La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI. Ricordiamo che … Una funzione di due variabili è del tipo z = f(x, y) Si definisce funzione reale di due variabili.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI. Ricordiamo che … Una funzione di due variabili è del tipo z = f(x, y) Si definisce funzione reale di due variabili."— Transcript della presentazione:

1 FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI

2 Ricordiamo che … Una funzione di due variabili è del tipo z = f(x, y) Si definisce funzione reale di due variabili reali una relazione che associa ad ogni coppia di numeri reali (x,y) appartenenti al Dominio uno ed un solo numero reale z Assegnando a x e y due valori del Dominio si ottiene il valore di z e, quindi, il punto P(x ; y ; z) x y z Esempio: z = 3x-y+9 Se x = 2 e y = 7 si ottiene z = 8 Il punto è P(2 ; 7 ; 8)

3 Questo punto può essere rappresentato nello spazio P(2 ; 7 ; 8) P

4 Dominio di una funzione a due variabili Il Dominio è il sottoinsieme del prodotto cartesiano R X R costituito da tutte le coppie (x,y) di numeri reali che hanno per corrispondente un ed un solo numero reale Z

5 Dominio di una funzione a due variabili Per determinare il dominio di una funzione a due variabili e necessario procedere alla sua classificazione: Funzione intera o Funzione Fratta Funzione razionale o irrazionale Funzione trascendente : logaritmica, esponenziale

6 Grafico di una funzione a due variabili Rappresentare graficamente una funzione di due variabili è piuttosto complesso poiché si tratterebbe di tracciare il grafico di una superficie in sistema di assi cartesiani x,y,z e questo non è sempre agevole. Esistono programmi svolti dal calcolatore che danno l'idea di queste immagini: sono molto suggestive, ma non sempre evidenziano certi comportamenti della funzione.

7 Piano di equazione z = -3x+2y+10

8 z = 2 x 2 - y

9 z = xy

10 z = x 2 + y

11 z = y 2 - x 2

12 Linee di livello E possibile avere delle informazioni sul grafico della funzione tracciando le sue linee o curve di livello. Le linee di livello sono la proiezione ortogonale sul piano x,y di tutti i punti aventi la stessa quota z = K In pratica è come se si tagliasse la superficie con dei piani orizzontali a differenti quote e si trasferisse il risultato di questo taglio sul piano x,y

13 Per costruire le linee di livello occore partire da un sistema: f(x,y) = k equazione della generica linea di livello Assegnando dei valori alla quota z si identificano le varie linee di livello che sono quindi rappresentabili sul piano x,y ponendo accanto a ciascuna di esse la relativa quota z

14 Clicca per visualizzare le linee di livello

15

16

17 DERIVATE PARZIALI Nello studio dellanalisi si incontra il concetto di derivata; data una funzione y = f(x) si definisce la sua derivata come: Il rapporto a fianco del simbolo del limite viene detto RAPPORTO INCREMENTALE

18 Nel caso di una funzione a due variabili è necessario scrivere due definizioni Questa scrittura definisce la derivata parziale rispetto a x in quanto la y viene considerata costante y x Questa scrittura definisce la derivata parziale rispetto a y in quanto la x viene considerata costante y y

19 Esempio : z = x 2 ­y +2x -y 2 Z x = 2x+2 Z y = -1-2y Ovviamente sono valide tutte le regole di derivazione applicate nello studio delle funzioni ad una sola variabile y = f(x)

20 DERIVATE SUCCESSIVE Anche nel caso di funzioni a due variabili è possibile procedere al calcolo delle derivate successive. Z x x significa che a partire dalla z x devo ancora derivare rispetto alla x Z x y significa che a partire dalla z x devo ancora derivare rispetto alla y Z y x significa che a partire dalla z y devo ancora derivare rispetto alla x Z y y significa che a partire dalla z y devo ancora derivare rispetto alla y

21 Teorema di Schwarz Esso afferma che le due derivate seconde z x y e z y x sono uguali Z XY = Z YX Esempio. Data la funzione z = 3x 2 +5xy-y 3 verificare il Teorema di Schwarz Zx = 6x+5y Z y = 5x-3y 2 Zx y = 5 Zy x = 5

22 PIANO TANGENTE Nello studio dellanalisi matematica è stato più volte ricordato il significato geometrico della derivata prima, che rappresenta il coefficiente angolare della retta tangente in un determinato punto alla funzione. Assegnato un punto P(x 0,y 0 ) appartenente ad una funzione y = f(x) è possibile ricavare la retta tangente a partire dallequazione del fascio proprio di rette passante per P y-y 0 = m·(x-x 0 ) dove è rappresentato dalla derivata prima della funzione f(x 0,y 0 )

23 Z = f(x 0,y 0 )+f x (x 0,y 0 )·(x-x 0 ) + f y (x 0,y 0 ) ·(y-y 0 ) In analogia su quanto detto per le funzioni ad una variabile, è possibile scrivere lequazione del piano tangente in un punto P(x 0,y 0,z 0 ) ad una superficie: Dove fx e fy sono le derivate prime parziali della funzione z = f(x,y) calcolate nel punto di tangenza P(x 0,y 0,z 0 ) Il piano tangente può esser utilizzato per approssimare la superficie nellintorno dl punto di tangenza.

