La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

“ Da tempo immemorabile l'infinito ha suscitato le passioni umane più di ogni altra questione. E' difficile trovare un'idea che abbia stimolato la mente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "“ Da tempo immemorabile l'infinito ha suscitato le passioni umane più di ogni altra questione. E' difficile trovare un'idea che abbia stimolato la mente."— Transcript della presentazione:

1

2 “ Da tempo immemorabile l'infinito ha suscitato le passioni umane più di ogni altra questione. E' difficile trovare un'idea che abbia stimolato la mente in modo altrettanto fruttuoso, tuttavia nessun altro concetto ha più bisogno di chiarificazione" (D. Hilbert).

3

4 Il concetto di infinito ha ispirato teorie diverse tra i matematici di tutte le epoche e li ha costretti a costruire ragionamenti che portavano a conclusioni talvolta contrastanti con proprietà chiaramente intuitive; tali ragionamenti o tesi vengono per questo motivo chiamati paradossi.

5 IL PARADOSSO DI ZENONE ACHILLE E LA TARTARUGA Achille deve fare una gara di velocità con una tartaruga, ma, poichè è nettamente più veloce, decide di darle un po' di vantaggio. Achille impiegherà un po' di tempo per raggiungere il punto da dove è partita la tartaruga, che nel frattempo avrà percorso un tratto di strada; Achille raggiungerà allora il punto dove è arrivata la tartaruga, ma essa avrà di nuovo fatto un altro tratto di strada. Quindi, dato che questo ragionamento si può ripetere all'infinito, Achille non raggiungerà mai la tartaruga... Ma c'è qualcosa di sbagliato nel ragionamento svolto...

6 Il ragionamento di Zenone Achille non raggiunge la tartaruga. Supponiamo che la velocità di Achille sia di 10 m/s e quella della tartaruga sia di 1 m/s. In 1/10 di secondo Achille raggiunge il punto in cui si trovava inizialmente la tartaruga: ma intanto essa si è mossa ed ha percorso uno spazio uguale ad 1/10 (in metri). Per raggiungere la nuova posizione della tartaruga, Achille dovrà impiegare un altro tempo, uguale a 1/10*1/10=0.01quindi, in tutto, avrà impiegato un tempo t 2 =1/10+1/100=0.11 (in secondi). Ma Achille non ha ancora raggiunto la tartaruga, perché nel tempo di 1/10 di secondo essa ha percorso 1/100 di metro. Achille arriverà a questa nuova posizione, ma impiegherà 1/1000 di secondo, e quindi un tempo complessivo t 3 =1/10+1/100+1/1000=0.111 e così si procede all'infinito. Ciò che accade nella realtà Achille raggiunge la tartaruga (e la supera...).. Indichiamo con t il tempo necessario ad Achille per raggiungere la tartaruga; lo spazio percorso da Achille, dato da 10t, deve risultare uguale alla somma del vantaggio iniziale della tartaruga con lo spazio che essa percorre. Si ottiene così l’equazione : 10t=1+t che sappiamo risolvere senza difficoltà : 10t-t=1 cioè 9t=1 e, infine, t=1/9 (in secondi).

7 L'errore nel paradosso di Zenone consiste nell'idea che la somma di un numero infinito di intervalli finiti di spazio e di tempo debba essere infinita. In Achille e la tartaruga si tratta di sommare una serie infinita di quantità sempre più piccole

8 ARI S TOTELE L'infinito non è un Assoluto: è qualcosa che per la sua illimitatezza non può essere concepito dal nostro pensiero nella sua totalità; esiste solo l’infinito potenziale infinito in atto, entità infinita concepita nella sua interezza infinito potenziale, qualcosa che è sempre accrescibile, a cui ci si va avvicinando indefinitamente; in questa accezione si può pensare ad un processo infinito, ma non ad oggetti infiniti

9 per Aristotele dire che i numeri sono infiniti significa solo che, qualunque numero si pensi, se ne può trovare uno maggiore, ma solo i singoli numeri finiti sono pensabili, anche se non ne esiste " il più grande". Aristotele respinge completamente la possibilità che l'infinito in atto possa essere utilizzato in matematica "L'infinito non è ciò al di fuori di cui non c'è nulla, ma ciò al di fuori di cui c' è sempre qualcosa".

