesito del colloquio

15

16 DOMANDE RICORRENTI… 1.Mi parli della sua ultima occupazione 2. Quali erano le sue mansioni? 3. Cosa le piacerebbe fare? 4. Mi parli di lei… 5. Quali sono i suoi punti di forza e i suoi punti deboli? 6. Perché vuole lavorare con noi? 7. Quali sono i suoi interessi extra lavorativi?

17 BUON PER FARE UN BUON COLLOQUIO... arrivare puntuali portare il cv presentarsi in modo ordinato e curato non parlare mai male dellazienda in cui si è lavorato, dei capi e dei colleghi farsi spiegare bene il lavoro che viene proposto Ma lei è perfetto!!!! chiedere quali sono i tempi della selezione chiedere se è possibile telefonare per avere una risposta

18 DIVERSI TIPI DI COLLOQUIO Interinali Grandi Aziende Piccole Aziende

19 IL COLLOQUIO DI SELEZIONE...mi parli di lei... Nelle agenzie interinali Obiettivo: capire quali lavori siamo interessati a fare, qual è la nostra disponibilità di orario e se siamo disposti a spostarci nella cintura di Torino Obiettivo: capire se le nostre caratteristiche professionali e personali corrispondono a quelle richieste dallazienda cliente Obiettivo: capire se possediamo le competenze tecniche dichiarate e se siamo la persona giusta, nel luogo giusto, al momento giusto! I°colloquio2°colloquio3°colloquio iscrizione e compilazione cv pre-stampato lagenzia ci propone un lavoro in linea con il nostro curriculum lagenzia ci presenta allazienda che sta cercando del personale CONOSCENZA RECIPROCA APPROFONDIMENTOVALUTAZIONE TECNICA

20 IL COLLOQUIO DI SELEZIONE...mi parli di lei... Nelle grandi aziende I°colloquio2°colloquio Nelle piccole aziende I°colloquio Prova pratica INTERVISTA STRUTTURATA CON IL RESPONSABILE DI SELEZIONE (curriculum – caratteristiche personali, interessi e valori – presentazione dellazienda e descrizione del lavoro offerto) VALUTAZIONE TECNICA DA PARTE DEL RESPONSABILE DI FUNZIONE - CAPO REPARTO O CAPO UFFICIO - (competenze e capacità pratiche) CONOSCENZA RECIPROCA CON IL TITOLARE DELLAZIENDA


Scaricare ppt "IL COLLOQUIO DI SELEZIONE...mi parli di lei.... Cosa rappresenta, per me, un colloquio di lavoro."

Presentazioni simili


Annunci Google