La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CANONE della LETTERATURA EUROPEA Università e scuola per un canone della letteratura europea (maggio 2010- aprile 2012) UNESPERIENZA EDUCATIVO–DIDATTICA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CANONE della LETTERATURA EUROPEA Università e scuola per un canone della letteratura europea (maggio 2010- aprile 2012) UNESPERIENZA EDUCATIVO–DIDATTICA."— Transcript della presentazione:

1 CANONE della LETTERATURA EUROPEA Università e scuola per un canone della letteratura europea (maggio aprile 2012) UNESPERIENZA EDUCATIVO–DIDATTICA INTERDISCIPLINARE nellASSE CULTURALE dei LINGUAGGI I.I.S. GIORDANO BRUNO di PERUGIA Classi I A e II A Liceo Linguistico- Classe IV B Biologico Docenti: Patrizia Sargentini, M.Cristina Baldoni, M.Giovanna Gori, Benedetta Iannalfo, Maribeel Rada (Liceo Linguistico); Filomena Ferrigno, Silvia Marcucci (Indirizzo Biologico) Coordinamento: Prof.ssa Patrizia Sargentini A.s. 2010/2011 Dirigente Scolastico: Rosella Neri

2 LE PRINCIPALI ATTIVITÀ PREVISTE in Italia ed in Europa (MAGGIO 2010-APRILE 2012) costituzione di gruppi di ricerca università-scuola per lindividuazione di proposte di percorsi didattici da sperimentare nelle classi seminari di approfondimento con i docenti predisposizione di questionari per docenti e studenti con il duplice obiettivo: creazione di un campione fondato su criteri di scientificità e introduzione delle tematiche del progetto nel dialogo didattico. Incontri/conferenze con gli studenti Messa a punto di unAntologia della letteratura europea che tenga conto della sperimentazione effettuata. Convegno internazionale conclusivo. IL PARTENARIATO Dipartimento di Studi Europei e Interculturali (DSEI), Univ. La Sapienza, Roma promotore (IT) Ciid, coordinatore (IT) Università di Bucarest – Facoltà di Lettere, (RO) Romanisches Seminar der Cristian-Albrecht Universität zu Kiel, (DE) Centro de Estudos Comparatistas – Fac. Letras Univ. Lisboa, (PT) Universidade de Santiago de Campostela, Santiago de Campostela (ES) Istituto Politécnico de Leiria, Leiria (PT) Language Service Centre, Giessen (DE)

3 Led. linguistico-letteraria multiculturale nella Scuola secondaria di II grado: Italiano, Latino, Inglese, Francese, Spagnolo Il problema della necessaria mediazione didattica tra i bisogni della formazione letteraria, linguistico-comunicativa, storica e culturale degli allievi e le risorse dei vari saperi disciplinari dellarea linguistica; Necessità di superare linsegnamento/apprendimento autoreferenziale delle singole discipline dellAsse linguistico.

4 Letterature, identitità e comune umanità. Alla ricerca di unIDENTITÀ LINGUISTICO-LETTERARIA EUROPEA È possibile immaginare di proporre una prassi didattica dellItaliano, del Latino e delle Lingue straniere che offra gli strumenti critici per uneducazione sovranazionale e interdisciplinare della letteratura, sia a livello di scuola secondaria di I grado che di II grado? Essa lascerebbe molto spazio alla capacità dei docenti e degli studenti di operare per la conoscenza della cultura letteraria europea in chiave critica e storico- problematica, nella prospettiva della ricerca di aspetti comuni alle diverse civiltà e comunità umane, pur nei diversi contesti.

5 EDUCAZIONE INTERLINGUISTICA e INTERLETTERARIA nel BIENNIO della Scuola secondaria di II Grado Anziché accostarci ai grandi testi del passato come se nelle loro pagine fosse depositato un repertorio eterno di valori già dati, che si tratta solo di trovare e di assimilare, possiamo considerarli prospetticamente, per ripercorrere e rivivere gli svariati significati psicologici, sociali, morali, conoscitivi che di volta in volta sono stati veicolati dalla letteratura; per inventare un nostro universo di significati, attualizzando quei valori alla luce delle esigenze della vita attuale.

6 DIALOGO passato/presente: opere letterarie canoniche come mezzi per la conoscenza di sé e del mondo Rappresentazioni esemplari di visioni del mondo, utopie, concezioni estetiche e morali del passato, ma ancora capaci di parlare ai lettori del presente Strumenti per : riconoscere le letterature come mezzi preziosi per conoscere meglio se stessi ed il mondo, riconoscere il carattere complesso di ogni identità personale (generazione, genere, ruolo) e di ogni società (caratteri geo- ambientali, socio-economici, etico-politici, culturali), per il dialogo interculturale, per una graduale approssimazione allaltro.

