La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEGGE REGIONALE 22/06: REGIONE LOMBARDIA INCONTRA GLI OPERATORI DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEGGE REGIONALE 22/06: REGIONE LOMBARDIA INCONTRA GLI OPERATORI DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO."— Transcript della presentazione:

1 LEGGE REGIONALE 22/06: REGIONE LOMBARDIA INCONTRA GLI OPERATORI DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO

2 LE RAGIONI DELLINCONTRO COMUNICARE PRINCIPI, STRUMENTI E POTENZIALITA DEL NUOVO SISTEMA DEL MERCATO DEL LAVORO IN LOMBARDIA POTENZIARE IL DIALOGO CON GLI ATTORI PUBBLICI E PRIVATI, PRESENTI E FUTURI, DEL MERCATO DEL LAVORO RENDERE PIU DIRETTO E LEGATO ALLE PECULIARIETA DEL TERRITORIO IL RAPPORTO CON ISTITUZIONI, ENTI E PRIVATI INTERESSATI A REALIZZARE SERVIZI PER IL LAVORO

3

4 IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE DI RIFERIMENTO DECRETO LEGISLATIVO 469/97 DECRETO 181/01 LEGGE 30/03 DECRETO LEGISLATIVO 276/03

5 LA LEGGE REGIONALE 22 DEL 2006 – LE FINALITA COSTRUIRE UN SISTEMA IN CUI ENTI PUBBLICI E PRIVATI COMPETONO PER PROMUOVERE SVILUPPO OCCUPAZIONALE AGIRE SULLOFFERTA ALLO SCOPO DI INCREMENTARE LA QUALITÀ DEI SERVIZI PER IL LAVORO INCREMENTARE IL SISTEMA DELLE CONOSCENZE

6 LA LEGGE REGIONALE 22 DEL 2006 – I PRINCIPI SUSSIDIARIETÀ SIGNIFICA PROMUOVERE LEGGI CHE LIBERANO RISORSE COME? LA REGIONE DELINEA UNA ORGANIZZAZIONE FLESSIBILE, I CUI CAPISALDI SONO: ACCREDITAMENTO, DOTE E VALUTAZIONE

7

8 Piano dazione regionale ( ) ai sensi dellarticolo 3 della legge regionale 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia Piano dazione regionale ( ) ai sensi dellarticolo 3 della legge regionale 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia

9 Principi centralità della persona libertà di scelta Valutazione valorizzazione del capitale umano valorizzazione del sistema delle imprese promozione della parità tra uomo e donna nel mondo del lavoro Obiettivi la piena occupazione di qualità il miglioramento della qualità e della produttività del lavoro il rafforzamento della coesione sociale e territoriale il sostegno alla stabilizzazione occupazionale il sostegno e la valorizzazione dei meriti Policy fields aumentare loccupabilità delle persone declinare insieme flessibilità e tutela del lavoro vincolare lerogazione delle risorse al sostegno di azioni rivolte ai target group più svantaggiati

10

11 Obiettivo PAR Al 2010 Tasso di occupazione (popolazione anni, media 2005, fonte: Istat, Eurostat)

12 Tasso di occupazione femminile (popolazione anni, media 2005, fonte: Istat, Eurostat) Obiettivo PAR Al 2010

13 Tasso di occupazione lavoratori anziani (popolazione anni, media 2005, fonte: Istat, Eurostat) Obiettivo PAR Al 2010

14 Tasso di occupazione Tasso di occupazione femminileTasso di occupazione lavoratori anziani Politiche attive per loccupazione e per sostenere le transizioni Per raggiungere gli obiettivi: Si definiscono i target group Si avviano programmi operativi basati sullo strumento della DOTE LAVORO

15 affiancamento e formazione al lavoro adeguamento delle competenze adeguamento delle competenze sul posto di lavoro marketing territoriale accompagnamento nella creazione di impresa servizi per la gestione dello start up di impresa tutoring alla creazione di impresa servizi per la gestione del reimpiego indennità di partecipazione al programma  Inserimento lavorativo / Autoimprenditorialità STRUTTURA DELLA DOTE Insieme di risorse in capo allutente per la fruizione di servizi finalizzati alloccupazione erogati da soggetti accreditati Œ Accoglienza Servizi obbligatori PATTO DI SERVIZIO  PIANO DI INTERVENTO PERSONALIZZATO DOTE LAVORO Ž Servizi della dote: orientamento counselling orientativo bilancio di competenze professionale bilancio attitudinale e di esperienze accompagnamento e supporto nella ricerca attiva del lavoro formazione individuale o collettiva scouting tirocini/stages tutoring

