La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’orto in tazza 26 marzo 2014. Con molte piante dell’orto si possono preparare delle bevande a cui tradizionalmente viene dato il nome di tisane.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’orto in tazza 26 marzo 2014. Con molte piante dell’orto si possono preparare delle bevande a cui tradizionalmente viene dato il nome di tisane."— Transcript della presentazione:

1 L’orto in tazza 26 marzo 2014

2 Con molte piante dell’orto si possono preparare delle bevande a cui tradizionalmente viene dato il nome di tisane.

3 Cosa significa tisana? Nel termine “tisana”, molto comune per il grande utilizzo di questo rimedio popolare e casalingo, ci piace leggere la promessa di una guarigione garantita. Ti sana, come appunto lascia intuire il nome ti rende sano, anche se, in realtà, la parola deriva dal greco ptisané che letteralmente significa orzo macinato.

4 Storia dell’uso di tali bevande Uno dei primi a decantare le lodi di questo semplice rimedio (e a riportarne il termine nei suoi scritti di medicina) fu il grande medico Ippocrate, il quale consigliava il digiuno per curare svariate malattie ed era solito prescrivere una “miracolosa” tisana d’orzo per alleviare molti malanni.

5 Nel Medioevo, epoca di luci e ombre durante la quale i benefici e gli effetti delle erbe venivano considerati al limite della stregoneria, il vero sapere e la tradizione erboristica si trasferirono tra le mura dei monasteri. E’ qui che i monaci studiosi e laboriosi divennero custodi di questa “conoscenza”. In molti casi trasformarono le abbazie in veri e propri centri di cura, gli hospitalia, per i malati e pellegrini in viaggio verso i grandi centri della religiosità.

6 Più recentemente la tisana viene tecnicamente definita una preparazione farmaceutica liquida definita come una soluzione acquosa diluita che contiene sostanze medicamentose,

7 La tisana è una bevanda gustosa ed efficace per la salute, semplice da preparare ma che richiede alcune particolari accortezze una tisana si può preparare con una o più erbe. Le erbe possono essere utilizzate sia fresche che secche.

8 Molte «erbe» che si utilizzano per allestire tisane sono piante spontanee e coltivate, quest’ultime coltivate anche nell’orto.

9 La borragine (Borago officinalis L.) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Boraginaceae.

10 Usi alimentari Le foglie giovani sono variamente impiegate in cucina. L'uso tradizionale è allo stato cotto delle foglie, che vengono utilizzate in molti piatti regionali per minestroni, ripieni per ravioli.

11 Nella medicina popolare vengono utilizzate le foglie e le sommità fiorite.

12 Fin dall'antichità la pianta ha fama di svegliare gli spiriti vitali (Plinio: «Un decotto di borragine allontana la tristezza e dà gioia di vivere»).Plinio Attualmente può essere utilizzata per abbassare febbre e calmare la tosse secca. È nota anche come diuretico ed emolliente (quest'ultima proprietà è dovuta alla presenza di mucillagini).mucillagini

13 La menta (genere Mentha) è una pianta erbacea perenne, fortemente aromatica,dal tipico sapore pungente e piccante predilige sia le posizioni in pieno sole che la mezza ombra, ma può resistere anche a basse temperatureerbaceaaromatica

14 In medicina ha funzioni di digestivo, stimolante delle funzioni gastriche, antisettico ed antisp asmodico, tonificante; si possono preparare decotti e infusidigestivoantisetticoantisp asmodicodecottiinfusi

15 Per il loro utilizzo erboristico, i fiori e le foglie di menta vengono raccolti tra luglio ed agosto e lasciati essiccare all'aria aperta. Essi vengono utilizzati soprattutto per la preparazione di tisane ottenute grazie alla loro infusione in acqua bollente, calcolando di utilizzare due cucchiaini di menta essiccata per ogni tazza di infuso, da lasciare riposare per quindici minuti prima di filtrare e bere.preparazione di tisane ottenute grazie alla loro infusione

16 La tisana alla menta, per il suo contenuto di mentolo, viene consigliata per le sue proprietà digestive e tonificanti. Può essere d'aiuto per rilassare la muscolatura dell'intestino e per favorire la secrezione della bile e i processi di digestione degli alimenti attraverso l'apparato digerente. L'assunzione di tisana alla menta è sconsigliata nelle ore serali, poiché potrebbe disturbare il sonno, fino a provocare episodi di insonnia.

