La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ambiente di apprendimento e TIC Modulo n. 4 Tutor:Taccone Francesca.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ambiente di apprendimento e TIC Modulo n. 4 Tutor:Taccone Francesca."— Transcript della presentazione:

1

2 Ambiente di apprendimento e TIC Modulo n. 4 Tutor:Taccone Francesca

3 Luogo virtuale o luogo reale? Le TIC cambiano il modo di produrre conoscenza, rispondono a nuovi bisogni di formazione. Lo scenario sociale è in continua evoluzione, e si è chiamati a gestire sistemi complessi, a ri-organizzare lambiente scolastico ridefinendo lambiente di apprendimento nella relazione con le famiglie e con gli alunni, con lutilizzo delle nuove tecnologie.

4 Classi e scuole sono connesse al contesto sociale. Cambia lambiente in cui progettare, organizzare e sviluppare conoscenze e competenze. Nascono le comunità operative, che attraverso la rete consentono di partecipare ad un progetto di apprendimento, in continua evoluzione.

5 Lapprendimento e linsegnamento non si basano più sul rapporto docente – discente, ma constano di un processo, definito nella metodologia, e variabile nei contenuti. Il docente è regista di questo processo, gli studenti e le famiglie gli attori.

6 Come si opera in questo contesto? Apprendimento collaborativo in rete Apprendimento collaborativo in rete Forum Forum Ambiente e- learning (sviluppati con progetti pre-definiti o con sistemi aperti) Ambiente e- learning (sviluppati con progetti pre-definiti o con sistemi aperti) Comunità virtuali Comunità virtuali Web Web

7 Contesto Gli ambienti di apprendimento devono rispondere ai bisogni della nuova produttività sociale. Nel contesto scolastico si ha una nuova concezione dellapprendimento, che pone laccento sulle tecnologie come risorsa che risponde ai bisogni attuali di formazione attraverso un sistema integrato.

8 Sistema integrato Attività di insegnamento- apprendimento Attività di insegnamento- apprendimento Comunicazione tra scuole Comunicazione tra scuole Comunicazione tra scuole e società (reti) Comunicazione tra scuole e società (reti)

9 Processo Le tecnologie aiutano questo nuovo processo fornendo allinsegnamento lopportunità di adeguarsi alle nuove richieste formative. Il risultato finale è variabile, unico sia per capacità e competenze di chi offre il servizio, sia per capacità e caratteristiche di chi lo riceve, allinterno di un contesto definito.

10 La scuola deve costruire dei processi in cui le tecnologie siano funzionali alla comunicazione e alla conoscenza, interagendo con lambiente. Le tecnologie forniscono un mezzo per organizzare e sistemare informazioni, sviluppando un linguaggio ed una conoscenza tesa allo sviluppo della società. Il linguaggio crea conoscenza se viene condiviso ( = comunicazione).

11 Il docente deve contribuire a progettare i percorsi. Lo studente si deve porre allinterno del processo, interagendo con lambiente in modo dinamico.

12 Lapproccio è di tipo immersivo, non astratto e distante. Lo studente accetta di essere allinterno di un ambiente, interagendo con i diversi stimoli che gli vengono offerti. Dallinformazione bisogna andare verso la costruzione della conoscenza (input- processo – output). (input- processo – output). La partecipazione è attiva, interdisciplinare, e consente riflessione, collaborazione, scambio,…

13 Come costruire il percorso? Mappe concettuali Mappe concettuali Organizzazione del contesto Organizzazione del contesto Leggibilità Leggibilità Contenuti Contenuti Problematizzazione Problematizzazione Frasi tematiche Frasi tematiche Rapporto testo/link armonico Rapporto testo/link armonico Feedback continuo. Feedback continuo.

14 Formazione in rete Sistema flessibile, che si adatta alle esigenze formative dellalunno. E – learning basato su progetto che favorisce la scoperta, liniziativa personale, la creazione di percorsi autonomi, la cooperazione, la circolazione del sapere.

15 Elementi per la formazione in rete Apprendimento collaborativo Apprendimento collaborativo Accesso ad informazioni Accesso ad informazioni Scambi Scambi Coincidenza tra applicazione e studio (integrazione del saper – fare) Coincidenza tra applicazione e studio (integrazione del saper – fare)

16 Metodologia strutturata Progetto = processo composto di molte attività: Obiettivo specifico ed unico Obiettivo specifico ed unico Temporalmente definito Temporalmente definito Quantificato nei costi Quantificato nei costi Diviso in fasi Diviso in fasi Con meccanismi di correzione e di verifica. Con meccanismi di correzione e di verifica.

17 In questo progetto lambiente di apprendimento è di tipo costruttivistico. LITS ( Intelligent tutoring system), basato su una logica ipertestuale ma di scarsa interattività in quanto rigido negli schemi, viene superato ponendo laccento su processi atti a favorire lo sviluppo di unadeguata struttura concettuale nel discente, con ambienti interattivi dalle soluzioni originali.

18 Linterfaccia di un ambiente interattivo deve richiamare i contenuti, favorire lesplorazione, la negoziazione sociale, cioè la costruzione cooperativa delle conoscenze.

19 Grazie per lattenzione. Corso B, progetto UMTS Sede A. Da Empoli di Reggio Calabria Modulo n. 4 I corsisti e il tutor Taccone Francesca


Scaricare ppt "Ambiente di apprendimento e TIC Modulo n. 4 Tutor:Taccone Francesca."

Presentazioni simili


Annunci Google