La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lez.2 c I Longobardi Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lez.2 c I Longobardi Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli."— Transcript della presentazione:

1 Lez.2 c I Longobardi Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli

2 I Longobardi: la fine dellunità dItalia Tra la fine della guerra greco-gotica (553) e larrivo dei Longobardi (569) passano appena 16 anni Tra la fine della guerra greco-gotica (553) e larrivo dei Longobardi (569) passano appena 16 anni individui (comprese donne e bambini) guidati da Alboino, arrivano dalla Pannonia individui (comprese donne e bambini) guidati da Alboino, arrivano dalla Pannonia Origo gentis Langobardorum: il nome deriva dal germanico Langbaerte in ragione dellacconciatura rituale con lunghe barbe in onore del dio della guerra, Wotan. Origo gentis Langobardorum: il nome deriva dal germanico Langbaerte in ragione dellacconciatura rituale con lunghe barbe in onore del dio della guerra, Wotan.

3 Duchi I guerrieri si muovevano in bande, ciscuna guidata da un dux I guerrieri si muovevano in bande, ciscuna guidata da un dux si costituiscono così diversi centri di potere (ducato del Friuli a Cividale; ducato di Spoleto, ducato di Benevento) oltre al re, che risiede soprattutto a Pavia si costituiscono così diversi centri di potere (ducato del Friuli a Cividale; ducato di Spoleto, ducato di Benevento) oltre al re, che risiede soprattutto a Pavia

4 LItalia divisa La presenza longobarda si stabilisce in tutta lItalia settentrionale, compresa la Toscana, con leccezione della Liguria, della costa veneta, di Ravenna con la Pentapoli. Inoltre gruppi longobardi controllavano il ducato di Spoleto e quello di Benevento La presenza longobarda si stabilisce in tutta lItalia settentrionale, compresa la Toscana, con leccezione della Liguria, della costa veneta, di Ravenna con la Pentapoli. Inoltre gruppi longobardi controllavano il ducato di Spoleto e quello di Benevento Limpero controllava quasi completamente lItalia meridionale, Roma e un corridoio fino a Ravenna (valle di Todi). Limpero controllava quasi completamente lItalia meridionale, Roma e un corridoio fino a Ravenna (valle di Todi).

5 La ricerca di unità territoriale dei longobardi 572 Alboino è ucciso (da una congiura cui partecipa Rosmunda) 572 Alboino è ucciso (da una congiura cui partecipa Rosmunda) 574 anche il successore, Clefi, è ucciso 574 anche il successore, Clefi, è ucciso i duchi non eleggono un re i duchi non eleggono un re 584 Autari, figlio di Clefi, è eletto re: i duchi gli cedono metà dei loro beni (sposa la principessa bavara Teodolinda) 584 Autari, figlio di Clefi, è eletto re: i duchi gli cedono metà dei loro beni (sposa la principessa bavara Teodolinda) regno di Agilulfo (grazie al matrimonio con la vedova di Autari) regno di Agilulfo (grazie al matrimonio con la vedova di Autari)

6 Il problema di Roma Nei rapporti con i latini si uniscono problemi religiosi (i longobradi sono ariani, ma legati alla loro religione tradizionale) e problemi politici (i latini sono tendenzialmente fedeli allimpero; che si riorganizza: lesarca) Nei rapporti con i latini si uniscono problemi religiosi (i longobradi sono ariani, ma legati alla loro religione tradizionale) e problemi politici (i latini sono tendenzialmente fedeli allimpero; che si riorganizza: lesarca) 593 Agilulfo arriva a porre sotto assedio Roma 593 Agilulfo arriva a porre sotto assedio Roma

7 Gregorio Magno Chi fece recedere il re, dopo qualche mese, fu il papa Gregorio I, che si impegnò, verosimilmente, a versare un tributo. Chi fece recedere il re, dopo qualche mese, fu il papa Gregorio I, che si impegnò, verosimilmente, a versare un tributo. Davanti alla latitanza dei funzionari imperiali, Gregorio aveva assunto le loro incombenze: la distribuzione del cibo alla plebe, la cura delle mura… Davanti alla latitanza dei funzionari imperiali, Gregorio aveva assunto le loro incombenze: la distribuzione del cibo alla plebe, la cura delle mura… Scese a trattative coi Longobardi, insistendo sulla necessità di accordi di pace, tanto con il regno, che con i due ducati di Spoleto e Benevento, attirandosi le accuse di tradimento dellesarca e dellimperatore. Scese a trattative coi Longobardi, insistendo sulla necessità di accordi di pace, tanto con il regno, che con i due ducati di Spoleto e Benevento, attirandosi le accuse di tradimento dellesarca e dellimperatore. Nel frattempo, attraverso la regina Teodolinda, Gregorio tentava la via della conversione al cattolicesimo Nel frattempo, attraverso la regina Teodolinda, Gregorio tentava la via della conversione al cattolicesimo

