La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Formazione generale del personale ATA SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole M3 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Formazione generale del personale ATA SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole M3 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08."— Transcript della presentazione:

1 Formazione generale del personale ATA SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole M3 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011

2 La sicurezza nella scuola: Il processo da Struttura a Sistema * Dove * dove previsti

3 Datore di lavoro (Dirigente Scolastico) Dirigente (DSGA, Vicepreside) Preposto (docente di laboratorio, capo ufficio, capo squadra) LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA (soggetti destinatari di obblighi) Lavoratore (dipendente della scuola, studente equiparato) ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA

4 DATORE DI LAVORO Dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui questultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dal vertice della PA tenendo conto dellubicazione e dellambito funzionale e degli uffici nei quali viene svolta lattività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. D.Lgs. 81/08 art. 2 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

5 DATORE DI LAVORO NELLA SCUOLA (Dirigente Scolastico) E responsabile della sicurezza e della salute, non solo dei docenti e del personale amministrativo, tecnico e ausiliario, ma anche di tutte le persone che collaborano a qualsiasi titolo allattività lavorativa e degli allievi anche quando questi sono equiparati ai lavoratori perché impegnati in attività di laboratorio LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

6 DIRIGENTE Persona che in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando lattività lavorativa e vigilando su di essa D.Lgs. 81/08 art. 2 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

7 DATORE DI LAVORO E DIRIGENTE OBBLIGHI: nominare il RSPP e le figure preposte alla sicurezza e gli addetti allemergenza e assicurarne la formazione, linformazione e l'addestramento elaborare il DVR individuare, programmare, attuare e aggiornare le misure di prevenzione e protezione e organizzare lemergenza richiedere losservanza delle norme e delle disposizioni aziendali e luso dei dispositivi di protezione collettivi e individuale nominare il medico competente e assicurare la sorveglianza sanitaria D.Lgs. 81/08 art. 18 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

8 DIRIGENTE COMPITI: predispone le misure di sicurezza specifiche (stabilite da norme, indicate dalla conoscenza e dalla tecnica) impartisce istruzioni ed ordini precisi per la migliore esecuzione del lavoro vigila, personalmente o dandone incarico a sorveglianti o preposti, affinché le istruzioni vengano eseguite, recandosi sul posto con la frequenza richiesta per un efficiente controllo dellincolumità delle persone LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

9 PREPOSTO Persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce lattuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa D.Lgs. 81/08 art. 2 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

10 PREPOSTO Per diventare preposto, non serve delega perché non ha potere di spesa e autonomia gestionale, ma è necessario che il soggetto: - eserciti di fatto un potere di comando nei confronti di altri - sia riconosciuto da altri il ruolo di preminenza nei loro confronti È opportuno redigere una lista delle persone individuate come preposti, indicando, per ognuno di questi e in modo preciso, i soggetti nei confronti dei quali si intende esercitato tale ruolo LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

11 Figura scolastica: Preposto Soggetti nei confronti dei quali viene esercitato il ruolo di preposto Insegnanti tecnico-pratici e docenti teorici che insegnano discipline tecniche o tecnico- scientifiche, durante lutilizzo dei laboratori o di aule attrezzate Allievi della propria classe, limitatamente alle condizioni nelle quali questi sono equiparati a lavoratori Coordinatore o caposquadra del personale ausiliario (se presente nellorganizzazione della scuola) Personale ausiliario Capo Ufficio TecnicoPersonale assegnato al proprio ufficio Responsabile del magazzino Personale addetto al magazzino Coordinatore della bibliotecaPersonale addetto alla biblioteca Responsabile di ufficio, capoufficioPersonale del proprio ufficio

12 DATORE DI LAVORO, DIRIGENTE E PREPOSTO Le posizioni di garanzia relative a datore di lavoro, dirigente e preposto gravano anche su colui il quale, pur sprovvisto di regolare investitura, eserciti in concreto i rispettivi poteri giuridici D.Lgs. 81/08 art. 299 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

