La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

“Che bella giornataaaa!!” E’ sempre di buon umore il nostro amico di gomma soprattutto ora che solca il mare in compagnia del suo nuovo amico Kobi alla.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "“Che bella giornataaaa!!” E’ sempre di buon umore il nostro amico di gomma soprattutto ora che solca il mare in compagnia del suo nuovo amico Kobi alla."— Transcript della presentazione:

1 “Che bella giornataaaa!!” E’ sempre di buon umore il nostro amico di gomma soprattutto ora che solca il mare in compagnia del suo nuovo amico Kobi alla ricerca dei suoi futuri compagni di navigazione. Ovviamente senza Kobi non andrebbe che alla deriva e il ragazzo ha il suo bel daffare nel fargli capire che un pirata o un marinaio per essere definito tale deve necessariamente saper navigare… Comunque se a Rubber basta la bella giornata per star contento, a Kobi l’idea che stanno per incontrare quel famigerato Zoro prigioniero nella base della marina non lo fa stare benissimo. La sua fama è quella di un criminale fortissimo e spietato: addirittura alcuni dicono che si tratti di una bestia in sembianze umane. Io dico: cambiate spacciatore che “Il Secco” la taglia male!!

2 Intanto sono arrivati a Rogue Town. Camminano per le vie della città affollatissime in pieno mercato mentre Kobi cerca di far capire a Rubber che prendere Zoro nella ciurma non è una grande idea. “Veramente non ho ancora deciso, ma se vedo che è un bravo ragazzo…” E giustamente Kobi replica: “L’hanno preso perché è spietato, come te lo devo dire!” Intanto Rubber si ferma presso una bancarella, mangia un frutto e chiede alla padrona se sa se un certo Zoro è rinchiuso nella base della marina. Al nome di Zoro tutti diventano rigidi e assumono posizioni un po’ particolari: sono tutti con le braccia alzate dalla paura. Insomma, irrigiditi. Meglio non pronunciare il nome di Zoro… Riprendono a camminare tranquilli e Kobi racconta a Rubber che quella base è comandata da un certo capitano Morgan detto “Mano d’Ascia” (e vedremo poi perché). Ma di nuovo tutti irrigiditi! E allora Rubber scoppia a ridere: “Ma che razza di posto è questo!”

3 Sono davanti alla base: Kobi ha già le lacrime agli occhi per l’imminente separazione e sta preparando un grosso addio al suo nuovo amico, ma Rubber non se lo calcola nemmeno di striscio e si arrampica ansioso di conoscere quello che potrebbe essere il suo primo compagno di navigazione. Anche Kobi si arrampica e resta senza fiato! E’ proprio Zoro il semicrocefisso nel cortile: lo riconosce dall’abbigliamento e da qui capiamo che nel mondo di One Piece, a parte Nami, è difficile che ci si cambi d’abito… Rubber pensa bene di slegarlo, ma Kobi non ne vuol sapere di rimettere in libertà un criminale con quella forza! Ma tanto Rubber è convinto di essere più forte e al povero Kobi sfuggono le lacrime di disperazione! Zoro li ammonisce di togliersi dai piedi e Kobi vorrebbe senz’altro dargli retta. In quel mentre arriva una bambina che si arrampica sul muro con una scala e poi scende nel cortile con una corda, sgomentando tutti; Kobi è terrorizzato per l’imminente fine della piccola che si avvicina al temerario spadaccino temendo possa farle del male. Gli ha portato degli arancini di riso perché sa che lui da giorni non mangia, ma Zoro non ne vuol sapere: non vuole che la piccola venga uccisa dai cretini della marina. La caccia in malo modo dando ragione a quanti, come Kobi, lo ritengono un mostro… E in quel mentre arriva un personaggio indicibile, uno scandalo con una pettinatura indecente, un checcone di prima categoria e per giunta arrogante. Rubber lo definisce solamente “strano”. Anche il nome è tutto un programma: Hermeppo ed è il figlio stupido del capitano Morgan.

