La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

R. BOTONDI J.C. PECH III BASES PHYSIOLOGIQUES ET TECHNOLOGIQUES DE LA CONSERVATION PAR REFRIGERATION.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "R. BOTONDI J.C. PECH III BASES PHYSIOLOGIQUES ET TECHNOLOGIQUES DE LA CONSERVATION PAR REFRIGERATION."— Transcript della presentazione:

1 R. BOTONDI J.C. PECH III BASES PHYSIOLOGIQUES ET TECHNOLOGIQUES DE LA CONSERVATION PAR REFRIGERATION

2 EFFETS DES FACTEURS EXTERNES

3 Initial respiration rate at 15°C Storage potential Potato Carrot Green tomato Lettuce Brussels sprouts Asparagus Spinach Mushroom

4

5 LE TRAUMATISME DE L ACTE DE RECOLTE

6 HYPOTHESES SUR LACCELERATION DE LA MATURATION Théorie du déficit hydrique Théorie d un inhibiteur TFSA=holes as % of total film surface area Nakano et al., Plant Physiol., 2003, 131:276 Diospyros kaki

7 PERSIMONS Nakano et al., Plant Physiol., 2003, 131:276 Nécessité de réfrigération rapide

8 PRE-REFRIGERATION

9

10 ACTION DES BASSES TEMPERATURES Le froid facteur d harmonisation de la maturation

11 INFLUENCE DE LA TEMPERATURE SUR LA RESPIRATION ET L EMISSION DE CHALEUR

12 Log Dec RELATIONS TEMPERATURE/DUREE DE SURVIE

13 Taches brunes sur papaye Brunissement interne Ananas Phytophtora Faisceaux libero-ligneux

14 Début de Chilling injury Mangues Early gold

15 MALADIE DU FROID CHEZ L AVOCAT VARIETE HASS 4°C Zone pédonculaire moins atteinte + de Ca 2+ ?

16 Maladie du froid de la banane

17 MALADIE DU FROID SUR MANDARINE

18 3 jours 37°C DES TRAITEMENTS A HAUTE TEMPERATURE REDUISENT LE DEVELOPPMENT DE LA MALADIE DU FROID

19 MALADIE DU FROID SUR POMME Jonathan, Reinettes, Calvilles

20

21

22

23 Development of chilling injury in AS fruit is associated with a higher degree of membrane solute leakage and accumulation of ethanol and acetaldehyde AS fruit develop severe symptoms of Chilling injury during cold storage, but also and mainly upon rewarming

24 Ethylène

25 CELLULE DE DATURA STRAMONIUM A 20°C MICROSCOPIE A CONTRASTE DE PHASE Noyau Travées cytoplasmiques protoplasme en mouvement

26 CELLULE DE DATURA STRAMONIUM A 4°C MICROSCOPIE A CONTRASTE DE PHASE Travées cytoplasmiques vésiculisées Arrêt du flux protoplasmique X

27 EFFETS DE LHUMIDITE RELATIVE DE LATMOSPHERE

28

29 Q= S x K x Δt 90% HR 0°C 4,8g eau/m3 X 0,9 = 4,32 2°C Sat: 5,2 4,32/5,2 = 83% 3°C Sat: 5,95 4,32/5,95 = 72% Evap -5°C Sat: 3,23 4,32 - 3,23= 1,09 condensation Evap -3°C Sat: 3,89 4,32 - 3,89 = 0,43g condensation

30 Calcolo Carichi Termici CARICO TERMICO DA INFILTRAZIONI DI CALORE Q = K*S*DT K= Coefficiente di trasmissione del calore (Kcal/m2 °C ora) S= superficie interna della cella (m2) DT= differenziale termico tra interno della cella ed esterno della stessa CARICO TERMICO PER IL RAFFREDDAMENTO DELLE MERCI Q = P*Csp*DT/t P= peso prodotto in cella (Kg) Csp= calore specifico dei prodotti (Kcal/Kg °C) DT= differenza di temperatura tra il prodotto in cella e la cella t= tempo di raffreddamento

