La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEGGE REGIONALE 16 GENNAIO 2007 N. 2 – ART. 16 BANDO ATTUATIVO FONDO DI ROTAZIONE PER START-UP DI IMPRESE E SPIN-OFF AZIENDALE AD ALTO POTENZIALE TECNOLOGICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEGGE REGIONALE 16 GENNAIO 2007 N. 2 – ART. 16 BANDO ATTUATIVO FONDO DI ROTAZIONE PER START-UP DI IMPRESE E SPIN-OFF AZIENDALE AD ALTO POTENZIALE TECNOLOGICO."— Transcript della presentazione:

1 LEGGE REGIONALE 16 GENNAIO 2007 N. 2 – ART. 16 BANDO ATTUATIVO FONDO DI ROTAZIONE PER START-UP DI IMPRESE E SPIN-OFF AZIENDALE AD ALTO POTENZIALE TECNOLOGICO REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO SETTORE COMPETITIVITA E INNOVAZIONE

2 LEGGE REGIONALE 16 GENNAIO 2007 N. 2 – ART. 16 Fondo di rotazione Obiettivi Promuovere lo sviluppo tecnologico e linnovazione aziendale attraverso azioni tese a favorire lo start-up e/o i processi di spin-off aziendale per imprese ad alto potenziale tecnologico, in modo da valorizzare e trasformare le conoscenze scientifiche in prodotti o servizi in grado di rafforzare e migliorare, in termini di competitività, il sistema economico-produttivo ligure Soggetti Beneficiari Piccole e medie imprese, singole o associate, anche in forma di cooperativa e consortile DI NUOVA COSTITUZIONE, che esercitano attività diretta alla produzione di beni e/o servizi, iscritte al registro delle imprese AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA, con unità produttiva in Liguria; Si intende di nuova costituzione unimpresa COSTITUITA A PARTIRE DAL 1° GENNAIO 2010 Localizzazione degli interventi Tutto il territorio regionale Importo stanziato per il presente bando (in 4 Milioni di euro)

3 ALTO POTENZIALE TECNOLOGICO (caratteristiche delle imprese ammesse) Per essere ammessa, limpresa deve presentare almeno una delle seguenti caratteristiche: a)avere finalità di sfruttamento dei risultati di ricerca o studi precedenti; b)essere sostenuta da un accordo stipulato con Università, Enti di ricerca, Centri di ricerca pubblici operanti sul territorio regionale, per lo sfruttamento dei risultati di ricerca originati; c)almeno uno degli attuali soci dellimpresa abbia ricevuto una borsa di ricerca, da non oltre 3 anni dalla data di presentazione della domanda e che sia finalizzata allo sviluppo del progetto presentato; d)essere composta congiuntamente da soggetti di ricerca e investitori istituzionali che abbiano come scopo principale delle loro attività il sostegno di nuove iniziative imprenditoriali; e)essere stata promossa nellambito delle attività dei laboratori di ricerca e trasferimento tecnologico del SIIT e del DLTM (i Distretti Tecnologici della Regione Liguria); f)operare in uno dei seguenti ambiti di attività settoriali/tematici: - Automazione, supervisione, sicurezza nei trasporti e nella logistica; - Energia in Liguria; - Automazione intelligente; - Tecnologie del mare e ambiente marino; - Scienze della vita, biotecnologie e applicazioni sicure.

4 Progetti/interventi ammissibili Investimenti finalizzati allavvio di nuove iniziative imprenditoriali per imprese ad alto potenziale tecnologico Progetti di ricerca industriale e Sviluppo Sperimentale (sinteticamente le definizioni della Comuncazione della Commissione Europea n. 323 del 2006) sono: ricerca industriale: la ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o miglioramento di quelli esistenti. sviluppo sperimentale: lacquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e altro, allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati. Lo sviluppo sperimentale comprende la realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici e/o commerciali secondo le condizioni stabilite dal bando. Qualora non ancora avviate antecedentemente alla concessione dellagevolazione, le iniziative devono essere avviate entro 60 giorni dalla data di ricevimento del provvedimento di concessione. Gli investimenti devono essere realizzati entro 24 mesi dalla data di ricevimento del provvedimento di concessione. Il costo totale dellinvestimento agevolabile non può essere inferiore a ,00.