17 Proprieta' e benefici Per via dei principi attivi contenuti nella menta, ad essa vengono attribuite proprietà cicatrizzanti e disinfettanti. E' utile in caso didisturbi gastro-intestinali, aiuta il funzionamento del fegato e favorisce la digestione. Contiene mentolo, vitamina C, sostanze antibiotiche, limonene e isovalerianato. La menta, sotto forma di tisana o dei relativi preparati erboristici, può essere d'aiuto in caso di diarrea e disturbi gastrici. Può coadiuvare il trattamento di disturbi come tosse e raffreddore, per via delle sue proprietà sedative e spasmodiche. Il mentolo che essa contiene è considerato un vasodilatatore per la mucosa nasale

18 Un collutorio alla menta per rinfrescare l'alito e per l'azione antisettica per il cavo orale può essere preparato lasciando in infusione per dieci minuti in 200 millilitri d'acqua bollente un cucchiaino di foglie di menta essiccate. L'infuso così ottenuto dovrà essere filtrato e lasciato raffreddare prima di essere utilizzato come collutorio. COLLUTTORIO

19 Le foglie di menta essiccate possono essere utilizzate insieme a del succo o della scorza di limone per creare una bevanda aromatica estiva, semplicemente preparando una tisana che verrà poi lasciata raffreddare. Strofinare sulle dita delle foglioline di menta fresca può aiutare ad eliminare i cattivi odori eventualmente lasciati sulle dita da aglio o cipolla.

20 Melissa La Melissa officinalis o melissa è una pianta erbacea spontanea, perenne e rustica, molto ricercata dalle api ed è appunto per questo motivo che prende il nome dal greco mélissa. Cresce spontaneamente nell'Europa meridionale e nell'Asia occidentale. In Italia la si può trovare lungo le siepi e nelle zone ombrose; viene inoltre coltivata nei giardini. È nota per le sue proprietà medicamentose ed è apprezzata anche come erba aromatica.Europa meridionaleAsia occidentaleItaliaerba aromatica

21 Attualmente la Melissa officinalis viene impiegata come sedativo negli stati d'ansia con somatizzazioni viscerali ed irrequietezza ed anche per disturbi intestinali grazie alla sua azione spasmolitica e nella cura dell'emicraniaansiaemicrania

22 Per la sua produzione si usano le sommità fiorite, più ricche di oli essenziali. Il prodotto, del resto, anche oggi viene utilizzato in erboristeria e sono riconosciuti gli effetti curativi. La preparazione tradizionale vede aggiunta alla melissa buccia di limone grattugiata, cannella, chiodi di garofano, noci moscate, radice di angelica e coriandolo. Il composto viene bollito in acqua per un tempo breve: vi si aggiunge altrettanta quantità di grappa e viene travasato in un recipiente chiuso ermeticamente e lasciato esposto al sole per tre settimane. Il liquore così ottenuto, dopo un accurato filtraggio, viene imbottigliato.oli essenzialierboristerialimonecannellachiodi di garofanonoci moscateangelicacoriandolograppa Acqua di melissa

23 L'acqua di melissa è un infuso alcolico che per secoli è appartenuto alla farmacopea popolare.infusoalcolicofarmacopea Particolarmente famose erano le acque di melissa preparate dalle monache carmelitane francesi ed era usata per un gran numero di disturbi fisici e nervosi.carmelitane

24 Proprietà della melissa Le foglie di melissa, ricche di olio essenziale, che conferisce alla pianta un aroma gradevole e il sapore del limone, sono impiegate negli stati d’ansia con somatizzazioni a carico del sistema gastroenterico. Per la sua azione antispasmodica antinfiammatoria e carminativa è indicata anche in caso di dolori mestruali, nevralgie, disturbi della digestione, nausea, flatulenza crampi addominali e colite.melissadolori mestrualicolite

25 Questa pianta è utilizzata nel trattamento del mal di testa, quando è causato da tensione nervosa, grazie alla presenza dell’olio essenziale (0,5%) che agisce come calmante sul sistema nervoso, e rilassante su quello muscolare. Il suo uso è particolarmente indicato, perciò, in presenza di un quadro d’irritabilità generale, insonnia causata da stanchezza eccessiva, nervosismo, sindrome premestruale, e tachicardia su base funzionale. mal di testainsonniatachicardia

26 INFUSO: 1 cucchiaio raso foglie di melissa, 1 tazza d’acqua Versare le foglie nell’acqua bollente e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 min. Filtrare l’infuso e berlo al momento del bisogno in caso di crampi addominali, colite spastica, nervosismo e nevralgie. Dopo i pasti per digerire. Prima di andare a dormire per usufruire dell’azione rilassante e blandamente sedativa.

