La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il Risorgimento e l’Unità d’italia. Prima parte: L’Italia dopo il « Congresso di Vienna » : un’ espressione geografica L’Italia, dopo il congresso di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il Risorgimento e l’Unità d’italia. Prima parte: L’Italia dopo il « Congresso di Vienna » : un’ espressione geografica L’Italia, dopo il congresso di."— Transcript della presentazione:

1 Il Risorgimento e l’Unità d’italia

2 Prima parte: L’Italia dopo il « Congresso di Vienna » : un’ espressione geografica L’Italia, dopo il congresso di Vienna ( ), è divisa in più stati, la maggior parte sotto il dominio austriaco. Non è una nazione e non ha un’unità. L’unico Stato indipendente è il regno di Sardegna.

3 Obiettivi del Risorgimento Risorgimento significa « rinascere ancora ». E’ il termine che indica il processo storico che ha portato all’indipendenza e all’unità d’Italia.

4 Il fallimento dei moti degli anni 20 e 30 Moti : gli Stati interessati sono il Regno delle due Sicilie, il Piemonte e il Lombardo Veneto. Repressione austriaca: esempio di Silvio Pellico (patriota imprigionato presso la fortezza dello Spielberg). Moti : riguarda i ducati dell’Italia centrale. Fallimento dell’insurrezione: tutti i vecchi sovrani ritornano sui loro troni. Bilancio fallimentare: Mancanza di unità nelle idee Idee diffuse solo tra i membri delle società segrete Esercito non abbastanza forte e preparato.

5 I diversi orientamenti I democratici: patrioti che seguono le idee di Mazzini = nazione unita, Repubblica. I neo guelfi: patrioti che volevano una confederazione di Stati sotto la guida del Papa. I liberali: non volevano una rivoluzione popolare ma l’unificazione sotto la guida del Regno di Sardegna. I federali: volevano creare una federazione di stati seguendo il modello degli Stati Uniti d’Europa.

6 Il 1848 in Italia Clima politico di riforme: * Nel 1846 ci fu l’elezione di Pio IX al soglio pontificio e i neo guelfi lo interpetrarono come possibile realizzazione delle loro idee. * Leopoldo II di Toscana avviò nuove riforme: una consulta, la Guardia civica e la libertà di stampa. Carlo Alberto: promosse una vasta riforma dell’amministrazione e allentò la censura sulla stampa. Costituzione: Lo Statuto Albertino Ribellioni e rivoluzioni : -il Regno delle due Sicilie -la Toscana -il Piemonte - lo Stato della Chiesa -il Lombardo- Veneto Esito dei moti del 1848: Tutti i rispettivi sovrani furono obbligati a concedere una Costituzione. Diffusione del movimento di ribellione nel Lombardo Veneto. La battaglia delle famose « cinque giornate » : l’esercito austriaco fu obbligato a ritirarsi da Milano.

7 La prima guerra d’Indipendenza Grande entusiasmo dei patrioti per l’esito delle ribellioni del Il regno di Sardegna aiutato dai regni di Toscana, Roma e Napoli dichiara guerra all’Austria (23 marzo 1848). Prime vittorie dell’esercito italiano a Curtatone e Montanara. Vittoriosa battaglia a Goito. Ritiro di Pio IX e degli eserciti italiani dei vari regni. Sconfitte italiane a Custosa e Novara. Carlo Alberto abdica in favore del figlio Vittorio Emanuele II. Trattato di resa.

8 La politica di Camillo Benso, conte di Cavour Cavour è stato il primo Presidente del consiglio del regno d’Italia e tra i principali artefici dell’unità d’Italia. Per vincere contro l’Austria Camillo Benso dovette fare un accordo con Napoleone III ma, segretamente ( gli accordi di Plombières) : la Francia avrebbe aiutato l’Italia solo se sarebbe stata l’Austria ad attaccare. E in cambio del loro aiuto militare e, quindi dell’unificazione dell’Italia, l’attuale Savoia e Nizza sarebbero state assegnate come territorio francese. Così dopo l’accordo il Regno di Sardegna provoco’ la reazione dell’Austria e riuscì a farsi attaccare. Con l’aiuto dell’esercito francese riuscì a vincere e liberare La Lombardia dal potere austriaco.

9 La Seconda Guerra d’Indipendenza (1859/1860) L’Italia con l’aiuto della Francia sconfisse l’Austria (1859). Con una serie di vittorie. Dopo di che ci furono dei “plebisciti” (1860) in Toscana e in Emilia che permisero l’annessione dell’Italia centrale al Regno di Sardegna e così l’unificazione dell’Italia poteva sembrare sempre più possibile.

10 Garibaldi e l’Impresa dei Mille (maggio/settembre 1860) Garibaldi con un insieme di volontari partì da Genova per andare a conquistare tutto il sud Italia. ( 5 maggio 1860) Sbarcato in Sicilia ( a Marsala ) incominciò la sua impresa. Conquistò tutto il Regno delle due Sicilie partendo con soli 1000 uomini e spodestò i Borboni dal loro trono.

11 La proclamazione del Regno d’Italia Incontro a Teano tra Giuseppe Garibaldi e Vittorio Emanuele II (26 ottobre 1860). Garibaldi saluta il futuro re d’Italia. Plebiscito: annessione dell’Italia meridionale al Regno di Sardegna. Gennaio 1861: Primo Parlamento Marzo 1861: Proclamazione del Regno d’Italia. I soli territori mancanti sono: Stato della Chiesa e Veneto.

12 La Terza Guerra d’Indipendenza. (1866) Quando Vittorio Emanuele II di Savoia divenne re d’Italia, il 17 marzo 1861, il nuovo Regno non controllava ancora né Venezia, né Roma. Però grazie ad una alleanza con la Prussia ( guerra austro- prussiana), l’Italia riuscì a conquistare il Veneto (1866). In seguito (1870/1871) ci fu il completamento dell’unità d’Italia. Napoleone III ritira le truppe francesi dallo Stato della Chiesa ( guerra contro la Prussia) e l’esercito italiano entra a Roma con la breccia di porta Pia. 1870: Plebiscito annessione del Lazio 1871: Roma capitale.

13 RISORSE INTERNET INTERNET diapositiva 2 diapositiva 3 casarrubea.wordpress.com/.../ diapositiva 4 =3670 diapositiva 7 diapositiva 8 jpg diapositiva9 diapositiva 10 immagine a sinistra diapositiva10 immagine a destra diapositiva11 diapositiva 12 casarrubea.wordpress.com/.../ = jpgwww.lsdmagazine.com/.../partenza_da_quarto.jpg


Scaricare ppt "Il Risorgimento e l’Unità d’italia. Prima parte: L’Italia dopo il « Congresso di Vienna » : un’ espressione geografica L’Italia, dopo il congresso di."

Presentazioni simili


Annunci Google