13 PREPOSTO Il preposto non adotta misure di prevenzione, ma fa osservare quelle che sono state predisposte dal datore di lavoro e dai dirigenti datore di lavoro e dirigenti esercizio/direzione dellattività dimpresa dovere di attuazione e vigilanza degli obblighi e degli adempimenti di salute e sicurezza preposti sorveglianza del luogo di lavoro dovere di garanzia dellattuazione degli obblighi e degli adempimenti di sicurezza dei lavoratori

14 PREPOSTO OBBLIGHI: sovrintende e vigila sullosservanza da parte dei lavoratori dei loro obblighi informa il più presto possibile i lavoratori esposti a rischio grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione richiede losservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dà istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa segnala tempestivamente al DL o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature e di DPI, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta D.Lgs. 81/08 art. 19 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

15 LAVORATORE Persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge unattività lavorativa nellambito dellorganizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, unarte o una professione...lallievo degli istituti di istruzione … nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui lallievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori in questione... D.Lgs. 81/08 art. 2 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

16 LAVORATORE OBBLIGHI: si prende cura della propria sicurezza e salute e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi ricevuti dal datore di lavoro contribuisce alladempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza osserva le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro utilizza correttamente macchine, utensili, sostanze, mezzi di trasporto e dispositivi di sicurezza e protezione non rimuove o modifica senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza, di segnalazione, etc. D.Lgs. 81/08 art. 20 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

17 LAVORATORE OBBLIGHI: segnala immediatamente al datore di lavoro o superiore le deficienze di macchine, impianti o dispositivi, nonché qualsiasi condizione di pericolo di cui venga a conoscenza adoperandosi direttamente in caso di urgenza per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave e incombente, dandone notizia al RLS non compie di propria iniziativa operazioni non di competenza si sottopone ai controlli sanitari previsti dal decreto o comunque disposti dal Medico Competente partecipa ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro D.Lgs. 81/08 art. 20 LINEA GERARCHICA DELLA SICUREZZA

18 DIRITTI DEI LAVORATORI lavorare in un ambiente i cui rischi siano stati adeguatamente valutati e dove siano state adottate tutte le misure necessarie affinché i pericoli siano evitati, arginati o affrontati in maniera adeguata (art. 15) utilizzare dei DPI conformi alle norme di legge e adatti alle mansioni che svolgono (art. 74) ricevere un adeguato controllo sanitario (art. 41) ricevere adeguata informazione e formazione in materia di sicurezza sul lavoro (art. 36 e 37) allontanarsi dal luogo di lavoro in caso di pericolo (art. 43 e 44) avere un RLS che tuteli la loro sicurezza e li rappresenti (art. 2) non subire oneri finanziari per le misure adottate relative alla sicurezza (art. 15 e 37) D.Lgs. 81/08

19 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (SPP) Insieme di persone, sistemi e mezzi esterni o interni alla scuola, finalizzati allattività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori E' composto dal Responsabile (persona … designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il SPP) più eventuali Addetti (persona … facente parte del SPP) D.Lgs. 81/08 art. 2 LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA Nel caso in cui il datore di lavoro si avvalga di un esperto esterno per ricoprire lincarico di RSPP, deve comunque organizzare un Servizio di prevenzione e Protezione con un adeguato numero di Addetti (art. 32)

20 SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (SPP) COMPITI: azione di supporto e assistenza al datore di lavoro : individuazione dei fattori di rischio, delle procedure e delle misure di prevenzione e protezione proposta dei programmi di informazione e formazione dei lavoratori (e degli studenti) erogazione ai lavoratori dellinformazione di cui allart 36 elaborazione del Documento di Valutazione dei Rischi D.Lgs. 81/08 art. 33 LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA

21 RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Persona eletta o designata [dai lavoratori di ogni singola istituzione scolastica] per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza durante il lavoro D.Lgs. 81/08 art. 2 LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA È un diritto dei lavoratori, non un obbligo Non contratta, ma garantisce la sicurezza Incompatibile con il ruolo di RSPP e ASPP