4 Kobi tira un sospiro di sollievo pensando che sia un ufficiale e che ora la bimba sia salva dalla furia di Zoro e invece… Il nuovo tipo, oltre che strano, è anche stupido e cattivo. Frega un arancino alla bimba e lo mangia, ma si rende conto che è dolcissimo: invece del sale, la bimba ci ha messo lo zucchero pensando che fosse meglio!! Quel cretino la maltratta, glieli pesta e la fa scoppiare a piangere e poi le dice che ha violato gli ordini di suo padre per i quali dovrebbe essere condannata a morte perché ha aiutato un detenuto; ordina a uno dei marines di accompagnamento di buttarla fuori dal recinto oltre il muro. Il marine è un po’ sconvolto e tentenna, ma Hermeppo minaccia di riferire tutto al padre! Impotente, il marine lancia la piccola oltre il muro e Rubber l’afferra al volo… Kobi è spaventato e Rubber ha un’espressione perplessa tendente all’imbronciata. Zoro e Hermeppo si sbeffeggiano a vicenda: Zoro gli dice che il mese pattuito è già passato, ma Hermeppo gli ride in faccia sfidandolo a resistere ancora… Intanto Kobi si volta per parlare con Rubber, ma scopre che è sparito: è nel cortile, davanti a Zoro! Si avvicina a Zoro per parlargli e punzecchiarlo: lui perde la pazienza, ma poi, morso dalla fame, gli chiede di dargli quel riso che è per terra, calpestato da Hermeppo. Forse non è tanto male, pensa Rubber.

5 Più tardi in una via del centro di Rogue Town, Rubber, Kobi e Rica (così si chiama la piccola) fanno due chiacchiere e Rubber le dice che Zoro ha apprezzato il riso, se l’è mangiato tutto (terriccio incluso) senza lasciare un chicco. E Rica gli racconta perché Zoro è prigioniero. Tre mesi prima, Hermeppo è entrato nel ristorante della mamma di Rica con il suo cane (che sembra un lupo e che lui chiamava “cucciolo”) seminando panico e fregandosene degli altri; la piccola aveva cercato di cacciarlo via con una scopa e il lupo stava per sbranarla. Nel momento migliore è intervenuto Zoro che con una gabellata tra le gengive, l’ha fatto fuori in un attimo e con un cazzotto ha messo KO anche Hermeppo che aveva cercato di aggredirlo senza riuscirci: Zoro è Zoro! “Sei fastidioso e lo era anche il tuo cucciolone.” – si limita a dire lo spadaccino. Non sapendosela cavare senza l’autorità del padre, Hermeppo lo ricatta: gli dice che suo padre avrebbe imprigionato senz’altro la padrona del ristorante e la bambina per via della sua reazione e poi gli propone di farsi arrestare al posto loro e stare senza cibo né acqua per un mese intero. Zoro, che sarà anche fortissimo, ma è un idiota, accetta. Da allora sono passati tre mesi e non ancora lo rilasciano: e noi ci domandiamo come sia possibile sopravvivere tre mesi senza cibo né acqua.

6 Hermeppo torna di nuovo nel locale della mamma di Rica per mangiare e bere a scrocco naturalmente (approfitta dell’autorità del padre in modo vergognoso); arrivano anche Rubber, Kobi e notiamo di nuovo quella ragazza dai capelli rossi che c’era nella puntata precedente. Mentre si mette comodo con i piedi sul tavolo e siccome non ha un benemerito da fare, dice a tutti che ha deciso di far giustiziare Zoro l’indomani e non l’avesse mai detto: Rubber lo prende a pugni e gli spacca il muso! Lo schianta davanti al muro con un pugno e ci ha tolto l’immensa soddisfazione di menarle da orbi a quel prepotente e viziatissimo figlio di papà che ovviamente minaccia il nostro amico di riferire tutto a papà. Ma secondo voi c’è un personaggio di OP al quale potrebbe fregare di meno di Morgan rispetto a Rubber? Non credo. E in un attimo ha deciso: prenderà Zoro nel suo equipaggio!