7 Obiettivi del Canone della Letteratura europea: favorire la collaborazione fra insegnanti di lingue diverse nella progettazione e nella realizzazione di percorsi didattici trasversali e verticali relativi alla lettura/comprensione/interpretazione di testi letterari e filmici, in modo da produrre e valutare buone pratiche di integrazione dei curricoli in orizzontale ed in verticale, voluta dalla Riforma e da Corsi di formazione in atto, quali il Poseidon- INDIRE; favorire la conoscenza delle recenti acquisizioni delle scienze del linguaggio e della ricerca psicopedagogica sui diversi processi cognitivi che sono alla base della comprensione di un testo letterario, filmico, ecc., sui differenti livelli a cui questa comprensione può avvenire e sulle diverse dimensioni presenti nella competenza di lettura (cognitiva e metacognitiva, affettivo-relazionale);

8 Obiettivi del Canone della Letteratura europea: mettere a disposizione dei docenti -corsisti e non- un deposito di materiali didattici sulleducazione linguistico- letteraria utili ad un lavoro sistematico di ricerca e di osservazione sul confronto tra situazioni di partenza, tendenze, stili cognitivi diversi degli alunni e obiettivi e competenze programmati e raggiunti; favorire il riconoscimento delle principali difficoltà che possono ostacolare i processi di comprensione/interpretazione e quindi la ricerca sugli interventi necessari, anche attraverso una maggiore familiarizzazione con i quadri di riferimento teorici della literacy della lettura/comprensione/interpretazione.

9 La didattica della lettura, comprensione e riscrittura di testi in unesperienza ed.-didattica interletteraria di taglio tematico Il nuovo concetto di competenza di lettura (reading literacy); I principali processi cognitivi e metacognitivi implicati; La cooperazione lettore-testo e il piacere della lettura; Le difficoltà nella lettura-decodifica (parole-chiave, campi semantico- associativi, struttura, autore, pubblico, codice, testo e contesto, ecc.); Le difficoltà nella comprensione del lessico; I caratteri della descrizione spazio-temporale e della caratterizzazione dei personaggi; La/e voce/i narrante/i; i punti di vista. Il genere ed i sottogeneri; i topoi. Il taglio tematico essenziale nellinterpretazione contenutistico- stilistica. Le difficoltà nella riscrittura con coesione, coerenza ed efficacia dellargomentazione. I nuclei fondanti delleducazione linguistico-letteraria in unottica plurilinguistica e pluridisciplinare.

10 LETTURA/COMPRENSIONE/INTERPRETAZIONE per il Canone della Letteratura europea (lassurdità della guerra; il sogno come modificazione dellesistente; lo sguardo dellaltro) Al centro del concetto di lettura, il soggetto studente che legge; selezione mirata dei testi letterari, filmici e poetico-musicali, oltre che delle attività educativo-didattiche pertinenti le diverse tematiche; La lettura come rielaborazione/interpretazione critica di situazioni di contradditorietà tra: -ideali politico-civili e logiche imperialistico-economiche spersonalizzanti dellindividuo (assurdità della guerra); -libera espressione del sé e convenzioni/materialismo/consumismo (il sogno); -giustizia, verità, tolleranza, diritti innati e principio dautorità, pregiudizi e convenzioni (lo sguardo dellaltro).

11 LED. LINGUISTICO-LETTERARIA come LABORATORIO INTERPRETATIVO COLLETTIVO I processi cognitivi, linguistici, letterari, metalinguistici e metaletterari della lettura sono complessi, per il riferimento a conoscenze e competenze pregresse e a inferenze da altri apprendimenti scolastici e dal proprio bagaglio culturale, musicale, filmico, iconografico. Le nuove Indicazioni relative al primo ciclo distruzione, e il Nuovo obbligo relativo al secondo ciclo distruzione (DM n. 139/07) pongono attenzione alla complessità della lettura, che richiede di: - procedere dalla lettura orientativa a quella selettiva; - individuare parole-chiave, scelte strutturali e stilistiche, rappresentazione dello spazio e del tempo, caratterizzazione dei personaggi; -far uso del confronto dialogico e della mediazione tra docente/studenti e tra gli studenti, comunque interpreti centrali del testo letterario, in una sorta di laboratorio interpretativo multifocale; -pervenire alla categorizzazione del tema nei suoi vari aspetti ed al giudizio valutativo abituando gli studenti al confronto e a una sintesi condivisa.

