La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Collocamento dei disabili l. 12 marzo 1999 n. 68 d.P.R. 10 ottobre 2000 n. 333 art. 14 d.lgs. 10 settembre 2003 n. 276.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Collocamento dei disabili l. 12 marzo 1999 n. 68 d.P.R. 10 ottobre 2000 n. 333 art. 14 d.lgs. 10 settembre 2003 n. 276."— Transcript della presentazione:

1 Collocamento dei disabili l. 12 marzo 1999 n. 68 d.P.R. 10 ottobre 2000 n. 333 art. 14 d.lgs. 10 settembre 2003 n. 276

2 1.Collocamento mirato Ratio non assistenziale ma di promozione dell’inserimento e dell’integrazione lavorativa delle persone disabili nel mondo del lavoro Strumenti tecnici che consentono di valutare adeguatamente le capacità lavorative delle persone disabili (dpcm 13 gennaio 2000) e di inserirle nel posto adatto attraverso l’analisi dei posti di lavoro, forme di sostegno azioni positive per risolvere problemi connessi con ambienti, strumenti e relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione (v. artt. 2 e 13)

3 2. Beneficiari Persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e portatori di handicap intellettivo che comportino riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% accertata dalle Commissioni mediche di cui alla l. 104/1992 Invalidi di lavoro con grado di invalidità superiore al 33% accertata dall’Inail Non vedenti e sordomuti Invalidi di guerra, civili e per servizio con minorazione ascritte dalla prima all’ottava categoria di cui alle tabelle annesse al testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra (dPR n. 915/1978)

4 … Non disabili, solo in via transitoria: vale a dire normodotati ritenuti meritevoli di tutela (orfani e coniugi superstiti di coloro che siano deceduti per causa di guerra, di lavoro) Disabili (o loro stretti congiunti) a seguito di fatti di terrorismo e di criminalità organizzata (L. n. 407/1998; art. 1, c. 2, d.P.R. n. 333/2000) a seguito sent. Corte cost. n. 454/1998, lavoratori extracomunitari regolarmente presenti nel nostro Paese, riconosciuti disabili dagli organismi competenti

5 3. Quota di riserva per i datori di lavoro (sia privati, sia pubblici) 7% lavoratori occupati per datori di lavoro che occupano più di 50 dipendenti Due lavoratori per datori di lavoro che occupano da 36 a 50 dipendenti Un lavoratore per datori di lavoro che occupano da 15 a 35 dipendenti

6 4. Quota di riserva: attenuazioni e sospensioni Temperamenti alla regola per le organizzazioni di tendenza Sospensione per le aziende che si trovano in situazioni di particolare difficoltà o crisi, per le quali si presume particolarmente gravosa l’ottemperanza agli obblighi di legge

7 … esclusioni Tassativamente indicati dalla legge Riguardano mansioni particolari per cui una completa idoneità fisica è essenziale ovvero interi settori di attività

8 … esoneri parziali Privati ed enti pubblici economici che per le speciali condizioni dell’attività (faticosità, pericolosità dell’attività lavorativa: dm 7/7/2000) non possono occupare l’intera quota di disabili possono a domanda chiedere l’esonero parziale dall’obbligo Versano però al Fondo regionale per l’occupazione dei disabili un contributo esonerativo D.m. 7/7/2000 n. 357 fissa le procedure per la richiesta di esonero parziale

9 5. Obblighi I lavoratori disabili che risultano disoccupati ed aspirano ad un’occupazione corrispondente alle proprie capacità lavorative devono iscriversi in appositi elenchi presso i centri per l’impiego I datori di lavoro sono obbligati a presentare prospetti da cui risultino il numero dei lavoratori dipendenti, numero e nominativo dei lavoratori computabili nella quota di riserva posti di lavoro disponibili per i disabili I datori di lavoro devono presentare richiesta di assunzione entro 60 gg. dal momento in cui sorge l’obbligo (si scende al di sotto del limite legale)

10 6. Modalità di assunzione Regola: Richiesta numerica Richiesta nominativa  Assunzioni dei datori di lavoro che occupano da 15 a 35 dipendenti, partiti politici, oo. sindacali e sociali nonché enti da questi promossi  50% assunzioni cui sono tenuti datori di lavoro che occupano da 36 a 50 dipendenti  60% delle assunzioni cui sono tenuti datori di lavoro con più di 50 dipendenti

11 7. Convenzioni Convenzioni che consentono maggiori flessibilità: es. ampliamento della facoltà di scelta nominativa, assunzione con contratto a termine Convenzioni di inserimento lavorativo (a. 11, c. 1, 2 e 3); convenzioni di integrazione lavorativa (a. 11, c. 4); convenzioni di inserimento mirato (a. 11, c. 5)

12 Art. 12 l. n. 68 del 1999 Convenzione trilaterale tra datore di lavoro privato, ufficio competente e cooperativa sociale (o libero professionista disabile) Il datore di lavoro che ha assunto un disabile può distaccarlo presso la cooperativa sociale, garantendo alla stessa una certa quantità di commesse tali da garantire risorse sufficienti per retribuire il disabile (retribuzione+contributi) Il disabile si inserisce nel mondo del lavoro attraverso una cooperativa sociale che si suppone più attenta alle esigenze del disabile