10 Per duemila anni, l'idea dominante nel pensiero occidentale sarà l'idea aristotelica di un infinito potenziale

11 “1600” E’ il secolo dell’analisi infinita (detta analisi infinitesimale), cioè del calcolo di grandezze infinitamente grandi ed infinitamente piccole. Leibniz e Newton introducono l´infinitesimale nella definizione di derivata, come limite, e l´infinito, in quella dell´integrale, come somma continua. G Leibniz I. Newton

12 La fama di Leibniz come matematico è legata soprattutto alla prima sistemazione organica del «calcolo infinitesimale». Di essa egli diede notizia in due articoli pubblicati negli Acta Eruditorum.calcolo infinitesimale I documenti storici sembrano far capire che entrambi giunsero indipendentemente alla stessa scoperta (formulata solo in termini differenti)! Tale pubblicazione diede origine ad una violenta polemica a distanza con Isaac Newton, il quale rivendicò la priorità della scoperta e giunse praticamente ad accusare Leibniz di plagio. In Newton l’invenzione fu dettata da preoccupazioni essenzialmente tecniche, in Leibniz essa scaturì da considerazioni di carattere filosofico.

13 Con Cauchy (1789 – 1857) il calcolo infinitesimale trova la sua sistemazione poggiandosi sulla definizione di limite di una funzione. Egli formulò una definizione, relativamente precisa, di limite: "Quando i valori successivi attribuiti a una variabile si avvicinano indefinitamente a un valore fissato così che finiscono con il differire da questo per una differenza piccola quanto si vuole, quest'ultimo viene detto il limite di tutti gli altri".. Cauchy “1800” L’ottocento è il secolo della revisione logica e rigorosa di quanto detto in precedenza.

14 Il matematico Weierstrass formalizza,con il concetto di limite, il fatto che: una serie infinita di termini può “tendere” a un numero finito. L’ultima parola nell’opera di consolidamento delle fondamenta dell’analisi matematica la scrissero il matematico tedesco Karl Weierstrass ( ) e i suoi allievi. Su queste fondamenta, Weierstrass costruì l’edificio dell’analisi matematica che resiste ancora ai nostri giorni. Weierstrass

15 GRANDE RIVOLUZIONE NEL MONDO MATEMATICO CANTOR e DEDEKIND TEORIA DEGLI INSIEMI G. Cantor L’ infinito attuale viene concepito R. Dedekind come una grandezza sui generis e quindi definibile chiaramente. Un insieme è infinito quando è in corrispondenza biunivoca con una sua parte propria.

16  L'insieme N dei numeri interi, ad esempio, è infinito. Infatti è possibile stabilire una corrispondenza biunivoca tra l'insieme N di tutti i numeri interi e l'insieme P dei numeri interi pari, che è certamente una parte propria di N ;  Questo infinito viene detto numerabile e indicato con il simbolo ;  Cantor dimostra che l'infinito numerabile non è l'unico infinito; il secondo, quello di R, viene chiamato continuo.

17 Il dibattito sul ruolo dell'infinito nella matematica non può dirsi concluso …. l'ambito della verità è più ampio di quello del sapere deduttivo

18

19 Leibniz fonda il suo calcolo sugli infinitesimi. Una concezione attuale Una concezione potenziale gli infinitesimi sono enti matematici effettivi gli infinitesimi esprimono semplicemente un avvicinamento infinito allo zero Sembra oscillare tra

20  Qual è il coefficiente angolare della retta tangente in un punto di ascissa x 1 ad una curva y = f(x) ?  Qual è l'area del trapezoide delimitato dai due assi, dalla retta x = x' e dalla curva y = f(x)?

21 Il problema della tangente venne risolto con quello che Leibniz chiamò «calcolo differenziale». Esso permette di ricavare dalla funzione data una funzione dy/dx, «rapporto differenziale» La d è un operatore che indica il «differenziale» ovvero l'«incremento infinitesimo» delle variabili. Tale funzione esprime dunque il coefficiente angolare della retta tangente al punto di ascissa x 1 della funzione originaria. rapporto differenziale y' differenziare derivata derivare TERMINI USATI DA LEIBNIZ TERMINI MODERNI

22 PROBLEMA DELL'AREA Il procedimento introdotto venne chiamato da Leibniz «calcolo integrale». Esso permette di ricavare dalla funzione data f(x) una funzione ∫ f(x) dx, «integrale» Il simbolo ∫ rappresenta la somma degli infiniti prodotti degli infinitesimi incrementi dell'ascissa per le ordinate corrispondenti.

23 La scoperta forse più importante di Leibniz I due problemi considerati sono strettamente legati Questo venne chiamato il «teorema fondamentale del calcolo integrale”. Menù differenziazione e integrazione sono operazioni inverse


Scaricare ppt "“ Da tempo immemorabile l'infinito ha suscitato le passioni umane più di ogni altra questione. E' difficile trovare un'idea che abbia stimolato la mente."

Presentazioni simili


Annunci Google