La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Unità di lavoro in Cooperative Learning applicata nella classe 5° B Scuola primaria “A. Begarelli” – S. Damaso Insegnante Pina Lodari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Unità di lavoro in Cooperative Learning applicata nella classe 5° B Scuola primaria “A. Begarelli” – S. Damaso Insegnante Pina Lodari."— Transcript della presentazione:

1 Unità di lavoro in Cooperative Learning applicata nella classe 5° B Scuola primaria “A. Begarelli” – S. Damaso Insegnante Pina Lodari

2  Disciplina : Geografia  Argomento : “Emilia Romagna”  Strutture di Cooperative Learning utilizzate : “Jigsaw”, “Studio a coppie”, “Giro in galleria” Contenuti:  Conoscere la propria regione nei suoi diversi aspetti : posizione, territorio, cultura, arte, curiosità, turismo.

3 Obiettivi di apprendimento, indicazioni nazionali per il curricolo classe quinta :  Conoscere e descrivere gli elementi caratterizzanti del paesaggio, individuando le analogie e le differenze con le altre regioni, e gli elementi di particolare valore ambientale e culturale.  Individuare problemi relativi alla tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale  Comprendere che il territorio è costituito da elementi fisici e antropici connessi e interdipendenti  Localizzare sulla carta geografica dell’Italia la posizione delle regioni fisiche e amministrative.

4 Obiettivi sociali :  Saper ascoltare  Prestare attenzione ai membri del proprio gruppo  Lodare i compagni

5 Presentazione della classe  La classe dove viene proposta l’attività è composta da 21 alunni, alcuni dei quali in difficoltà soprattutto relazionali ed un bambino in evidente difficoltà di apprendimento.  Il bisogno al quale si è cercato di rispondere, nel team, è stato di instaurare un buon clima di classe. I bambini relazionano tra loro tramite il litigio, pur volendosi bene ed essendo riusciti in questi anni a trasformarsi nel gruppo tanto auspicato.  Il lavoro di gruppo ha portato la classe a migliorare i rapporti e a relazionarsi in modo un po’ più positivo.

6 Studio dell’Emilia Romagna L’attività viene svolta utilizzando il Cooperative Learning. Sulla base della struttura “Jigsaw”, i bambini operano in gruppi base e in gruppi di esperti di un argomento specifico. Ognuno ha un ruolo definito, nel lavoro vi sono diverse fasi. Di seguito vengono riportate le indicazioni che i bambini hanno seguito.

7 Schema da seguire per lo svolgimento dell’attività Regione : EMILIA ROMAGNA  Strutture utilizzate – Jigsaw, Studio a coppie, Giro in galleria  Si sono spiegate ai bambini le strutture che sarebbero state utilizzate, e che loro già conoscono: Jigsaw, con all’interno la modalità di “studio in coppia” e Giro in Galleria, pertanto si è detto loro: Per il Jiigsaw, formate 5 gruppi di lavoro ( gruppi eterogenei scelti dall’insegnante), quattro da 4 e uno da 5. Lavorerete tutti sulla stessa regione. In ogni gruppo vi sarà un esperto di Lavorerete tutti sulla stessa regione. In ogni gruppo vi sarà un esperto di : 1. Turismo e curiosità. 2. Densità, superficie, popolazione ( creare una tabella o grafico) confini e storia 3. Paesaggio e clima. 4. Agricoltura, allevamento, pesca e industria.

8 Gruppo Base  Prima parte 1. Formate i gruppi cooperativi e distribuite il materiale (preparato dall’ins. Avevano, anche, a disposizione dei testi e la possibilità di usare internet). 2. Ogni componente visiona il proprio materiale, legge in silenzio, al termine di ciò formate coppie di studio con un esperto, dello stesso argomento, di un altro gruppo. 3. Con la modalità “studio in coppia” uno studente riassume il contenuto, mentre l’altro controlla l’accuratezza dell’esposizione. 4. Dopo ogni paragrafo, scambiatevi i ruoli. 5. Preparate insieme uno schema di insegnamento.

9 Seconda parte  Coppie di preparazione all’insegnamento.  Mettetevi in coppia con un altro compagno di un altro gruppo che abbia lo stesso argomento, formando così una coppia di esperti:  Mettetevi in coppia con un altro compagno di un altro gruppo che abbia lo stesso argomento, formando così una coppia di esperti : 1. Esercitatevi ad insegnare la vostra parte di materiale. 2. Ascoltate attentamente il partner. 3. Integrate le idee migliori del compagno nella vostra esposizione. 4. Ogni coppia di esperti dovrà preparare delle domande da porre al gruppo base alla conclusione dell’attività. 5. In coppie di esperti preparate le diapositive sul vostro argomento utilizzando PowerPoint al computer.

10 Lavoro in Gruppi cooperativi - ritorno al gruppo base. Ritornate nei vostri gruppi cooperativi : 1. Insegnate la vostra parte studiata agli altri membri. 2. Mentre un compagno vi insegna, prendete appunti. 3. Studiate il materiale insegnatovi dagli altri membri. 4. Raccogliete tutte le informazioni relative ai diversi aspetti della regione e preparate una presentazione unica in PowerPoint.

11 Ultima fase Ritornate nei vostri gruppi cooperativi :  Eseguite la verifica preparata dalle coppie di esperti.  Ogni gruppo presenterà il lavoro all’insegnante.  Presentate il vostro lavoro con la modalità “ Giro in galleria”. ( I vari gruppi di alunni si muovono nell’aula per : guardare, discutere, far riflessioni sugli elaborati dei compagni e lasciare un commento scritto al gruppo autore del lavoro).  Al termine della fase di Gallery Tour, ritornate sul vostro lavoro, analizzate i commenti degli altri gruppi ed eventualmente procedete alla revisione/sistemazione/completamento del vostro lavoro.  Riflessione individuale sul lavoro eseguito nel gruppo. Rispondi alle domande.  Verifica individuale e di gruppo preparata dall’insegnante.

12 Domande di autovalutazione sull’attività di geografia Che cosa hai fatto bene? Cosa potevo fare meglio? Cosa ho dato per aiutare il gruppo a lavorare con efficienza? Ho incoraggiato la partecipazione dei miei compagni? Ho avuto delle difficoltà? Se si, quali? Sono soddisfatto del risultato del nostro lavoro?

13 Ruolo dell’insegnante : durante lo svolgimento dell’attività, l’insegnante gira tra i gruppi, risponde alle domande dei bambini, controlla l’accuratezza del lavoro. Tempi : Da gennaio a febbraio, con 4 ore settimanali.


Scaricare ppt "Unità di lavoro in Cooperative Learning applicata nella classe 5° B Scuola primaria “A. Begarelli” – S. Damaso Insegnante Pina Lodari."

Presentazioni simili


Annunci Google