La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dellInformazione e della Comunicazione Modulo 4 corso B Ambienti di apprendimento e TIC.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dellInformazione e della Comunicazione Modulo 4 corso B Ambienti di apprendimento e TIC."— Transcript della presentazione:

1 Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dellInformazione e della Comunicazione Modulo 4 corso B Ambienti di apprendimento e TIC

2 ambiente di apprendimento – a cosa pensi? ambiente virtuale di apprendimento – a cosa pensi?

3 Le TIC cambiano il modo di produrre conoscenza, rispondono a nuovi bisogni di formazione. Lo scenario sociale è in continua evoluzione, e si è chiamati a gestire sistemi complessi, a riorganizzare lambiente scolastico ridefinendo lambiente di apprendimento nella relazione con le famiglie e con gli alunni, con lutilizzo delle nuove tecnologie. Luogo reale o virtuale ? Luogo reale o virtuale ?

4 Classi e scuole sono connesse al contesto sociale. Cambia lambiente in cui progettare, organizzare e sviluppare conoscenze e competenze. Nascono le comunità operative, che attraverso la rete consentono di partecipare ad un progetto di apprendimento, in continua evoluzione.

5 Lapprendimento e linsegnamento non si basano più sul rapporto docente – discente, ma constano di un processo, definito nella metodologia, e variabile nei contenuti. Il docente è regista di questo processo, gli studenti e le famiglie gli attori.

6 Gli ambienti di apprendimento devono rispondere ai bisogni della nuova produttività sociale. Nel contesto scolastico si ha una nuova concezione dellapprendimento, che pone laccento sulle tecnologie come risorsa che risponde ai bisogni attuali di formazione attraverso un sistema integrato. Contesto Contesto

7 Apprendimento collaborativo in rete Forum Ambiente e- learning (sviluppati con progetti pre-definiti o con sistemi aperti) Comunità virtuali Web Come si opera in questo contesto ?

8 Il CONCETTO DI AMBIENTE DI APPRENDIMENTO da una definizione del prof. Calvani: " L'ambiente è definito come un luogo in cui coloro che apprendono possono lavorare aiutandosi reciprocamente, avvalendosi di una varietà di risorse e strumenti informativi, di attività di apprendimento guidato o di problem solving. AMBIENTE DI APPRENDIMENTO

9 B. M. Varisco, ha recentemente sottolineato che:B. M. Varisco linsegnante professionista, è un insegnante considerato principalmente come allestitore ed animatore di ambienti dapprendimento adeguati e specifici, méntore, guida e sostegno alla partecipazione consapevole e responsabile degli studenti, alla stimolazione e al potenziamento della loro motivazione ad apprendere … nella nuova scuola, come nella pratica quotidiana In prospettiva costruttivista socio-culturale

10 attraverso la semplice simulazione e la costruzione di modelli (in fisica, biologia chimica ecc.) favoriscono processi di collegamento, connessione, distinzione, classificazione, riorganizzazione, riconsiderazione delle idee scientifiche man mano esplicitate dagli stessi studenti. generano integrazione cognitiva. sollecitano la sperimentazione in laboratorio e le riflessioni scritte sulle esperienze fatte e il loro confronto. le tecnologie sono diventate risorse cruciali nei nuovi ambienti dapprendimento di matrice costruttivista. Learning partners che:

11 il ciclo di vita di una entità identifica linsieme di stadi attraverso cui passa lentità durante la sua vita descrive quali attività devono essere attuate in ciascuno stadio descrive come gli stadi sono posti in relazione (relazione di precedenza, ritorno, …) L'IDEA DEL CICLO DI VITA

12 motivazione Definizione e validazione dei requisiti iniziali Definizione dei documenti di gestione Definizione della infrastruttura Generalizzazione Codifica del Programma Modello Test delle parti RilavorazioneValutazione Test dinsieme Identificazione difetti e migliorie Assistenza AVVIO COSTRUZIONE MESSA IN SERVIZIO MANUTENZIONE Rilascio FASI del CICLO DI VITA DI UN AMBIENTE DI APPRENDIMENTO

13 Requisiti e struttura di un Ambiente Virtuale di Apprendimento (AVA) Gli AVA possono essere utilizzati per supportare un ventaglio di ambiti di apprendimento, dalla lezione convenzionale in classe allapprendimento a distanza off-line, a quello on-line.

14 Ogni AVA dovrà registrare informazioni di base relative allo studente a prescindere dal contesto di apprendimento: dati di iscrizione dettagli del corso prerequisiti obiettivi di qualificazione tempo di studio (teorico di riferimento) informazioni di tracciatura: moduli completati, risultati ai test e superamento o meno dei medesimi

15 I principali componenti di un AVA adottabile in un percorso di educazione formale sono: mappatura del curricolo in elementi (fette, unità, lezioni) che possano essere verificate e registrate; tracciatura dellattività e dei risultati dello studente rispetto a tali elementi; assistenza allapprendimento on-line; supporto del tutor on-line supporto del gruppo dei pari; comunicazione: , gruppi di discussione, accesso al web; link ad altri sistemi, sia interni che esterni.

