La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La riforma dell’ISEE: analisi e prospettive Raffaele Tangorra Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione generale per l’inclusione e le politiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La riforma dell’ISEE: analisi e prospettive Raffaele Tangorra Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione generale per l’inclusione e le politiche."— Transcript della presentazione:

1 La riforma dell’ISEE: analisi e prospettive Raffaele Tangorra Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione generale per l’inclusione e le politiche sociali Scuola Superiore dell’Economia e delle Finanze “Ezio Vanoni” Roma, 17 giugno 2014

2 2 Da Burocrati tiranni, il Corriere della Sera, prima pagina, “l’Isee … in Italia nacque nell’ormai lontano 1998 quando governava il Paese una coalizione di centrosinistra… L’Ulivo l’ha utilizzato in un paio di occasioni, per il cosiddetto reddito minimo di inserimento … e per disciplinare l’accesso ad alcune prestazioni sanitarie. Nella sua breve vita l’Isee non sembra aver incontrato particolare fortuna tanto che nessuno, nemmeno nella sinistra più welfarista, ne fa ancora una bandiera.” Dario Di Vico

3 3 Non è andata proprio così … Nel 2013 sono state presentate 6,1 milioni di DSU per oltre 16,3 milioni di persone, pari a oltre il 27% della popolazione italiana. Per il secondo anno consecutivo, comunque, vi è una riduzione nel numero di DSU presentate

4 4 i=7% 20< i <30% 15< i <20% 36< i <49% Piemonte20,2 Valle d'Aosta28,3 Lombardia17,6 Liguria20,6 Trentino-A.Adige6,8 Veneto15,2 Friuli-Venezia G.24,3 Emilia-Romagna18,5 Toscana24,7 Umbria20,3 Marche20,8 Lazio29,3 Abruzzo25,8 Molise29,5 Campania48,4 Puglia36,6 Basilicata37,5 Calabria44,9 Sicilia40,1 Sardegna 37,0 Dati al La popolazione ISEE: distribuzione territoriale

5 5 Il rallentamento riguarda sostanzialmente il Mezzogiorno (in particolare Sicilia e Campania), mentre nel resto d’Italia c’è sostanziale stabilità La popolazione ISEE: composizione per macroaree La popolazione ISEE: composizione per macroaree

6 6 Criticità vecchio ISEE/2 (Tangorra, SSEF ) Difficile usare l’ISEE per prestazioni di contrasto alla povertà. In molte aree più ISEE=0 che poveri assoluti I redditi esenti non entrano nell’ISEE. Dal reddito complessivo al reddito disponibile? La selettività del patrimonio immobiliare è molto limitata dalla franchigia sulla prima casa (oltre che dai valori catastali non aggiornati) Problematica l’assistenza economica straordinaria, soprattutto in tempi di crisi: l’ISEE è un indicatore “storico” È evidente, soprattutto nel Mezzogiorno ma non solo, la mancata dichiarazione del patrimonio mobiliare. L’esperienza della social card dimostra che anche rispetto alla dichiarazione fiscale le DSU sono mendaci in misura non irrilevante I controlli ex-post sono poco efficaci. Una banca dati delle prestazioni? La difficile attuazione dell’art. 38, del d.l. 78/10

7 7 Criticità vecchio ISEE/2 (Tangorra, SSEF ) La considerazione del “solo assistito” nelle prestazioni socio-sanitarie. Indubbiamente vi è necessità di regolamentare il caso dell’anziano/disabile (probabilmente non in maniera analoga). Ma intervento necessario anche in altri casi: genitori naturali in caso di prestazioni per i figli, ad esempio. Necessità di semplificare il nucleo: ha davvero senso la previsione del carico a fini fiscali? La scala di equivalenza: appare più un problema di definizione di policy che di metrica dell’indicatore Alcune criticità sono connesse con particolari usi dell’ISEE, che è strumento che si applica a politiche e popolazioni diverse. Verso un ISEE modulare? Il federalismo e la domanda di differenziazione della metrica da parte di policy makers “sovrani”. La ratio appare debole, perlomeno in un’ottica di garanzia di livelli essenziali di prestazioni

8 Articolo 5, decreto-legge 201/2011 DPCM su proposta del Ministero del Lavoro di concerto con Ministero dell’Economia Compiti: Definizione dei campi di applicazione dell’ISEE Rafforzamento del sistema dei controlli Revisione delle modalità di calcolo dell’ISEE

9 Definizione dei campi di applicazione dell’ISEE L’applicazione dell’ISEE per l’accesso alle prestazioni sociali agevolate o la compartecipazione ai costi costituisce livello essenziale Le prestazioni sociali sono definite ai sensi della l. 328/2000 e non includono quelle assicurate dal sistema previdenziale e sanitario Gli enti erogatori possono prevedere, accanto all’ISEE, criteri ulteriori di selezione volti ad identificare specifiche platee di beneficiari (per specifiche tipologie di prestazioni e non per prestazioni che costituiscono livelli essenziali)

