La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LAmministrazione che parla al cittadino!! Non ci nascondiamo dietro le parole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LAmministrazione che parla al cittadino!! Non ci nascondiamo dietro le parole."— Transcript della presentazione:

1 LAmministrazione che parla al cittadino!! Non ci nascondiamo dietro le parole.

2 Abbiamo deciso di rendere più semplice comunicare con voi o (con noi????) Siamo al vostro servizio. Vi garantiamo trasparenza. Vogliamo parlarvi con un linguaggio semplice e chiaro. Anche noi siamo cittadini. Vogliamo aiutarvi a comprendere...

3 Quando ricevete una comunicazione... Molto spesso dietro a parole inusuali sono nascosti concetti semplici, ma importanti.

4 La legge ci aiuta a non sbagliare e garantisce che TUTTI rispettino i vostri DIRITTI. Perché ciò sia possibile non possiamo banalizzare il linguaggio della pubblica amministrazione, ma nulla ci vieta di spiegarvi cosa abbiamo da dirvi.

5 Larrivo di una raccomandata da un ufficio pubblico fa scattare immediatamente la domanda: …..e ora questi che vorranno... Avrò preso una multa???? …..e ora questi che vorranno... Avrò preso una multa???? Non vi preoccupate siamo qui per aiutarvi!!

6 La prima comunicazione che ricevete sarà più o meno così: Ingrandisci

7 Non siamo stati chiari? Provate a leggerla in questa forma… Ingrandisci

8 Qual è il nostro obiettivo? Molto spesso non ci rendiamo conto che il nostro compito è informarvi, vorremmo avere dei pareri, confrontarci con i cittadini, ma lo facciamo in modo così austero da non invogliarvi a farlo. Sottoporci le vostre idee e le vostre osservazioni ci permette di fare opere pubbliche che rispondano alle vostre esigenze.

9 Scrivere per farsi capire Siamo realmente interessati a cooperare per creare assieme unamministrazione migliore. Tra tecnici è normale usare un linguaggio tecnico, ecco perché abbiamo preparato un glossario che possa aiutarvi con dei termini non di tutti i giorni!! Glossario Glossario

10 Espropriazione per pubblica utilità (DPR 327 del 2001) Espropriato Autorità espropriante Il vincolo preordinato allesproprio (DPR 327/2001 art ) Dichiarazione di pubblica utilità (art.12 DPR 327/2001) Progetto definitivo (artt. 16 e 17 DPR 327/2001) Piano particellare (art. 20 DPR 327/2001) Indennità di esproprio (artt. 20, 21, 22 DPR 327/2001) Decreto di esproprio (art.23 DPR 327/2001) Cessione volontaria (art. 45 DPR 327/2001) Occupazione temporanea (art. 49 DPR 327/2001) Glossario Glossario

11 Espropriazione per pubblica utilità Lespropriazione è il procedimento con cui la pubblica amministrazione, per realizzare unopera pubblica (una strada, una scuola etc.), acquisisce determinati beni di proprietà di un altro soggetto, indipendentemente dalla volontà di questo, dopo avergli corrisposto una somma a titolo di indennità.

12 Espropriato Per espropriato si intende il soggetto cui viene sottratto un bene (ad esempio terreno) per la realizzazione di unopera pubblica.

13 Autorità espropriante E un termine generico con cui si indica lente che procede allespropriazione (amministrazioni statali, regioni, province, comuni e altri enti pubblici).

14 Il vincolo preordinato allesproprio (DPR 327/2001 art ) Il vincolo preordinato allesproprio è un atto con cui la Pubblica Amministrazione (Provincia, Comune, ecc) stabilisce che in un determinato luogo sarà realizzata unopera pubblica e individua i mappali (ossia le particelle catastali) interessati dallopera, in sostanza attraverso questo atto lamministrazione vincola una certa zona alla realizzazione di unopera. Questo vincolo viene imposto in diversi modi: 1. attraverso il piano urbanistico generale, che è latto con cui il Comune individua le varie zone in cui si divide il territorio (area edificabile, zona agricola, zona industriale ecc…) per esempio di un Comune; 2. attraverso modifiche al Piano urbanistico generale, dette varianti (per cui una zona agricola per es. diventa edificabile).

15 Dichiarazione di pubblica utilità (art.12 DPR 327/2001) La dichiarazione di pubblica utilità è latto con cui la Pubblica Amministrazione dichiara lopera che si intende costruire utile ai cittadini. Con questo atto in sostanza la P.A. approva il progetto definitivo dellopera, indicando il luogo in cui essa sarà realizzata. La dichiarazione di pubblica utilità contiene i termini entro i quali dovranno essere eseguiti gli espropri e, quindi, trasferiti i beni in mano pubblica per consentire la realizzazione dellopera.

