La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il patto di famiglia. GENERALITA Introdotto con l. 14 febbraio 2006, n. 55 (in vigore dal 16 marzo 2006). Artt. 768bis – 768octies NOZIONE 768-bis 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il patto di famiglia. GENERALITA Introdotto con l. 14 febbraio 2006, n. 55 (in vigore dal 16 marzo 2006). Artt. 768bis – 768octies NOZIONE 768-bis 1."— Transcript della presentazione:

1 Il patto di famiglia

2 GENERALITA Introdotto con l. 14 febbraio 2006, n. 55 (in vigore dal 16 marzo 2006). Artt. 768bis – 768octies NOZIONE 768-bis 1. È patto di famiglia il contratto con cui, compatibilmente con le disposizioni in materia di impresa familiare e nel rispetto delle differenti tipologie societarie, l'imprenditore trasferisce, in tutto o in parte, l'azienda, e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce, in tutto o in parte, le proprie quote, ad uno o più discendenti.

3 FUNZIONE: fornire allimprenditore uno strumento giuridico adeguato per programmare x tempo il passaggio generazionale evitando le caratteristiche proprie della donazione (collazione ed azione di riduzione) che costituiscono un impedimento al trasferimento della ricchezza ed un pregiudizio per la continuità dellimpresa e le ragioni delleconomia.

4 Principali caratteristiche 1. lazienda o le partecipazioni sociali vengono attribuite ad uno o più familiari; 2. compensazione a favore dei legittimari esclusi; 3. assetto destinato ad essere stabile.

5 Natura giuridica Tesi della DONAZIONE MODALE: liberalità avente ad oggetto lazienda o le partecipazioni sociali realizzata a favore di uno o più discendenti accompagnata dallonere, stabilito dalla legge, di liquidare le quote dei legittimari non assegnatari, da determinarsi al momento della conclusione del contratto. Critica: non cè animus donandi + obbligo di liquidazione derivante dalla legge + il riferimento allatto di donazione contenuto in alcuni progetti di legge è scomparso Tesi della CAUSA UNITARIA di FAMIGLIA:negozio tipico con causa propria in analogia ai c.d. accordi in sede di separazione e di divorzio. Tesi della CAUSA DIVISORIA: collocazione sistematica (capo Vbis che chiude la disciplina dedicata alla divisione ereditaria); la tecnica di liquidazione dei legittimari è simile a quella prevista dal 720 per la divisione di immobili indivisibili + necessaria partecipazione di tutti i legittimari. Tesi della CAUSA MISTA: contratto con funzione tipica, di natura complessa: divisionale (estromissione anticipata del bene azienda dalla comunione ereditaria), transattiva – divisoria (non si applicano le norme in tema di collazione e riduzione, così realizzandosi una definitiva stabilizzazione della successione aziendale), di liberalità, solutoria (con riguardo ai rapporti tra assegnatario e legittimari non assegnatari).

6 CARATTERI CONTRATTO (per quanto non previsto, si applica la disciplina del contratto in generale) TIPICO, a FORMA SOLENNE (atto pubblico ex art. 768ter – problema circa la necessaria presenza di testimoni), CONSENSUALE, INTER VIVOS (effetti immediati e non subordinati allevento morte del disponente), a TITOLO GRATUITO, con FINALITA DIVISIONALE.

7 SOGGETTI DISPONENTE: imprenditore o titolare di partecipazioni societarie. Deve rivestire la qualifica di imprenditore ex art c.c. o può essere anche un semplice titolare? Cè un minimo di partecipazione societaria? ASSEGNATARI/O Discendenti del disponente. CONIUGE e LEGITTIMARI NON ASSEGNATARI

8 STRUTTURA Tesi del CONTRATTO PLURILATERALE (funzione divisoria): la partecipazione del coniuge e degli ulteriori legittimari costituisce elemento costitutivo essenziale oltre, naturalmente, a quella del disponente e degli assegnatari. Se uno dei legittimari non assegnatari non può o non vuole intervenire allatto, non potrà procedersi con il PdF. Notaio deve verificare la partecipazione di tutti i legittimari allatto. In mancanza: nullità ex art comma 1. Tesi del CONTRATTO BILATERALE (donazione modale): parti essenziali sono solo il disponente ed i legittimari assegnatari. Coniuge e altri legittimari sono assimilabili ai beneficiari nel contratto a favore di terzo (possono solo dichiarare di voler profittare della stipulazione). Non vi è nullità. Al momento della successione, potrà esperire azione di riduzione e chiedere la collazione dei beni facenti parte dellazienda.

9 OGGETTO AZIENDA o RAMO di AZIENDA, senza pregiudizio per i partecipanti allimpresa familiare (in particolare, diritto alla liquidazione e diritto di prelazione). PARTECIPAZIONI SOCIETARIE: è necessario rispettare le differenti tipologie societarie (es. art. 2252; clausole di prelazione e di gradimento; divieto di trasferimento)

10 OBBLIGO DI LIQUIDAZIONE DEI LEGITTIMARI NON ASSEGNATARI 768-quater 2. Gli assegnatari dell'azienda o delle partecipazioni societarie devono liquidare gli altri partecipanti al contratto, ove questi non vi rinunzino in tutto o in parte, con il pagamento di una somma corrispondente al valore delle quote previste dagli artt. 536 e seguenti; i contraenti possono convenire che la liquidazione, in tutto o in parte, avvenga in natura.

11 MODALITA DI LIQUIDAZIONE: (a) adempimento immediato dellobbligazione (pagamento delle somme o, in alternativa, trasferimento dei beni in natura ai potenziali legittimari) (b) rinunzia (totale o parziale) dei legittimari non assegnatari (c)differimento dellassegnazione ex art. 768quater, comma 3. (difficoltà, per lassegnatario, di reperire i mezzi).

12 Diritti dei legittimari sopravvenuti alla stipulazione del patto 768-sexies. Rapporti con i terzi. 1. All'apertura della successione dell'imprenditore, il coniuge e gli altri legittimari che non abbiano partecipato al contratto possono chiedere ai beneficiari del contratto stesso il pagamento della somma prevista dal secondo comma dell'art. 768-quater, aumentata degli interessi legali. Soggetti che hanno acquisito la qualità di legittimario dopo la conclusione del patto: figli nati successivamente al patto o successivamente riconosciuti, il coniuge che ha successivamente contratto matrimonio. Il soggetto che perde la qualifica di legittimario?


Scaricare ppt "Il patto di famiglia. GENERALITA Introdotto con l. 14 febbraio 2006, n. 55 (in vigore dal 16 marzo 2006). Artt. 768bis – 768octies NOZIONE 768-bis 1."

Presentazioni simili


Annunci Google