La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Federico II di Svevia Lez. 7 a Federico II di Svevia Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Federico II di Svevia Lez. 7 a Federico II di Svevia Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli."— Transcript della presentazione:

1 Federico II di Svevia Lez. 7 a Federico II di Svevia Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli

2 Federico Ruggero 1194 nasce a Jesi il figlio di Enrico VI e di Costanza dAltavilla: Federico Ruggero 1194 nasce a Jesi il figlio di Enrico VI e di Costanza dAltavilla: Federico Ruggero 1197 muore il padre 1197 muore il padre 1198 muore la madre 1198 muore la madre Il giovane re è affidato al papa, che ha lalta sovranità sul regno di Sicilia (Innocenzo III) Il giovane re è affidato al papa, che ha lalta sovranità sul regno di Sicilia (Innocenzo III)

3 La successione imperiale Il papa è arbitro della successione al trono imperiale: Il papa è arbitro della successione al trono imperiale: –Filippo di Svevia, fratello di Enrico VI –Ottone di Brunswick, figlio di Enrico il Leone Quando nel 1208 Filippo muore vittima di una vendetta privata, il papa decide di dare il trono a Ottone, che venne incoronato il 4 ottobre 1209 [Ottone IV] Quando nel 1208 Filippo muore vittima di una vendetta privata, il papa decide di dare il trono a Ottone, che venne incoronato il 4 ottobre 1209 [Ottone IV] Il papa voleva mantenere il Regno di Sicilia per il giovane Federico Ruggero, ma Ottone invase il Regno Il papa voleva mantenere il Regno di Sicilia per il giovane Federico Ruggero, ma Ottone invase il Regno

4 La prima battaglia europea Federico Ruggero, maggiorenne dal 1208, aveva sposato Costanza dAragona Federico Ruggero, maggiorenne dal 1208, aveva sposato Costanza dAragona Nel 1212, su invito dei principi tedeschi (tra cui in particolare Ottocaro I di Boemia) e con il consenso del papa, trasferiva la guerra ad Ottone nella sua stessa Germania Nel 1212, su invito dei principi tedeschi (tra cui in particolare Ottocaro I di Boemia) e con il consenso del papa, trasferiva la guerra ad Ottone nella sua stessa Germania Federico chiese lappoggio di Filippo Augusto, re di Francia Federico chiese lappoggio di Filippo Augusto, re di Francia mentre Ottone aveva quello di Giovanni, re dInghilterra mentre Ottone aveva quello di Giovanni, re dInghilterra Il 27 luglio 1214 a Beauvines vi fu lo scontro, con la vittoria di Filippo Augusto (e quindi di Federico) Il 27 luglio 1214 a Beauvines vi fu lo scontro, con la vittoria di Filippo Augusto (e quindi di Federico)

5 La coronazione imperiale Nel 1220 a Roma Onorio III (che era succeduto a Innocenzo III) corona Federico Ruggero imperatore [Federico II di Svevia] Nel 1220 a Roma Onorio III (che era succeduto a Innocenzo III) corona Federico Ruggero imperatore [Federico II di Svevia] Consitutio in basilica Beati Petri: gli eretici sono al bando dellimpero Consitutio in basilica Beati Petri: gli eretici sono al bando dellimpero Federico torna nel Regno. Impone il controllo sui matrimoni e i testamenti dei feudatari Federico torna nel Regno. Impone il controllo sui matrimoni e i testamenti dei feudatari Nel 1224 fonda, a Napoli, la prima università statale, per formare il personale amministrativo del regno Nel 1224 fonda, a Napoli, la prima università statale, per formare il personale amministrativo del regno

6 La crociata Nel 1227 veniva eletto papa Gregorio IX, che imponeva a Federico lesecuzione di una delle promesse solenne fatte al momento della coronazione imperiale: quella di riprendere la crociata. Nel 1227 veniva eletto papa Gregorio IX, che imponeva a Federico lesecuzione di una delle promesse solenne fatte al momento della coronazione imperiale: quella di riprendere la crociata. Nel settembre 1227 parte la flotta di Federico da Otranto, ma dopo breve navigazione tornò in porto a causa di una epidemia Nel settembre 1227 parte la flotta di Federico da Otranto, ma dopo breve navigazione tornò in porto a causa di una epidemia Il 27 settembre il papa, ritenendo desser stato ingannato, scomunicò limperatore Il 27 settembre il papa, ritenendo desser stato ingannato, scomunicò limperatore