16 Progetto definitivo (artt. 16 e 17 DPR 327/2001) La progettazione di unopera pubblica avviene in tre fasi successive: prima viene approvato il progetto preliminare, poi il definitivo e, infine, lesecutivo. Il progetto definitivo e il progetto conclusivo dellopera, senza lindicazione dei particolari (ornamenti, dettagli e modalità costruttive), che, invece, saranno contenuti nel progetto esecutivo. Prima che la Pubblica Amministrazione approvi il progetto definitivo, vengono informati i proprietari dei terreni sui cui ricade lopera. Si tratta di una lettera contenente un avviso personale con il quale i cittadini interessati vengono invitati a prendere visione del progetto e a presentare eventuali osservazioni in merito, come, ad esempio, modi diversi di realizzare lopera o semplicemente suggerimenti e segnalazioni per piccoli cambiamenti. La Pubblica Amministrazione ha lobbligo di valutare le eventuali osservazioni proposte dai proprietari.

17 Piano particellare (art. 20 DPR 327/2001) Il piano particellare è un allegato del progetto definitivo: esso è formato da un grafico e da una relazione descrittiva e serve ad indicare in maniera precisa e puntuale i beni che si devono espropriare. Il grafico raffigura la zona interessata dallopera pubblica riportata sulla mappa catastale aggiornata, nonché le singole particelle interessate dallesproprio. La relazione descrittiva contiene: lelenco delle ditte espropriande ( cioè i proprietari dei beni da espropriare) che risultano dai registri catastali, la superficie totale delle particelle e la quota parte da espropriare o da sottoporre a limitazioni, servitù, occupazioni temporanee non finalizzate allesproprio e le corrispondenti indennità offerte. Si tratta anche in questo caso di un atto che deve essere comunicato a ciascun proprietario (in genere viene comunicato insieme allavviso che precede lapprovazione del progetto definitivo) nella parte che lo riguarda. Gli interessati nei successivi trenta giorni possono presentare osservazioni scritte e depositare documenti, al fine di aiutare lautorità espropriante a stabilire limporto dellindennità.

18 Indennità di esproprio (artt. 20, 21, 22 DPR 327/2001) Lindennità di esproprio è una somma che viene corrisposta ai proprietari di beni espropriati, per ripagarli della perdita del bene espropriato. La Pubblica amministrazione la determina in via provvisoria quando viene approvato definitivamente latto che dichiara la pubblica utilità. Limporto fissato – che viene stabilito da un tecnico, in base alla legge - viene portato a conoscenza del proprietario insieme allelenco dei beni da espropriare, per la parte che lo riguarda. Nei trenta giorni successivi alla notificazione il proprietario del bene può comunicare all'autorità espropriante che condivide l'indennità provvisoria. Se invece manca l'accordo, occorre procedere alla determinazione dellindennità o in via informale con laiuto di tecnici nominati dallespropriato e dall'autorità espropriante, oppure attraverso un procedimento formale che si svolge in tribunale sempre con la nomina di tecnici di fiducia, uno da parte dellespropriato, uno dalla Pubblica amministrazione e uno dal Presidente del Tribunale.

19 Decreto di esproprio (art.23 DPR 327/2001) Con il decreto di esproprio la proprietà dei beni immobili sui quali verrà realizzata lopera pubblica passa dai proprietari originari all'autorità espropriante. Tale atto indica i beni espropriati, lente che ne diventerà proprietario, limporto dellindennità e precisa se sia stata accettata dal proprietario. Continene, inoltre, un avviso in cui viene indicato luogo, giorno e ora in cui lautorità espropriante effettuerà l'immissione in possesso, ossia la materiale presa di possesso del bene.

20 Cessione volontaria (art. 45 DPR 327/2001) Può accadere che la Pubblica Amministrazione e il cittadino espropriato trovino un accordo sulle modalità e lindennità di esproprio e concludano un atto di cessione volontaria, ossia una specie di contratto di compravendita che produce gli stessi effetti del decreto di esproprio. Latto di cessione, proprio come qualsiasi atto di acquisto di un bene immobile, viene stipultato con la forma dellatto pubblico davanti al notaio. Nulla vieta, però, che il cittadino, una volta accordatosi con lautorità espropriante sulle modalità e lindennità di esproprio, invece di stipulare latto davanti al notaio, accetti di ricevere la notifica del decreto di esproprio, il cui contenuto rispecchierà appunto gli accordi conclusi. Ciò consentirà al proprietario una notevole abbreviazione dei tempi per la riscossione dellindennità.

21 Occupazione temporanea (art. 49 DPR 327/2001) Per procedere materialmente alla realizzazione di unopera pubblica, spesso lautorità espropriante, oltre ai beni espropriati, ha bisogno di spazi per il deposito di materiali e attrezzature, per linstallazione di uffici e strutture inerenti il cantiere. In questo caso, procederà ad occupare temporaneamente i terreni necessari. Anche per questa utilizzazione temporanea il proprietario ha diritto di ricevere una indennità, commisurata al disagio sopportato.


Scaricare ppt "LAmministrazione che parla al cittadino!! Non ci nascondiamo dietro le parole."

Presentazioni simili


Annunci Google