12 ASSURDITÀ DELLA GUERRA Disciplina: Italiano Docente: Patrizia Sargentini Analisi del testo, comprensione ed interpretazione dei seguenti: Racconti: fantastico-surreale: Franz Kafka, Il cavaliere del secchio,1920 da Un medico di campagna (I guerra mondiale) realistico-psicologico: Isaak Babel (ucraino; ), Il disertore, 1920 (I guerra mondiale) storico-realistico: Heinrich Böll (tedesco; ), Viandante se giungi a Spa…, 1950 (Fine II guerra mondiale) fantascientifico: Fredric Brown (statunitense; ), Sentinella, 1959 da Le meraviglie dellimpossibile (critica alla Guerra fredda e, in genere, ad ogni guerra) Romanzo: Emilio Lussu, Un anno sullaltipiano, 1938, libro di memorie/autobiografico (la maggior parte dei fatti riprendono avvenimenti realmente accaduti), ma anche romanzo (i personaggi non corrispondono esattamente a figure ben identificate della Brigata Sassari, come ad esempio il Generale Leone): scheda sul romanzo; ascolto della lettura ed interpretazione di un brano; indizio della recente rivalutazione è l'inserimento di Un anno sull'altipiano nel "canone" delle 137 opere fondamentali della Letteratura Italiana Einaudirealmenteromanzocanone Testi poetici: G. Ungaretti, San Martino del Carso

13 ASSURDITÀ DELLA GUERRA Disciplina: Italiano Docente: prof.ssa Patrizia Sargentini Canzone: E. Bennato, Lisola che non cè Film: La Grande Guerra di Mario Monicelli, 1959, con Alberto Sordi e Vittorio Gassman: visione e recensioni- LEONE DORO ALLA MOSTRA DI VENEZIA 1959; Cittadinanza e Costituzione: art. 11 della Costituzione della Repubblica italiana. FASI dellATTIVITÀ: Fase 1: Analisi/interpretazione dei testi narrativi (racconti e libro di memorie): dalla lettura (analisi/comprensione guidata) alla riscrittura (interpretazione); Fase 2: confronto e feedback sulla tematica della guerra; Fase 3: Visione del film La Grande Guerra: cineforum; analisi-interpretazione del film La Grande Guerra; Fase 4: analisi/interpretazione del testo poetico e della canzone; Fase 5: analisi dellart. 11 della Costituzione e attualizzazione del tema nel riferimento alle guerre contemporanee; messa in luce dellinutilità del sacrificio individuale e di generazioni per logiche economiche ed imperialistiche proprie di ogni potenza in campo; abbandono dellottica etnocentrica.

14 ASSURDITÀ DELLA GUERRA Disciplina: Italiano Docente: prof.ssa Patrizia Sargentini ASPETTI TEMATICI comuni ai testi: INSENSATEZZA e ATROCITÀ della guerra in ogni epoca ed in ogni schieramento ALIENAZIONE del soldato ANONIMATO, FRAGILITÀ, PRECARIETÀ e SOFFERENZA fisica e psicologico-morale della condizione del soldato INTERRUZIONE della dimensione spazio-temporale del vissuto quotidiano, privato e civile PERDITA dellADOLESCENZA e GIOVINEZZA TRADIMENTO di ideali patriottici e del senso di appartenenza nellanomia della soggezione alle logiche di una ristretta élite INUTILITÀ del sacrificio di soldati e civili; CORALITÀ LOGICHE DI POTENZA NAZIONALISTICHE ed IMPERIALISTICHE STRANIAMENTO E CADUTA DELLOTTICA ETNOCENTRICA.

15 ASSURDITÀ DELLA GUERRA Disciplina: Italiano Docente: prof.ssa Patrizia Sargentini TECNICHE analizzate: struttura narrativa e rappresentazione del tempo: confronto tra fabula e intreccio: ordine delle sequenze nel tempo, flashback, anticipazioni, ecc.; tempo narrativo come durata (rapporto tra tempo della storia e tempo del racconto), spannung, scioglimento; rappresentazione del tempo concitata e/o non lineare; elementi descrittivi dello spazio: visivi, acustici, olfattivi, tattili, cromatici, forti contrasti, drammaticità, desolazione, distruzione, morte; aspetti simbolici anche nel riferimento a campi semantici, aspetti fonologici, morfologici, sintattici, lessicali e alle diverse funzioni linguistiche; presentazione, caratterizzazione e sistema dei personaggi; realismo, indagine psicologica, ecc.; anafore, metafore, analogie, simboli, sinestesie, ecc.; narratore interno ed esterno, relatività dei punti di vista, focalizzazione esterna, interna e zero, discorso indiretto libero, ecc.