5 Spese ammissibili Secondo le specifiche declinate nel Bando sono ammissibili le seguenti voci di spesa sostenute a far data dal 1° gennaio )Prestazioni di consulenza per studi di fattibilità, piano dimpresa e studi di mercato, ecc. (nella misura massima del 5% del totale degli investimenti ammissibili) ; 2)Programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dellimpresa, impianti, macchinari, strumentazioni e attrezzature varie; 3)Costo dei posti di lavoro creati, ammissibili per un periodo massimo di due anni compreso tra la data di avvio dellinvestimento e la sua conclusione e nel limite del 50% del totale degli investimenti ammissibili; il posto di lavoro deve essere conservato per un periodo minimo di cinque anni dalla data di creazione del posto stesso; 4)Spese per marketing, attività di comunicazione e pubblicità nella misura massima del 5% del totale degli investimenti ammissibili; 5)Acquisizione di risultati di ricerche, di brevetti, di know-how, di diritti di licenza, marchi;

6 Spese ammissibili esclusivamente per realizzazione dei progetti di ricerca e sviluppo sperimentale 6)Costi per utilizzo di laboratori; 7)Spese per acquisizione di competenze tecniche, di know-how, di risultati di ricerche, di brevetti, di diritti di licenza e altri diritti di proprietà intellettuale, con applicazione della metodologia del pro-rata e pro-quota; 8)Costi relativi alla concessione e al riconoscimento di brevetti e di altri diritti di proprietà industriale; 6.Costi dei servizi di consulenza e servizi equivalenti, ivi comprese le prestazioni effettuate da Università, Enti pubblici di ricerca e laboratori esterni pubblici e privati iscritti nellalbo istituito dal MIUR; 7.Spese del personale – ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario (escluso personale addetto allamministrazione ed alla contabilità); 8.Altri costi di esercizio direttamente imputabili allattività di sviluppo sperimentale (esempio materie prime, componenti semilavorati, materiali commerciali, materiali di consumo specifico, strumentazioni. Sono esclusi i costi dei materiali minuti. Per tutte le spese è sempre escluso lammontare relativo allIVA e a qualsiasi onere accessorio fiscale o finanziario.

7 Modalità di pagamento ammissibili I pagamenti delle spese devono essere eseguiti solo a mezzo bonifico e con Ri.Ba. Devono essere disposti da uno o più conti correnti bancari o postali intestati allimpresa beneficiaria, utilizzati, anche in via non esclusiva. Per ciascun ciascun pagamento dovrà essere specificata la causale del relativo versamento nonché il C.U.P. (Codice Unico di Progetto), che sarà comunicato nel provvedimento di concessione dellagevolazione.

8 Presentazione Domande Le domande di ammissione al finanziamento devono essere redatte esclusivamente on line accedendo al sistema Bandi on line dal sito internet Completate di tutta la documentazione richiesta, da allegare alle stesse in formato elettronico, firmate digitalmente e inoltrate esclusivamente utilizzando la procedura informatica di invio telematico Pena lirricevibilità della domanda stessa.

9 Termini per la presentazione delle domande Apertura: 1 luglio 2011 Chiusura: 31 luglio 2011 Le domande potranno essere inviate dal lunedì al venerdì dalle ore alle ore La procedura informatica è già a disposizione delle imprese sul sito dal giorno , esclusivamente per la presa visione del sistema.www.filse.it

10 Presentazione delle proposte Le domande di ammissione al finanziamento sono soggette al pagamento dellimposta di bollo. Il sistema non consentirà linvio di istanze non sottoscritte con firma digitale e/o non compilate in ogni parte e/o prive di uno o più documenti obbligatori (allegati anchessi in formato elettronico) e /o spedite al di fuori dei termini. Ai fini del rispetto dei termini di presentazione della domanda si considera la data di invio telematico. Ciascuna impresa può presentare una sola domanda a valere sul presente bando entro i termini di apertura dello stesso.

