La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dati tre sistemi termodinamici A, B e C 1 equilibrio termico si definisce stato di equilibrio termico lo stato di equilibrio raggiunto dal sistema a seguito.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dati tre sistemi termodinamici A, B e C 1 equilibrio termico si definisce stato di equilibrio termico lo stato di equilibrio raggiunto dal sistema a seguito."— Transcript della presentazione:

1 dati tre sistemi termodinamici A, B e C 1 equilibrio termico si definisce stato di equilibrio termico lo stato di equilibrio raggiunto dal sistema a seguito le proprietà generali delle trasformazioni termodinamiche valgono anche quando queste sono limitate agli scambi di calore, cambiano col tempo le coordinate termodinamiche dopo un certo tempo cessa lo scambio di calore equilibrio termico principio zero della termodinamica lesperienza mostra che gli stati di equilibrio termico godono della seguente proprietà detta principio zero della termodinamica : e in questi casi e le coordinate termodinamiche del sistema e Principio Zero della Termodinamica e B è allequilibrio termico con Callora anche A è in equilibrio termico con B sia del sistema che dellambiente che verranno mantenuti invariati nel tempo calore del solo scambio di calore con lambiente Scambi di calore e se ambiente e sistema sono isolati termicamentetra loro da una superficie rigida e diatermica dallesterno si verifica sperimentalmente che: se il sistema e lambiente sono messi a contatto dellambiente raggiungono valori se A è allequilibrio termico con C A.A

2 al contrario si tratta di una vera e propria assunzione di principio 2 non e dunque il principio zero non e un risultato scontato, che necessitera di verifiche sperimentali la calamita C, posta nelle vicinanze delloggetto metallico A, la calamita C, posta nelle vicinanze di un oggetto metallico B, possiamo affermare che e una constatazione sperimentale che una calamita attira sempre a se oggetti metallici sulla base del fatto che se loggetto A viene posto vicino alloggetto B anche A attirera B verso di se ? ovviamente la risposta e negativa ! e del fatto che lo attira verso di se attenzione: non si tratta di una semplice proprieta transitiva limportanza del principio zero della termodinamica risiede nel fatto che permette di introdurre temperatura empirica il concetto fondamentale di temperatura empirica A.A

3 3 ad es. di nuovo la z 1, in funzione delle restanti l + n-1 e potremo anche in questo caso qualsiasi, per es. la z 1, in funzione delle restanti m+ n-1 siano le coordinate termodinamiche del sistema A y 1,y 2,…....y m le coordinate termodinamiche del sistema B z 1, z 2,…….z n le coordinate termodinamiche del sistema C termodinamiche dei due sistemi tale per cui si abbia e, analogamente, l equilibrio termico tra AB, BC e AC da cio ne consegue che implica che le variabili y 1,y 2,…..y m,z 1, z 2,…..z n l esistenza di una relazione del tipo non siano tra loro indipendenti implica che anche le variabili x 1,x 2,…..x l,z 1, z 2,…..z n ma l esistenza di una relazione del tipo non siano tra loro indipendenti se A e B sono allequilibrio termico tra di loro tra i sistemi B e C e A e C f BC = 0 e f AC = 0 in sintesi x 1, x 2,…...x l deve esistere una funzione f AB delle coordinate e potremo esprimerne una ricavarne una, implica che in caso di equilibrio termico da notare come f AB, f BC e f AC in generale siano tre funzioni del tutto diverse tra loro A.A

4 e utilizzando il procedimento precedentemente che g BC e g AC siano funzioni, cosi come lo e f AB, delle sole variabili x 1, x 2,…..x l, y 1, y 2,..y m inoltre le y i e le x i sono indipendenti tra loro 4 dato che descrivono lo stesso stato fisico e mentre le z i, sono comuni alle due funzioni, secondo il principio zero della termodinamica lequilibrio termico tra B e C e quello tra A e C situazione esprimibile tramite una relazione del tipo g BC, g AC e f AB e ma soprattutto si deve avere la validita del principio zero della termodinamica applicata allequilibrio termico tra A e B e C e lo stesso ragionamento si puo fare partendo dallequilibrio termico tra A e B e C e B g BC e g AC sono due diverse funzioni di piu variabili ma allequilibrio termico dove e una costante devono ridursi ad ununica identica relazione vi sono l variabili x i mentre le y i sono m, in quanto si riferiscono a due sistemi diversi, le altre variabili sono diverse come numero, implica che esista anche equilibrio tra A e B da notare che B implica che esista anche equilibrio tra A e B usato si puo affermare che cio implica A.A

5 una volta raggiunto lequilibrio, una volta raggiunto lequilibrio, 5 temperatura empirica e detta temperatura empirica dei sistemi in equilibrio termodinamiche di quel particolare sistema che, assume lo stesso valore costante nel tempo per ogni sistema termodinamico esiste una funzione delle sole coordinate termico tra i sistemi da notare come h A, h B e h C in generale siano tre funzioni del tutto diverse tra loro che, un volta raggiunto lequilibrio termico, assumono lo stesso valore comune A.A


Scaricare ppt "Dati tre sistemi termodinamici A, B e C 1 equilibrio termico si definisce stato di equilibrio termico lo stato di equilibrio raggiunto dal sistema a seguito."

Presentazioni simili


Annunci Google