16

17 Attuazione della l.r.22/2006 DALLOCCUPABILITA ALLOCCUPAZIONE CENTRALITA della PERSONA RETE DEI SERVIZI costituita da soggetti pubblici e privati

18 Un sistema che fa rete RETE DEGLI OPERATORI OPERATORI del mercato del lavoro autorizzati e accreditati OPERATORI della formazione accreditati CARATTERISTICHE DELLA RETE FLESSIBILE ASSICURA OFFERTA DELL INTERA GAMMA DI SERVIZI

19 Accreditamento per fare cosa? per essere iscritti allAlbo Regionale degli accreditati e quindi far parte della rete regionale per costituire un proprio raggruppamento per partecipare alla realizzazione delle politiche programmate dalla Regione Lombardia ( Piano di Azione Regionale) per erogare i servizi per il lavoro ai disoccupati tramite la stipula di una patto con lutente per partecipare ai progetti finanziati con risorse pubbliche

20 Accreditamento – Autorizzazioni Differenze Lautorizzato eroga servizi di: Intermediazione Ricerca e selezione del personale Supporto alla ricollocazione professionale Sceglie i propri utenti in relazione ai propri piani aziendali ed alla specificità dellautorizzazione acquisita Laccreditato: assicura un servizio di accoglienza a tutti i disoccupati e un servizio di orientamento per favorire incontro domanda offerta di lavoro Partecipa alla realizzazione delle politiche regionali e quindi può beneficiare anche delle risorse

21 Modello di accreditamento: regole chiare e verificabili Semplificazione delle procedure (dichiarazione del possesso dei requisiti) Attivazione di una costante vigilanza finalizzata a garantire il rispetto permanente dei requisiti orientato al cliente (centralità della persona) orientato alla premialità

22 Lunità organizzativa/sportello è riconoscibile e accessibile dotata di locali idonei e conformi alla normativa in materia di sicurezza dispone di attrezzature informatiche appropriate (collegamento a BLL) aperta al pubblico negli orari dufficio (minimo sei ore per cinque giorni alla settimana) presidiata da un responsabile e da un addetto allaccoglienza e dispone di tutor in relazione alle necessità

23 Operatore che eroga servizi per il lavoro capacità operativa (dispone di due unità in province diverse) dispone di una struttura idonea (rispetto norme vigenti) affidabile (capitale versato, credenziali bancarie e bilancio revisionato) offre servizi di qualità e personalizzati (in possesso di un sistema di qualità certificato) dispone di personale qualificato offre una gamma completa di servizi (inserito nella rete) soddisfa il cliente (raggiungimento di risultati concreti = lavoro) fornisce i dati e le informazioni allOsservatorio accoglie la valutazione quale stimolo per il miglioramento continuo

24 Valutatore indipendente Premialità dellazione dellente erogatore: verifica il raggiungimento degli obiettivi della programmazione per un miglioramento continuo del sistema sostiene il raggiungimento degli obiettivi degli operatori

25 MODELLO DEL SISTEMA BORSA NAZIONALE DEL LAVORO Garanzia di unità nazionale BORSA LAVORO LOMBARDIA Sintesi -Schede Anagrafiche - Comunicazioni obbligatorie Nodo INPS INAIL Accesso a Borsa Lavoro Regionale Soggetti/Enti pubblici autorizzati e/o accreditati Domanda VOUCHER DOTE Insieme di risorse declinate sul singolo utente Soggetti/Enti privati autorizzati e/o accreditati Sistema di monitoraggio e Valutazione Valutatore indipendente Osservatorio Regionale Rete operatori PATTO DI SERVIZIO Accordo vincolante che regola la fruibilità della dote TARGET OFFERTA


Scaricare ppt "LEGGE REGIONALE 22/06: REGIONE LOMBARDIA INCONTRA GLI OPERATORI DEI SERVIZI DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO."

Presentazioni simili


Annunci Google