7 Laccordo con al-Kamil Federico allora preferisce mettersi daccordo con il sultano dEgitto Melek al-Kamil, da cui ottiene una pace di 10 anni ( ) con il libero accesso a Gerusalemme per i pelelgrini Federico allora preferisce mettersi daccordo con il sultano dEgitto Melek al-Kamil, da cui ottiene una pace di 10 anni ( ) con il libero accesso a Gerusalemme per i pelelgrini Dopo laccordo Federico si recò a Gerusalemme, dove venne coronato re (avendo sposato Jolanda di Brienne) ma in assenza del clero Dopo laccordo Federico si recò a Gerusalemme, dove venne coronato re (avendo sposato Jolanda di Brienne) ma in assenza del clero Il papa, mantenendo la scomunica, aveva inviato un esercito di clavigeri in Puglia Il papa, mantenendo la scomunica, aveva inviato un esercito di clavigeri in Puglia

8 La pace di San Germano Tornato in Puglia, Federico sconfigge lesercito dei clavigeri, ma si ferma ai confini dello Stato della Chiesa. Tornato in Puglia, Federico sconfigge lesercito dei clavigeri, ma si ferma ai confini dello Stato della Chiesa. Si ebbero lunghi negoziati (condotti in gran parte da Ermanno di Salza, gran maestro dellOrdine teutonico), fino a giungere alla pace di San Germano [1130] Si ebbero lunghi negoziati (condotti in gran parte da Ermanno di Salza, gran maestro dellOrdine teutonico), fino a giungere alla pace di San Germano [1130]

9 Le costituzioni melfitane 1231 Federico II primo ispiratore e autore con i suoi consiglieri Pier delle Vigne e Jacopo di Capua 1231 Federico II primo ispiratore e autore con i suoi consiglieri Pier delle Vigne e Jacopo di Capua "Vogliamo perciò che tutti i nostri sudditi sappiano, in base ai termini di questa legge, che noi pesiamo sulle nostre bilance il diritto di ciascuno alla giustizia, insistiamo che nessuna che nessuna distinzione debba essere fatta tra gli individui nel giudizio dei tribunali; la giustizia va messa in atto con ugual forza per ognuno, sia questo un franco, un romano o un longobardo, sia querelante o convenuto" (Cost. II, 17). "Vogliamo perciò che tutti i nostri sudditi sappiano, in base ai termini di questa legge, che noi pesiamo sulle nostre bilance il diritto di ciascuno alla giustizia, insistiamo che nessuna che nessuna distinzione debba essere fatta tra gli individui nel giudizio dei tribunali; la giustizia va messa in atto con ugual forza per ognuno, sia questo un franco, un romano o un longobardo, sia querelante o convenuto" (Cost. II, 17).

10 Nuovi scontri con i comuni 1231 dieta di Ravenna e Aquileia 1231 dieta di Ravenna e Aquileia A Verona si afferma il potere di Ezzelino da Romano A Verona si afferma il potere di Ezzelino da Romano Milano sollecita la ribellione di Enrico, figlio di Federico, re di Germania Milano sollecita la ribellione di Enrico, figlio di Federico, re di Germania Federico si reca in Germania, sconfigge la sedizione, emana il Privilegium in favorem principum Federico si reca in Germania, sconfigge la sedizione, emana il Privilegium in favorem principum 1237 a Cortenuova sconfigge lesercito della Lega, inviando il carroccio a Roma 1237 a Cortenuova sconfigge lesercito della Lega, inviando il carroccio a Roma