16 Unità di apprendimento: Lassurdità della guerra I.I.S. Giordano BrunoPerugia a.s Classe 1A/ L Disciplina Lingua francese Docente M.C.Baldoni Tempi:aprile/ maggio (12 ore) COMPETENZE - utilizzare la lingua straniera per i principali scopi comunicativi mediante lattuazione di processi operativi di ricezione, produzione ed interazione sia orali che scritti - leggere, comprendere ed interpretare un testo poetico COMPETENZE - produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi - utilizzare la multimedialità per lo sviluppo dei processi operativi sopraindicati ABILITÀ/ CAPACITÀ - comprendere semplici e brevi testi orali (trasmessi attraverso diversi canali), cogliendone largomento, la situazione e gli elementi essenziali - utilizzare un repertorio di strutture, lessico ed espressioni di base che consentano di esprimere il proprio punto di vista rispetto al tema della guerra ABILITÀ/ CAPACITÀ - interagire in conversazioni guidate in modo adeguato al contesto - comprendere brevi testi scritti in versi (poesie, canzoni) cogliendone il significato globale e reperendo informazioni specifiche ABILITÀ/ CAPACITÀ - riconoscere ed individuare i principali aspetti formali ed alcune figure retoriche di un testo poetico - riferire sul contenuto di un testo poetico e di una canzone ABILITÀ/ CAPACITÀ - saper riferire dati relativi al contesto storico-culturale - produrre brevi e semplici testi scritti di comprensione ed interpretazione lineari, appropriati nelle scelte lessicali e per lo più corretti nelluso delle strutture morfosintattiche ABILITÀ/ CAPACITÀ - riflettere sugli elementi linguistici con riferimento agli aspetti fonologici, morfologici, sintattici, lessicali e sugli usi linguistici anche in unottica comparativa con la lingua italiana

17 CONOSCENZEstrategie per la comprensione globale e selettiva di testi in versi, scritti, orali e multimediali, inerenti il tema della guerra (assurdità, rifiuto - aspetti comunicativi, socio-linguistici e paralinguistici della interazione e della produzione orale in relazione al contesto e agli interlocutori CONOSCENZE - strutture grammaticali di base della lingua - sistema fonologico, ritmo e intonazione della frase, ortografia e punteggiatura - lessico e fraseologia idiomatica di uso frequente relativi al tema della guerra - Modalità e tecniche di produzione di un semplice testo espositivo/argomentativo - denotazione / connotazione - tecniche di lettura espressiva - caratteristiche formali del testo poetico ( il sonetto, la divisione in strofe, il verso, la rima) e alcune figure retoriche (analogia, metafora) - aspetti storico-culturali dei paesi di cui si studia la lingua CONTENUTI TESTI - A.Rimabaud, Le dormeur du val - B.Vian, Le déserteur FUNZIONI LINGUISTICHE - situare eventi nel tempo (passato, presente, futuro) - ordinare / proibire - accettare / rifiutare - descrivere persone, paesaggi, stati danimo STRUTTURE GRAMMATICALI - il passé composé - laccordo del participio passato con gli ausiliari essere/ avere - futur proche / passé récent - la forma imperativa affermativa e negativa LESSICO - la guerra - i sentimenti (la gioia, la sofferenza, la paura) - la natura e gli elementi del paesaggio - CIVILTÀ - Cenni biografici su A.Rimbaud e B.Viàn - Cenni sulal guerra franco-prussiana del Cenni sulla guerra in Indocina ed Algeria ATTIVIT À - ascolto di brani registrati / visione di brevi filmati / lettura di semplici testi scritti / risposte a domande / partecipazione a conversazioni / completamento di griglie / esercizi di completamento