10 Definizione dei campi di applicazione dell’ISEE/2 L’uso dell’ISEE non viene esteso dal decreto a nuove prestazioni (es. indennità di accompagnamento), né si introducono nuove soglie per l’accesso alle prestazioni su base nazionale. Ci si limita a fissare le soglie per le prestazioni sociali agevolate già erogate in base all’ISEE vigente secondo normativa nazionale in maniera da mantenere l’attuale numero dei beneficiari: Assegno di maternità - è concesso alle donne con ISEE inferiore a euro (da indicizzare al 2014) Assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori - la nuova soglia è pari a euro ISEE (da indicizzare al 2014)

11 Definizione dei campi di applicazione dell’ISEE/3 Per le prestazioni sociali agevolate già erogate a livello locale in base all’ISEE vigente saranno gli enti erogatori a stabilire nuovi regolamenti con l’individuazione delle nuove soglie Sono erogate sulla base del nuovo ISEE le prestazioni richieste dopo 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto di approvazione del nuovo modello di dichiarazione e relative istruzioni. Complessivamente si tratta di circa 4 mesi e mezzo dalla pubblicazione del dpcm di riforma (il termine ordinatorio è all’incirca 1° luglio) Con le stesse modalità verrà rivista anche la soglia per l’accesso alla Carta Acquisti

12 Rafforzamento del sistema dei controlli La DSU è composta da una parte autocertificata e da una parte imputata dall’INPS tramite interrogazioni degli archivi propri e dell’Agenzia delle Entrate. L’INPS riceve la DSU, integra con i dati in proprio possesso e attiva le procedure di scambio con l’Agenzia delle Entrate. Tutto il processo dura 10 giorni lavorativi dalla presentazione della DSU (4 gg. per l’acquisizione, 4 gg. per la lavorazione e 2 gg. per l’invio della attestazione)

13 Rafforzamento del sistema dei controlli/2 Imputazione dei dati fiscali L’Agenzia delle Entrate compila con le informazioni già presenti nel sistema informativo dell’anagrafe tributaria (in particolare redditi ai fini Irpef relativi al secondo anno solare precedente la DSU). Nota: si stima in circa ¼ le sottodichiarazioni del reddito complessivo ai fini ISEE. Controlli patrimonio mobiliare Il patrimonio mobiliare verrà controllato ex ante con riferimento alla esistenza di conti non dichiarati ed ex post con la creazione di liste selettive per controlli sostanziali della Guardia di Finanza, laddove si verifichino omissioni e difformità. Ma già il prossimo anno i conti correnti potrebbero essere imputati dall’Agenzia delle entrate. Le pratiche elusive saranno evitate con l’indicazione del massimo tra la media annua e il valore al

14 Rafforzamento del sistema dei controlli/3 Controlli automatici L’INPS stabilisce inoltre procedure per il controllo automatico mediante l’interrogazione degli archivi amministrativi delle altre amministrazioni pubbliche relativamente agli altri dati autocertificati. Controlli selettivi Ai fini della compilazione di liste per controlli selettivi della Guardia di Finanza sono autocertificati dal dichiarante gli autoveicoli, i motoveicoli di cilindrata di 500 cc e superiore, le navi e imbarcazioni da diporto, intestati a componenti il nucleo familiare alla data di presentazione della DSU.

15 Aggiornamento delle modalità di calcolo dell’ISEE L’ISEE è pari alla somma dell’indicatore della situazione reddituale (ISR) e del 20% della situazione patrimoniale (ISP), divisa per una scala di equivalenza (SE) : La formula sintetica dell’ISEE non è cambiata

16 Aggiornamento delle modalità di calcolo dell’ISEE/2 Tutte le componenti, però, hanno subito sostanziali modifiche dove Y è il reddito (escluso quello da patrimonio mobiliare), W il patrimonio (MOB se mobiliare, IMM se immobiliare), D le detrazioni e le franchigie, r il rendimento “normale” del patr. mob., n il numero dei componenti il nucleo familiare, p (·,· ) la funzione che individua la scala di equivalenza, x particolari caratteristiche del nucleo

17 Componente reddituale/1 Al reddito complessivo ai fini Irpef si aggiungono: Redditi soggetti a imposta sostitutiva o a ritenuta a titolo d’imposta Trattamenti a qualunque titolo percepiti da Amministrazioni pubbliche Rendita catastale beni immobiliari Reddito figurativo delle attività mobiliari

18 18 Componente reddituale/2 Dall’indicatore della condizione reddituale si sottraggono: Costi di produzione del reddito (quota dei redditi da lavoro dipendente pari al 20% fino ad un massimo di euro) Quota dei redditi da pensione e altri trattamenti, pari al 20% fino ad un massimo di euro Locatari con affitto registrato: spesa per l’affitto fino a un massimo di euro (era di 5.165) per figlio successivo al secondo Costi della disabilità e non autosufficienza

