La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione al Disegno Tecnico Il disegno tecnico serve a rappresentare, in modo chiaro e semplice: la geometria e le dimensioni di macchina nel suo insieme.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione al Disegno Tecnico Il disegno tecnico serve a rappresentare, in modo chiaro e semplice: la geometria e le dimensioni di macchina nel suo insieme."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione al Disegno Tecnico Il disegno tecnico serve a rappresentare, in modo chiaro e semplice: la geometria e le dimensioni di macchina nel suo insieme e dei suoi componenti i materiali costituenti i gradi di lavorazione e le tolleranze sulle misure ogni altro particolare ritenuto utile per trasmettere informazione dal progettista al realizzatore Il disegno tecnico è quindi un linguaggio codificato con cui il progettista comunica con il responsabile della realizzazione delloggetto progettato Il disegno tecnico serve a rappresentare, in modo chiaro e semplice: la geometria e le dimensioni di macchina nel suo insieme e dei suoi componenti i materiali costituenti i gradi di lavorazione e le tolleranze sulle misure ogni altro particolare ritenuto utile per trasmettere informazione dal progettista al realizzatore Il disegno tecnico è quindi un linguaggio codificato con cui il progettista comunica con il responsabile della realizzazione delloggetto progettato

2 Il disegno tecnico integra, chiarisce ed accompagna il dimensionamento della macchina. Ogni progetto è quindi composto da: Formule di dimensionamento Formule di verifica degli obiettivi di progettazione Disegni di sintesi ed i disegni Gli enti normatori UNI ed UNEL sono preposti alla unificazione dei simboli grafici impiegati nel disegno tecnico. Le norme CEI si limitano a regolare i simboli, gli schemi elettrici, la nomenclatura e le formule per il dimensionamento di massima e la verifica della macchina Il disegno tecnico integra, chiarisce ed accompagna il dimensionamento della macchina. Ogni progetto è quindi composto da: Formule di dimensionamento Formule di verifica degli obiettivi di progettazione Disegni di sintesi ed i disegni Gli enti normatori UNI ed UNEL sono preposti alla unificazione dei simboli grafici impiegati nel disegno tecnico. Le norme CEI si limitano a regolare i simboli, gli schemi elettrici, la nomenclatura e le formule per il dimensionamento di massima e la verifica della macchina

3 Il disegno meccanico può essere realizzato con: schizzi quotati (eseguiti a mano libera) disegni quotati dei componenti e dei sottosistemi necessari per la realizzazione dei componenti. Devono riportare tutte le indicazioni necessarie per la lavorazione, quali: materiali da impiegare, macchine utensili e grado di finitura, lavorazioni, tolleranze, etc. Disegno quotato dellinsieme (necessario per lassemblaggio dei componenti per ottenere la macchina finita) Il disegno meccanico può essere realizzato con: schizzi quotati (eseguiti a mano libera) disegni quotati dei componenti e dei sottosistemi necessari per la realizzazione dei componenti. Devono riportare tutte le indicazioni necessarie per la lavorazione, quali: materiali da impiegare, macchine utensili e grado di finitura, lavorazioni, tolleranze, etc. Disegno quotato dellinsieme (necessario per lassemblaggio dei componenti per ottenere la macchina finita)

4 Formato Fogli (UNI ) Le dimensioni sono studiate in modo che una piegatura a metà del foglio scala dal formato lAi a quello A(i+1) Le dimensioni sono studiate in modo che una piegatura a metà del foglio scala dal formato lAi a quello A(i+1)

5 Disposizione delle Viste o Proiezioni Ortogonali Piani di rappresentazione delle proiezioni ortogonali e ribaltamento dei piani di proiezione con le viste Vista principale: rappresenta il pezzo nel modo più espressivo per il suo normale funzionamento Non è necessario riportare tutte le viste. Di solito ne bastano 3. Piani di rappresentazione delle proiezioni ortogonali e ribaltamento dei piani di proiezione con le viste Vista principale: rappresenta il pezzo nel modo più espressivo per il suo normale funzionamento Non è necessario riportare tutte le viste. Di solito ne bastano 3.

