La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’IPERTESTO Prof. HARSEN FERRARO Classe 2 a AFM. L' IPERTESTO UN MODO " NATURALE " DI ELABORARE LE IDEE - A UTORE : P ROF.D OMENICO C ORCIONE - 1 forma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’IPERTESTO Prof. HARSEN FERRARO Classe 2 a AFM. L' IPERTESTO UN MODO " NATURALE " DI ELABORARE LE IDEE - A UTORE : P ROF.D OMENICO C ORCIONE - 1 forma."— Transcript della presentazione:

1 L’IPERTESTO Prof. HARSEN FERRARO Classe 2 a AFM

2 L' IPERTESTO UN MODO " NATURALE " DI ELABORARE LE IDEE - A UTORE : P ROF.D OMENICO C ORCIONE - 1 forma sequenziale Un libro, una ricerca, una lettera, un articolo di giornale sono redatti in forma sequenziale : la trattazione e lo svolgimento, dell'argomento cioè, vengono fatti partendo dall'inizio e sviluppando man mano le varie parti in modo da formare un tutt'uno. I testi, a volte, contengono immagini, grafici o note che hanno lo scopo di rappresentare meglio e approfondire il pensiero dell'autore, ma si tratta, per lo più, di elementi che incidono poco sulla struttura lineare del testo. si inizia dalla prima pagina e si prosegue fino all'ultima Anche nella lettura, generalmente, il procedimento è analogo: si inizia dalla prima pagina e si prosegue fino all'ultima. Non sempre, tuttavia, è così…

3 L' IPERTESTO UN MODO " NATURALE " DI ELABORARE LE IDEE - A UTORE : P ROF.D OMENICO C ORCIONE - 2 Il tuo comportamento quotidiano non è di tipo sequenziale. Il nostro pensiero, spesso, si rinnova in continuazione, rincorre e formula incessantemente nuove idee, associa e incasella nuovi concetti e nuove esperienze collegandoli con i precedenti… La nostra mente non sempre elabora idee in sequenza. La nostra mente, infatti, non sempre elabora idee in sequenza. ipertesto indicaun testo non lineareche consente collegamentiassociazioni di idee diverse Il termine ipertesto indica, appunto, un testo non lineare, che consente a chi scrive di fare dei collegamenti seguendo associazioni di idee diverse e a chi legge di decidere quali collegamenti seguire, quale percorso di lettura scegliere.

4 L' IPERTESTO UN MODO " NATURALE " DI ELABORARE LE IDEE - A UTORE : P ROF.D OMENICO C ORCIONE - 3 Sebbene il cervello abbia una struttura simmetrica, con due emisferi dotati di aree motorie e sensoriali corrispondenti, alcune funzioni intellettive sono limitate a un solo emisfero. In ogni individuo, l’emisfero dominante presiede al linguaggio e alle operazioni logiche, mentre l’altro controlla le emozioni, le capacità artistiche e la percezione spaziale. In quasi tutti i destrimani e in molti mancini l’emisfero dominante è il sinistro.

5 L' IPERTESTO UN MODO " NATURALE " DI ELABORARE LE IDEE - A UTORE : P ROF.D OMENICO C ORCIONE - 4 "navigare" in Internet l'ipertesto più ramificato che esista Se hai avuto modo di "navigare" in Internet, hai già consultato l'ipertesto più ramificato che esista : la rete, infatti, un enorme ipertesto da scoprire e consultare attraverso i link (collegamenti). Attualmente, con l’utilizzo della tecnologia consentita dal computer, si possono progettare anche ipermedia (espansione naturale di un ipertesto), cioè documenti che, oltre ai collegamenti testuali, contengono collegamenti a oggetti multimediali (videoclip, suoni, animazioni, ecc.).

6 L A SINTASSI DELL ’ IPERTESTO nodi collegati tra loro mediante collegamenti ipertestuali I documenti (testi, immagini, suoni) che compongono l’ipertesto vengono chiamati nodi e sono collegati tra loro mediante i cosiddetti collegamenti ipertestuali, o link. forme diverse: pulsanti, immagini, parole o frasi I collegamenti ipertestuali possono essere di varia natura e assumere forme diverse: pulsanti, immagini, parole o frasi, ecc. Anche l'ipertesto ha una sintassi da rispettare, che riguarda le modalità di montaggio e di collegamento dei nodi che lo compongono.

7 L A SINTASSI DELL ’ IPERTESTO Nodo principale Nodo

8 Q UATTRO MODI PER ORGANIZZARE Esistono quattro modi principali per organizzare la sintassi di un ipertesto:  Organizzazione di tipo lineare  Organizzazione di tipo lineare : produce ipertesti in cui da ogni “scheda” (nodo dell’ipertesto) è possibile accedere ad una scheda successiva (nodo successivo) o retrocedere a quello precedente.  Organizzazione ad albero o gerarchica  Organizzazione ad albero o gerarchica : è simile all’organizzazione di un libro suddiviso in capitoli e paragrafi.  Organizzazione combinata  Organizzazione combinata : ha una organizzazione mista sia orizzontale (muoversi sequenzialmente) sia verticale mediante i collegamenti gerarchici.  Organizzazione a rete o ipertestuale  Organizzazione a rete o ipertestuale : consente la progettazione di ipertesti caratterizzati dalla massima liberta nei percorsi associativi.