13 … Accordo di natura mista:  Natura pubblicistica configurandosi l’intervento dell’ufficio come autorizzazione al distacco  Natura privatistica: contratto tra datore di lavoro/disabile; datore di lavoro/cooperativa (l’accordo si concreta in un obbligo a stipulare un certo numero di contratti di appalto di importo complessivo predeterminato)

14 … Alleggerimento dei vincoli normativi a favore della realizzazione di un pubblico interesse

15 8. Sanzioni Amministrative Esclusione da appalti o concessione pubbliche Risarcimento del danno

16 9. Art. 14 d.lgs. 276 Cooperative sociali e inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

17 Si inserisce nella falsariga dell’art. 12 della l. n. 68, perché consente di stipulare accordi quadro con cui si realizza l’inserimento di lavoratori svantaggiati mediante conferimenti di commesse a cooperative sociali che utilizzano i lavoratori svantaggiati da inserire al lavoro Modifica tuttavia notevolmente parecchi aspetti

18 Soggetti contemplati dall’art. 14 Servizi per l’impiego Associazione sindacali dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative a livello nazionale Associazioni sindacali dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative a livello nazionale Associazioni di rappresentanza, assistenza e tutela delle cooperative sociali che si occupano dell’inserimento lavorativo di persone svantaggiate (a. 1, c. 1, lett. b l. n. 381/1991) e consorzi (a. 8 l. 381/1991)

19 Soggetti svantaggiati Rientrano tutti quelli indicati nell’art. 2 d.lgs. 276/2003 e quelli indicati nel Regolamento UE n del 2002, al quale esplicitamente si rinvia. In particolare:  Qualsiasi persona che abbia difficoltà ad entrare, senza assistenza, nel mercato del lavoro  Qualsiasi giovane che abbia meno di 25 anni o che abbia completato la formazione a tempo pieno da non più di due anni e che non abbia ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente

20 …  Qualsiasi lavoratore migrante che si sposti o si sia spostato all’interno della Comunità o divenga residente della Comunità per assumere lavoro Qualsiasi persona appartenente ad una minoranza etnica di uno Stato membro che debba migliorare le sue conoscenze linguistiche, la formazione professionale o l’esperienza lavorativa per incrementare la possibilità di ottenere un’occupazione stabile Persone desiderose di intraprendere o riprendere un’attività lavorativa

21 … Adulti soli con figli a carico Persone prive di un titolo di studio di livello secondario o equivalente prive o in procinto di perdere un lavoro Qualsiasi persona con più di 50 anni priva di un posto di lavoro o in procinto di perderlo Disoccupati di lungo periodo (senza lavoro per 12 dei 16 mesi precedenti o per 6 degli 8 mesi precedenti nel caso di persone con meno di 25 anni d’età) Persone affette da una dipendenza riconosciuta da una legge nazionale

22 …. Persone in attesa di un reimpiego a seguito di pena detentiva Donne di un’area geografica al livello di Nuts II

23 … Categorie indicate dall’art. 4 l. 381/1991: Invalidi fisici, psichici e sensoriali Ex degenti di istituti psichiatrici Soggetti in trattamento psichiatrico Tossicodipendenti Alcoolisti Minori in età lavorativa in situazione di difficoltà familiare Condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione

24 … Competenza per individuazione dei disabili affidata ad un Comitato tecnico previsto all’interno dei servizi per l’inserimento dei disabili in ambito regionale

25 Incentivi normativi L’inserimento lavorativo nelle cooperative sociali che riguardi disabili che presentino particolari caratteristiche e difficoltà di inserimento nel ciclo lavorativo ordinario si considera utile ai fini della copertura della quota di riserva (incentivo per le aziende che si fanno carico di soggetti con particolari caratteristiche di difficoltà di inserimento lavorativo) La quota prevista per l’assunzione dei disabili in azienda non è più quella stabilita dall’art. 3 l. 68/1999 ma secondo quanto stabilito all’interno della stessa convenzione quadro

26 Forma e contenuti della convenzione quadro Forma scritta (si presume) Modalità di adesione da parte delle imprese Criteri di individuazione dei lavoratori svantaggiati Modalità di attestazione del valore della commessa e rapporto con i lavoratori

27 Forma e contenuti della convenzione quadro Determinazione del coefficiente del valore unitario della commessa rapportato al costo del lavoro desunto dai c.collettivi applicati dalle cooperative sociali Promozione e sviluppo delle commesse Eventuale costituzione di una struttura operativa di supporto Limiti di copertura della quota d’obbligo

28 Doveri del datore di lavoro La cooperativa assume i soggetti disabili secondo la disciplina della convenzione quadro. Rimane subordinata all’adempimento degli obblighi di assunzione dei lavoratori disabili ai fini della restante quota d’obbligo determinata dalla l. 68/1999

29 Sperimentazione La convenzione quadro ha carattere sperimentale (un anno e mezzo) Al termine ML, oo.ss. procederanno a verifica risultati e il ML riferirà al Parlamento per valutarne il perseguimento della vigenza


Scaricare ppt "Collocamento dei disabili l. 12 marzo 1999 n. 68 d.P.R. 10 ottobre 2000 n. 333 art. 14 d.lgs. 10 settembre 2003 n. 276."

Presentazioni simili


Annunci Google