7 Nella base della marina, intanto… Il capitano Morgan, nel suo ufficio, si fa il training autogeno dicendosi che è il più grande, il migliore, il più forte e il marine che è con lui non può far altro che assecondarlo. Si parla di tasse e Morgan si chiede come mai il gettito abbia subito una flessione: giustamente il marine gli fa notare che c’è un limite alle tasse che i cittadini sono disposti a pagare. Per tutta risposta Morgan gli dice: “Forse non mi rispettano abbastanza…” – ognuno interpreta a modo suo… e in quel mentre Hermeppo arriva tutto trafelato a denunciare frignando al suo papà l’aggressione di Rubber. Sotto il sole cocente, Zoro ricorda… Scontri con le spade di bambù, un ragazzina che lo batteva sempre e una promessa… La promessa a Kuina. No, non può lasciarsi sopraffare in quel modo, in quel posto. Riapre gli occhi e chi si trova di fronte? Rubber. E che gli dice? Che lo vuole nella sua ciurma, ovvio. Zoro non ne vuol sapere: detesta i pirati, è gentaglia, ma Rubber, che adora i pirati (e noi con lui pensando a chi sappiamo…) gli risponde per le rime dicendogli che anche lui non ha una grande reputazione. Ma a Zoro non importa più di tanto ciò che la gente dice di lui: lui ha uno scopo e lo raggiungerà. Ma Rubber ha deciso oramai: lo vuole nella ciurma e basta e Zoro ha un bel daffare per fargli capire che non può decidere per lui. Rubber si impegna a recuperare la spada di Zoro e vola lanciandosi con il “Razzo Gom Gom” verso la base lasciandolo di stucco.

8 Intanto sul tetto della base si sta svolgendo un’operazione molto delicata: stanno issando la statua del capitano Morgan grande quanto il suo ego. Mentre la issano, Hermeppo si lagna col papà perché Rubber l’ha picchiato! Nemmeno lui l’ha mai fatto… Giustamente, Morgan gli fa notare che è troppo scemo e picchiarlo non sarebbe servito a nulla. E’ lui il vero capo, l’uomo della famiglia: il grande capitano Morgan Mano d’Ascia, un uomo alto come un armadio, vestito da unità d’assalto GIJO (se non avete la mia età non sapete che era un cartone su un commando speciale di americano), con un lungo mantello che fa molto pirata, un taglio di capelli assolutamente macho e un mento di pietra (non in senso figurato tipo scolpito…. Proprio di pietra!!) su cui è scolpito il logo della marina e la parola “mowe” che significa “gabbiano” (se non ricordo male…) Morgan, che ha saputo dell’irruzione della bimba, ordina al comandante dei marine di andare a giustiziarla, ma il comandante si rifiuta e Morgan lo colpisce con la sua ascia, ma senza ucciderlo come può accadere solo nei cartoni animati. Finanche Hermeppo si rende conto che il padre sta esagerando!! E qui Morgan ci spiega tutta la sua filosofia di vita: il grado e la carica contano più di tutto al mondo. Lui è il capo e quindi si fa quel che dice lui e quel che dice il capo è giusto. E ovviamente sono tutti d’accordo.

9 Ma per la mocciosa c’è tempo… ora si deve tirar su la statua. Rubber gironzola per la base in cerca dell’idiota del figlio di Morgan per recuperare la spada di Zoro, ma nessuno è di guardia anzi… non c’è proprio nessuno! Poi sente del movimento in cima alla base dove stanno tirando su la statua di Morgan la cui mano sinistra batte leggermente sulla torre mentre la issano e Morgan se la prende con il marine responsabile dell’affronto (che poveretto ha solo la sfortuna di reggere una fune legata alla mano della statua). Rubber sente del trambusto e, naturalmente per lui, si fionda in cima alla torre della base per vedere “che pasa” e arriva giusto in tempo per interrompere Morgan prima che uccida il marine: si è dato troppa spinta con il Raggio Gom Gom così si è aggrappato ad una delle funi e siccome non riesce mai a fare danni inferiori al miliardo di berry, fa precipitare nel vuoto la statua del capitano che finisce in mille pezzi. Ora c’è un drammatico silenzio alla base: Morgan ha più volte avvisato tutti che quella statua era da considerare come fosse lui, che ogni oltraggio alla pietra sarebbe stato un oltraggio a lui, che ci sono voluti due anni per farla, che lui è grande, ecc. ecc. Come può stare ora che un moccioso gliel’ha frantumata? Ordina a tutti di arrestare “l’attentatore”, e subito Hermeppo riconosce in Rubber quello che l’ha picchiato a dovere; ma nessuno ha tempo di fare nulla: Rubber si piglia Hermeppo di peso e lo trascina via in cerca della spada di Zoro. Intanto un marine lo avvisa che c’è qualcuno nel cortile del detenuto e Morgan, sopraffatto dalla rabbia, vorrebbe sterminare solo con lo sguardo tutti questi attentatori alla sua autorità.

