La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione alla LOGICA MATEMATICA Corso di Matematica Discreta. Corso di laurea in Informatica. Prof. Luigi Borzacchini II. La logica delle proposizioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione alla LOGICA MATEMATICA Corso di Matematica Discreta. Corso di laurea in Informatica. Prof. Luigi Borzacchini II. La logica delle proposizioni."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione alla LOGICA MATEMATICA Corso di Matematica Discreta. Corso di laurea in Informatica. Prof. Luigi Borzacchini II. La logica delle proposizioni. Semantica.

2 Le proposizioni e la verità Le proposizioni rappresentano le frasi che possono essere vere o false (non le esclamazioni, le domande, gli ordini, etc.). La verità è un concetto semantico: una proposizione è vera se esprime lo stato delle cose. Proposizioni individuali (‘Ballottelli è alto’), particolari o esistenziali (‘qualche centravanti è alto’, ‘c’è un centravanti alto’) e universali (‘tutti i centravanti sono alti’). Proposizioni positive e negative (sono diverse ‘nessun mediano è alto’, ’tutti i mediani non sono alti’, ‘non ci sono mediani alti’, ‘non tutti i mediani sono alti’, e ‘ci sono mediani non alti’?).

3 Aristotele e la logica antica Il sillogismo: «tutti gli umani sono mortali», «tutti i greci sono umani» e quindi «tutti i greci sono mortali». Oppure «alcuni ateniesi sono alti» e «tutti gli alti sono robusti» e quindi «alcuni ateniesi sono robusti». Ma da «alcuni ateniesi sono alti», «alcuni ateniesi sono biondi» non si può dedurre niente di rilevante. I principi formali: non contraddizione (non può essere la stessa proposizione vera e falsa), terzo escluso (ogni proposizione è vera o falsa), verità per corrispondenza (è vero dire che è ciò che è, o che non è ciò che non è, è falso dire che è ciò che non è, o che non è ciò che è).

4 I connettivi Le proposizioni sono gli ‘atomi’ della logica delle proposizioni, il cui valore di verità è V/1 o F/0. Le proposizioni complesse si ottengono tramite l’uso dei connettivi: non/not (  ), e/and/ congiunzione (  ), o/or/disgiunzione (  ), se … allora /if … then (  ), se e solo se/if and only if/iff (  ). Si dicono verofunzionali, poiché agiscono solo sui valori di verità: ad es.  A è vera se e solo se A è falsa, A  B è vera se e solo se sono vere sia A che B, A  B è vera se e solo se A e B hanno uguale valore di verità, a prescindere dal significato di A e B.

5 Tavole di verità A B A  B A  B A  B A  B A  A  è un connettivo ‘unario’ (monadico), gli altri sono connettivi ‘binari’ (diadici). Queste tavole di verità derivano dall’uso delle congiunzioni nel linguaggio naturale e sono ovvie, tranne che per il  : è. infatti difficile accettare che «se 2 è un numero dispari allora la luna è di formaggio» o «se 2 un numero dispari allora la luna è un satellite» siano proposizioni vere. Infatti nell’ uso normale ‘se…allora’ indica una argomentazione e non solo una relazione tra valori di verità.

6 Il linguaggio delle proposizioni L’alfabeto: { , , , , ,P, Q, R, ….} Il linguaggio: sono proposizioni (Prop) le ‘proposizioni atomiche’ P, Q, R, …, e poi  Prop, Prop  Prop, Prop  Prop, Prop  Prop, Prop  Prop. Nient’altro è una proposizione. Si usano le parentesi per indicare l’ordine con cui si applicano i connettivi: ad esempio (P  Q)  (Q  R), o P  (Q  P), ma quest’uso in realtà traduce una rappresentazione ‘ad albero’ Albero e Grafo sono strutture formate da vertici e archi che connettono due vertici, diretti o no.

7 Rappresentare espressioni come alberi Intuitivamente un albero possiamo vederlo come una struttura (ordinata implicitamente dall’alto verso il basso, come un albero genealogico). Le ‘foglie’ sono proposizioni atomiche, e i vertici intermedi sono connettivi applicati ai loro ‘discendenti’. Essendo i connettivi al più binari, l’albero nel linguaggio delle proposizioni è binario, ha al più due discendenti  P  Q  P P  (Q  P)

8 La tavola di verità di una proposizione composta Si assegnano i valori di verità alle ‘foglie’ (ad es. P vero, Q falso) e si calcola il valore di verità della proposizione composta ‘bottom up’, dal basso verso l’alto. Banale. P Q  P Q  P P P  (Q  P)

9 Calcolo della tavola di verità P Q  PQ   P  P  Q  (Q  P)  P  (Q  P) P  (Q  P) Ripetendo la procedura per proposizioni quali  P  (Q  P) o P  (Q  P) troviamo una tavola di verità sempre vera (nel primo caso) e sempre falsa (nel secondo): parliamo in tali casi di tautologia e contraddizione. La tautologia più semplice è P  P, che esprime l’antico ‘terzo escluso’, la contraddizione più semplice è P  P, la cui negazione è il ‘principio di non contraddizione’.

