La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Counseling Adozione MediazioneFamiliare AffidamentoFamiliare Unità di Counseling e Mediazione Familiare Civita Castellana, 6 febbraio 2006 Dott.ssa Nicoletta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Counseling Adozione MediazioneFamiliare AffidamentoFamiliare Unità di Counseling e Mediazione Familiare Civita Castellana, 6 febbraio 2006 Dott.ssa Nicoletta."— Transcript della presentazione:

1

2 Counseling Adozione MediazioneFamiliare AffidamentoFamiliare Unità di Counseling e Mediazione Familiare Civita Castellana, 6 febbraio 2006 Dott.ssa Nicoletta Salvatori DIPARTIMENTO INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA TUTELA MATERNITA e INFANZIA Direttore : Prof. M. Palumbo DIPARTIMENTO INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA TUTELA MATERNITA e INFANZIA Direttore : Prof. M. Palumbo

3 Dati 2004 ASL Dati afferenti al Counseling Problematiche di coppian.12 Problematiche di coppian.12 Sostegno genitorialen.36 Sostegno genitorialen.36 Conflitto generazionalen. 9 Conflitto generazionalen. 9 Disagio individuale n.44 Disagio individuale n.44 Richieste della Magistraturan.21 Richieste della Magistraturan.21 Disagio adolescenziale n.14 Disagio adolescenziale n.14 Dati afferenti alla Mediazione Familiare Separazionin.27 Separazionin.27 Divorzin. 1 Divorzin. 1 Mediazioni:n.14 Mediazioni:n.14 Dati provenienti dal Tribunale Separazioni consensuali n.128 Separazioni consensuali n.128 Separazioni giudiziali n.164 Separazioni giudiziali n.164 Divorzi congiunti n. 128 Divorzi congiunti n. 128 Divorzi giudiziali n. 101 Divorzi giudiziali n. 101 Affidamento familiare:n.20 Affidamento preadottivo:n.27 Adozioni:n.44

4 Counseling E un insieme di abilità, atteggiamenti e tecniche per aiutare la persona ad aiutarsi, attraverso la relazione. E una relazione di aiuto che sostiene il cliente (una persona, una coppia o una famiglia) nello sviluppo dellauto-consapevolezza, nel riconoscimento dei propri bisogni e delle proprie risorse e lo aiuta a trovare le risposte più adeguate alle situazioni problematiche che nelqui ed ora si trova ad affrontare.

5 Aiutare la persona a crescere, in un cammino di sempre maggiore centratura e integrazione di sé, e non quello di guarire (obiettivo della psicoterapia). Obiettivo Può partecipare anche solo uno dei membri della coppia I bambini possono essere coinvolti fin dallinizio della relazione Il lavoro è centrato sul sintomo, sulla relazione disfunzionale, sulle emozioni

6 Mediazione Familiare E un percorso che sostiene le coppie separate, in via di separazione o divorzio, nel complesso compito di riorganizzare le relazioni familiari nellinteresse proprio e dei figli. Rita Grazia Ardone – Docente Psicologia Univ. La Sapienza Roma E un percorso che sostiene le coppie separate, in via di separazione o divorzio, nel complesso compito di riorganizzare le relazioni familiari nellinteresse proprio e dei figli. Rita Grazia Ardone – Docente Psicologia Univ. La Sapienza Roma

7 Obiettivo - - Facilitare il dialogo tra genitori separati affinché entrambi mantengano il proprio ruolo - - Prevenire il danno al minore esposto alla conflittualità a seguito (o in vista) di una separazione e/o divorzio. Il mediatore opera garantendo il segreto professionale e in autonomia dallambito giudiziario. La mediazione coinvolge entrambi i partner Il lavoro è centrato sul presente e sul futuro

8 A chi è rivolto Alla coppia in crisi che ancora deve decidere cosa vuol fare della propria unione, affinché consapevolmente scelga il proprio futuro. Alla coppia in fase di separazione o già separata o divorziata per trovare accordi e soluzioni soddisfacenti per genitori e figli. Al genitore, ai genitori e alla famiglia più allargata nel difficile compito di tutti i giorni di educare i figli. Al singolo individuo che presenta difficoltà nella propria vita emozionale e relazionale.

9 Adozione La normativa sancisce il diritto del minore ad avere una famiglia e la possibilità per la coppia di adottare uno o più bambini in stato di abbandono. (l. 184/83 – l. 476/98 – l. 149/01) (l. 184/83 – l. 476/98 – l. 149/01)

10 Presso il Dipartimento Integrazione Socio Sanitaria e Tutela Maternità e Infanzia è stato istituito un CALL CENTER Loperatore addetto fornisce le prime informazioni sulla normativa vigente in materia di adozione nazionale e internazionale ed i requisiti richiesti.

11 Incontri di informazione e orientamento Vengono trattati: aspetti legislativi aspetti legislativi aspetti burocratici-amministrativi con le istituzioni coinvolte nella prassi adozionale aspetti burocratici-amministrativi con le istituzioni coinvolte nella prassi adozionale percorso con gli operatori che si occupano di adozione percorso con gli operatori che si occupano di adozione

12 Affidamento Familiare Rappresenta una forma di sostegno alla famiglia temporaneamente in difficoltà nelloccuparsi dei propri figli. Questo sostegno può essere fornito sia da una famiglia che da una persona singola.

13 Il Dipartimento ha una funzione di raccordo e coordinamento sui progetti e sulle attività di sensibilizzazione dellaffidamento familiare in collaborazione con lAmministrazione Provinciale, i Comuni, i Distretti e le Associazioni di Volontariato.

14 Unità di CMF Distretti (Vt ) Servizi, UOS e UOC ASL VT Comuni

15 Unità diCounseling e M ediazione F amiliare Unità diCounseling e M ediazione F amiliare dott.sa Lorena Bracaglia dott.sa Patrizia Sabbatini dott.sa Nicoletta Salvatori dott.sa Lorena Bracaglia dott.sa Patrizia Sabbatini dott.sa Nicoletta Salvatori DIPARTIMENTO INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA TUTELA MATERNITA e INFANZIA Direttore : Prof. M. Palumbo DIPARTIMENTO INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA TUTELA MATERNITA e INFANZIA Direttore : Prof. M. Palumbo VITERBO Via San Lorenzo, 101 Tel VITERBO Via San Lorenzo, 101 Tel


Scaricare ppt "Counseling Adozione MediazioneFamiliare AffidamentoFamiliare Unità di Counseling e Mediazione Familiare Civita Castellana, 6 febbraio 2006 Dott.ssa Nicoletta."

Presentazioni simili


Annunci Google