La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.enerlab.biz Efficienza Energetica: Il contenimento dei consumi energetici in azienda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.enerlab.biz Efficienza Energetica: Il contenimento dei consumi energetici in azienda."— Transcript della presentazione:

1 www.enerlab.biz Efficienza Energetica: Il contenimento dei consumi energetici in azienda

2 www.enerlab.biz DIAGNOSI ENERGETICA (Energy Audit) La DIAGNOSI ENERGETICA è un insieme sistematico di raccolta dati, di rilievo e di analisi dei parametri riferiti a consumi specifici e alle effettive condizioni di esercizio dell’edificio e dei suoi impianti, che –mira ad ottenere la conoscenza del profilo di consumo energetico attuale e reale dell’edificio –identifica le opportunità di risparmio energetico più appropriate, attraverso un’analisi costi/benefici –riporta i risultati in un rapporto finale –può portare ad un miglioramento delle condizioni di comfort

3 www.enerlab.biz Differenze tra diagnosi e certificazione La certificazione energetica Obiettivo: rappresentare in forma semplice la qualità energetica del sistema edificio/impianto riferita a condizioni standard Obiettivo secondario: dare delle indicazioni di massima sui possibili interventi di risparmio energetico attuabili (il tutto con costi contenuti) La diagnosi energetica Obbiettivo: l’individuare eventuali inefficienze energetiche di un sistema nelle sue attuali condizioni di esercizio e proporre soluzioni per ridurle quantificando sia i risparmi conseguenti che la redditività economica di tali interventi

4 www.enerlab.biz Schema di attività 4 ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI MODELLI ENERGETICI INDICI ENERGETICI TEORICI RACCOLTA BOLLETTE RACCOLTA DATI PRODUZIONE INDICI ENERGETICI EFFETTIVI INDICI CONFRONTABILI ? INDICI DI RIFERIMENTO INDICI CONFRONTABILI ? INDIVIDUAZIONE INTERVENTI ANALISI ECONOMICA PRIORITA’ INTERVENTI INNOVAZIONI TECNOLOGICHE ANALISI ECONOMICA PRIORITA’ INTERVENTI TERMINE DIAGNOSI SI NO SI

5 www.enerlab.biz 5 Come si effettua una diagnosi

6 www.enerlab.biz Cosa interessa? 6 La raccolta dati riguarda: –vettori e fonti energetiche; –materie prime usate dal processo, occupanti, superfici e volumi, altri elementi cui riferire l’utilizzo di energia; –prodotti e servizi generati dal processo e/o dagli impianti; –perdite di energia. Essa comprende un’analisi di documenti (bollette, rapporti di software dedicati) e l’utilizzo di appositi strumenti.

7 www.enerlab.biz Cosa interessa? 7 Più in dettaglio gli elementi da quantificare sono: –dimensioni e caratteristiche delle strutture e degli impianti; –stato degli impianti (età, manutenzione, etc); –fattori di utilizzo degli impianti; –razionalità degli impianti; –consumi energetici globali e dei singoli impianti; –dati sulla produzione e sull’occupazione; –costo dei vettori energetici utilizzati; –costo del denaro per la realtà considerata; –capitale a disposizione per diagnosi ed interventi.

8 www.enerlab.biz Passi preliminari 8  ricognizione walk-through.  attitudini della dirigenza e del personale nei confronti dell’efficienza energetica.  energy manager, responsabile acquisti energia e indirettamente (conduttori, manutentori, personale).

9 www.enerlab.biz Stato di strutture ed impianti 9  Il secondo passo è quello di identificare lo stato delle strutture e degli impianti.  Dall’edificio al capannone industriale, la tipologia e le condizioni dell’involucro hanno una diretta influenza sia sui consumi per la climatizzazione, sia in alcuni casi sulle scelte impiantistiche (es. sistemazione centrali e percorsi delle reti di distribuzione) o sulle abitudini degli occupanti.  Per gli impianti è necessario effettuare un censimento accurato che ne riporti le caratteristiche essenziali ai fini della diagnosi.