19 Distinzione per persone - con disabilità media - con disabilità grave - non autosufficienti per le quali sia stata accertata una delle condizioni descritte nella tabella dell’allegato 3 al DPCM. Costi della disabilità e non autosufficienza

20 20 Dall’indicatore reddituale si sottraggono: ( se minorenni) euro per ciascuna persona con disabilità media) (invalidi civili tra 67 e 99% ed equiparati) ( se minor.) euro per ciascuna persona con disabilità grave (100% ed equiparati) ( se min.) euro per ciascuna persona non autosufficiente (es. indennità di accompagnamento) le spese documentate per collaboratori domestici e personale di assistenza per ciascuna persona non autosufficiente (nel limite dei trattamenti esenti) fino ad un massimo di euro per spese sanitarie, mediche di assistenza specifica per disabili indicate in dichiarazione Irpef Costi della disabilità e non autosufficienza/2 20

21 21 Componente Patrimoniale Viene valorizzata al 20% Si considera il valore al 31/12, fatta eccezione per i conti, come già evidenziato Per i nuclei in abitazione di proprietà il valore della casa viene considerato al netto del mutuo residuo e di una franchigia pari a ( per ogni figlio successivo al secondo). La differenza è valorizzata in proporzione pari a due terzi

22 Scala di equivalenza: un confronto La scala di equivalenza dell’ISEE vigente appare già generosa nel confronto con le scale maggiormente in uso. COMPONENTI QUOZIENTE PARMA ISEECARBONARO OCSE MODIFICATA POVERTA’ ASSOLUTA 1111, ,57 1,671,51,36 32,172,042,221,81,64 42,872,462,722,11,95 53,672,853,172,42,24 Ad esempio, con il nuovo ISEE nel caso di due genitori lavoratori con tre figli, uno dei quali con meno di 3 anni, il parametro sarebbe 3,35, prossimo al cd. quoziente Parma

23 23 Scala di equivalenza: maggiorazioni Per tener conto dei carichi familiari, in particolare dei figli successivi al secondo, la scala di equivalenza vigente è stata aumentata di: +0,2 se i figli sono 3; +0,35 se i figli sono 4; +0,5 se i figli sono 5 o più; +0,2 se sono presenti minori ed entrambi i genitori (o l’unico presente, in questo caso anche se non lavoratore) lavorano, incrementata a +0,3 se il minore ha meno di 3 anni

24 24 Nucleo familiare Le regole sono quelle standard dell’ISEE vigente, tranne che per le persona a carico ai fini IRPEF, non più attratte. Queste le eccezioni: Figlio maggiorenne non convivente a carico ai fini Irpef nel caso non sia coniugato e non abbia figli Famiglie con persone con disabilità (cfr. oltre) Minore in affidamento temporaneo famiglia a sé stante, fatta salva la facoltà di considerarlo parte del nucleo familiare affidatario Componente aggiuntiva solo per prestazioni erogate in ambito residenziale a ciclo continuativo e per minorenni in presenza di genitori naturali

25 25 Il nucleo familiare è composto dal coniuge e dai figli minori (o minori di 26, se conviventi a carico) Per i non autosufficienti minorenni valgono le regole ordinarie Le donazioni successive alla richiesta di prestazione, vengono valorizzate nel patrimonio del donante; lo stesso per quelle effettuate nei tre anni precedenti la richiesta della prestazione, se in favore di persone tenute agli alimenti L’ISEE viene integrato di una componente aggiuntiva basata sulla condizione economica dei figli non presenti nel nucleo, tenuto conto dei loro carichi familiari, per l’accesso a prestazioni in ambito residenziale a ciclo continuativo Famiglie con persone con disabilità

26 26 ISEE corrente Può essere calcolato solo in caso di variazioni superiori al 25% dell’indicatore della situazione reddituale. Farà una fotografia ravvicinata della situazione reddituale della persona interessata dalle variazioni di reddito, basata sul principio di cassa. Per i lavoratori dipendenti potrebbero considerarsi i due mesi precedenti la DSU (ordinariamente 6 mesi)

27 27 Prospettive Una riscoperta dell’ISEE? Comuni al lavoro, ma un po’ in ritardo (in particolare, la metà che è andata ad elezioni) Transizione dal vecchio al nuovo non banale: caso università Evitare che la complessità dell’indicatore si rifletta in difficoltà di comprensione per il cittadino (es. disabili) e in più pesanti oneri amministrativi (es. consistenza media conti correnti) Evitare utilizzi impropri: l’ISEE serve soprattutto a “ordinare” la popolazione Attenzione al monitoraggio! Alcuni effetti della riforma in termini di selettività potranno essere stimati solo manon a mano che si raccoglieranno dati Essenziale la banca dati delle prestazioni sociali agevolate e il casellario dell’assistenza


Scaricare ppt "La riforma dell’ISEE: analisi e prospettive Raffaele Tangorra Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione generale per l’inclusione e le politiche."

Presentazioni simili


Annunci Google