La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

APPROCCIO INTER DISCIPLINARE ED I PROGRAMMI NEL SETTING RIABILITATIVO:RIABILITAZIONE NEI PRESIDI TERRITORIALI,STRUTTURE RESIDENZIALI,UNITA POLIFUNZIONALI,RIABILITAZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "APPROCCIO INTER DISCIPLINARE ED I PROGRAMMI NEL SETTING RIABILITATIVO:RIABILITAZIONE NEI PRESIDI TERRITORIALI,STRUTTURE RESIDENZIALI,UNITA POLIFUNZIONALI,RIABILITAZIONE."— Transcript della presentazione:

1 APPROCCIO INTER DISCIPLINARE ED I PROGRAMMI NEL SETTING RIABILITATIVO:RIABILITAZIONE NEI PRESIDI TERRITORIALI,STRUTTURE RESIDENZIALI,UNITA POLIFUNZIONALI,RIABILITAZIONE AMBULATORIALE,RIABILITAZIONE DOMICILIARE.

2 EVOLUZIONE NATURALE DEL CONCETTO DI RIABILITAZIONE FISIOTERAPIA :intesa come cura effettuata con apparecchiature strumentali orientate a curare il FISIOTERAPIA :intesa come cura effettuata con apparecchiature strumentali orientate a curare il sintomo o la deficienza di un organo. sintomo o la deficienza di un organo. FISIOKINESITERAPIA:CURE STRUMENTALI ASSOCIATE A TECNICHE MANUALI DI RIEDUCAZIONE FUNZIONALE,MA SEMPRE ORIENTATE A TRATTAMENTI PARZIALI. FISIOKINESITERAPIA:CURE STRUMENTALI ASSOCIATE A TECNICHE MANUALI DI RIEDUCAZIONE FUNZIONALE,MA SEMPRE ORIENTATE A TRATTAMENTI PARZIALI.

3 Medicina riabilitativa Dalla tecnica alla persona Dalla tecnica alla persona Dalla menomazione alle abilita funzionalmente utili Dalla menomazione alle abilita funzionalmente utili Dallorgano alla globalita vera della persona Dallorgano alla globalita vera della persona Dalloperatore unico allunicita del progetto riabilitativo Dalloperatore unico allunicita del progetto riabilitativo Dalloperatore globale alla globalita dellapproccio Dalloperatore globale alla globalita dellapproccio E alloutcome globale E alloutcome globale Dallapproccio multiprofessionale a quello interprofessionale Dallapproccio multiprofessionale a quello interprofessionale

4 MENOMAZIONE,DISABILITA.HANDICAP MODELLI DI CLASSIFICAZIONE OMS:MENOMAZIONE=qualsiasi perdita o anormalita di una struttura o di una funzione sul piano anatomico,fisiologico o psicologico. OMS:MENOMAZIONE=qualsiasi perdita o anormalita di una struttura o di una funzione sul piano anatomico,fisiologico o psicologico. DISABILITA=limitazione o perdita conseguente a menomazione della capacita di effettuare unattivita nei modi e nei limiti considerati normali per un essere umano. DISABILITA=limitazione o perdita conseguente a menomazione della capacita di effettuare unattivita nei modi e nei limiti considerati normali per un essere umano. Handicap=situazione di svantaggio sociale Handicap=situazione di svantaggio sociale

5 DIAGRAMMA ICDH1 Intera persona DISABILITA Corpo e sue parti MENOMAZIONE Societa HANDICAP

6 MODELLO ICF FATTORI PERSONALI FATTORI PERSONALI FATTORI AMBIENTALI FATTORI AMBIENTALI

7 DEFINIZIONE DI RIABILITAZIONE IN AMBITO SOCIO-SANITARIO SINTENDE COME PROCESSO DI SOLUZIONE DEI PROBLEMI E DI EDUCAZIONE NEL CORSO DEL QUALE SI PORTA UNA PERSONA DISABILE A RAGGIUNGERE IL MIGLIOR LIVELLO DI VITA POSSIBILE SUL PIANO FISICO,FUNZIONALE, SOCIALE ED EMOZIONALE SFRUTTANDO AL MASSIMO LE SUE CAPACITAOPERATIVE. IN AMBITO SOCIO-SANITARIO SINTENDE COME PROCESSO DI SOLUZIONE DEI PROBLEMI E DI EDUCAZIONE NEL CORSO DEL QUALE SI PORTA UNA PERSONA DISABILE A RAGGIUNGERE IL MIGLIOR LIVELLO DI VITA POSSIBILE SUL PIANO FISICO,FUNZIONALE, SOCIALE ED EMOZIONALE SFRUTTANDO AL MASSIMO LE SUE CAPACITAOPERATIVE.

