La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proposta didattica per la Scuola Secondaria di primo grado Progetto “Storia di DEVIS: un cane unico come tanti” Settore Formazione OIPA Italia Onlus (E-mail:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proposta didattica per la Scuola Secondaria di primo grado Progetto “Storia di DEVIS: un cane unico come tanti” Settore Formazione OIPA Italia Onlus (E-mail:"— Transcript della presentazione:

1 Proposta didattica per la Scuola Secondaria di primo grado Progetto “Storia di DEVIS: un cane unico come tanti” Settore Formazione OIPA Italia Onlus ( OIPA Italia Onlus – Organizzazione Internazionale Protezione Animali 1

2 2 Quasi una famiglia italiana su due convive con un animale domestico e più di una su tre con un cane o un gatto.

3 3

4 4

5 5

6 6

7 7

8 8 Cani e gatti abbandonati ogni anno in Italia (stima OIPA) circa Cani che muoiono entro i 20 giorni dall’abbandono (stima OIPA) 80%

9 9

10 10 Gli animali lasciati ai bordi di una strada possono causare incidenti automobilistici.

11 11 ALTRE PROBLEMATICHE CAUSATE DALL’ABBANDONO DEI CANI I cani vaganti possono: Rappresentare un rischio di aggressione per le persone Arrecare danni agli altri animali Diventare veicolo di malattie infettive Alimentare il fenomeno del randagismo, in quanto non sterilizzati

12 12

13 13 Prevenzione 1 – L’adozione responsabile

14 14 Gli animali sono esseri viventi e non degli oggetti! Comprare o vendere un animale significa considerarlo una merce. I negozi di animali non dovrebbero esistere, così come non esistono i negozi di persone.

15

16 16 Inoltre, il commercio di animali ha dato luogo a traffici illegali (come il commercio dei cani dall’est Europa), causa di enormi sofferenze e morte.

17 17

18 18 Prevenzione 2 – La sterilizzazione

19

20 20 Prevenzione 3 – La legge

21 21

22 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27

28 28

29 29

30 30

31 31 *Nota per gli educatori OIPA: Adesso ci colleghiamo alla pagina web OIPA e mostriamo i filmati riguardanti la vicenda di Devis, spiegando esattamente cosa succede, come da note di Simone Dalla Valle. Puntualizzeremo che a monte di questa situazione c’è un’adozione non responsabile, che appunto ha condotto Devis in canile. A seguire, torniamo su queste Schede, ma prima di mostrarle chiediamo ai ragazzi se convivono con un cane: cerchiamo di capire in che modo sono informati sulla sua corretta gestione e cura (alimentazione, malattie, passeggiate, linguaggio, igiene, microchip, medaglietta…) e se conoscono gli obblighi di legge. A questo punto, tramite le Schede, potremmo verificare il grado di responsabilità che caratterizza ogni adozione (senza colpevolizzare, naturalmente!) e incentivare una migliore conoscenza del nostro amico a quattro zampe.

32 IL CANE: IL MIGLIORE AMICO DELL’UOMO

33 QUALI SONO LE ORIGINI DEL CANE? Da LUPO a CANE il cane come noi oggi lo conosciamo deriva dal lupo, animale selvatico che si è trasformato in un amico fedele, pronto a donare la sua vita per il padrone. Ma il lupo non si è trasformato in cane dall’oggi al domani: sono stati necessari diverse migliaia di anni per completare la sua domesticazione. Gli studi scientifici dimostrano che soltanto i lupi possono essere gli antenati del cane in quanto il DNA del cane e quello del lupo differiscono soltanto per 12 mutazioni, mentre quello del cane da un lato e quello degli sciacalli e coyote dall’altro, differiscono in 22 loci. Questo vuol dire che la similitudine tra il DNA del lupo e del cane è di più del 99,8% mentre quella tra il cane e lo sciacallo/coyote è solo del 96%.

34 LE ORIGINI DELLA DOMESTICAZIONE Cosa è? Si definisce domesticazione quel processo attraverso il quale l’animale dipende dall’uomo per la sua alimentazione, i suoi bisogni di base e quando la sua riproduzione può essere controllata. Quando? Gli scienziati pensano che la domesticazione del cane possa aver avuto inizio più di anni fa (nel momento in cui l’uomo di Neanderthal popolava l’Europa). I resti che gli archeologi hanno ritrovato negli scavi hanno permesso di determinare che all’incirca anni fa l’uomo e il cane si sono alleati.