31 Calcolo Carichi Termici CALORE DI RESPIRAZIONE (Q3) Calore di respirazione (Kcal/ Kg ora) * P (peso prodotto in Kg) Nella AC corrisponde ai mg CO2/Kg ora 2550 = Kcal/ Kg ora (posto che ogni mg CO2 corrisponde a 2,55 calorie) FATTORE DI SERVIZIO (Q4) Kcal/m3 ora rappresenta il carico termico perduto durante lapertura della porta della cella

32 Calcolo Carichi Termici CARICO TERMICO DEGLI ELETTROVENTILATORI (Q5) Kcal/ora.W (in cui W rappresenta la potenza emessa) CARICHI TERMICI VARI (Q6) Rappresenta la sommatoria dei carichi termici prodotti dalla permanenza del personale in cella, da quella delle macchine per la movimentazione del prodotto, dallilluminazione. In genere corrispondono al 10% della sommatoria di tutti i precedenti carichi. Q6 = Q1+Q2+Q3+Q4……Q6/10 (Kcal/24 ore)

33 Calcolo Carichi Termici CARICO TERMICO TOTALE S = Q (tot)/K*DT S= superficie di scambio dellevaporatore (m2) K= coefficiente di trasmissione del calore (Kcal/m2 °C ora) DT= differenza tra la temperatura alluscita dellevaporatore e quella dellaria in cella Rappresenta la somma di tutti i singoli carichi termici e corrisponde alla quantità di calore che deve essere asportato affinchè la temperatura stabilita sia quella impostata.

34 Calcolo Carichi Termici La conoscenza del Q(tot) e del diagramma pressione- entalpia per il refrigerante, permette di calcolare le capacità del gruppo frigorifero, quando sono note la temperatura di conservazione, di evaporazione, di condensazione e lefficienza del compressore (%). FLUSSO REFRIGERANTE (Kg/s)F = Q(tot)/H2- H1 CAPACITA DEL COMPRESSOREKW = F * (H3- H2)/efficienza CAPACITA DEL CONDENSATOREKW = F * (H3- H1) CAPACITA DELLEVAPORATOREKW = F * (H2- H1)

35 Legge di Fick LEGGE DI FICKF = A (C1-C2)/R F= flusso di gas attraverso la superficie A= area della superficie C1 e C2 sono le concentrazioni gassose sulle due facce della superficie R= costante dei gas

36 TRASPIRAZIONE Lintensità della traspirazione è proporzionale al VPD = differenza di pressione di vapore tra laria interna al prodotto e lambiente circostante.IPA = K * VPD IPA è lintensità della perdita di acqua (e quindi di peso) K è una costante di proporzionalità funzione delle caratteristiche del prodotto VPD = SVP tessuto – VP aria SVP tessuto è la pressione di vapore saturo dellaria allinterno dei tessuti, alla temperatura del tessuto VP aria è la pressione di vapore dellaria alla sua temperatura, pressione ed umidità relativa

37 TRASPIRAZIONE Impiegando un nomogramma in cui sono riportati la temperatura e lumidità relativa possiamo ricavare i valori del differenziale di pressione di vapore (VPD). P. es. se a 2°C e 85% di U.R. la VPD=1.2 mbar mentre a 5°C e 90% di U.R. la VPD=0.9 mbar ne consegue che risulta più opportuno conservare a 5°C in quanto nellaltro caso si ha maggior calo peso e maggior consumo energetico.

38 COULOIR DE STATION DE STOCKAGE Portes d entrée des chambres

39 Couloir de station de stockage

40 Entrée de lévaporateur Sortie de lévaporateur ~ 2.5 m/sec LEVAPORATEUR: ORGANE D ABSORPTION DE CALORIES

41 Gerbage défectueux: mauvais cheminement de lair

42

43 Chambre froide de transit Evaporateur de grande surface

44 Condenseur à air Compresseur Système de réfrigération pour chambre individuelle (sur-dimensionnement du compresseur après abaissement de t°)

45 Centrale de froid (3 compresseurs; tous fonctionnent en chargement; 1 seul en croisière)

46 SYSTEME DE REFRIGERATION A EAU GLYCOLLEE Echangeur thermique


Scaricare ppt "R. BOTONDI J.C. PECH III BASES PHYSIOLOGIQUES ET TECHNOLOGIQUES DE LA CONSERVATION PAR REFRIGERATION."

Presentazioni simili


Annunci Google