La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La mediazione interculturale nei servizi comunali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La mediazione interculturale nei servizi comunali."— Transcript della presentazione:

1 La mediazione interculturale nei servizi comunali

2 I servizi presso il Settore Stranieri e Nomadi sono così organizzati: AMBITO TERRITORIALE E SERVIZI Ufficio Stranieri Ufficio Stranieri Ufficio Nomadi Ufficio Nomadi Ufficio Minori Stranieri Ufficio Minori Stranieri continua … continua …

3 … e suddivisi in: a) area sostegno e accoglienza Adulti b) area informazione, documentazione e consulenza Adulti c) area Nomadi d) area sostegno e accoglienza Minori e) area informazione, documentazione e consulenza Minori AMBITO TERRITORIALE E SERVIZI

4 a) area sostegno e accoglienza Adulti AMBITO TERRITORIALE E SERVIZI ex art vittime della tratta ex art vittime della tratta richiedenti asilo politico, umanitario e rifugiati politici richiedenti asilo politico, umanitario e rifugiati politici accoglienza madre con bambino accoglienza madre con bambino lavoro di strada lavoro di strada centri di accoglienza centri di accoglienza

5 b) area informazione, documentazione e consulenza Adulti AMBITO TERRITORIALE E SERVIZI informazione sportello informazione sportello progetto biblioteche progetto biblioteche lavoro lavoro

6 c) area Nomadi AMBITO TERRITORIALE E SERVIZI accoglienza accoglienza informazione informazione inserimenti lavorativi e abitativi Rom inserimenti lavorativi e abitativi Rom attività nei campi nomadi della città attività nei campi nomadi della città

7 d) area sostegno e accoglienza Minori AMBITO TERRITORIALE E SERVIZI pronto intervento minori pronto intervento minori progetti educativi progetti educativi ex art. 18 minori ex art. 18 minori attività nei campi nomadi della città attività nei campi nomadi della città In & Out * In & Out * * tale progetto prevede una presenza allinterno del C.P.A. di mediatori culturali che: stabiliscano una relazione di fiducia con il minore stabiliscano una relazione di fiducia con il minore lo informino sulla possibilità di trovare aiuto e sostegno (non necessariamente in comunità o attività strutturate) lo informino sulla possibilità di trovare aiuto e sostegno (non necessariamente in comunità o attività strutturate) gli forniscano spiegazioni sulla sua situazione e gli forniscano spiegazioni sulla sua situazione e lopportunità di possibili alternative lopportunità di possibili alternative

8 e) area informazione, documentazione e consulenza Minori AMBITO TERRITORIALE E SERVIZI progetto sportello informativo progetto sportello informativo filtro accoglienza filtro accoglienza

9 SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI I POLI Servizi Sociali Territoriali: progetti di accoglienza maschile e femminile di: persone in difficoltà persone in difficoltà uomini e donne sole o con bambini uomini e donne sole o con bambini minori in situazione di pregiudizio minori in situazione di pregiudizio A (Circoscrizione 1-2-4) B (Circoscrizioni 5-6-7) C (Circoscrizioni ) La mediazione culturale nei servizi territoriali è suddivisa in 3 Poli:

10 SERVIZI EDUCATIVI Settore Servizi Integrativi e Convenzioni - Ufficio Mondialità Settore Educazione Permanente Persone coinvolte: insegnantieducatorigenitorialunni Caratteristiche delle prestazioni: coinvolgimento nei momenti di ricevimento del pubblico, partecipazione ai colloqui coinvolgimento nei momenti di ricevimento del pubblico, partecipazione ai colloqui interventi su progetti specifici attivati dai servizi anche in collaborazione con altri Enti, strutture educative, Associazioni del privato sociale e del volontariato interventi su progetti specifici attivati dai servizi anche in collaborazione con altri Enti, strutture educative, Associazioni del privato sociale e del volontariato accompagnamento utenti presso altri servizi dellAmministrazione e/o di altri Enti (con particolare riguardo allinserimento presso i servizi educativi prima infanzia) accompagnamento utenti presso altri servizi dellAmministrazione e/o di altri Enti (con particolare riguardo allinserimento presso i servizi educativi prima infanzia) interpretariato e/o traduzioni di documenti, materiale informativo e divulgativo interpretariato e/o traduzioni di documenti, materiale informativo e divulgativo

11 Il MEDIATORE CULTURALE che svolge la sua attività presso i servizi comunali è la figura ponte tra operatori italiani e utenti stranieri CHI E

12 diploma di scuola media superiore diploma di scuola media superiore attestato di qualifica regionale attestato di qualifica regionale permesso di soggiorno non inferiore a 6 mesi per lavoro permesso di soggiorno non inferiore a 6 mesi per lavoro aver maturato almeno 300 ore complessive in attività di mediazione interculturale presso Enti pubblici in ambito socio-sanitario, educativo- scolastico aver maturato almeno 300 ore complessive in attività di mediazione interculturale presso Enti pubblici in ambito socio-sanitario, educativo- scolastico Il mediatore culturale deve essere in possesso di: in particolare per i servizi rivolti ai ROM di diploma di scuola media inferiore di diploma di scuola media inferiore dellattestato di qualifica regionale o, in subordine, dellattestato di frequenza a corso dellattestato di qualifica regionale o, in subordine, dellattestato di frequenza a corso professionale regionale per mediatore interculturale di almeno 500 ore o moduli professionale regionale per mediatore interculturale di almeno 500 ore o moduli propedeutici di 200 ore e aver maturato almeno 300 ore di documentata esperienza propedeutici di 200 ore e aver maturato almeno 300 ore di documentata esperienza in ambito socio-sanitario in ambito socio-sanitario