8 TIPOLOGIA DELLINTERVENTO RIABILITATIVO RIABILITAZIONE MEDICA:opera nel campo delle menomazioni e delle disabilita RIABILITAZIONE MEDICA:opera nel campo delle menomazioni e delle disabilita RIABILITAZIONE SOCIALE:interviene nellambito del settore dellhandicap o della riduzione della partecipazione RIABILITAZIONE SOCIALE:interviene nellambito del settore dellhandicap o della riduzione della partecipazione

9 Approccio interdisciplinare e setting riabilitatvo Composizione del team Composizione del team Leadership Leadership Progettare per obiettivi comuni rappresentati dagli outcome globali e funzionali DELLA PERSONA PRESA IN CARICO Progettare per obiettivi comuni rappresentati dagli outcome globali e funzionali DELLA PERSONA PRESA IN CARICO ORIENTATI AALAUTONOMIA DEL PAZIENTE E ALLA MIGLIORE QUALITA DI VITA POSSIBILE ORIENTATI AALAUTONOMIA DEL PAZIENTE E ALLA MIGLIORE QUALITA DI VITA POSSIBILE

10 TEAM COMPONENTI PROFESSIONALI COMPONENTI FISSE: COMPONENTI FISSE: FISIATRA FISIATRA INFERMIERE INFERMIERE FISIOTERAPISTA FISIOTERAPISTA OPERATORE TECNICO DELLASSISTENZA OPERATORE TECNICO DELLASSISTENZA TERAPISTA OCCUPAZIONALE TERAPISTA OCCUPAZIONALE PSICOLOGO PSICOLOGO ASSISTENTE SOCIALE ASSISTENTE SOCIALE

11 TEAM RIABILITATIVO PROFESSIONALE COMPONENTI VARIABILI. LOGOPEDISTA TECNICO ORTOPEDICO EDUCATORE PROFESSIONALE DIETOLOGO

12 MA…. LA FAMIGLIA DOVE LA METTIAMO? PAZIENTE PAZIENTE E SUOI FAMILIARI SUOI FAMILIARI

13 TAPPE FONDAMENTALI PER LA COSTRUZIONE DI UN GRUPPO DI LAVORO FISSARE GLI OBIETTIVI FISSARE GLI OBIETTIVI SCEGLIERE IL METODO SCEGLIERE IL METODO ATTRIBUIRE I RUOLI ATTRIBUIRE I RUOLI GESTIRE LA LEADERSHIP GESTIRE LA LEADERSHIP

14 COSE UN OBIETTIVO? E IL RISULTATO ATTESO SIA DAL GRUPPO CHE DALLORGANIZZAZIONE,INOLTRE NON SI REALIZZA,MA SI PERSEGUE TRADUCENDOLO IN LAVORO E COMPITI

15 IL METODO INSIEME DI PRINCIPI E CRITERI BASATI SU REGOLE CHE GUIDANO LATTIVITA DI UN GRUPPO E LA SUA STRUTTURAZIONE

16 CONDIZIONI PER IL SUCCESSO BASSO NUMERO DI MEMBRI BASSO NUMERO DI MEMBRI POSSIBILITA DINTERAZIONE POSSIBILITA DINTERAZIONE LINGUAGGIO COMUNE LINGUAGGIO COMUNE AFFINITA DI OBIETTIVI AFFINITA DI OBIETTIVI INTEGRAZIONE INTEGRAZIONE AFFRONTARE SITUAZINI DIFFICILI AFFRONTARE SITUAZINI DIFFICILI

17 SCEMA DI PROGETTO RIABILITATIVO INGRESSO PAZIENTE INGRESSO PAZIENTE VISITA PAZIENTE IN TEAM VISITA PAZIENTE IN TEAM OSSERVAZIONE INFERMIERE-FISIATRA-FISIOTERAPISTA OSSERVAZIONE INFERMIERE-FISIATRA-FISIOTERAPISTA COLLOQUIO FAMILIARE ED ALLEANZA TERAPEUTICA COLLOQUIO FAMILIARE ED ALLEANZA TERAPEUTICA FORMAZIONE TEAM PROFESSIONALE FORMAZIONE TEAM PROFESSIONALE VALUTAZIONE INFERMIERE-FISIATRA-FISIOTERAPISTA VALUTAZIONE INFERMIERE-FISIATRA-FISIOTERAPISTA PRIMA RIUNIONE PRIMA RIUNIONE FORMAZIONE TEAM ALLARGATO PROGRAMMA BREVE –MEDIO-LUNGO TERMINE RIUNIONE FAMILIARE CONTRATTO TERAPEUTICO8COMUNICAZIONE OUTCOME PREVISTI