35 SPECIE E SOTTOSPECIE La FCI (Federazione Cinologica Internazionale) ha riconosciuto circa 340 razze canine (cani da guardia e da difesa,cani da caccia, cani da compagnia …) Ricorda! DIVERSE RAZZE = DIVERSE ATTITUDINI = DIVERSE ESIGENZE! Quando adotti un cane informati sempre sulle sue caratteristiche comportamentali perché potrebbero non andare d’accordo con il tuo stile di vita!

36 COSA NON DEVONO MANGIARE I CANI? Avanzi e scarti di cucina in particolare i conditi, gli speziati e i piccanti. Formaggi fermentati, farinacei (patate, piselli, fagioli e cavoli, in quanto provocano un'eccessiva fermentazione). Dolciumi (biscotti, caramelle, gelati ecc.), frutta secca, pane fresco. Cipolle e cavoli : contengono una sostanza (disolfuro di n-propile) che distrugge i globuli rossi circolanti, determinando così un’anemia, che può risultare in alcuni casi fatale. La cioccolata è pericolosissima, pensa che una tavoletta di cioccolata può uccidere un cucciolo. Dobbiamo sempre ricordare che l'apparato digerente del cane è diverso da quello dell’uomo e che taluni alimenti per lui sono come VELENO.

37 QUANTE VOLTE MANGIANO I CANI? Fino a 6 mesi: 4 volte al giorno Fino a 1 anno: 3 volte al giorno (taglia gigante anche fino 1 anno e mezzo) Dopo 1 anno: 2 volte al giorno In genere il numero dei pasti varia in base all’età e all’attività fisica del cane (se il cane lavora o fa molta attività fisica può avere bisogno di un pasto in più). Ricorda! Non dare mai da mangiare al tuo cane immediatamente prima o dopo aver fatto attività fisica (correre, giocare). Può essere molto pericoloso! Il rischio è quello di sviluppare la “Sindrome della Dilatazione/Torsione di stomaco” che può portare anche alla morte. Fra le cause più frequenti che la determinano ricordiamo: la voracità nell’assunzione del cibo, un singolo pasto giornaliero, l’assunzione di acqua fredda, una notevole attività post- prandiale (attività fisica dopo il pasto), il rallentato transito del cibo attraverso il piloro, malattie gastriche, malattie epatiche, malattie intestinali.

38 BU NE ABITUDINI Somministrare i cibi a orari consueti. Evitare la somministrazione di cibi freddi da frigo o caldi appena tolti dai fornelli.

39 Un consiglio… Per scegliere quali marche di cibo acquistare consulta il sito VIVO Le marche indicate sono infatti CRUELTY FREE, cioè per produrre questo cibo nessun animale è stato ucciso o maltrattato.

40 LE PASSEGGIATE Le uscite sono molto importanti per la salute del tuo amico a 4 zampe! Se vive dentro casa deve uscire almeno 3 volte al giorno : la mattina, dopo pranzo e la sera. Ricorda che finché è cucciolo è possibile che non faccia i suoi bisognini fuori casa! Se vive in un giardino è comunque importante portarlo a passeggio quotidianamente: il cane è un animale sociale!! Ha bisogno di entrare in relazione con gli altri cani o esseri umani che sia! Una curiosità: per il cane 1 ora di passeggiata al guinzaglio corrisponde a 10 minuti di gioco o corsa libera nel parco. Quindi quando puoi porta il tuo cane a fare una bella corsa! Durante la passeggiata è importante: 1)Non trascinare via il cane ma lasciargli annusare gli odori. 2)Lasciargli leccare la pipì degli altri cani (anche se è un comportamento che potrebbe non piacerti ricorda che fa parte della natura del cane), perché è il loro modo per acquisire informazioni sugli altri cani.

41 COLLARE O PETTORINA? Quella ideale ha DUE ganci laterali per l’apertura rendendo così facile la vestizione del cane; inoltre l’anello dove si aggancia il guinzaglio si trova verso la metà della schiena così da far leva sul baricentro del nostro amico a 4 zampe. Tutti i collari (a strozzo, semi-strozzo, di corda, cuoio o metallo) in vari gradi strozzano il cane. Questo crea disagio e dolore (tra l’altro durante uno dei momenti più felici della giornata, ossia la passeggiata), nonché possibili danni fisici. Studi scientifici hanno dimostrato che il collare può creare danni muscolari, danni alle vertebre, alla trachea, alla laringe, alla tiroide, al nervo ottico ecc. Se ami il tuo cane e tieni al suo benessere compragli una pettorina!