18 STRATEGIE/ STRUMENTI Analisi intratestuale: a) avvicinamento al testo: identificazione, ricerca di informazioni, previsione; b) lettura globale con note e con dizionario; c) individuazione di caratteristiche specifiche reperite con metodo induttivo ( focalizzazione del tema principale, individuazione di parole e/o concetti chiave, individuazione di temi secondari, analisi degli aspetti formali…); d) fase produttiva: riconnessione dei risultati del lavoro precedente. Analisi extratestuale: a) raccolta e selezione dei dati relativi alla vita e alla produzione dello scrittore; b) raccolta e selezione dei dati relativi al contesto storico- culturale - lezione frontale e/o partecipata - lavoro individuale e a coppie - fotocopie - dizionario bilingue - CD - laboratorio multimediale - enciclopedia multimediale VERIFICHE VERIFICHE ORALI - interazione ins./stud. - stud./stud. VERIFICHE SCRITTE - esercizi di completamento e di trasformazione COMPETENZE CHIAVE TRASVERSALI saper comunicare / saper selezionare / saper leggere / saper generalizzare / saper strutturare COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE imparare ad imparare/ comunicare/ collaborare e partecipare/ agire in modo autonomo e responsabile

19 U.D. LASSURDITÀ DELLA GUERRA Classe I A Linguistico Disciplina: Inglese Docente: Benedetta Iannalfo Destinatari: I A Liceo linguistico Durata: 3 unità orarie Pre-requisiti: Linguistici: livello A2 Culturali: conoscenza generica dei principali conflitti del ventesimo/ventunesimo secolo. Finalità: stimolare gli studenti a una riflessione più approfondita sulla tematica della guerra; sollecitare un confronto fra due tipologie di testo diverse a partire dallanalisi stilistica e tematica; aprire le porte a un confronto interdisciplinare, di modo che gli studenti comprendano che listruzione non è fatta di compartimenti stagni. Obiettivi disciplinari: lalunno sarà in grado di orientarsi nellanalisi testuale di un testo poetico; lalunno sarà in grado di riconoscere alcune fra le principali figure retoriche; lalunno saprà commentare un testo poetico in lingua e comprenderne il messaggio centrale;

20 Abilità coinvolte: Listening; Speaking; Writing Strumenti: fotocopie; cd lettore cd Spazi coinvolti: aula. Testi: Wilfred Owen, Dulce et decorum est. Greenday, 21 guns. Strutturazione dellunità: Prima/seconda lezione: Warm-up: brainstorming sulla I Guerra Mondiale. Presentazione del titolo della poesia e elicitazione del significato. Analisi: lettura e traduzione del testo Dulce e t Decorum est. Analisi stilistica: ricerca di metafore, similitudini, allitterazioni ecc. Analisi tematica del testo: divisione in strofe e riconoscimento della tematica di ciascuna di esse (in coppia:dare un titolo ad ogni strofa). Riconoscimento del messaggio centrale della poesia: rifiuto del concetto insito nella frase di Orazio che ne costituisce il titolo; idea della morte in guerra come avvilente e indegna di un essere umano.

21 Terza lezione: Warm-up: riconoscimento della canzone dalle prime note e brainstorming sui Greenday e sul loro impegno per unazione in politica estera contraria alla linea seguita dallex-presidente statunitense G.W. Bush. Analisi: ascolto e esercizio di completamento. Analisi delle figure retoriche contenute nella canzone e riconoscimento di alcuni punti in comune con il testo precedente anche nelle immagini poetiche utilizzate. Riconoscimento della funzione delle domande contenute nel testo. Analisi contenutistica: riconoscimento dell tu presente nella canzone e identificazione con la figura del soldato reduce di guerra, incapace di tornare a una vita normale e in lotta con la propria coscienza. Follow-up: elaborazione a casa di un breve testo di confronto fra la poesia e la canzone dal punto di vista tematico, con commento personale.

22 ANALISI LINGUISTICA, STILISTICA E TEMATICA Temi comuni ai testi trattati: Inutilità del sacrificio della vita umana; Impossibilità di ritornare a una vita normale in seguito alla partecipazione ad un conflitto; Senso di solidarietà universale fra gli uomini; Sofferenza fisica e psicologica del soldato durante e dopo la guerra; Condizione umiliante del soldato in guerra; Senso di responsabilità nei confronti delle proprie scelte e del proprio operato. Tecniche: Dulce et decorum est: Ampio utilizzo di figure retoriche quali la metafora e la similitudine. Uso di assonanze, allitterazioni, rime interne, enjambement. Presentazione di immagini realistiche; Presenza dominante dellio poetico che descrive con forza e crudezza i propri ricordi e le impressioni. 21 guns: Ampio utilizzo di figure retoriche come la similitudine, la metafora, la personificazione; Uso di assonanze e allitterazioni; Ampio uso di frasi interrogative (lio poetico si rivolge a unipotetica figura di reduce).