27 Il taràssaco comune Taraxacum officinale bagnerà il letto durante la notte. È comunemente conosciuto come dente di leone o soffione, o anche con lo storpiamento del nome in tarassàco. Uno dei nomi comuni del tarassaco è anche piscialletto poiché ai bambini viene di solito raccontato che chi lo coglie bagnerà il letto durante la notte.bagnerà il letto durante la nottebagnerà il letto durante la notte

28 Il tarassaco, è una delle più comuni erbe spontanee in Italia. Presente con numerose sottospecie, tutte molto simili per proprietà e tutte commestibili, è inconfondibile con le sue foglie lanceolate e i suoi grandi fiori gialli, simili a margherite, e soprattutto i grandi “pompon” pieni di semi che i bambini si divertono a soffiare.una delle più comuni erbe spontanee in Italia Il tarassaco cresce spontaneo in Italia ed è di facile coltivazione; benché reperibili in commercio, i semi si possono facilmente recuperare anche da una pianta selvatica.

29 Proprietà Molte e ben note fin dall’antichità sono le proprietà medicinali del tarassaco (il suo nome deriva dal greco “rimedio,” “guarigione”): come la maggior parte delle composite, ha proprietà digestive, antinfiammatorie e depurative, soprattutto del fegato, ed è tradizionalmente utilizzato come diuretico (in Francia e in alcune regioni italiane è non a caso noto come “piscialetto”). Le foglie sono ricche di vitamine A, gruppo B, C e D, nonché di sali minerali come ferro, potassio e zinco ; erano un tradizionale rimedio per lo scorbuto e altre carenze alimentari

30 Ma è soprattutto la radice a essere usata per scopi depurativi; è anche in grado di abbassare il tasso glicemico nel sangue. L’utilizzo di decotti e infusi è molto diffuso in medicina popolare. Il tarassaco è utilizzato come coadiuvante nella digestione e nei piccoli disturbi del fegato e dei reni. Il suo consumo alimentare è indicato per tutti, anche per i bambini; tuttavia è consigliabile assumere sotto controllo medico i suoi decotti o infusi in presenza di calcoli renali o epatici (perché potrebbe smuoverli) o di terapie per il diabete (poiché potrebbe abbassare troppo la glicemia). Il suo lattice bianco è un rimedio tradizionale per eczemi e verruche.

31 Amaro al tarassaco In un vaso molto capace, macerare per tre giorni 250 g di alcol puro a 90° con 50 g di scorze d’arancia amara. Far bollire 75 ml d’acqua con 100 g di radice e 100 g di foglie e fiori seccati di tarassaco. Aggiungere 100 g di zucchero e 10 stigmi di zafferano, coprire e lasciar raffreddare completamente prima di versare nel vaso dell’alcol con le scorze. Mescolare, tappare, riporre in luogo scuro scuotendo molto spesso durante i 20 giorni di macerazione. Trascorso questo tempo, colare spremendo bene le erbe, filtrare e riporre in bottiglia scura. Attendere sei mesi prima di consumare. È un ottimo digestivo.

32 Sciroppo di fiori di tarassaco Occorre una buona quantità di fiori. Separare i petali dalla parte verde, scartando quest’ultima. Riscaldare i petali a fuoco dolce per 30 minuti con un po’ d’acqua, succo di limone e d’arancia. Spremere attraverso un telo, quindi aggiungere zucchero (1,3 kg per litro). Rimettere al fuoco fino a ottenere uno sciroppo denso. Mettere in barattoli sterilizzati. Consumare come accompagnamento a formaggi bianchi, nello yogurt o per glassare dei dolci.