42 IL LINGUAGGIO DEI CANI I cani comunicano attraverso la CNV = comunicazione non verbale. Per interagire con loro quindi è importante conoscere il linguaggio del corpo. CANE RILASSATO: Orecchie alte (non in avanti) Bocca leggermente aperta, lingua in fuori Coda bassa e rilassata Peso equamente distribuito sulle zampe CANE VIGLIE/IN ALLERTA: Orecchie in avanti - Bocca chiusa - Coda orizzontale CANE IMPAURITO: Orecchie indietro - Coda bassa tra le zampe - Testa bassa CANE AGGRESSIVO: Orecchie in avanti - Naso corrugato - Labbra arricciate - Denti visibili - Cresta di pelo alzato - Coda e postura rigida

43 COME INTERAGIRE CON UN CANE SCONOSCIUTO? Prima di tutto fare attenzione alla CNV del cane e interpretarla nel modo corretto (infatti non è detto che il cane voglia entrare in relazione con noi!) Avvicinarsi al cane (senza correre e senza movimenti scattosi) non frontalmente ma facendo una curva e senza guardarlo. Non avvicinarsi troppo e porgere leggermente il fianco (se il cane è particolarmente timoroso, accucciarsi di 3/4). Aspettare che sia il cane ad avvicinarsi, senza invadere il suo spazio. Quando il cane arriva da noi per annusarci, se ce lo permette, possiamo accarezzarlo sul fianco che ci offre (non sulla testa!!!!) con movimenti lenti. Ricorda! Ogni cane è diverso, pertanto queste indicazioni possono essere considerate delle linee guida, ma non delle regole da usare sempre ed in ogni situazione. E poi se vicino c’è il proprietario, prima di accarezzarlo, chiedigli sempre il permesso!

44 L’UDITO Dopo l’olfatto il senso più sviluppato del cane è l’udito. Pensate che l’uomo percepisce fino a Hz, mentre il cane arriva fino a Hz. Ciò rende il cane particolarmente sensibile ai rumori forti, come i fuochi d’artificio o i botti di Capodanno, che lo spaventano terribilmente. Durante i fuochi, inoltre, moltissimi animali vengono colpiti a morte.

45 SINTOMI MALESSERE DEL CANE Il malessere comporta sempre un cambiamento nel comportamento e nelle abitudini dell’animale. SINTOMI PRINCIPALI: Inappetenza Svogliatezza, stanchezza manifesta, apatia Sintomi evidenti a livello di cute o all’apparato locomotore (cammina male, zoppica ecc., oppure lesioni sulla pelle) Ansia, nervosismo ripetizione di una serie di comportamenti anomali (per esempio gira su se stesso convulsamente) Vomito, diarrea

46 COSA FARE Quando sembrano insorgere sintomi particolari che possono preannunciare problemi di salute, ci si deve sempre rivolgere a un veterinario.

47 IGIENE E PULIZIA DEL CANE La pulizia del cane è un aspetto fondamentale legato anche alla sua salute. Fare il bagnetto ogni 3 mesi (con shampoo appositi) Spazzolarlo una volta la settimana Pulire i denti con uno spazzolino specifico una volta la settimana (per togliere il tartaro, far sgranocchiare qualcosa di duro o croccante come una mela o del pane secco) Controllare periodicamente le unghie Applicare l’anti-parassitario

48 48 CONOSCERE GLI OBBLIGHI DI LEGGE: Obbligo di microchippare il proprio cane da un medico veterinario e inscriverlo contestualmente nella anagrafe canina ; Obbligo di munire di passaporto il proprio animale (cane, gatto o furetto), se si intende superare i confini nazionali; Obbligo di idonea museruola per i cani non condotti al guinzaglio quando si trovano nelle vie o in altro luogo aperto al pubblico; Obbligo della museruola e/o del guinzaglio per i cani condotti nei locali pubblici e nei pubblici mezzi di trasporto; Obbligo di raccogliere gli escrementi da marciapiedi e strade e a tal fine munirsi sempre dell’indispensabile attrezzatura. (MINISTERO DELLA SALUTE)

49 49 E per chiudere ricordiamo che… Il fenomeno dell’abbandono non riguarda solo cani e gatti ma purtroppo coinvolge tutti gli animali d’affezione come coniglietti, tartarughe e altri animali esotici o cosiddetti non convenzionali, acquisiti in maniera irresponsabile.

50 Il Settore Formazione OIPA Italia Onlus ringrazia dell’attenzione.


Scaricare ppt "Proposta didattica per la Scuola Secondaria di primo grado Progetto “Storia di DEVIS: un cane unico come tanti” Settore Formazione OIPA Italia Onlus (E-mail:"

Presentazioni simili


Annunci Google