La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Termodinamica 1 19 aprile 2011 Temperatura, termometro Principio zero della termodinamica Scala termometrica Celsius Termometro a gas Esigenza di una scala.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Termodinamica 1 19 aprile 2011 Temperatura, termometro Principio zero della termodinamica Scala termometrica Celsius Termometro a gas Esigenza di una scala."— Transcript della presentazione:

1 Termodinamica 1 19 aprile 2011 Temperatura, termometro Principio zero della termodinamica Scala termometrica Celsius Termometro a gas Esigenza di una scala termometrica assoluta Dilatazione termica

2 Temperatura Il concetto di temperatura deriva da un raffinamento quantitativo della sensazione di caldo e di freddo della nostra pelle Luso della sensazione calorica è però troppo grossolano e soggettivo per misurare la temperatura Occorre dunque stabilire criteri più obiettivi 2

3 Temperatura Lesperienza indica che, usualmente, i corpi aumentano le loro dimensioni quando, mantenendo costante la pressione, vengono riscaldati Viene spontanea lidea di misurare la temperatura servendosi delle corrispondenti variazioni di volume di un fluido Su questo principio sono stati costruiti, storicamente, i primi termometri Termometro: è costituito da un bulbo pieno di liquido e da un capillare in cui il liquido può espandersi 3

4 Uguaglianza di temperatura Possiamo ora definire luguaglianza tra due temperature Due corpi hanno uguale temperatura quando lo stesso termometro indica un ugual livello nel capillare per i due corpi 4

5 Temperatura e cambiamenti di stato Si constata sperimentalmente che durante i cambiamenti di stato (tra solido e liquido e tra liquido e vapore) la temperatura rimane costante Questo può essere provato anche con un termometro primitivo come quello che abbiamo descritto: basta constatare che la colonnina di liquido nel capillare non si sposta durante il processo 5

6 Equilibrio termico Si constata sperimentalmente che –se due corpi con temperatura diversa sono messi a contatto, tendono a raggiungere una temperatura comune, ovvero lequilibrio termico –se due corpi con la stessa temperatura sono messi a contatto, mantengono la stessa temperatura, ovvero rimangono in equilibrio termico La temperatura è quindi quella grandezza fisica che caratterizza lequilibrio termico 6

7 Principio zero Dalle esperienze sullequilibrio termico si induce il seguente principio: due sistemi, ognuno in equilibrio termico con un terzo sistema, sono in equilibrio termico fra loro Questa proprietà transitiva viene assunta valida in generale ed elevata a principio zero della termodinamica Questo principio è molto importante perché giustifica luso del termometro come sistema di confronto della temperatura fra diversi sistemi termici 7

8 Temperatura Per definire la misura della temperatura è necessario introdurre una operazione metrica Partiamo dal fatto che il volume del fluido termometrico dipende dalla temperatura Per piccole variazioni di temperatura possiamo porre con buona approssimazione: Con 8

9 Temperatura Ponendo Possiamo esprimere lequazione come segue: O anche così: Questo significa che la misura di V-V 0, espressa dalle gradazioni della colonna termometrica, ci dà una misura della temperatura Un termometro così costruito è un termometro empirico 9

10 Scala termometrica Celsius Rimane da definire il valore di Per questo si scelgono due temperature che lesperienza mostra costanti, come le temperature corrispondenti a cambiamenti di stato dellacqua distillata Si immerge il termometro in ghiaccio fondente e si segna il livello raggiunto dal fluido termometrico nel capillare: questo è il punto 0° Si immerge il termometro in acqua bollente e si segna il nuovo livello: questo è il punto 100° Lintervallo tra i punti fissi 100° e 0° viene diviso sulla colonna termometrica in 100 parti uguali 10

11 Scala termometrica Celsius Si ha così un termometro tarato in gradi Celsius Il parametro risulta: Ricordiamo che dipende dalla sostanza termometrica, quindi 11

12 Altre scale termometriche Scala Réaumur Scala Fahrenheit 12

13 Termometro Sulla base del principio zero è possibile misurare la temperatura utilizzando un sistema campione, il termometro In generale, un termometro è un opportuno sistema che presenta variazioni particolarmente rilevanti di una sua proprietà fisica, con la temperatura: –pressione, volume, resistenza elettrica, … 13

14 Come realizzare un termometro Scegliendo una particolare sostanza termometrica (mercurio, alcool, gas, …) Scegliendo una caratteristica termometrica, cioè una grandezza fisica che dipenda dalla temperatura (volume, pressione, resistenza, …) Imponendo una relazione funzionale tra questa proprietà e la temperatura. Generalmente si sceglie la più semplice, ovvero quella lineare (t=aX+b, oppure t=aX) 14

15 Confronto tra termometri Se si costruiscono termometri con sostanze diverse o basati su caratteristiche termometriche diverse: –le indicazioni relative a 0° e a 100° devono coincidere per costruzione –le indicazioni relative ad altre temperature in generale differiscono da termometro a termometro Emerge il bisogno di una scala termometrica assoluta, indipendente dalla sostanza termometrica usata 15

16 tipo di termometro Ebol. N 2 Ebol. O 2 Punto triplo Ebol. H 2 O a H 2, V=cost a resistenza Pt Temperatura empirica (in °C) di termometri con un solo punto fisso (punto triplo dellacqua) 16

17 Dilatazione termica lineare Detto come misurare la temperatura, possiamo descrivere le leggi della dilatazione dei corpi Consideriamo un corpo solido a forma di sbarra, allaumentare della temperatura e mantenendo la pressione costante, si produce un allungamento proporzionale allaumento di temperatura: Ove lindice 0 si riferisce convenzionalmente alla temperatura di 0° e è il coefficiente di dilatazione lineare 17

18 Coefficienti di dilatazione lineare x /°C piombo28.9 alluminio23.7 rame16.2 ferro12.3 platino9.0 vetro diamante1.3 quarzo0.6 18

19 Dilatazione termica volumica Per i corpi solidi isotropi a forma di parallelepipedo, la legge di dilatazione (a pressione costante) si trova notando che ciascuna dimensione aumenta secondo la legge lineare Il volume è dato dal prodotto dei tre binomi, in cui i termini in t di grado maggiore di 1 sono trascurabili, ne segue con =3, coefficiente di dilatazione volumica 19

20 Dilatazione termica volumica Per i fluidi (liquidi e gas) vale la stessa legge dei solidi isotropi Dilatazione a pressione costante Per i liquidi i coefficienti sono molto più grandi di quelli dei solidi Lacqua presenta unanomalia per cui il coefficiente di dilatazione è negativo tra 0° e 4° x /°C alcool1.00 acetone1.43 glicerina0.50 etere1.62 acqua0.18 mercurio

21 Dilatazione termica dellacqua 21

22 Dilatazione termica Tutte le formule di dilatazione date finora valgono entro intervalli di temperatura non troppo vasti Per calcoli precisi occorre usare formule contenenti potenze più elevate di t 22


Scaricare ppt "Termodinamica 1 19 aprile 2011 Temperatura, termometro Principio zero della termodinamica Scala termometrica Celsius Termometro a gas Esigenza di una scala."

Presentazioni simili


Annunci Google