10 www.enerlab.biz La raccolta dei dati 10 I dati richiesti dalla diagnosi si raccolgono secondo le seguenti modalità: –studio di documenti (bollette, planimetrie) e software associati ad un sistema di monitoraggio (telecontrollo/telegestione); –misure strumentali (energia, potenza); –raccolta di dati climatici; –effettuazione di rilievi metrologici (dimensioni). Il primo punto risponde almeno alla richiesta dei consumi globali dell’azienda (nel caso elettrico per gli utenti medi e grandi è possibile ottenere anche i diagrammi di carico orari). Gli ultimi due alla creazione di indicatori.

11 www.enerlab.biz L’individuazione di interventi 11 Attraverso l’analisi dei dati raccolti si cerca di raggiungere i seguenti obiettivi: –la razionalizzazione dei flussi energetici; –il recupero dell’energia dispersa; –l’individuazione di tecnologie efficienti utilizzabili negli impianti; –la riduzione dei costi di approvvigionamento delle fonti energetiche. Una volta esaurita la possibilità di migliorare l’efficienza attraverso la regolazione degli impianti, rimangono gli interventi che prevedono una spesa.

12 www.enerlab.biz L’individuazione di interventi 12 attenzione: –gli interventi sono fisicamente e razionalmente realizzabili? –gli interventi possono interferire con i processi o con le attività svolte nella struttura? –l’azienda ha disponibilità di risorse? I primi due punti devono essere verificati

13 www.enerlab.biz Il rapporto finale 13 Molto importante: che raccoglie gli esiti della diagnosi e li trasferisce all’utente. Affinché risulti efficace è necessario che sia: –completo; –sintetico; –preciso; –chiaro; –comprensibile.

14 www.enerlab.biz Esempio di modello di raccolta dati 14

15 www.enerlab.biz Esempio di modello di raccolta dati 15 Per la parte termica è importante considerare sia la parte dei punti di produzione, sia quella degli utilizzatori. Nell’ambito elettrico in genere si ha a che fare solo con la seconda.

16 www.enerlab.biz 16 Gli strumenti per le diagnosi

17 www.enerlab.biz Gli strumenti 17 Il cuore di una diagnosi è costituito dai rilievi effettuati attraverso gli opportuni strumenti. Attraverso essi si può arrivare ad una conoscenza più approfondita e mirata su singoli processi ed impianti. Gli strumenti possono essere fissi (da quadro) o portatili. I primi risultano ormai poco costosi ed hanno il vantaggio di rimanere di proprietà dell’utente al termine della diagnosi.

18 www.enerlab.biz Gli strumenti: provenienza 18 Gli strumenti provengono da tre grandi famiglie: –strumentisti –produttori di tecnologie di risparmio –altri Il primo e terzo gruppo offrono una tecnologia semplice e a basso costo, pensata per la misura. Il secondo gruppo si caratterizza per una tecnologia complessa, progettata per la gestione di sistemi.

19 www.enerlab.biz Per le apparecchiature da ufficio 19 Sembra molto semplice ma … Permette di misurare – tensione – corrente – sfasamento – energia attiva e reattiva – consumo medio – …

20 www.enerlab.biz Gli strumenti: sistemi di comunicazione 20

21 www.enerlab.biz Gli strumenti: opzioni fisse 21

22 www.enerlab.biz Il costo degli strumenti 22 Il costo della strumentazione varia in funzione della complessità della rete di misura. Alcuni dati: –datalogger da installare presso l’utente, 400 €; –strumento da quadro semplice (RS485), 150 €; –strumento evoluto (RS485), 350 €; –rete complessa, 500-600 € a punto; –software, dai 1000 € in su. Ovviamente occorre aggiungere nei primi tre casi i costi di installazione (150-300 €). Il servizio di analisi dati e reportistica può essere offerto a cifre comprese fra i 30 e gli 800 €, a seconda della complessità della rete e delle analisi.

23 www.enerlab.biz 23 Gli indicatori energetici

24 www.enerlab.biz Gli indicatori energetici 24 I dati sui consumi in sé, pur essendo utili, rischiano di rimanere sterili e poco significativi, soprattutto in assenza di un’esperienza forte nella diagnosi. Sapere ad esempio che un edifico consuma 500.000 kWh termici in un anno o che un certo processo produttivo assorbe 850.000 kWh elettrici in un certo periodo di tempo non dice un granché. Per avere un dato utilizzabile occorre renderlo confrontabile. A questo scopo si introducono gli indicatori energetici.