23 SCHEDA DI SINTESI PER LU.D. LASSURDITÀ DELLA GUERRA Destinatari: classe I° A del Liceo Linguistico Docente: Maria Giovanna Gori Disciplina: Lingua latina Analisi tematica dei seguenti testi: E. Luttwak, La grande strategia dell'impero romano (passo relativo alla strategia militare romana fondata su metodo e disciplina) Passo di Giuseppe Flavio sull'assedio romano alla roccaforte di Masada Orazio, Epodo 16 Temi comuni ai testi trattati: Eccessi e paradossi delle logiche di guerra La guerra come processo di autodistruzione La guerra come valore di riferimento

24 In particolare: La grande strategia dell'impero romano Lucida e oggettiva analisi dei fondamenti della potenza della macchina bellica romana con riferimento all'asse storico Giuseppe Flavio La storia considerata dalla parte dei vinti Il paradosso del suicidio di massa come extrema ratio Orazio Condanna e sgomento nel contesto delle guerre civili La barbarie della guerra fratricida e la profetizzazione dell'autodistruzione La guerra come pena di una colpa originaria

25 U.D. IL SOGNO COME MODIFICAZIONE DELLESISTENTE Classe II A Linguistico a.s. 2010/11 Docente: Patrizia Sargentini COMPETENZE DELLASSE DEI LINGUAGGI: dell Ed. Letteraria in Italiano, nelle Lingue Straniere e della Storia dellArte: Analisi/interpretazione: comprendere ed interpretare testi letterari, filmici ed opere pittoriche; individuare gli aspetti specifici di ogni opera nel contesto di riferimento della stessa; compiere rielaborazioni/interpretazioni diversificate in relazione a contenuti e scopi diversi; produzione scritta: pianificare e dare struttura e forma linguistica adeguate a testi di vario tipo in relazione al destinatario, allargomento, alla situazione comunicativa, alla funzione linguistica e al tipo di verifica scritta richiesti; analisi/interpretazione del testo letterario narrativo, poetico e filmico e dellopera darte; utilizzare competenze/conoscenze interdisciplinari, al fine di superare la divisione dei saperi; acquisire una coscienza di sé, come parte di una realtà socio-culturale frutto dellevoluzione storica e artistico-letteraria europea; saper progettare le proprie attività di studio e lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi, definendo le strategie di azione e verificando i risultati conseguiti; pianificare e realizzare esposizioni orali ed elaborazioni scritte individuali utilizzando la terminologia specifica.

26 METODOLOGIE /STRATEGIE UTILIZZATE: individuazione ed enucleazione dei concetti-chiave e degli elementi essenziali dalla visita guidata alla mostra Teatro del sogno. Da Picasso a Chagall; analisi/interpretazione delle opere darte, dei testi letterari e del testo filmico, dei documenti e dei materiali biblio-sitografici; ricomposizione/elaborazione argomentata delle conoscenze e delle competenze apprese, prima individuale, poi collettiva. SOTTOTEMI: coscienza di sé, della condizione umana di limite, di tensione al superamento del finito nellinfinito; dialettica tra aspirazioni, speranze e disinganno delletà matura, tra armonia originaria tra uomo e natura e disinganno della vita artificiale, di una logica storico-economica che impedisce la piena ed autentica espressione del sé; inadeguatezza della contemporanea società materialistica, consumistica ed omologante rispetto al desiderio di espressione soggettiva dellindividuo; il sogno come aspirazione individuale e collettiva al cambiamento/miglioramento della società, da rendere più attenta alla persona ed ai diritti innati di ogni uomo.

27 ANALISI DI TESTI POETICI e NARRATIVI: G. Leopardi, Alla luna G. Leopardi, Linfinito I. Calvino, Le città invisibili, cap. conclusivo F.Fellini, La voce della luna- ultimo film della produzione del regista e summa delle sue tematiche M. Ende, La storia infinita FASI dellATTIVITÀ: Fase 1: visita guidata della mostra Teatro del sogno, da Chagal a Picasso; Fase 2: confronto e feedback sulla tematica del sogno; Fase 3: Visione del film La voce della luna: cineforum; ricerca guidata in Internet per lindagine della cinematografia felliniana e per lanalisi-interpretazione de La voce della luna; Fase 4: analisi/interpretazione dei testi poetici di G. Leopardi; Fase 5: analisi/interpretazione del cap. conclusivo de Le città invisibili di I. Calvino; caratteri, tematica e messaggi dellopera; soluzioni linguistico-stilistiche e della struttura combinatoria;