8 Chi erano i longobardi? Una delle stirpi germaniche meno romanizzate, avevano fama di essere i più barbari tra i barbari Una delle stirpi germaniche meno romanizzate, avevano fama di essere i più barbari tra i barbari Arrivati in Italia, si scagliarono contro i ceti aristocratici e le fondazioni ecclesiastiche (luoghi di concentrazione della ricchezza e di deboli difese) Arrivati in Italia, si scagliarono contro i ceti aristocratici e le fondazioni ecclesiastiche (luoghi di concentrazione della ricchezza e di deboli difese) Molti vescovi lasciarono le loro sedi (soprattutto nel Nord Italia) Molti vescovi lasciarono le loro sedi (soprattutto nel Nord Italia)

9 Avvicinamenti religiosi avvicinamenti politici Il battesimo di Adoaldo, figlio di Agilulfo e Teodolinda, nel circo di Milano, avvenne con una cerimonia dimitazione imperiale. Il battesimo di Adoaldo, figlio di Agilulfo e Teodolinda, nel circo di Milano, avvenne con una cerimonia dimitazione imperiale. Secondo di Non, vescovo, era il padre spirituale di Teodolinda Secondo di Non, vescovo, era il padre spirituale di Teodolinda Il battesimo però suscitò la reazione dellaristocrazia longobarda. Il battesimo però suscitò la reazione dellaristocrazia longobarda.

10 Il regno di Rotari ( ) Il 22 novembre 643 il re Rotari, dal suo palazzo di Pavia, promulgò leditto che prese il suo nome. Il 22 novembre 643 il re Rotari, dal suo palazzo di Pavia, promulgò leditto che prese il suo nome. Il diritto longobardo veniva messo in forma scritta (in latino) Il diritto longobardo veniva messo in forma scritta (in latino) Non cera il principio latino del princeps fons legum Non cera il principio latino del princeps fons legum Non aboliva alcune consuetudini germaniche come il duello giudiziale o il mundio, la tutela su donne e minori Non aboliva alcune consuetudini germaniche come il duello giudiziale o il mundio, la tutela su donne e minori La vendetta, faida, veniva sostituita con la composizione, il guidrigildo La vendetta, faida, veniva sostituita con la composizione, il guidrigildo

11 Lultimo imperatore in Italia 663 limperatore Costante II sbarcò in Puglia e pose sotto assedio Benevento 663 limperatore Costante II sbarcò in Puglia e pose sotto assedio Benevento La reazione del re Grimoaldo, sceso in sostegno del duca di Benevento, costrinse Costante a riparare, dapprima a Roma, poi a Napoli e infine a Siracusa, dove morì assassinato nel 668. La reazione del re Grimoaldo, sceso in sostegno del duca di Benevento, costrinse Costante a riparare, dapprima a Roma, poi a Napoli e infine a Siracusa, dove morì assassinato nel 668.

12 LVIII secolo Le trasformazioni sociali: nelle zone controllate dai longobardi si fa sentire linfluenza della cultura bizantina; nelle zone legate allimpero, le élites al potere dovettero prendere le armi Le trasformazioni sociali: nelle zone controllate dai longobardi si fa sentire linfluenza della cultura bizantina; nelle zone legate allimpero, le élites al potere dovettero prendere le armi Le due stirpi si confondono: alla fine del secolo la vera distinzione è tra possessores e pauperes Le due stirpi si confondono: alla fine del secolo la vera distinzione è tra possessores e pauperes

13 La politica monastica dei longobardi Nord: nel 612 il re Agilulfo dà il suo sostegno alla fondazione di Bobbio, da parte di Colombano Nord: nel 612 il re Agilulfo dà il suo sostegno alla fondazione di Bobbio, da parte di Colombano Centro: attorno al 680 si sviluppa il monastero di Farfa (territorio del ducato di Spoleto) Centro: attorno al 680 si sviluppa il monastero di Farfa (territorio del ducato di Spoleto) Sud: tra VII e VIII secolo: San Vincenzo al Volturno Sud: tra VII e VIII secolo: San Vincenzo al Volturno 720 circa: nuova fondazione di Montecassino 720 circa: nuova fondazione di Montecassino

14 Liutprando, campione della causa cattolica? La crisi inconosclasta (imperatore Leone III isaurico, nel 726) La crisi inconosclasta (imperatore Leone III isaurico, nel 726) 740 Liutprando occupa Ravenna 740 Liutprando occupa Ravenna Il papa Zaccaria lo convince a trattare con Costantinopoli. Il papa Zaccaria lo convince a trattare con Costantinopoli. Il re restituisce allimpero il porto di Classe e dà al patrimonio di San Pietro il castello di Sutri. Il re restituisce allimpero il porto di Classe e dà al patrimonio di San Pietro il castello di Sutri.

15 Il papa, un vescovo longobardo? Nel 751 Astolfo entra definitivamente in Ravenna Nel 751 Astolfo entra definitivamente in Ravenna Nel 767 il re Desiderio, alla morte del papa Paolo I, per la prima volta pretende di ingerirsi nella elezione del successore Nel 767 il re Desiderio, alla morte del papa Paolo I, per la prima volta pretende di ingerirsi nella elezione del successore


Scaricare ppt "Lez.2 c I Longobardi Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli."

Presentazioni simili


Annunci Google