11 Nuovi scontri con il papa Federico aveva fatto sposare il figlio Enzo con Adelasia di Torres e Gallura il papa vide qui una offesa allalta sovranità pontificia sullisola, scomunicò Federico e convocò un concilio per giudicarlo Federico aveva fatto sposare il figlio Enzo con Adelasia di Torres e Gallura il papa vide qui una offesa allalta sovranità pontificia sullisola, scomunicò Federico e convocò un concilio per giudicarlo 1241 i prelati francesi diretti a Roma per il concilio, vennero intercettati da navi pisane, per conto di Federico, davanti allisola del Giglio e tenuti in dura prigionia 1241 i prelati francesi diretti a Roma per il concilio, vennero intercettati da navi pisane, per conto di Federico, davanti allisola del Giglio e tenuti in dura prigionia

12 Il I Concilio di Lione Morto Gregorio IX nel 1241, nel 1243 gli successe Sinibaldo Fieschi, che prese nome Innovenzo IV, il quale fuggì a Lione (1244) Morto Gregorio IX nel 1241, nel 1243 gli successe Sinibaldo Fieschi, che prese nome Innovenzo IV, il quale fuggì a Lione (1244) 1245: I Concilio di Lione: 1245: I Concilio di Lione: –avanzata dei mongoli (nel 1241 avevano sconfitto re Bela IV di Ungheria) –processo allimperatore

13 Ultimi anni A seguito della deposizione dellimperatore, Parma abbandonò il campo imperiale, nel Regno una serie di congiure soffocate nel sangue (anche Pier della Vigna venne incarcerato nella rocca di San Miniato, dove si uccise) A seguito della deposizione dellimperatore, Parma abbandonò il campo imperiale, nel Regno una serie di congiure soffocate nel sangue (anche Pier della Vigna venne incarcerato nella rocca di San Miniato, dove si uccise) 1249 i bolognesi catturano il figlio Enzo 1249 i bolognesi catturano il figlio Enzo 1250 a Fiorentino, in Puglia, dopo rapida malattia, Federico II moriva a Fiorentino, in Puglia, dopo rapida malattia, Federico II moriva.

14 Il ritratto di Federico di fra Salimbene di Parma "fu uomo pestifero e maledetto, scismatico, eretico ed epicureo, corruttore di tutta la terra, giacché seminò il seme della divisione e della discordia nelle città d'Italia, tanto che dura fino ad oggi. Federico quasi sempre amò aver discordia con la Chiesa, e la contrastò in molti modi. Proprio la Chiesa, che lo aveva nutrito e difeso ed elevato. "fu uomo pestifero e maledetto, scismatico, eretico ed epicureo, corruttore di tutta la terra, giacché seminò il seme della divisione e della discordia nelle città d'Italia, tanto che dura fino ad oggi. Federico quasi sempre amò aver discordia con la Chiesa, e la contrastò in molti modi. Proprio la Chiesa, che lo aveva nutrito e difeso ed elevato. Della fede in Dio non ne aveva neanche un po'. Era un uomo astuto, sagace, avido, lussurioso, malizioso, iracondo. E fu uomo valente qualche volta, quando volle dimostrare le sue buone qualità e cortesie: sollazzevole, allegro, delizioso, industre. Sapeva leggere, scrivere e cantare; e sapeva comporre cantilene e canzoni. Della fede in Dio non ne aveva neanche un po'. Era un uomo astuto, sagace, avido, lussurioso, malizioso, iracondo. E fu uomo valente qualche volta, quando volle dimostrare le sue buone qualità e cortesie: sollazzevole, allegro, delizioso, industre. Sapeva leggere, scrivere e cantare; e sapeva comporre cantilene e canzoni. Fu bell'uomo e ben formato, ma era di statura media [...]. Ancora, sapeva parlare molte e svariate lingue. E, per farla corta, se fosse stato veramente cattolico e avesse amato Dio e la Chiesa e la propria anima, avrebbe avuto al mondo pochi uguali a lui nell'autorità". Fu bell'uomo e ben formato, ma era di statura media [...]. Ancora, sapeva parlare molte e svariate lingue. E, per farla corta, se fosse stato veramente cattolico e avesse amato Dio e la Chiesa e la propria anima, avrebbe avuto al mondo pochi uguali a lui nell'autorità".


Scaricare ppt "Federico II di Svevia Lez. 7 a Federico II di Svevia Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) Prof. Marco Bartoli."

Presentazioni simili


Annunci Google