18 IL PROGRAMMA E GLI STRUMENTI DI LAVORO CARTELLA CLINICA DI BASE CARTELLA CLINICA DI BASE CARTELLA CLINICA INTEGRATA CARTELLA CLINICA INTEGRATA IMPORTANZA DELLA CARTELLA INTEGRATA: REGISTRAZIONE ATTIVITA

19 COSA REGISTRARE? VALUTAZIONE VALUTAZIONE PROGETTAZIONEE PIANIFICAZIONE PROGETTAZIONEE PIANIFICAZIONE REGISTRAZIONE E SCAMBIO DINFORMAZIONI REGISTRAZIONE E SCAMBIO DINFORMAZIONI REGISTRAQZIONE DEI TRATTAMENTI REGISTRAQZIONE DEI TRATTAMENTI RENDICONTO DEI RISULTATI E DEGLI ESITI RENDICONTO DEI RISULTATI E DEGLI ESITI

20 RIABILITAZIONE PRESIDI TERRITORIALI COD 56 PLURISPECIALISTICI O MONOSPECILISTICI PLURISPECIALISTICI O MONOSPECILISTICI RICOVERO E CURA AD ALTA DENSITA DIAGNOSTICAED ASSISTENZIALE RICOVERO E CURA AD ALTA DENSITA DIAGNOSTICAED ASSISTENZIALE IL PAZ DEVE ESSERE SUSCETTIBILE DI MIGLIORAMENTIFUNZIONALI E LAVORATIVI IL PAZ DEVE ESSERE SUSCETTIBILE DI MIGLIORAMENTIFUNZIONALI E LAVORATIVI TIPI DI RICOVERI.VASCOLARE- RESPIRATORIO-NEUROMOTORIO TIPI DI RICOVERI.VASCOLARE- RESPIRATORIO-NEUROMOTORIO

21 ATTIVITA PROTOCOLLI VALUTATIVI E TERAPEUTICI FINALIZZATI AI DATE BASE EPIDEMIOLOGICI PROTOCOLLI VALUTATIVI E TERAPEUTICI FINALIZZATI AI DATE BASE EPIDEMIOLOGICI FORMAZIONE E PERFEZIONAMENTO DEL PERSONALE FORMAZIONE E PERFEZIONAMENTO DEL PERSONALE PERFEZIONAMENTO DI AUSILI E PROTESI PERFEZIONAMENTO DI AUSILI E PROTESI PRESCRIZIONE E COLLAUDO DELLE PROTESI PRESCRIZIONE E COLLAUDO DELLE PROTESI ATTIVITA DI RICERCA ATTIVITA DI RICERCA

22 RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI SOGGETTI NON AUTOSUFFICIENTI ANZIANI E CON ESITI STAABILIZZATI DI PATOLOGIA CRONICA SOGGETTI NON AUTOSUFFICIENTI ANZIANI E CON ESITI STAABILIZZATI DI PATOLOGIA CRONICA NON ASSISTIBILI A DOMICILIO NON ASSISTIBILI A DOMICILIO MEDIO LIVELLO DI ASSISTENZA MEDICA INFERMIERISTICA E RIABILITATIVA MEDIO LIVELLO DI ASSISTENZA MEDICA INFERMIERISTICA E RIABILITATIVA ALTA TUTELA ASSISTENZIALE ED ALBERGHIERA ALTA TUTELA ASSISTENZIALE ED ALBERGHIERA

23 RIABILITAZIONE DOMICILIARE ADI ADI PAZIENTI DISABILI CON AUTOSUFFICIENZA LIMITATA O NON AUTOSUFFICIENTI PAZIENTI DISABILI CON AUTOSUFFICIENZA LIMITATA O NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTENZA DI TIPO SOCIALE( PULIZIA APPART.PASTI ADOMICILIO,SERVIZIO LAVANDERIA,DISBRIGO PRATICHE AMMINISTRATIVE ASSISTENZA DI TIPO SOCIALE( PULIZIA APPART.PASTI ADOMICILIO,SERVIZIO LAVANDERIA,DISBRIGO PRATICHE AMMINISTRATIVE INTERVENTI SANITARI8ASSISTENZA INFERMIERISTICA,TERAPIA RIABILITATIVA INTERVENTI SANITARI8ASSISTENZA INFERMIERISTICA,TERAPIA RIABILITATIVA

24 E PER FINIRE….. LACOSCIENZA NON E UN OPTIONAL LACOSCIENZA NON E UN OPTIONAL LAVORARE CON COSCIENZA E AMORE E UN PRESUPPOSTO FONDAMENTALE PER VINCERE SEMPRE GRAZIE


Scaricare ppt "APPROCCIO INTER DISCIPLINARE ED I PROGRAMMI NEL SETTING RIABILITATIVO:RIABILITAZIONE NEI PRESIDI TERRITORIALI,STRUTTURE RESIDENZIALI,UNITA POLIFUNZIONALI,RIABILITAZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google