28 FASI dellATTIVITÀ (continua): Fase 6: analisi/interpretazione di un brano da La storia infinita di M. Ende; caratteri, tematica e messaggi dellopera; soluzioni linguistico-stilistiche; Fase 7: recensioni individuali del film anche nel riferimento/confronto extratestuale con i testi poetici di G. Leopardi e quelli narrativi suddetti; attualità del messaggio felliniano; Fase 8: il sogno tra Romanticismo, realismo fantastico e fantasy; il sogno tra passato e presente; cenni ai diversi contesti storici e storico-letterari. TECNICHE ANALIZZATE in Italiano e in Lingua Francese: La rappresentazione del tempo e dello spazio rivissuti o immaginari, l'uso dell'analogia e del simbolo per individuare rapporti tra immagini e contenuti lontani tra loro; luso di figure retoriche quali la metafora, la similitudine, l'ossimoro, l'onomatopea, lallitterazione e la sinestesia che rinvia ad immagini e parole evocative di sfere sensoriali diverse, per lo svelamento di profondità nascoste dietro le apparenze della realtà oggettiva; il fonosimbolismo delle scelte lessicali per la forza evocativa, sia sul piano del significato, sia su quello del significante; la dimensione onirica, surreale e fantastica come evocatrici di mondi altri, del superamento –nello straniamento- delle disarmonie e contraddittorietà del vivere sotto il peso di convenzioni e dei condizionamenti del materialismo e consumismo.

29 UNITÀ DI APPRENDIMENTO SPALANCARE LA VITA AL SOGNO (M.CHAGALL) DESTINATARI: classe II A Lic.Linguistico G. Bruno di Perugia Disciplina: Lingua Francese Docente : Luciana Spera COMPETENZE: Utilizzare la lingua straniera per scopi comunicativi Leggere, comprendere testi di tipo poetico e artistico interagire in conversazioni brevi e semplici sul tema del sogno, utilizzare strumenti multimediali, fare una ricerca in Internet collaborare e partecipare agire in modo autonomo e responsabile CONOSCENZE: Regole grammaticali fondamentali Lessico del testo poetico e artistico ABILITA: Produrre brevi e semplici testi inerenti largomento trattato anche a partire dal proprio vissuto Comprendere testi poetici Analizzare testi iconici

30 METODOLOGIA: Lezione frontale e partecipata,lavoro di gruppo e a coppie,lavoro autonomo,appunti dellinsegnante, ricerca guidata in Internet. STRUMENTI E FASI DELLATTIVITÀ: Laboratorio linguistico, fotocopie dellinsegnante. Fase 1: Motivazione:gruppo classe. Discussione a partire dalla realtà individuale : il sogno nel quotidiano di ognuno – Sogno e incubo – Sogno e simboli – la sinestesia : il linguaggio delle nostre emozioni Fase 2:Distribuzione di testi poetici :individuazione dei campi lessicali, delle figure retoriche, dei concetti chiave e analisi. ANALISI DI TESTI POETICI : A. Rimbaud : « Voyelles » - « Aube » P. Verlaine : « Mon rêve familier » P. Eluard : « Magie des images » (da « Capitale de la douleur ») Fase 3: Confronto e feedback Fase 4: ricerca guidata in Internet (individuale o a piccoli gruppi ) : Tappe essenziali nella biografia di Marc Chagall - Caratteristiche stilistiche e del messaggio culturale della sua opera - Analisi del quadro: Sopra Vitebsk - Fase 5: Rielaborazione personale e presentazione alla classe:Il Sogno come trasformazione della realtà : siamo tutti demiurghi?

31 ASPETTI TEMATICI COMUNI AI TESTI: Il linguaggio simbolico del sogno e il linguaggio simbolico della poesia e della pittura,la rottura con il reale e il razionale: rottura del rapporto causa-effetto: e del rapporto spazio- temporale. il linguaggio simbolico del sogno e quello della poesia : abolizione della sintassi normale e valorizzazione dellanalogia, collegamenti tra elementi che, nella logica diurna, non hanno un legame apparente, predominanza del sogno, della fantasia, dellinconscio, che procede sempre attraverso una logica diversa da quella della ragione: quella delle libere associazioni dellio interiore. La centralità della parola come magia, allusione, musica e soggettivismo e individualismo. Musicalità come mezzo per realizzare l invito al sogno e sogno come mezzo di indagine interiore. Il Sogno come espressione di aspirazioni collettive Il Sogno come attuazione dellatto creativo la trasformazione della realtà e il superamento dei suoi limiti Scrittura automatica e onirismo, Il sogno di una nuova umanità