13 COSA FA interpretariato linguistico-culturale e traduzione di documenti e materiale informativo interpretariato linguistico-culturale e traduzione di documenti e materiale informativo coinvolgimento nei momenti di ricevimento del pubblico, partecipazione ai colloqui e collaborazione nella definizione del progetto individuale coinvolgimento nei momenti di ricevimento del pubblico, partecipazione ai colloqui e collaborazione nella definizione del progetto individuale interventi su progetti specifici attivati dai servizi anche in collaborazione con altri Enti e con il volontariato ed il privato sociale interventi su progetti specifici attivati dai servizi anche in collaborazione con altri Enti e con il volontariato ed il privato sociale visite domiciliari visite domiciliari attività: continua … continua …

14 COSA FA trasferte in Italia e allestero per specifiche esigenze trasferte in Italia e allestero per specifiche esigenze attività di informazione e prevenzione volta alla riduzione di comportamenti a rischio attività di informazione e prevenzione volta alla riduzione di comportamenti a rischio supporto alle attività socio-educative relative al territorio supporto alle attività socio-educative relative al territorio lavoro di comunità, inteso sia come comunità etnica di riferimento che come luoghi di vita e relazione di stranieri presenti in città lavoro di comunità, inteso sia come comunità etnica di riferimento che come luoghi di vita e relazione di stranieri presenti in città attività:

15 QUANDO durante lorario di apertura dei servizi durante lorario di apertura dei servizi su richiesta dellAmministrazione interventi notturni e festivi, sia programmati che in casi di emergenza. su richiesta dellAmministrazione interventi notturni e festivi, sia programmati che in casi di emergenza.

16 ASPETTI INNOVATIVI in progetti rivolti ai minori in progetti rivolti ai minori nel progetto In&Out nel progetto In&Out in alcune comunità di accoglienza (dove tale ruolo è fondamentale in alcune comunità di accoglienza (dove tale ruolo è fondamentale ed insostituibile) ed insostituibile) Impiego dei mediatori:

17 COMUNITA DI ACCOGLIENZA Tale presenza rappresenta una grande ricchezza allinterno delle comunità La presenza quotidiana di una relazione umana forte ed empatica rappresentata dal mediatore culturale: sostituisce ad un primo atteggiamento di diffidenza unapertura al dialogo contribuisce a creare un iniziale clima di fiducia produce una caduta delle difese iniziali in direzione di uno sviluppo di un legame affettivo lascia affiorare attraverso la propria capacità di ascolto il bisogno affettivo, di sicurezza e di protezione prima negato al minore contribuisce a ridurre drasticamente i tentativi di fuga dalla comunità

18 QUESTIONI APERTE Il ruolo del mediatore interculturale: traduttoreeducatoreinterpreteesperto A tal proposito viene definito come operatore a vasto raggio

19 QUESTIONI APERTE Riconoscimento del mediatore: Sottovalutazione --> ci si limita ad utilizzarlo come traduttore Sopravvalutazione --> gli viene richiesto di conoscere tutto sulla sua area di provenienza

20 QUESTIONI APERTE Possibile alleanza del mediatore con lutente La non completa fiducia da parte delloperatore italiano (il mediatore traduce tutto ciò che viene detto durante i colloqui?) Il coinvolgimento di unaltra figura comporta maggior tempo lavoro per loperatore italiano Saper lavorare in gruppi interprofessionali, con operatori di altre istituzioni, volontari, ecc. Superamento della figura ponte e di traduttore Il mediatore culturale agisce in contesti e su problematiche sempre più complessi, legati a conflitti di coppia, patologie fisiche e psichiche, maltrattamenti, difficoltà di inserimento scolastico, solitudine, adultità precoce.

21 QUESTIONI APERTE Formazione, riqualifica: Il mediatore culturale deve avere una professionalità forte e capacità di: ascolto ascolto relazione relazione comunicazione comunicazione orientamento orientamento ecc. ecc.

22 DATI Settore: Stranieri e Nomadi MONTE ORE COMPLESSIVO: N ( ANNUALI) UFFICIO STRANIERI Area accoglienza, sostegno, sanità Monte ore annuale: Area informazione,documentazione,consulenza Monte ore annuale: UFFICIO NOMADI Progetto accoglienza, inserimenti abitativi e supporto operatori campi nomadi Monte ore annuale: Nazionalità: Rom

23 DATI UFFICIO MINORI STRANIERI Progetto Sportello Informativo e filtro accoglienza Monte ore annuale: 800 Progetto Pronto Intervento Monte ore annuale: 1100 Progetti educativi Monte ore annuale: 1500 Progetto In & Out Monte ore annuale: 1600 Progetti diversi a chiamata budget Monte ore annuale: 600 Nazionalità: diverse

24 DATI MONTE ORE COMPLESSIVO: ( ANNUALI) 1) POLO A Monte ore annuale: 1400 Monte ore annuale: ) POLO B Monte ore annuale: ) POLO C Monte ore annuale: 1400 Monte ore annuale: ) BUDGET Monte ore annuale: 300 Nazionalità: diverse POLO A POLO B POLO C Area d'intervento: SERVIZI ASSISTENZIALI DECENTRATI Circoscrizioni

25 DATI MONTE ORE COMPLESSIVO: 1050 Monte ore annuale: 350 Nazionalità: diverse MONTE ORE COMPLESSIVO: 2205 Monte ore annuale: 735 Nazionalità: diverse COORDINAMENTO CICLO EDUCATIVO - CENTRI DI CULTURA E DELL'INFANZIA SETTORE: EDUCAZIONE PERMANENTE


Scaricare ppt "La mediazione interculturale nei servizi comunali."

Presentazioni simili


Annunci Google