10 Le proposizioni Le contraddizioni non dicono nulla perché dicono cose assurde:, impossibili nel ‘mondo’ PROPOSIZIONI contraddizioni tautologie Le tautologie non dicono nulla perché dicono cose ovvie:, ma avranno un ruolo speciale, in quanto esprimono la forma logica del nostro ‘mondo’.

11 Proposizioni equivalenti-1 P e P  (  P  Q)) hanno la stessa tavola di verità, così tutte le tautologie idem e tutte le contraddizioni: chiamiamo proposizioni equivalenti quelle che hanno la stessa tavola di verità A  B è vero quando A e B hanno sempre lo stesso valore di verità e quindi sono equivalenti. Ne segue che si può anche leggere A  B come ‘A equivalente a B’. Un esempio di partizione Tautologie Contraddizioni

12 Linguaggio e metalinguaggio Un metalinguaggio è un linguaggio per parlare di un altro linguaggio, come l’italiano è il metalinguaggio che sto usando per parlarvi della logica. Nel linguaggio italiano vari usi dei termini sono mischiati. Esempio: appartiene al linguaggio comune, appartiene al linguaggio della zoologia, appartiene al metalinguaggio. E questo genera paradossi, come il paradosso del mentitore:, ove la stessa frase appartiene nel contempo al linguaggio e al metalinguaggio.

13 Metalinguaggio del linguaggio logico Se A e B sono due proposizioni è una metaproposizione della logica delle proposizioni. Ma durante la lezione io posso parlarvi anche del metalinguaggio, usando in tal caso un metametalinguaggio. E così via … Ad esempio: è equivalente a. Abbiamo tre linguaggi: il linguaggio logico, il metalinguaggio della logica proposizionale, il metametalinguaggio del corso di logica.

14 Le equivalenze più importanti sono le proprietà dei connettivi. (P  Q) è equivalente a (  P  Q) (P  Q)  (  P  Q) è una tautologia Per qualsiasi coppia di formule A e B: A è equivalente a B se e solo se A  B è una tautologia PQ PPP  Q(P Q)(P Q)(P  Q)  (  P  Q)

15 Proprietà dei connettivi Ad esempio associatività e commutatività di and e or: A  B  B  A A  B  B  A A  (B  C)  (A  B)  C A  (B  C)  (A  B)  C Distributività: A  (B  C)  (A  B )  (A  C) A  (B  C)  (A  B )  (A  C) Involuzione: A    A, Assorbimento: A  (B  A)  A, A  (B  A)  A, leggi di de Morgan:  (A  B)  (  A  B),  (A  B)  (  A  B)

16 Proposizioni equivalenti-2 Vale tanto la distributività dell’and rispetto all’or che dell’or rispetto all’and: [P  (Q  R)]  [(P  Q)  (P  R)], [P  (Q  R)]  [(P  Q)  (P  R)], PQR Q  RP  (Q  R)PQPQPRPR(P  Q)  (P  R) Con le tavole: P  Q è equivalente a (P  Q)  (Q  P) P  Q è equivalente a  P  Q, e quindi P  Q è equivalente a (  P  Q)  (  Q  P).

17 PQR Q  RP  (Q  R)PQPQ(P  Q)  R]P  Q(P  Q)  R Leggi di de Morgan:  (P  Q)  (  P  Q),  (P  Q)  (  P  Q) PQ PP QQP  Q  (P  Q) P QP QPQPQ  (P  Q)  P  Q

18 Proposizioni equivalenti-3 L’equivalenza di due proposizioni si può verificare con le tavole di verità oppure tramite una serie di equivalenze già note. Esempio: [P  (Q  R)]  [(P  Q)  R]. Infatti [P  (Q  R)]  [  P  (Q  R)]  [  P  (  Q  R)]  [(  P   Q)  R]  [  (P  Q)  R]  [(P  Q)  R]: verifica con le tavole di verità! Ma è facile verificare con le tavole di verità che [(P  Q)  R] non equivale a [P  (Q  R)]: per il  non vale la proprietà commutativa.

19 Proposizioni e circuiti elettrici All’inizio della computer science la tecnologia si basava sui circuiti elettrici e sui relais che controllavano interruttori, con i quali si realizzavano i principali connettivi: and, or, not. Capovolgendo il relais si realizzava il not, col circuito in serie l’and e con quello in parallelo l’or. P Q R P P Q P  Q  R R P  Q  R  P

20 Conviene usare meno connettivi? Allora potremmo eliminare  e , e usare solo ,  e , con le leggi di de Morgan potremmo eliminare  oppure , e usare solo due connettivi. Infine potremmo ridurci ad un solo connettivo, il NAND o il NOR. Possiamo allora definire  P come NAND(P,P) oppure NOR(P,P); P  Q come NAND(NAND(P,P),NAND(Q,Q)), o P  Q come NOR(NOR(P,P), NOR(Q,Q)). Sarebbe utile? P Q NAND(P,Q) NOR(P,Q) Avremmo lunghe espressioni illeggibili, e quindi è meglio avere qualche connettivo in più


Scaricare ppt "Introduzione alla LOGICA MATEMATICA Corso di Matematica Discreta. Corso di laurea in Informatica. Prof. Luigi Borzacchini II. La logica delle proposizioni."

Presentazioni simili


Annunci Google