16 Genesi del progetto PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ E STRUMENTI Gli aspetti fondanti - da esaminare attentamente per qualificare il valore operativo della progettazione - investono tre ambiti: motivazioni collegialità infrastruttura

17 Parametri che condizionano le scelte da compiere Risorse umane Obiettivi Tempi Costi

18 A quale paradigma pedagogico si fa riferimento? Trasferimento di conoscenza; Apprendimento collaborativo?

19 Chi vuole lo sviluppo del progetto e per quali attività? A parte il singolo docente, un gruppo di progetto può nascere a livello (via via più esteso): di classe disciplinare di istituto di rete

20 STRUTTURE TECNOLOGICHE DISPONIBILI? COMPETENZE TECNOLOGICHE DISPONIBILI ?

21 In fase preliminare: Innanzi tutto nella scelta di quale ambiente utilizzare, si aprono tre possibilità: acquistare un ambiente chiavi in mano prodotto da case produttrici di software; costruire una struttura di base da adattare a differenti percorsi e in cui inserire tool già esistenti in rete o in commercio, o tool realizzati "in casa"; realizzare un ambiente tarato su un percorso specifico

22 JOLIE Sistema per la gestione dellapprendimento in rete

23 le condizioni affinché vada tutto storto! REALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ Obiettivo: creare le condizioni per usare lambiente di apprendimento a scuola Fà tutto da solo! Pochezza a livello di contenuti Mancanza di formazione per il corpo insegnante Mancanza di formazione per il corpo insegnante Training errato per tempi ed oggetto Training errato per tempi ed oggetto Non preoccuparsi della infrastruttura di base Non preoccuparsi della infrastruttura di base Lapproccio da big bang Tutti saranno entusiasti dellambiente dapprendimento! Tutti saranno entusiasti dellambiente dapprendimento! Trascuriamo il controllo qualità Soffochiamo di controllo qualità Tutti i corsi on-line! La fretta di spendere

24 La decisione di investire in un ambiente di apprendimento può essere di poche persone, ma una volta presa, la decisione va condivisa e partecipata, coinvolgendo quanto prima il maggior numero di docenti possibile

25 Linvestimento deve riguardare sia il software che i contenuti

26 I docenti vanno formati, in particolare alluso del sistema, alla veicolazione di contenuti e al supporto on-line agli studenti

27 Chiediamoci: quante scuole formano i docenti alluso di PowerPoint, docenti che poi non hanno accesso a un videoproiettore? Che la formazione sia quindi dedicata ad aiutare i docenti nella loro attività immediata, non per un ipotetico futuro.

28 Prima di intraprendere un percorso verso la formazione on-line, preoccuparsi che linfrastruttura di base sia adeguata.

29 E necessario molto tempo per creare la cultura necessaria alluso di un ambiente virtuale, integrato nellattività quotidiana con la classe. Occorre pianificare obiettivi realistici, lavorando su pochi corsi per dare evidenza che la cosa funziona.

30 Perché i colleghi dovrebbero cambiare le loro abitudini, su cui la loro attività si è fin qui basata? Occorre mostrare loro le convenienze: nella valutazione ( automatizzata ), nella distribuzione di test/dispense, nella gestione anche a casa, nel fornire maggior supporto agli alunni. Occorre essere onesti: ci sarà più lavoro nel breve periodo! Ma si acquisiranno nuove competenze.

31 Contenuti pieni di errori, layout mal disegnato e difficoltà di utilizzo da parte degli utenti. Tutto ciò va evitato, anche con lintervento di competenze specializzate per la struttura/grafica/usabilità; prevedere sempre la rilettura da parte di un terzo esterno prima di mettere in linea qualsiasi contesto.

32 Essere troppo pignoli in merito a ciò che va in linea può portare alla paralisi.

33 Partire con poco ma buono, e crescere gradualmente.

34 Non investire nelle prime opportunità che si presentano; verificare cosa accade in istituti similari; richiedere e valutare offerte alternative. Avere chiare le idee.

35 VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DI UN AMBIENTE DI APPRENDIMENTO Almeno alcune cose basilari, come laccertarci: che ortografia e grammatica siano corrette che tutti i link operino correttamente che il contenuto sia accessibile a tutti gli studenti (ad es.: il testo è leggibile da un semplice lettore?) che la navigazione sia logica Che cosa intendiamo per qualità, per valutazione della qualità di un ambiente di apprendimento? Ciò è preliminare alla valutazione della correttezza ed efficacia pedagogica dei materiali predisposti per il processo di insegnamento/apprendimento.

36 LABORATORIO MOD. 4: WEBQUEST Il webquest è una caccia al tesoro più raffinata, che può portare eventualmente alla creazione di un nuovo sito Internet, capace di raccogliere i risultati ottenuti. Si tratta di un'attività che stimola gli studenti a compiere ricerche sul Web, con l'obiettivo di scoprire maggiori informazioni su un particolare argomento o tema e di svolgere alcuni compiti utilizzando le informazioni ottenute. Dapprima si raccolgono, utilizzando i motori di ricerca, dati sull'argomento che si vuole trattare, e poi si creano delle semplici pagine web che analizzino criticamente e compongano, in una sintesi significativa, tutte le nozioni apprese, unite alla descrizione dell'attività. Alcuni webquest, ad esempio, (in lingua italiana) sono reperibili al sito Internet: Osserva i seguenti webquest: sull'antico Egitto sulla Cina sulle opere italiane del rinacimento

37 LABORATORIO MODULO 4 Laboratorio 2 - Crea il tuo progetto nella scuola media- superiore Scheda B – Creazione di pagine webCreazione di pagine web


Scaricare ppt "Piano Nazionale di Formazione degli Insegnanti sulle Tecnologie dellInformazione e della Comunicazione Modulo 4 corso B Ambienti di apprendimento e TIC."

Presentazioni simili


Annunci Google