La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CORRENTI DEPOLARIZZANTI I Na Fast Inward Current I Ca-L Slow Inward Current.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CORRENTI DEPOLARIZZANTI I Na Fast Inward Current I Ca-L Slow Inward Current."— Transcript della presentazione:

1 CORRENTI DEPOLARIZZANTI I Na Fast Inward Current I Ca-L Slow Inward Current

2 Nellassone gigante di calamaro (come anche negli assoni dei nervi e nelle fibre muscolari scheletriche) lampiezza del potenziale dazione e la sua stessa esistenza dipendono dalla concentrazione del sodio extracellulare e dalla funzionalità del canali voltaggio dipendenti del sodio (possono essere bloccati selettivamente dalla TTX)

3 Nel miocardio la diminuzione del Na + extracellulare (o la TTX) modificano la morfologia del potenziale dazione cardiaco ma non ne impediscono necessariamente linsorgenza che viene invece bloccata dalla contemporanea eliminazione del Ca 2+ extracellulare. +TTX+ riduz./aboliz. Ca 2+ extracell. +TTX

4 Queste osservazioni sperimentali indicano che nel miocardio deve esistere, oltre al meccanismo depolarizzante dipendente dal Na +, un altro meccanismo capace di generare un potenziale dazione. Questultimo dipende dal Ca 2+ ed è più lento rispetto a quello Na + -dipendente. +TTX+ riduz./aboliz. Ca 2+ extracell. +TTX

5 (I Na ) (I K1 ) (I Kr, I Ks ) (I Ca-L ) (I to )

6 I Ca-L Slow Inward Current -Corrente transitoria relativamente lenta e non molto intensa -Mediata da famiglia di canali del Ca 2+ di tipo L (long lasting, high threshold) -Contribuisce alla fase 2 (plateau) del pot.daz. cardiaco -Attiva e partecipa ai meccanismi di accoppiamento E-C -60 mV +20 mV 100 pA I Ca-L = G Ca. (E m -E Ca ) In seguito allo step di E m, G Ca si attiva in tempi non molto rapidi e si inattiva piuttosto lentamente

7 Curva intensità-voltaggio e attivazione di I Ca-L I Ca-L = G Ca. (E m -E Ca ) outw inw

8 Ruolo di I Ca-L nel potenziale dazione

9 Recupero del PARecupero dallinattivazione di I Ca-L Il recupero dallinattivazione di I Ca-L contribuisce alla restituzione elettrica del miocardio

10 Ruolo di I Ca-L nellaccoppiamento E-C del muscolo cardiaco

11 Voltaggio dipendenza del transiente di Ca 2+ e della contrazione dei miociti cardiaci sono simili a quella di I Ca-L

12 M. ScheletricoM. Cardiaco I Ca : -entità molto modesta -non influenza significativamente PA -cinetica lenta -E m -dipendenza diversa da quella dellaccop. E-C I Ca : -entità significativa -contribuisce in modo importante al PA -cinetica relativamente rapida -E m -dipendenza simile a quella dellaccop. E-C I Ca : corrente di Ca 2+ che attraversa il sarcolemma mediante canali del Ca 2+ -voltaggio dipendenti (DHPR)

13 Per la contrazione del m. cardiaco è indispensabile la presenza di Ca 2+ extracellulare. Questo non implica necessariamente che il Ca 2+ impiegato dal m. cardiaco per attivare la contrazione provenga interamente dal LEC.

14 Evidenze del ruolo dei depositi intracellulari di Ca 2+ nellattivazione della contrazione del miocardio: -la contrazione del m. cardiaco è estremamente sensibile a inibitori specifici della funzione del RS; -le stime elettrofisiologiche della quantità di Ca 2+ capace di entrare nella cellula attraverso il sarcolemma durante un PA giustificano solo in parte (10-50%) la quantità di Ca 2+ impiegata dai miociti cardiaci in ogni ciclo contrattile; -la relazione forza-frequenza e la refrattarietà meccanica del miocardio non si spiegano con meccanismi di Ca 2+ -attivazione che si originino esclusivamente nella membrana cellulare.