22 RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ATTRIBUZIONI: ha libero accesso a qualsiasi luogo della scuola è consultato preventivamente e tempestivamente relativamente alla valutazione dei rischi e alle misure di prevenzione della scuola, alla designazione degli addetti alla sicurezza e allorganizzazione della formazione riceve tutte le informazioni necessarie per espletare il suo ruolo ed unadeguata formazione ha accesso a tutti i documenti legati alla gestione della sicurezza (in particolare DVR e Registro Infortuni) si fa promotore di proposte e portavoce delle istanze avanzate dagli altri lavoratori in merito a problemi connessi alla salute e alla sicurezza sul lavoro D.Lgs. 81/08 art. 50 LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA

23 ADDETTI ANTINCENDIO E PRIMO SOCCORSO Lavoratori designati dal datore di lavoro incaricati dellattuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro, in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dellemergenza D.Lgs. 81/08 art. 43 LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA Devono essere formati, essere in numero sufficiente e disporre di attrezzature adeguate, tenendo conto delle dimensioni e dei rischi specifici della scuola

24 MEDICO COMPETENTE Medico in possesso dei titoli e requisiti previsti dalla normativa, che collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti che la normativa gli attribuisce D.Lgs. 81/08 art. 2 LINEA COLLABORATIVA DELLA SICUREZZA E' presente solo nelle situazioni lavorative in cui il Documento di Valutazione dei Rischi prevede la sorveglianza sanitaria

25 SISTEMA SANZIONATORIO Il D.lgs 81/08 prevede sanzioni (arresto, ammenda, sanzione amministrativa pecuniaria) per il datore di lavoro, il dirigente, il preposto, il lavoratore e il medico competente che non assolvano agli obblighi previsti

26 ORGANI DI CONTROLLO E VIGILANZA Verificano e garantiscono, attraverso ispezioni e controlli, che la normativa in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro sia effettivamente e correttamente applicata …Gli ispettori del lavoro hanno facoltà di visitare, in qualsiasi momento ed in ogni parte, i luoghi di lavoro e le relative dipendenze, di sottoporre a visita medica il personale occupato, di prelevare campioni di materiali o prodotti ritenuti nocivi, e altresì di chiedere al datore di lavoro, ai dirigenti, ai preposti ed ai lavoratori le informazioni che ritengano necessarie per l'adempimento del loro compito… (art. 64 del D.P.R. n. 303 del 1956)

27 ORGANI DI CONTROLLO E VIGILANZA Lattività di controllo e di vigilanza è svolta da: le Aziende Sanitarie Locali competenti per territorio attraverso i Dipartimenti di Prevenzione che comprende le U.O. Prevenzione, Igiene e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro (PISLL), Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP), Servizio Sanità Pubblica Veterinaria (SSPV) il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco lAgenzia Regionale per la Protezione Ambientale la Direzione Territoriale del Lavoro

28 ORGANI DI CONTROLLO E VIGILANZA tutti questi enti collaborano anche sul versante didattico per la promozione della cultura della sicurezza nelle scuole

29 ORGANI DI ASSICURAZIONE - ASSISTENZA INPS: eroga le rendite pensionistiche di fine lavoro e la prestazione economica sostitutiva della retribuzione in caso di assenza per incapacità temporanea assoluta al lavoro dovuta a malattia o a gravidanza INAIL: tutela il lavoratore contro i danni fisici ed economici derivanti da infortuni e malattie causati dallattività lavorativa SINDACATO: è unorganizzazione che associa i membri di una categoria di lavoratori allo scopo di rappresentare difenderne gli interessi economici e professionali PATRONATO: è un Ente istituito da un sindacato con lo scopo di assistere gratuitamente i lavoratori, i pensionati e categorie di persone bisognose, come gli invalidi e i disoccupati, in materia di lavoro e di previdenza, in materia giudiziaria, in materia di assicurazione sul lavoro e nellespletamento delle pratiche amministrative in genere


Scaricare ppt "Formazione generale del personale ATA SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole M3 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08."

Presentazioni simili


Annunci Google