La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Successioni dimpresa in un patto. Cosè? È il contratto con cui limprenditore trasferisce lazienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Successioni dimpresa in un patto. Cosè? È il contratto con cui limprenditore trasferisce lazienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce."— Transcript della presentazione:

1 Successioni dimpresa in un patto

2 Cosè? È il contratto con cui limprenditore trasferisce lazienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce le proprie quote, ad uno di più discendenti. Chi partecipa? al contratto partecipano il coniuge e tutti coloro che sarebbero legittimari se in quel momento si aprisse la successione Cosa spetta a chi non riceve lazienda? devono essere liquidati dagli assegnatari con il pagamento di una somma corrispondente a loro spettante Cosa succede a chi non partecipa? il coniuge e gli altri legittimari che non abbiano partecipato al contratto possono chiedere ai beneficiari del contratto stesso il pagamento del valore delle quote di legittima spettante

3 Sarà legittimo assegnare a un solo erede la continuazione dellattività dimpresa con un patto di famiglia inopponibile da parte di tutti gli altri legittimari; così il ricambio generazionale dellazienda potrà essere valutato al meglio senza più il vincolo di dover ripartire equamente il patrimonio imprenditoriale. La norma, peraltro, include anche il trasferimento di partecipazioni, interessando anche i gruppi strutturati con la presenza di holding di famiglia nelle quali si concentra il controllo delle varie società operative sottostanti.

4 Le modifiche al codice civile, approvate definitivamente, introducono nellordinamento nazionale una deroga al generale principio di divieto dei patti successori di cui allarticolo 458 c.c.. È prevista infatti la possibilità di stipulare accordi diretti a regolamentare la successione dellazienda o di pacchetti di partecipazioni al capitale di società da parte, rispettivamente, dellimprenditore e di chi ne è titolare.

5 Lattuale articolo 458 c.c., che peraltro rimane invariato >, sancisce che: E nulla ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione. È ugualmente nullo ogni atto col quale taluno dispone dei diritti che gli possono spettare su una successione non ancora aperta, o rinunzia ai medesimi.

6 Con tale disposizione si vuole affermare il principio in base al quale viene riconosciuto al solo testamento il carattere di atto unilaterale revocabile, del tutto avulso da qualsiasi altro contratto caratterizzato dalla necessità dellaccordo tra le parti e dallirrevocabilità. Peraltro la norma impedisce di disporre di diritti che potrebbero derivare da una successione non ancora aperta.

7 È da evidenziarsi il fatto che, la preclusione civilistica mal si concilia con la necessità di garantire il proficuo proseguimento dellattività di impresa, in un momento particolare della propria evoluzione, ossia in vista del necessario ricambio generazionale. Nel caso delle imprese familiari, questi accordi possono essere utilizzati per mantenere talune regole gestionali da una generazione allaltra.

8 Finalmente, con le modifiche apportate dal senato, verrà consentito allimprenditore di disporre in vita della propria azienda in favore di uno o più dei propri discendenti, purchè con laccordo dei rimanenti discendenti e delleventuale coniuge. Tale nuova previsione resta peraltro coordinata con la necessaria tutela prevista dallordinamento a favore del coniuge e dei discendenti in linea diretta. A questi, infatti, lordinamento riconosceva e continua a riconoscere anche dopo la nuova disciplina il diritto di conseguire, anche in caso di contraria volontà del de cuius, una quota di eredità.

9 I sette nuovi articoli del codice, dal 768-bis al 768- octies, introducono la previsione dei patti di famiglia. Come detto, tutto si gioca sullequilibrio tra la tutela del diritto dei legittimari e lesigenza dellimprenditore che intende garantire alla propria azienda una successione ponderata a favore di uno o più dei propri discendenti.

10 Definizione del patto di famiglia Si tratta del nuovo articolo 768-bis c.c. del contratto con cui, compatibilmente con le disposizioni in materia di impresa familiare e nel rispetto delle differenti tipologie societarie, limprenditore trasferisce, in tutto o in parte lazienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce, in tutto o in parte, le proprie quote a uno o più discendenti. Dal punto di vista formale la validità del contratto è subordinata alla sua conclusione per atto pubblico.

11 La tutela dei discendenti esclusi è garantita con la loro partecipazione allaccordo e, ovviamente, con la liquidazione da parte dellassegnatario dellazienda o delle partecipazioni delle loro quote. È imposto infatti a coloro che acquistano lazienda di liquidare agli altri partecipanti al contratto (non assegnatari), ove questi non vi rinunzino in tutto o in parte, una somma non inferiore al valore delle quote di legittima loro spettante.

12 Per impedire che il patto possa essere rimesso in discussione dopo lapertura della successione vengono sterilizzati i tipici diritti attribuiti al legittimario: la collazione e la riduzione.

13 Particolare attenzione deve essere posta nei confronti dei soggetti che non hanno partecipato al patto originario ma che poi si trovano coinvolti allapertura della successione. È vero che la validità del patto può essere messa in discussione attraverso limpugnazione entro un anno, da parte di tutti i soggetti che via hanno partecipato. Ma coloro che sono rimasti dallaccordo originario? Di questo si occupa lart. 768-sexies, che riconosce comunque al coniuge e agli altri legittimari che non abbiano partecipato al contratto il diritto di chiedere ai beneficiari del contratto stesso il pagamento della somma pari alla loro quota legittima, aumentata degli interessi legali.

14 Il tenore del primo comma dellarticolo 768- quater, lascia intendere che alloriginario patto possano partecipare anche altri soggetti che al momento dellaccordo non erano legittimari ma che potrebbero divenirlo in seguito determinate circostanze.

15


Scaricare ppt "Successioni dimpresa in un patto. Cosè? È il contratto con cui limprenditore trasferisce lazienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce."

Presentazioni simili


Annunci Google