9 Q UATTRO MODI PER ORGANIZZARE ORGANIZZAZIONE LINEARE ORGANIZZAZIONE GERARCHICA

10 U NA GRANDE RAGNATELA … Costruire un ipertesto è come tessere una enorme “ragnatela”.

11 P ERCHÉ ALLORA NON COSTRUIRE UN IPERTESTO ? Certamente non come mero esercizio per l’esecuzione corretta di procedure tecniche. La costruzione di un ipertesto va intesa come un'occasione per analizzare il percorso logico del nostro pensiero e, soprattutto, per organizzarlo e presentarlo in modo comprensibile agli altri. le informazioni raccolte devono essere organizzate in unità autonome e collegate da nessi logici. Un ipertesto, come si è detto, sviluppa il testo non in forma sequenziale ma associativa; per questo motivo le informazioni raccolte devono essere organizzate in unità autonome e collegate da nessi logici. Una abilità del creatore di ipertesti, quindi, consiste nel fornire gli strumenti perché la navigazione sia agevolata il più possibile dalla presenza di collegamenti logici facilmente riconoscibili e attivabili Un ipertesto ben strutturato deve permettere di navigare al suo interno e consentire al lettore di seguire una sua lettura. personale. Una abilità del creatore di ipertesti, quindi, consiste nel fornire gli strumenti perché la navigazione sia agevolata il più possibile dalla presenza di collegamenti logici facilmente riconoscibili e attivabili.

12 C OSTRUIRE UN IPERTESTO

13 1. definire il contenuto 2. pianificare il lavoro 3. raccogliere le informazioni rilevanti 4. organizzare e strutturare le informazioni (SCALETTA) 5. redigere una prima stesura 6. rileggere, verificare la correttezza delle informazioni, procedere alla stesura finale. 1. definire il contenuto 2. pianificare il lavoro 3. raccogliere le informazioni rilevanti 4. organizzare i singoli documenti che costituiscono i nodi dell'ipertesto (MAPPA dell’IPERTESTO) 5. procedere operativamente alla realizzazione dell'ipertesto 6. pubblicare l’ipertesto. Fasi della preparazione di una relazione Fasi della preparazione di un ipertesto

14 W ORD E GLI IPERTESTI STRUMENTI NECESSARI 1. Salva come pagina Web 2. Inserisci commento 3. Inserisci segnalibro 4. Crea un collegamento ipertestuale ad un file esterno 5. Crea un collegamento ipertestuale ad un segnalibro

15 S EGNALIBRI Come forse saprete, all’interno di un testo si possono inserire dei segnalibri. Cosa sono? Ne più ne meno che degli elementi di testo a cui viene affidato il compito di punti di riferimento a cui “atterrare rapidamente” da qualunque punto del documento ad es. mediante la funzione Vai (dal menù modifica oppure con il tasto funzione F5) Cito la definizione dall’Help in linea di Word: “Un segnalibro identifica una posizione o una selezione di testo a cui viene assegnato un nome e che serve per riferimenti futuri. Si potrebbe ad esempio utilizzare per identificare del testo che si desidera revisionare in un secondo momento. Per trovare rapidamente il testo sarà possibile utilizzare la finestra di dialogo Segnalibro, senza dover scorrere l'intero documento.”

16 S EGNALIBRI Come aggiungere un Segnalibro in un punto del testo: 1.Selezionare l'elemento a cui si desidera assegnare un segnalibro oppure fare clic nel punto in cui si desidera inserire un segnalibro. 2.Scegliere Segnalibro dal menu Inserisci. 3.Nella casella Nome segnalibro digitare o selezionare un nome. I nomi dei segnalibri devono iniziare con una lettera, possono contenere dei numeri ma non spazi. Per separare tra loro le parole è possibile utilizzare il carattere di sottolineatura, ad esempio "Primo_titolo“. 4.Fare clic su Aggiungi.

17 C OLLEGAMENTI IPERTESTUALI Saprete anche che Word può creare dei collegamenti ipertestuali. Questi sono degli elementi di testo che generalmente hanno l’aspetto di un testo sottolineato oppure un’immagine che avremo inserito allo scopo, sul quale il puntatore diviene un dito puntato e che se “cliccàti” producono il salto ad un’altra parte del testo all’interno dello stesso documento oppure di un altro documento. Copio e incollo dall’help in linea (avrete capito anche quanto sia importante imparare a consultare l’help dei vari prodotti software)

18 C OLLEGAMENTI IPERTESTUALI Creazione di un collegamento ipertestuale Microsoft Word crea un collegamento ipertestuale quando si digita l'indirizzo di una pagina Web esistente, come ad esempio se la formattazione automatica dei collegamenti ipertestuali non è stata disattivata.collegamento ipertestuale Per creare più collegamenti ipertestuali personalizzati, eseguire una delle seguenti operazioni, a seconda di ciò a cui si desidera collegarsi.

19 C OLLEGAMENTI IPERTESTUALI Un documento, file, o pagina Web già esistenti o nuovi Selezionare il testo o la figura che si desidera visualizzare come collegamento ipertestuale, fare quindi clic su Inserisci collegamento ipertestuale nella barra degli strumenti Standard.barra degli strumenti Effettuare una delle seguenti operazioni: Collegare un file esistente o un pagina Web Collegamento ad un file non ancora creato Indirizzo di posta elettronica Ubicazione specifica in un altro documento o pagina Web Posizione nel documento corrente o nella pagina Web Un altro file o programma dal quale effettuare la selezione

20 FINE


Scaricare ppt "L’IPERTESTO Prof. HARSEN FERRARO Classe 2 a AFM. L' IPERTESTO UN MODO " NATURALE " DI ELABORARE LE IDEE - A UTORE : P ROF.D OMENICO C ORCIONE - 1 forma."

Presentazioni simili


Annunci Google