La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Istituto Comprensivo San Pietro in Guarano Piano Nazionale di Formazione e Ricerca I CARE Prof. Domenico Milito.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Istituto Comprensivo San Pietro in Guarano Piano Nazionale di Formazione e Ricerca I CARE Prof. Domenico Milito."— Transcript della presentazione:

1 1 Istituto Comprensivo San Pietro in Guarano Piano Nazionale di Formazione e Ricerca I CARE Prof. Domenico Milito

2 2 I termini accoglienza e presa in carico più che rinviare ad aspetti tecnici e operativi esigono una riflessione sui concetti di cultura e di mission, quali fattori determinanti per lintegrazione e linclusione Prof. Domenico Milito

3 3 Solo unistituzione scolastica configurata come comunità educante può garantire laccoglienza, in prima battuta, e linclusione pervasiva dellallievo disabile

4 4 Prof. Domenico Milito I fattori di una cultura contraddistintiva della comunità educante: solidarietà, immedesimazione, empatia, condivisione di traguardi educativi orientati allaffermazione dei valori universalmente riconosciuti

5 5 Prof. Domenico Milito Dal piano ideale a quello operativo: La comunità di pratica allinterno della comunità educante

6 6 Prof. Domenico Milito Il vantaggio di una comunità di pratica: contribuire con le proprie potenzialità e risorse al raggiungimento di uno scopo comune, sentendosi parte integrante di un gruppo operativo

7 7 Prof. Domenico Milito Strategie metodologico-didattiche e tecniche per linclusione: spazio alla didattica metacognitiva impegno nella realizzazione di itinerari prosociali valorizzazione della risorsa compagni ricorso sistematico al cooperative learning

8 8 Prof. Domenico Milito Implicazioni operative -La competenza professionale in materia di sistemi di classificazione e loro valenza didattica -La competenza sul versante delle strategie metodologico-didattiche: Cooperative learning

9 9 Evoluzione dei termini Menomazione Handicap Disabilità Prof. Domenico Milito

10 10 Perdita o anormalità a carico di una struttura o di una funzione psicologica, fisiologica o anatomica MENOMAZIONE Prof. Domenico Milito

11 11 HANDICAP Condizione di svantaggio conseguente a una menomazione o a una disabilità che limita o impedisce ladempimento del ruolo normale in relazione alletà, al sesso e ai fattori socio-culturali Prof. Domenico Milito

12 12 DISABILITÀ Qualsiasi limitazione o perdita (conseguente a menomazione) della capacità di compiere unattività nel modo o nellampiezza considerati normali Prof. Domenico Milito

13 13 LICF non è sostitutivo dei sistemi precedenti che forniscono un MODELLO di riferimento EZIOLOGICO È così che ICD-10 e ICF sono utilizzati insieme data la loro complementarità COMPLEMENTARITA tra ICD – 10 e ICF

14 14 Fornisce indicazioni diagnostiche per formulare al meglio una diagnosi attendibile con luso di uno schema alfanumerico (su codici a 3 elementi: lettera con 2 numeri) Le descrizioni F70 – F79, F80-F89, F98 vengono frequentemente chiamate ed utilizzate per la DIAGNOSI FUNZIONALE (D.P.R ) COSA FORNISCE l ICD – 10

15 15 Prof. Domenico Milito LICF È uno strumento di classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute (ICF, OMS, 1999). Si pone in continuità con le classificazioni precedenti ma ne rovescia la prospettiva di analisi: non viene considerata la menomazione ma la salute, le potenzialità dellindividuo e le sue eventuali disabilità in relazione allattività e alla partecipazione. È funzionale a individuare compiutamente i bisogni e superare fino al possibile i limiti dellattività e le restrizioni alla partecipazione.

16 16 COMPLEMENTARITA tra ICD – 10 e ICF ICD-10 1) verifica della funzionalità di una struttura corporea la cui menomazione può essere determinata da cause patologiche diverse 2) diagnosi delle malattie e dei disturbi ICF informazioni sul modo di operare del soggetto nellambiente

17 17 COMPLEMENTARITA di ICD – 10 e ICF Diagnosi (ICD-10) LASSOCIAZIONE di INFORMAZIONI su Funzionamento (ICF) Fornisce un quadro più ampio e significativo sulle condizioni di salute delle persone Elemento di forte innovatività Elemento di forte innovatività

18 18 Prof. Domenico Milito Cosa significa cooperare Significa lavorare insieme per raggiungere obiettivi comuni. Allinterno di situazioni cooperative lindividuo singolo cerca di perseguire risultati che vadano a vantaggio suo e di tutti i collaboratori.

19 19 Prof. Domenico Milito Lapprendimento cooperativo È un approccio didattico che utilizza sistematicamente piccoli gruppi in cui gli alunni lavorano insieme per migliorare reciprocamente il loro apprendimento.

20 20 Prof. Domenico Milito Gli ingredienti base della cooperazione 1.Interdipendenza positiva 2. Responsabilità individuale e del gruppo 3. Interazione costruttiva diretta 4. Insegnamento delle abilità sociali necessarie nei rapporti interpersonali allinterno del piccolo gruppo 5. Valutazione del lavoro cooperativo del gruppo.


Scaricare ppt "1 Istituto Comprensivo San Pietro in Guarano Piano Nazionale di Formazione e Ricerca I CARE Prof. Domenico Milito."

Presentazioni simili


Annunci Google