25 www.enerlab.biz Gli indicatori energetici 25 Un indicatore consiste nel rapportare il dato sul consumo con altre grandezze, legate ai seguenti aspetti: –dimensioni; –produzione; –occupazione. I dati assoluti diventano dunque consumi per m 2, kWh per unità prodotta, m 3 di gas per addetto, e così via. Ciò permette di confrontare situazioni diverse, ma accomunate dal processo utilizzato o dal prodotto reso. Diventa così facile capire dove intervenire.

26 www.enerlab.biz Consumi specifici tipici 26 I valori effettivi dipendono dal processo usato e dalla lavorazione effettuata.

27 www.enerlab.biz 27 Il monitoraggio

28 www.enerlab.biz Il monitoraggio 28 La diagnosi consente di conoscere lo stato del sistema energetico nella struttura in esame e, in questo modo, permette di ottimizzarlo, a fronte di investimenti più o meno sostenuti e remunerativi. Il processo di razionalizzazione dei consumi, però, non può esaurirsi in un momento, per i seguenti motivi: –possono intervenire modifiche nei processi dell’azienda o nell’utilizzo degli edifici; –l’evoluzione della legislazione può incidere sugli usi di energia; –l’introduzione di nuove tecnologie può rendere interessante qualche nuovo intervento.

29 www.enerlab.biz Il monitoraggio 29  investimento per monitorare i consumi della struttura ed istituire una contabilità energetica interna.  Se la diagnosi rappresenta una foto della struttura considerata con riferimento agli usi energetici, il monitoraggio corrisponde a girare un film.  Compiti del monitoraggio sono:  il controllo dell’evoluzione dei consumi;  l’ottimizzazione delle politiche di O&M;  l’evidenziare nuove opportunità di intervento.

30 www.enerlab.biz Il monitoraggio 30 Le metodologie di conduzioni di una campagna di monitoraggio non sono dissimili da quelle di una diagnosi. Se l’audit viene condotto avvalendosi di strumenti fissi, anzi, tali attività vengono ad essere effettuate con le stesse modalità: al rapporto della diagnosi si sostituiranno le relazioni sintetiche ed i resoconti della contabilità energetica. La forma più raffinata di monitoraggio è rappresentata dai sistemi di building automation, più complessi, costosi e completi.

31 www.enerlab.biz 31 Esempio aria compressa

32 www.enerlab.biz Gli strumenti per l’aria compressa 32 (fonte L. Bicchierini – Atlas Copco)

33 www.enerlab.biz Sul campo 33 Misure fluidodinamiche ed elettriche e ricerca delle fughe (fonte R. Caligaris – Fenice) (fonte P. Minini – Atlas Copco)

34 www.enerlab.biz Dalle misure ai grafici - 1 34 (fonte P. Minini – Atlas Copco)

35 www.enerlab.biz Dalle misure ai grafici - 2 35 (fonte P. Minini – Atlas Copco)

36 www.enerlab.biz Dalle misure ai grafici – 3 – le fughe 36 (fonte P. Minini – Atlas Copco)

37 www.enerlab.biz Non sottovalutare le perdite … 37 33 kW x 8000 h/anno x 0.07 €/kWh = 18480 € ogni anno ! (fonte L. Bicchierini – Atlas Copco)

38 www.enerlab.biz INDICI DI PRESTAZIONE ENERGETICA I p - Potenza utile su volume riscaldato lordo (W/m 3 ) EP T – Indice Energia Primaria per usi termici (kWh t /m 3 ) a o (kWh t /m 2 ) a EE – Indice Energia Elettrica totale (kWh e /m 3 ) a o (kWh e /m 2 ) a IEN t - Indice Energetico Normalizzato termico (Wh t /m 3 /gg) a (scuole) IEN e - Indice Energetico Normalizzato elettrico (kWh e /m 2 ) a (scuole) EP X - Indice di Prestazione Energetica servizio X (kWh t /m 2 o 3 ) a ET X - Indice di Prestazione Termica servizio X (kWh t /m 2 o 3 ) a η e - Rendimento di emissione η c - Rendimento di regolazione η d - Rendimento di distribuzione η p - Rendimento di produzione stimato η g - Rendimento globale medio stagionale stimato η gn - Rendimento globale medio stagionale stimato e corretto (contabilizzazione) SISTEMA EDIFICIO- IMPIANTO IMPIANTO Indici secondari