33 Calendula La Calendula è una pianta erbacea annuale, da tempo conosciuta con il nome “fiorrancio”. Gli steli della calendula possono raggiungere l'altezza di circa 70 cm e presentano diverse ramificazioni, al cui termine si sviluppano fiori di colore giallo-arancio raccolti in capolini; sono proprio questi ad avere interesse cosmetico e fitoterapico.Calendula

34 Calendula - proprietà e indicazioni terapeutiche : La calendula è ottima per la cura e la pulizia della pelle;pelle accelera la guarigione delle ferite:guarigione delle ferite migliora l'equilibrio di idratazione cellulare della cute. Questa azione della calendula è da attribuire ai carotenoidi, simili chimicamente alla vitamina A;cutevitamina A

35  Calendula - proprietà e indicazioni terapeutiche l'infuso di calendula mostra una marcata azione coleretica, ed incrementa la secrezione di acidi biliarinfusoacidi biliar

36  Calendula - proprietà e indicazioni terapeutiche proprietà antiulcera: l'effetto citoprotettore sulla mucosa gastrica è attribuibile al contenuto in caroteni,antiulceramucosa gastrica

37 Crema alla Calendula Buone creme a base di calendula sono reperibili in farmacia o in erboristeria, ma se ne può preparare una anche da soli in modo molto semplice. Occorre prendere 20g di fiori freschi di calendula, metterli in un vasetto (anche quelli da conserva vanno benissimo) e ricoprirli con olio di oliva. Mettere il recipiente al sole e lasciare riposare il tutto per almeno 12 ore, in modo che l'olio possa assorbire gli oli essenziali e gli altri principi attivi presenti nei fioriolio di oliva. Fare sciogliere in un pentolino 5g di burro di cacao e 5 g di cera d'api, unire tutti gli ingredienti e lasciare raffreddare. La crema alla calendula così preparata è ideale come idratante per mani e viso, ma si può tranquillamente utilizzare per il trattamento dell'acne, dei foruncoli e delle piaghe da decubito.burro di cacaocera d'apipiaghe da decubito

38 InfusoInfuso di Calendula L'infuso di calendula si ottiene mettendo 2 cucchiaini da tè di fiori di calendula, essiccati all'ombra, in ¼ di litro di acqua bollente. Coprire la tazza e filtrare dopo 10 minuti di infusione. Berne 3 tazze al giorno si rivela assai utile per regolarizzare il flusso mestruale e curare le mucose del tratto digerente e dello stomaco in caso di infiammazioni croniche. L'infuso agisce anche su gengive e gola infiammata, mentre una garza in esso imbevuta dà sollievo se applicata su ustioni (anche quelle causate dal sole), eczemi, eruzioni cutanee o ferite.tratto digerentestomacogengive

39 Malva La malva, Malva silvestris L., è una pianta nota fin dai tempi più antichi per le sue straordinarie proprietà. E' diffusa in tutte le regioni mediterranee fino a 1300 m di altitudine.

40 PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA Della malva si utilizzano i fiori, raccolti all'inizio della fioritura e le foglie più giovani. Possono essere essiccate all'aria ed al buio ma sono di difficile conservazione soprattutto i fiori in quanto diventano blu con l'essicazione e si decolorano alla luce.

41 COME SI UTILIZZA L'infuso ed il decotto di Malva si utilizzano come lassativo, per le irritazioni del cavo orale e dell'apparato digerente, per la tosse ed il catarro. Lavaggi con l'infuso per gli occhi infiammati e le congiuntiviti. L'infuso aggiunto all'acqua del bagno ha un effetto emolliente ed idratante. I risciacqui per le pelli arrossate e le couperose. In cucina si usano i germogli e le foglie più giovani di malva, crudi o cotti.

42 Piantaggine Un tempo nelle nostre campagne la piantaggine era molto ricercata come cibo per gli animali, specialmente per i conigli: li rendeva sani e robusti e prolificavano senza problemi.

43 Poi vennero di moda i mangimi e questa pianta (chiamata nel nostro dialetto “lengua d’oca” – lingua d’oca – Piantaggine lanceolata spec.) è considerata ormai solo un infestante dei campi coltivati da trattare coi vari diserbanti, micidiali per le erbe e spesso anche per gli esseri umani.

44 Come preparare i prodotti con la piantaggine L’infuso di piantaggine si prepara utilizzando 3 grammi di foglie in 100 grammi di acqua calda e poi si lascia riposare il preparato fino a farlo intiepidire. Si beve dolcificato e per tre volte al giorno. E’ utilissimo per i disturbi legati al tratto intestinale, per la tosse stizzosa e per le affezioni catarrali. Per gli stessi sintomi, si possono usare anche le foglie della pianta centrifugate e se ne assumono tre cucchiai al giorno.

