La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria Fabrizio Cerino Amministratore Delegato NephroCare Le nuove sfide organizzative e gestionali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria Fabrizio Cerino Amministratore Delegato NephroCare Le nuove sfide organizzative e gestionali."— Transcript della presentazione:

1 La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria Fabrizio Cerino Amministratore Delegato NephroCare Le nuove sfide organizzative e gestionali in ambito nefrologico Udine 3 – 4 febbraio 2006

2 PUBBLICOPRIVATO CENTRO DIALISI SINGOLO GRUPPO coordinato di CENTRI La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria: tipologie di gestione a confronto

3 Cosa può intendersi per Gestione diretta La gestione di una o più fasi del processo aziendale: –Progettazione e realizzazione del Centro chiavi in mano –Fornitura di prodotti, macchine, impianti e gestione delle manutenzioni –Gestione logistica del magazzino scorte e degli approvvigionamenti –Supporto per la gestione e la organizzazione del personale medico e/o infermieristico –Gestione contabile e fiscale –Assistenza informatica –Certificazione ISO

4 Cosa può intendersi per Gestione diretta La gestione completa del Centro attraverso: –Acquisizione delle quote societarie –Contratti di management aziendale

5 La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria Lesperienza del Gruppo NephroCare

6 NephroCare al servizio dei pazienti uremici nel Mondo Dimensioni = esperienza = responsabilità

7 Provincia di Palermo (2) (PA) Provincia di Catania (4) Riviera del Conero (AN) Provincia di Messina(2) Venafro (IS) Mirabella Eclano (AV) Cassino (FR) Provincia di Salerno (12) Provincia di Napoli (14) NephroCare e la Dialisi nel Sud: 39 Centri ~1.450 Pazienti

8 NephroCare Italia: alcuni numeri Nel 1996 il Gruppo NephroCare inizia in Italia la gestione diretta di Centri di Dialisi Dimensioni attuali: – trattamenti annui –gestione di circa pazienti in 6 diverse regioni italiane –personale impiegato: 230 infermieri, 50 ausiliari, 110 medici, 30 amministrativi, tecnici e personale di supporto –circa il 25% del mercato della dialisi privata in Campania

9 La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria Le premesse per il successo Le premesse per il successo e i punti di forza I punti di forza

10 La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria: le premesse per il successo La definizione di un modello organizzativo ad hoc La individuazione di un gruppo manageriale dedicato Lomogeneizzazione nellambito del Gruppo dellapproccio clinico e della pratica medica ed infermieristica

11 Le premesse per il successo: il modello organizzativo scelto da NephroCare La centralizzazione dei servizi di supporto Amministrazione, contabilità e finanza Assistenza tecnica Gestione del personale Formazione professionale Logistica e prodotti Definizione delle procedure Coordinamento clinico e scientifico efficienza gestionale Aspetti clinici in ambulatorio Lambulatorio riceve tutti i servizi dallorganizzazione centrale Si concentra esclusivamente sulla cura del paziente efficienza clinica

12 Le premesse per il successo: un gruppo manageriale dedicato Professionalità e sviluppo di conoscenze specifiche applicate alla gestione Attività di cost efficiency Know how per la realizzazione e manutenzione di Centri Razionalizzazione delle risorse umane Capacità relazionali con personale medico ed infermieristico Il giusto compromesso tra dinamiche economico – finanziarie e la cura del paziente

13 Le premesse per il successo: la standardizzazione dei metodi e processi Processi gestionali ed amministrativi (procedure) Processi collegati alla pratica clinica (medica ed infermieristica) La standardizzazione dei processi come strada per il raggiungimento della qualità

14 La ricerca della qualità in dialisi a 360° Qualità tecnologica Qualità strutturale e ambientale Qualità professionale Qualità della cura Qualità tecnologica Qualità strutturale e ambientale Qualità professionale Qualità della cura ……Stabilire elevati standards di qualità in dialisi E indispensabile che la qualità sia misurabile

15 La qualità misurabile Misurare la qualità risulta indispensabile Nei confronti dei terzi Nei confronti degli operatori in ambito aziendale

16 L Adeguatezza Dialitica Trend della percentuale dei Pazienti con eKt/V>1.20 (3 sedute) o eKt/V>1.0 (4 sedute) 91.5% Trend del Valore medio di Kt/V

17 Le premesse per il successo: il rispetto delle regole Norme di riferimento: materia sanitaria (nazionali, regionali, comunali) sicurezza dei luoghi di lavoro edilizia e urbanistica lavoristica e CCNL privacy ……: etica professionale rispetto della moralità

18 Le premesse per il successo ed i punti di forza: le sinergie tra Produttore di tecnologie ed il Gestore dei Centri Feedback con il paziente (monitoraggio della qualità percepita) Banco di prova per Progetti Pilota Sviluppo materiali/tecnologie/tecniche Risorsa per studi clinici (dati clinici in Database epidemiologico) Know how provenienti da paesi esteri del Gruppo Fresenius Medical Care

19 I punti di forza dellindustria Accesso facilitato allutilizzo delle tecnologie più avanzate Dinamismo e immediatezza decisionale Capacità di adattamento continuo ai cambiamenti Abitudine e attenzione alle efficienze Efficienza economico-finanziaria e capacità di reperimento risorse

20 Vantaggi derivanti dalla gestione diretta da parte dellindustria Per il paziente Per la Comunità Scientifica Per le Istituzioni Sanitarie

21 Vantaggi derivanti dalla gestione diretta da parte dellindustria: il paziente Creazione di Centri territoriali vicini al paziente (qualità della vita) 80 Km 30 Km ASL Na 1 ASL Na 5 ASL Na 2 ASL Na 3 ASL Na 4