39 www.enerlab.biz Potenza termica per unità di volume I p Confronto con la potenza termica richiesta tramite il metodo della “Firma Energetica” Verifica dimensionamento caldaia:

40 www.enerlab.biz Analisi economica I risparmi economici derivanti dall’intervento sono maggiori degli investimenti effettuati? Valore attuale netto (VAN) Indice di profitto (IP) Rapporto benefici/Costi (B/C) Tasso interno di rendimento (TIR) Tempo di ritorno (TR) o Pay-back time Costo dell’energia risparmiata (CER)

41 www.enerlab.biz Case study

42 www.enerlab.biz Andamento consumi specifici mensili di gas metano [Sm 3 ]

43 www.enerlab.biz Andamento dei consumi di acqua [m 3 ]

44 www.enerlab.biz Profili di carico

45 www.enerlab.biz Profili normalizzati F1: Lun – Ven dalle 8.00 alle 19.00 F2: Lun – Ven dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 19.00 alle 23.00; il Sab dalle 7.00 alle 23.00 F3: Lun – Sab dalle 0.00 alle 7.00 e dalle 23.00 alle 24.00; tutti i Festivi Normalmente, in una settimana, si è per il 33% in F1, per il 24% inF2 e per il 43% in F3

46 www.enerlab.biz Energia reattiva

47 www.enerlab.biz

48 Letture di dettaglio

49 www.enerlab.biz rendicontazione

50 www.enerlab.biz TRANSITORI

51 www.enerlab.biz Andamenti medi

52 www.enerlab.biz Profili specifici 1

53 www.enerlab.biz Profili specifici 2

54 www.enerlab.biz ANALISI DATI PRODUZIONE

55 www.enerlab.biz Analisi scarti produzione Nel 2012 è stato introdotto un sistema gestionale che registra tutti i cicli di lavorazione dei prodotti effettuati dalle varie macchine. Dalla rielaborazione di tutti i dati sono stati ricavati il numero dei pezzi prodotti per ogni tipo di stampo ed i pezzi prodotti dalle varie macchine nel periodo gennaio 2012 – luglio 2012

56 www.enerlab.biz

57

58 Modello elettrico

59 www.enerlab.biz Interventi: riparazione stampi Perdita nel riscaldamento tramite resistenze del blocco metallico dello stampo, comprensivo della quota parte interessata dalla cavità difettosa Perdita nel raffreddamento della suddetta quota parte dello stampo Perdita di materiale plastico nei canali di adduzione Perdita dovuta al prolungamento delle ore di lavoro delle macchine per la produzione di un certo quantitativo di pezzi

60 www.enerlab.biz Lana di roccia con coefficiente di conducibilità termica pari a 0,059 W/m 2 K consentirebbe una riduzione delle dispersioni fino a circa 480 W ed una conseguente riduzione dei consumi elettrici di circa 50.000 € (costo totale pari a 250 €) Interventi: coibentazione presse

61 www.enerlab.biz Interventi: illuminazione

62 www.enerlab.biz

63 Tenendo presente che il calore specifico della plastica è di circa 2 KJ/kg °K e di riuscire a portare la temperatura della plastica a 85° C, l’energia elettrica necessaria annua è di circa 68.650 kWh per un costo complessivo di circa 9.500 €. Stimando che le perdite di calore nel sistema alternativo, fornito con la caldaia centralizzata, siano del 40 % rispetto ai fabbisogni, l’energia necessaria che deve essere fornita dal metano salirebbe a circa 96.000 kWh; il costo del metano sarebbe di circa 7.300 €, per un risparmio in bolletta di circa 2.150 €. Interventi: preriscaldamento plastica

64 www.enerlab.biz Case Study 2

65 www.enerlab.biz Case Study 2

66 www.enerlab.biz

67 Cosnumi Gas

68 www.enerlab.biz Installazione elettrovalvole su circuito aria compressa aria compressa alla pressione di 6 bar area equivalente delle perdite pari ad un foro da 1 mm di diametro vita utile della valvola pari a 10 anni tasso di sconto pari al 5%, aumento annuo del 2% del costo dell’energia elettrica ore di funzionamento dell’impianto pari a 4.000 ore/anno La portata d’aria dal foro è pari a circa 0,065 mc/min; per sopperire a questa portata d’aria il compressore dovrebbe lavorare a circa 0,47 kW. Le perdite in termini economici sarebbe di circa 370 € a macchina. Una elettrovalvola montata sulla linea dell’aria compressa potrebbe costare circa 150 € anno.