11 Presentazione Documentazione Obbligatoria Sia la domanda, da redigersi in formato elettronico secondo le schermate previste dal sistema, sia la documentazione obbligatoria allegata (completa, leggibile e in formato PDF) deve essere inoltrata in via telematica.

12 Concessione di prestiti rimborsabili nei limiti del regime di aiuto de minimis di cui al Reg. (CE) n. 1998/2006 della Commissione Europea del 15 dicembre 2006 : Non superiore a ,00 nellarco di tre esercizi finanziari Tasso di interesse applicato alle somme rimborsate dalle imprese beneficiarie delle agevolazioni: 0,50% annui Prestito rimborsabile concesso: 80% dellinvestimento ammissibile e comunque nel limite massimo di ,00. Piano dammortamento: durata di 5 anni – con rate semestrali posticipate costanti con scadenza 30 giugno e 31 dicembre di ogni anno. Le agevolazioni non sono cumulabili con altri aiuti di stato o altre agevolazioni pubbliche compresi gli incentivi fiscali relativamente agli stessi beni e servizi. FINANZIAMENTO FONDO DI ROTAZIONE PER IL SOSTEGNO ALLA RICERCA INDUSTRIALE, ALLO SVILUPPO PRE-COMPETITIVO E ALLINNOVAZIONE AZIENDALE (L.R. 2/2007 art. 16)

13 Istruttoria e criteri di valutazione Listruttoria delle domande viene effettuata da FI.L.S.E. S.p.A. con procedura valutativa a sportello. Lordine cronologico viene determinato dalla data di invio telematico delle domande, e nel caso di più domande inviate nella stessa data si procederà, per linserimento nellelenco cronologico, al sorteggio effettuato da un notaio. NON SARANNO AMMESSE regolarizzazioni o completamenti della domanda e della relativa documentazione obbligatoria, salvo che per la relazione tecnico- economico e finanziaria dellintervento proposto, per precisazioni necessarie inerenti i dati e informazioni già fornite al momento della presentazione della domanda.

14 Istruttoria Tutte le comunicazioni a tutte le richieste intercorrenti tra limpresa e FI.L.S.E. S.p.A. avverranno tramite il sistema bandi on line e, quando necessario, la Posta Elettronica Certificata (PEC) Le domande saranno selezionate in due fasi: Prima fase: valutazione di ammissibilità formale ( effettuata dalla FI.L.S.E.) Seconda fase: valutazione del merito del progetto ( effettuata dal C.R.R.I. Centro Regionale Ricerca e Innovazione) Lattività istruttoria dovrà concludersi entro il termine massimo di 180 giorni dalla data di presentazione della domanda, con comunicazione, ai soggetti proponenti, di giudizio positivo o negativo sullammissibilità delliniziativa alle agevolazioni.

15 NCriterio Punteggio min Punteggio max 1 Valutazione tecnico-economica del progetto040 2 Qualifica, idoneità ed esperienza del proponente che costituisce limpresa Nuovi posti di lavoro qualificati di ricerca creati allinterno delle imprese. (posti di lavoro qualificati creati a tempo indeterminato/determinato per un periodo minimo di 3 anni) 05 4 Iniziative imprenditoriali promosse da giovani a prevalente partecipazione femminile. (almeno il 50% delle quote del capitale sociale dellimpresa è deternuto da giovani con meno di 30 anni al momento della presentazione della domanda o da donne) 05 TOTALE 070 Valutazione del merito del progetto

16 Ammissibilità della domanda Valutazione del merito del progetto Saranno ritenute ammissibili al finanziamento le domande il cui esame di merito consegua comunque un punteggio minimo uguale a 30.

17 Il bando è disponibile Sui siti:


Scaricare ppt "LEGGE REGIONALE 16 GENNAIO 2007 N. 2 – ART. 16 BANDO ATTUATIVO FONDO DI ROTAZIONE PER START-UP DI IMPRESE E SPIN-OFF AZIENDALE AD ALTO POTENZIALE TECNOLOGICO."

Presentazioni simili


Annunci Google