15 Aumenti della frequenza di stimolazione del m. cardiaco causano un progressivo aumento della forza di contrazione (effetto Bowditch o fenomeno della scala). Questo progressivo aumento è provocato da un parallelo aumento dellampiezza dei transienti di Ca 2+ indotti dal PA. Laumento della quantità di Ca 2+ messa a disposizione della contrazione non è giustificato dal comportamento della corrente di Ca 2+ che durante il PA causa ingresso di Ca 2+ dal LEC: questultima allaumentare della frequenza di stimolazione tende a ridursi di intensità. Segnale aequorina Contrazione

16 Contrazioni premature (extrasistoli): refrattarietà meccanica e potenziamento post-extrasistolico Forza Segnale aequorina

17 Recupero del PA Recupero della I Ca-L Recupero del transiente di Ca 2+ Recupero del transiente di Ca 2+ e della contrazione Nelle extrasistoli il recupero dellampiezza dei transienti di Ca 2+ accompagna il recupero dellampiezza della contrazione. Entrambi i fenomeni di recupero durano più a lungo del recupero dellampiezza della corrente di Ca 2+ dimostrando lesistenza di processi di liberazione del Ca 2+ con refrattarietà diversa da quella dellingresso di Ca 2+ dal LEC

18 Gran parte del Ca 2+ necessario per la contrazione del m. cardiaco proviene dai depositi intracellulari. Perchè lingresso di Ca 2+ dal LEC è necessario per la contrazione del m. cardiaco?

19 CARDIAC Le isoforme di DHPR e RyR espresse nel miocardio risultano meno strettamente accoppiate tra loro di quelle del muscolo scheletrico

20 Calcium Induced Calcium Release (CICR) 2 Lingresso di Ca 2+ dal LEC è indispensabile per la contrazione del m. cardiaco perché rappresenta il segnale necessario per la liberazione di Ca 2+ dai depositi intracellulari. (DHPR)

21 Accoppiamento Eccitazione-Contrazione nel Miocardio Contributo del Ca 2+ extra- e intra-cellulare e macromolecole ancorate a membrane coinvolte nel trasporto dello ione (DHPR, RyR, SERCA; PLB (phospholamban); NCX (sodium- calcium exchanger); PMCA (plasma-membrane calcium ATPase) DHPR

22 Regolazione fisiologica e farmacologica di I Ca-L

23 La fosforilazione dei canali del Ca 2+ di tipo L (DHPR), mediata da cAMP, è parzialmente responsabile delleffetto inotropo + (aumento della quantità di Ca 2+ che entra dal LEC e di quella liberata dal RS durante il PA) prodotto dalla stimolazione beta-adrenergica DHPR A Kinase Anchoring Protein L

24 I canali del Ca2+ di tipo L sono bersaglio diretto di antiaritmici di classe IV (Ca- antagonisti, DHP) e indiretto di anti-aritmici di classe II (β-bloccanti) Effetto diltiazem

25 I Ca-L Slow Inward Current -Corrente transitoria lenta e non molto intensa -Mediata da famiglia di canali del Ca 2+ di tipo L (long lasting, high threshold) -Contribuisce alla fase 2 (plateau) del pot.daz. cardiaco -Attiva e partecipa ai meccanismi di accoppiamento E-C -Bersaglio importante di fattori fisiologici di regolazione dellinotropismo -Bersaglio di farmaci anti-aritmici di classe II (β-boccanti)e IV (Ca-antagonisti) -Responsabile di insorgenza e refrattarietà di pot.daz. lenti (nodo S-A e A-V) -60 mV +20 mV 100 pA I Ca-L = G Ca. (E m -E Ca )


Scaricare ppt "CORRENTI DEPOLARIZZANTI I Na Fast Inward Current I Ca-L Slow Inward Current."

Presentazioni simili


Annunci Google