69 www.enerlab.biz Illuminazione Allo stato attuale esistono 24 corpi illuminanti costituiti da un doppio tubo in neon da 58 W e 23 corpi illuminanti ai vapori di sodio da 400 W accesi per 8 ore al giorno. Proposta la sostituzione dei vecchi con fila singola di LED da (56 W totali, 150 €/cad) Per i vapori di sodio la sostituzione con altrettanti corpi a LED della potenza di 200 W all’uno (500 €/cad) Riduione gli attuali consumi da 21,6 MWh/anno a circa 10,5 MWh/anno pari a 11 MWh ed una riduzione dei costi di circa 2.540 €/anno.

70 www.enerlab.biz Illuminazione con regolatori Allo stato attuale esistono 24 corpi illuminanti costituiti da un doppio tubo in neon da 58 W e 23 corpi illuminanti ai vapori di sodio da 400 W accesi per 8 ore al giorno. Proposta la sostituzione dei vecchi con fila singola di LED da (56 W totali, 150 €/cad) Per i vapori di sodio la sostituzione con altrettanti corpi a LED della potenza di 200 W all’uno (500 €/cad) Riduzione gli attuali consumi da 21,6 MWh/anno a circa 10,5 MWh/anno pari a 11 MWh ed una riduzione dei costi di circa 2.540 €/anno.

71 www.enerlab.biz Illuminazione È stato anche valutato il caso di installazione di regolatori di flusso luminoso che consentano di ridurre il livello di illuminazione artificiale in funzione di quello naturale ottenendo che l’impianto di illuminazione venga acceso per un numero di ore inferiore al caso precedente; si è stimato che il tempo di accensione si riduca a metà. Costo complessivo € 14900

72 www.enerlab.biz Riqualificazione involucro edilizio e impianto termico Energia risparmiat a mc4 [kWh] Energia risparmiat a reale [kWh] Superficie intervento [mq] Costo unitario [€/mq] Costo intervento [€] Ricavo da Incentivo [€/anno] Ricavo da incentivo [€] (10 anni) Risparmio [€/1°anno] Soffitto (10 cm 0,034)157.361115.4871.89270€ 132.440€ 6.000€ 60.000 € 7.622 Cappotto (10 cm EPS 0,034)67.71249.6941.10060€ 66.000€ 4.290€ 42.900 € 3.280 Involucro opaco223.457163.995€ 198.440€ 6.000€ 60.000 € 10.824 Involucro trasparent e13.75910.09850300€ 12.500€ 975 € 666 Coibentazi one totale228.959168.033€ 213.440€ 6.000 € 11.090 Caldaia14.11310.357€ 25.000€ 1.625 € 1.340 Tutto236.047173.235€ 238.440€ 10.000€ 100.000 € 11.434

73 www.enerlab.biz Riqualificazione involucro edilizio e impianto termico PBT10 anni IRR9% NPV€ 2.862 PBT12 anni IRR7% NPV€ 3.296 Tra i precedenti, gli interventi più interessanti sono: sostituzione delle finestre e del generatore di calore

74 www.enerlab.biz Sfruttamento calore compressione due compressori KAESER: - SK 26 da 15 kW -BSD81 da 45 kW -Si stima che la quantità di calore recuperabile si aggiri intorno al 75% della potenza impiegata e che il GPL risparmiato sia intorno ai 7.500 kg. Il risparmio complessivo è stimabile intorno ai 6.600 €/anno, mentre il costo dell'installazione del sistema di recupero sia intorno ai 8.000 €. Il tempo di ritorno è perciò di poco superiore all'anno

75 www.enerlab.biz Ing. Simone Tascini E s.tascini@enerlab.bizs.tascini@enerlab.biz M 3384113527 Wwww.enerlab.biz Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "Www.enerlab.biz Efficienza Energetica: Il contenimento dei consumi energetici in azienda."

Presentazioni simili


Annunci Google