45 Il decotto invece, va realizzato facendo bollire 5 grammi di foglie in 100 grammi di acqua. Si beve una tazza di decotto, la sera prima di andare a dormire. Gli effetti oltre che depurativi, provocheranno una leggera diuresi.

46 I cataplasmi vanno preparati realizzando un decotto e poi imbevendo di soluzione delle garze o della stoffa che verranno applicate su ulcere delle gambe o su piccole ferite. Le foglie schiacciate, sono un’ottima medicazione su quelle piccole escoriazioni che stentano a guarire.

47  Dato che la piantaggine è un alimento che fa bene alle persone anemiche, è utilissimo unire le sue foglie ad insalate varie che possono essere mangiate anche dai più piccoli senza però esagerare perché portano una leggera stitichezza.

48 Un’ottima lozione per la pelle del viso, si realizza mettendo in infusione 50 grammi di foglie verdi in un litro di acqua. La soluzione si usa poi imbevendo compresse di garza che verranno applicate sulla pelle del viso per idratarla e decongestionarla. Ulteriori informazioni su: piantaggine - erboristeria - Rimedi Naturali /erboristeria/rimedi- naturali/piantaggine.asp#ixzz2x4 4ko6yapiantaggine - erboristeria - Rimedi Naturalihttp://www.giardinaggio.it /erboristeria/rimedi- naturali/piantaggine.asp#ixzz2x4 4ko6ya

49  Un’ottima lozione per la pelle del viso, si realizza mettendo in infusione 50 grammi di foglie verdi in un litro di acqua. La soluzione si usa poi imbevendo compresse di garza che verranno applicate sulla pelle del viso per idratarla e decongestionarla.

50 La piantaggine si trova in commercio sotto forma di semi per piantarla o per realizzare decotti ma il suo uso viene in genere effettuato utilizzando la pianta fresca che si trova sempre e specialmente se si coltiva domesticamente, la pianta può essere usata per frizionare le pelli punte da insetti.La pianta si trova però anche sotto forma di estratto o di crema lenitiva ed è utile sempre per lenire bruciori e dolori causati dalle punture di insetti.

51 Lavanda La Lavandula officinalis è una pianta con una base legnosa bruna e senza foglie da cui si sviluppano numerosi fusti erbacei, alti fino a 70 centimetri.

52

53 1.Sedativa e riequilibrante del sistema nervoso centrale e vegetativo: si raccomanda in casi di nervosismo, nevrastenia, ipertensione, palpitazioni e, in generale, in tutti i casi di malattie psicosomatiche. Il colore stesso della Lavanda è considerato il colore del silenzio, della calma e della tranquillità. È il colore della contemplazione e della spiritualità. Questa pianta è particolarmente indicata per i bambini iperattivi o che dormono male. In questo caso, risulta molto efficace mettere alcune gocce d' essenza di lavanda sul cuscino del letto o su un fazzoletto posto vicino al viso del bambino.

54  2.Digestiva: esercita un’azione antispastica e carminativa (antiflatulenta) sul tratto intestinale, e inoltre ha un effetto aperitivo, facilitando la digestione. Poiché l’essenza di lavanda possiede anche proprietà antisettiche, dà attimi risultati in caso di coliti (infiammazioni dell’intestino crasso).

55 3.Antireumatica e antinfiammatoria: applicati esternamente, l’acqua, l’olio e l’essenza di lavanda sono molto efficaci per calmare i dolori reumatici, sia d' origine articolare sia muscolare, come i dolori artrosici del collo o della schiena, l’artrite gottosa, il torcicollo, la lombaggine, la sciatica, ecc. Sono, inoltre, molto efficaci in caso di lussazioni, distorsioni, contusioni e stiramenti muscolari.

56 4.Antisettica e cicatrizzante: l’infuso di lavanda si utilizza per lavare ulcere e ferite infette, poiché le aiuta a rimarginarsi rapidamente. L’olio di lavanda allevia il dolore nelle bruciature e disinfiamma le irritazioni dovute a punture d' insetti e ragni.

57 5.Balsamica: l’essenza viene assunta per inalazione o vapori, per accelerare la cura di laringiti, tracheiti, bronchiti, catarro bronchiale e raffreddori


Scaricare ppt "L’orto in tazza 26 marzo 2014. Con molte piante dell’orto si possono preparare delle bevande a cui tradizionalmente viene dato il nome di tisane."

Presentazioni simili


Annunci Google