6 Sistema Europeo: dispone sotto la vista principale, A la vista F (dallalto) ed a destra della vista principale quella che si vede guardando da sinistra, B. Sistema Americano: le viste vanno disposte dallo stesso lato da cui si guarda ( B-D ed E-F vanno scambiate di posto ) Sistema Europeo: dispone sotto la vista principale, A la vista F (dallalto) ed a destra della vista principale quella che si vede guardando da sinistra, B. Sistema Americano: le viste vanno disposte dallo stesso lato da cui si guarda ( B-D ed E-F vanno scambiate di posto ) Visione Prospettica Nel disegno tecnico industriale, la prospettiva utilizzata è quella che prevede il centro di osservazione allinfinito Non è previsto luso di centri di osservazione al finito Nel disegno tecnico industriale, la prospettiva utilizzata è quella che prevede il centro di osservazione allinfinito Non è previsto luso di centri di osservazione al finito

7 Proiezioni Assonometriche Se il centro di proiezione è posto allinfinito, le proiettanti sono parallele tra loro. Si ottiene una rappresentazione tridimensionale delloggetto privo di vistose deformazioni. A seconda dellangolatura si hanno: n Assonometrie Parallele Ortogonali Assonometria Isometrica Dimetrica Trimetrica n Assonometrie Parallele Oblique Assonometria Cavaliera Cavaliera Isometrica Cavaliera Planimetrica Se il centro di proiezione è posto allinfinito, le proiettanti sono parallele tra loro. Si ottiene una rappresentazione tridimensionale delloggetto privo di vistose deformazioni. A seconda dellangolatura si hanno: n Assonometrie Parallele Ortogonali Assonometria Isometrica Dimetrica Trimetrica n Assonometrie Parallele Oblique Assonometria Cavaliera Cavaliera Isometrica Cavaliera Planimetrica

8 Assonometrie Parallele Ortogonali IsometricaDimetricaTrimetrica Tipiche rappresentazioni tridimensionali eseguite con il calcolatore

9 Assonometrie Parallele Oblique o Cavaliere

10 Tipi di Scale

11 Classificazione delle Linee

12

13

14 La Quotatura dei Disegni Sono le indicazioni necessarie alla costruzione del componente e definiscono le sue caratteristiche dimensionali. Gli elementi che individuano graficamente una quota sono tre: A) le linee di riferimento; B) le linee di misura; C) i simboli terminali di quota n Le quote devono essere poste allesterno della figura. Possono essere poste allinterno ma non devono interferire con la figura n Le linee di misura non devono intersecare altre linee del disegno n Le linee di quota minori più vicine alla figura n La scritturazione delle quote non devono creare sovrapposizioni n Le quote possono essere rappresentate in due modi: con direzione parallela alla linea di quota e sopra di essa o sempre orizzontale interrompendo la linea di quota Sono le indicazioni necessarie alla costruzione del componente e definiscono le sue caratteristiche dimensionali. Gli elementi che individuano graficamente una quota sono tre: A) le linee di riferimento; B) le linee di misura; C) i simboli terminali di quota n Le quote devono essere poste allesterno della figura. Possono essere poste allinterno ma non devono interferire con la figura n Le linee di misura non devono intersecare altre linee del disegno n Le linee di quota minori più vicine alla figura n La scritturazione delle quote non devono creare sovrapposizioni n Le quote possono essere rappresentate in due modi: con direzione parallela alla linea di quota e sopra di essa o sempre orizzontale interrompendo la linea di quota

15 Sistemi di Quotatura dei Disegni La norma UNI 3974 fissa 6 sistemi principali di quotatura Quotature in Serie in Parallelo Progressiva Quotature Mista con Coordinate XY con Coor. Polari La norma UNI 3974 fissa 6 sistemi principali di quotatura Quotature in Serie in Parallelo Progressiva Quotature Mista con Coordinate XY con Coor. Polari

16 Oltre alla quotatura geometrica è ammessa una quotatura funzionale o tecnologica La quotatura funzionale definisce le parti delloggetto in base alle diverse funzioni in relazione allobbiettivo per cui sono state pensate (F, NF, AUX) La quotatura tecnologica, oltre alle dimensioni, definisce i procedimenti di lavorazione, eventuali trattamenti, le esigenze di controllo ed altre informazioni utili per la costruzione delloggetto, riportate in una apposita tabella esplicativa

17 Hanno lo scopo di evidenziare le forme interne di un componente di una certa complessità e vengono definite come rappresentazione di una delle parti con cui loggetto viene diviso da uno o più piani secanti Sezioni e Relative Convenzioni UNI 3971 La parte sezionata deve essere rappresentata tratteggiata e deve essere accompagnata da una indicazione della vista

18 Sez.Semplice Sez.Sfalsata Sez.Deviata

19

20 Rappresentazione Standadizzata dei materiali

21 Indicazione sul Grado di Lavorazione

22

23 Tolleranze Tra la dimensione nominale e quella effettiva esiste sempre un possibile scostamento. Le tolleranze hanno lo scopo di fissare gli scostamenti ammissibili e sono dettate dalla precisione con cui si vuole che sia realizzato il componente. Può essere indicata nella quota Viti e Filettature Vite passante, mordente, prigioniera

24 Saldature (UNI 1310)

25


Scaricare ppt "Introduzione al Disegno Tecnico Il disegno tecnico serve a rappresentare, in modo chiaro e semplice: la geometria e le dimensioni di macchina nel suo insieme."

Presentazioni simili


Annunci Google