32 SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE Modulo per un Canone della letteratura europea a.s. 2010/2011 Docenti: Ferrigno Filomena e Marcucci SilviaDiscipline: ITALIANO e INGLESE Classe: IV BIndirizzo: Biologico TITOLO: LO SGUARDO DELLALTRO (PERCORSO TEMATICO) Nelletà dei Lumi, in un periodo cruciale della storia europea, letterati e filosofi riflettono sulla pluralità delle culture e dei punti di vista, contribuendo, anche attraverso linvenzione di situazioni fantastiche, a demolire lantropocentrismo, a creare un clima di tolleranza e di rispetto nei confronti dellaltro (chi appartiene a unaltra civiltà, chi ha idee diverse dalle nostre). Lartificio dello straniamento, losservarci attraverso lo sguardo dellaltro, aiuta a prendere le distanze dai propri pregiudizi e a giudicare con spirito critico i propri costumi e istituzioni; il libro di viaggi, il racconto filosofico, il dialogo, aprono il dibattito a un pubblico più ampio. In seguito, nellambito della letteratura romantica, laltro per eccellenza può diventare il mostro creato dallo scienziato, il quale ha irresponsabilmente scatenato forze incontrollabili e distruttive. A suo tempo, anche Dante, spostandosi nel mondo ultraterreno e assumendo una prospettiva altra, aveva denunciato in maniera più autentica i mali della sua epoca, cercando di combattere con la parola poetica per la giustizia e la verità.

33 CONTENUTI B. de Fontenelle, Dialoghi sulla pluralità dei mondi (brano: Superstizioni e intolleranza fra gli abitanti di Giove) J. Swift, Gullivers travels ( brano: Gulliver in houyhnhnmland) Voltaire, Micromegas (brano su Micromegas che incontra gli umani) Candido (capitoli XVII e XVIII: lEldorado) Trattato sulla tolleranza (capitolo XXIII, Preghiera a Dio) G. Leopardi, Operette morali (Dialogo di un folletto e di uno gnomo) M. Shelley, Frankenstein (brano dal capitolo quinto). Film: Mary Shelleys Frankenstein, di K. Branagh Dante, Purgatorio, canto VI (Sordello e linvettiva allItalia e a Firenze) OBIETTIVI Saper condurre unanalisi testuale utilizzando strumenti specifici: paradigma della letteratura (autore, pubblico, referente, canale, codice, testo); mappe concettuali; schemi; traduzioni. Saper contestualizzare i testi rispetto alla tradizione dei codici e alle produzioni letterarie coeve in relazione al contesto storico. Saper confrontare i testi evidenziando le tematiche in esame. Saper riconoscere le tecniche narrative, in particolare lo straniamento. Saper formulare un giudizio critico e sapersi esprimere oralmente e per iscritto in forma corretta e con proprietà di linguaggio.

34 STRATEGIE DIDATTICHE, MATERIALI E STRUMENTI Lezione partecipata. Confronto/dibattito. Lezione frontale. Colloqui individuali. Traduzioni. Verifica scritta (Individuazione delle tematiche nei diversi testi esaminati). Libro di testo di letteratura, I testi, le immagini, le culture. La letteratura e lintreccio dei saperi, Palumbo. ANALISI DEI TESTI – ASPETTI TEMATICI Condanna dellintolleranza Denuncia delle superstizioni e dei pregiudizi Critica dellantropocentrismo Condanna dellavidità, della violenza e della guerra Elogio della scienza e della libertà di pensiero Critica delluso irresponsabile delle conoscenze scientifiche

35 Ad ogni u.d. didattica di taglio tematico programmata e verificata in itinere dai tre diversi gruppi di insegnanti sono seguite prove di verifica disciplinari ed infine, per Lassurdità della guerra (classe I A Liceo Linguistico), anche una prova interdisciplinare per tutte le materie coinvolte. Per questultima le docenti di Italiano, Latino, Francese, Inglese e Spagnolo hanno definito: i testi letterari da proporre allanalisi/interpretazione degli studenti secondo sottotemi tra di loro complementari; la struttura organica della prova secondo una coppia di quesiti per ogni Lingua, luno di tipo contenutistico/tematico (comprensione complessiva), laltro di tipo linguistico-stilistico; una griglia comune di valutazione per competenze. Attività presentata dalla prof.ssa Patrizia Sargentini al Convegno regionale umbro CIDI del 3 maggio 2012, Perugia


Scaricare ppt "CANONE della LETTERATURA EUROPEA Università e scuola per un canone della letteratura europea (maggio 2010- aprile 2012) UNESPERIENZA EDUCATIVO–DIDATTICA."

Presentazioni simili


Annunci Google