22 Vantaggi derivanti dalla gestione diretta da parte dellindustria: la Comunità scientifica Maggiore disponibilità di dati clinici ed epidemiologici da utilizzare quali risorse per studi e progetti NephroCare utilizza: EUCLID (European Clinical Database) Nel quale confluiscono le informazioni cliniche ed epidemiologiche di circa pazienti suddivisi in 11 paesi europei Strumento per la misurazione della qualità della cura in ciascun Centro e strumento di confronto Fonte di dati per studi scientifici

23 L Adeguatezza Dialitica Trend della percentuale dei Pazienti con eKt/V>1.20 (3 sedute) o eKt/V>1.0 (4 sedute) 91.5% Trend del Valore medio di Kt/V

24 Vantaggi derivanti dalla gestione diretta da parte dellindustria: le Istituzioni Sanitarie Pubbliche: i costi Risparmio di risorse economiche: secondo studi pubblicati la dialisi in strutture pubbliche ha un costo superiore al DRG corrisposto

25 Vantaggi derivanti dalla gestione diretta da parte dellindustria: le Istituzioni Sanitarie Pubbliche: i costi Risparmio di risorse economiche: al netto dei costi generali e amministrativi (incidenza dell11% circa) euro Costo per assistenza ospedaliera588 Costi generali e amministrativi59 Costo pro-capite sistema pubblico647 - Chirurgia(21) - Costi indiretti (ospedalizzazione, accompagnatore) (245) Costo pro-capite netto sistema pubblico 380 costi non sostenuti dai centri privati Tariffa media pagata ai Centri Dialisi privati 200

26 Vantaggi derivanti dalla gestione diretta da parte dellindustria: le Istituzioni Sanitarie Pubbliche Liberazione di risorse disponibili: la cura di pazienti in IRC stabili presso strutture territoriali libera risorse nelle strutture pubbliche per la gestione di pazienti o patologie complesse

27 Una cura di qualità genera risparmi Innalzamento degli standard di qualità e cura in dialisi Riduzione della spesa sanitaria complessiva High Flux Emodiafiltrazione Uso di tecnologie avanzate Protocolli sul controllo delle acque

28 Italia Europa EuCliD ® A. Di Benedetto 26/04/ Percentuale dei pazienti in trattamento con Eritropoietina Dose media equivalente di Eritropoietina (U/kg/wk) Esempi di razionalizzazione delle risorse: la correzione dellanemia

29 Risparmio annuo procapite Risparmio annuo Pazienti uremici in NephroCare in trattamento con Eritropoietina (~800 pazienti) Risparmio annuo estrapolato ai pazienti uremici in trattamento con Eritropoietina in Regione Campania (~3.600 pazienti) ~ 550 euro Correzione dellAnemia e Risparmio ~ euro ~ 2 milioni di euro

30 Morbidità EuCliD ®

31 Svantaggi derivanti dalla gestione diretta da parte dellindustria Gli svantaggi si determinano quando i vantaggi non hanno il sopravvento

32 La politica sanitaria di NephroCare

33 La ricerca di una qualità in dialisi a 360° La cooperazione con le istituzioni sanitarie pubbliche La ricerca di una qualità in dialisi a 360° La cooperazione con le istituzioni sanitarie pubbliche Il Mattino – Inserto sanità I nostri obiettivi: Migliorare la Qualità della vita dei pazienti uremici Stabilire elevati standard di qualità in dialisi Contribuire ad aumentare il numero dei trapianti Contribuire a ridurre il costo sociale della malattia

34 Una scelta di NephroCare e una necessità dichiarata dal legislatore La Cooperazione con le Istituzioni Sanitarie

35 Creazione di un modello avanzato di cooperazione tra il primo ed il secondo livello delle cure mirato alla Prevenzione Primaria e Secondaria dell'insorgenza e della progressione dell'Insufficienza Renale Cronica (IRC) Progetto di Screening NephroCare/Medici di Assistenza Primaria

36 Estendere lo screening dellIRC in fase iniziale nelle categorie a rischio (Diabetici ed Ipertesi) Rallentare la progressione dellIRC prevenendo le complicanze correlate Procrastinare linizio del Trattamento Dialitico Progetto di Screening NephroCare/Medici di Assistenza Primaria OBIETTIVI GENERALI

37 3° Convegno sulla Prevenzione in Nefrologia e Dialisi, Mantova ° Congresso Nazionale S.I.M.G., Firenze 2003 Levidenza scientifica dellinterlocuzione con i Medici di Medicina Generale

38 Limportanza della cooperazione con le istituzioni sanitarie pubbliche Pazienti Infermieri Istituzioni (ASL) Comunità scientifica Interna Esterna Morbidità Programmazione sanitaria Mortalità Qualità di vita Offerta di trattamenti efficaci Maggiori evidenze scientifiche

39 Ipotesi e opportunità di cooperazione Pubblico - Privato Protocolli di intesa con Strutture pubbliche Disposizione normativa vigente Attuazione pratica e contenuti applicativi? Condivisione dei dati epidemiologici e di evidenza della qualità della cura Rete informatica e database comuni Controlli qualitativi sulle prestazioni fornite (evidenze) Eliminazione delle duplicazioni di ruoli assistenziali Definizione di regole condivise

40 Progetti di Managed Care in Campania: unoccasione per la gestione congiunta delle nefropatie MMG-NephroCare Per il territorio La cooperazione con le Istituzioni Sanitarie


Scaricare ppt "La gestione diretta dei Centri dialisi da parte dellindustria Fabrizio Cerino Amministratore Delegato NephroCare Le nuove sfide organizzative e gestionali."

Presentazioni simili


Annunci Google