10 Mai la base di Rogue Town ha conosciuto tanti intrusi (beh…. Se non consideriamo l’intrusione di Shanks e i suoi per quello spogliarello…. – cfr. cap. 42 TEW): c’è di nuovo quella ragazza dai capelli rossi che va frugando in ogni stanza. In preda alla paura, Hermeppo confessa a Rubber dov’è che tiene la spada di Zoro: nella sua stanza. Devono fare dietro front, ma arrivano marines armati e Rubber non ci mette nulla a farsi scudo con il corpo del figlio del capitano. Giù nel cortile, Kobi, trovando un coraggio che nessuno sospettava potesse avere, comincia a slegare Zoro che non si spiega questo brave heart. Kobi non tollera quello che accade in quella base e rivela al figo spadaccino che la sua esecuzione è fissata per domani mentre quello da parmacotto che è, pensa ancora che Hermeppo prima o poi lo libererà… (è figo, ma scemo.) Gli racconta anche che Rubber, una volta saputo che Hermeppo progettava l’esecuzione di Zoro, non ci ha visto più dalla rabbia e l’ha distrutto di botte: ora gli chiede di aiutare Rubber che è inseguito dalla marina. In quel mentre arriva Morgan coi marines scagnozzi… Kobi è spacciato e pure Zoro.

11 Finalmente nella stanza delle bambole di Hermeppo, Rubber trova tre spade e vorrebbe sapere quale di quelle appartiene a Zoro, ma il figlio del capitano Morgan è svenuto abbondantemente. Kobi intanto per la paura ha perso tutti i liquidi dagli occhi e dal naso: è terrorizzato. Decine di fucili sono puntati su di loro: Morgan li accusa si essere in combutta con il ragazzino dal cappello di paglia e di ordire una congiura, ma Zoro gli dice chiaro e tondo che lui combatte da solo e non si circonda di scagnozzi impauriti dalla sua prepotenza. Morgan non la prende benissimo e ordina di puntare. La fine è vicinissima e mentre Kobi non sa più cosa far tremare, Zoro ripensa alla sua promessa, ripensa a Kuina. Non può morire: ha un sogno da realizzare per entrambi!! Qual è questo sogno? Non meno ambizioso di quello di Rubber: diventare lo spadaccino più forte del mondo!! Intanto Rubber si prepara a scendere a modo suo dalla finestra della camera di Hermeppo che è steso a terra in un mare di bava… “Razzo Gom Gom in azione!” E come si conviene ad un grande, arriva al momento giusto: atterra nel cortile frapponendosi tra Zoro, Kobi e… le pallottole. I ragazzi urlano disperati perché i proiettili centrano in pieno Rubber che, però, come un essere fatto di Big Babol le rispedisce al mittente, sgomentando tutti e ridendo: le pallottole non gli fanno niente! Zoro ha giusto la lucidità di chiedergli: “Ma chi sei?” E ha la ovvia risposta: “Mi chiamo Rubber, sono fatto di gomma e diventerò il Re dei Pirati!!” Riassunti e layout by Ema


Scaricare ppt "“Che bella giornataaaa!!” E’ sempre di buon umore il nostro amico di gomma soprattutto ora che solca il mare in compagnia del suo nuovo amico Kobi alla."

Presentazioni simili


Annunci Google