24 MASSIMI E MINIMI Si ricorda la definizione di massimo relativo: Un punto M è di massimo relativo se esiste un suo intorno o intervallo I nel quale il punto M > P(x,y) per ogni punto P appartente allintervallo Analoga la definizione di minimo relativo. Se poi la disuguaglianza è valida per tutto il dominio, si avrà un massimo assoluto o minimo assoluto. Min assoluto Max assoluto Max. relativo Min relativo

25 MASSIMI E MINIMI LIBERI Esistono due metodi per la ricerca dei massimi e minimi liberi: A) Metodo delle derivate B) Metodo delle linee di livello

26 Metodo delle derivate Assegnata ala funzione z = f(x,y) si procede al calcolo delle derivate parziali prime che vengono poste uguali a zero: CONDIZIONE NECESSARIA MA NON SUFFICIENTE determinante hessiano I punti le cui coordinate sono le soluzioni del sistema sono detti PUNTI CRITICI O STAZIONARI: fra tali punti si devono ricercare i massimi ed i minimi della funzione. Per decidere se si tratta effettivamente di massimo o di minimo, occorre esaminare il determinante hessiano.

27 Ora occorre andare a verificare il valore di H nel o nei punti critici precedentemente ricavati. Sia P(x 0, y 0 ) un punto critico ƒ'' XX (X0, Y0) > 0 in P si ha un minimo relativo Se H (x 0, y 0 ) > 0 e ƒ'' XX (X0, Y0) < 0 in P si ha un massimo relativo. Se H (x 0, y 0 ) < 0 In P si ha un punto di sella Se H (x 0, y 0 ) è dubbio il comportamento della funzione in P è dubbio e bisogna utilizzare un altro metodo o esaminare la funzione nellintorno di P

28 Esempio: determinare gli eventuali massimi e minimi relativi della funzione Z = x² – xy + 2y² + 3x + 2y calcolo delle derivate parziali prime: Z' X = 2x – y + 3 Z y = – x + 4y + 2 Le due derivate prime vengono messe a sistema ponendole uguali a zero: Le soluzioni del sistema sono: Abbiamo ottenuto dunque un solo punto critico o stazionario Ora si procede al calcolo delle derivate seconde: Z'' XX = 2 Z'' YY = 4 Z'' XY = Z'' YX = – 1

29 Si procede quindi al calcolo del determinante Hessiano: In questo caso lHessiano ci fornisce già un valore numerico cioè è puntuale. Poiché H >0 il nostro punto critico può essere un massimo o un minimo: Per arrivare alla conclusione si analizza la Z xx che essendo uguale a 2 ci porta alla conclusione che il punto P(-2,-1,-4) è un punto di minimo

30 Metodo delle linee di livello Il metodo consiste nel tracciare le linee di livello della funzione z = f(x,y): Una volta tracciate le linee di livello si andrà ad analizzarle per capire se esse degenerano in un punto. In tale punto ci sarà il massimo o il minimo a seconda dellandamento del valore della z

31 MASSIMO E MINIMI VINCOLATI In molte applicazioni sorge il problema di determinare gli eventuali massimi- minimi di una funzione le cui variabili non sono indipendenti ma devono soddisfare certe condizioni; si parla in tal caso di massimi-minimi vincolati. In economia ad esempio nellottimizzare la funzione dei profitti di unimpresa che produce e vende un prodotto si tiene conto del vincolo espresso dalla funzione di domanda del bene. Dunque un problema di massimo-minimo vincolati si presenta in questo modo: Z=f(x,y) da massimizzare – minimizzare con vincolo g(x,y) =0 Esempio Determinare il massimo-minimo della funzione z = x 2 +y con il vincolo x + y-2=0

32 Massimi-minimi vincolati Esistono sostanzialmente tre metodi di risoluzione A)Metodo di sostituzione B)Metodo della funzione Lagrangiana C)Metodo delle linee di livello tangenti

33 Metodo di sostituzione Procedimento : Si esplicita il vincolo rispetto ad una variabile (x o y indifferentemente) Si sostituisce lespressione ricavata nella funzione iniziale eliminando dunque una variabile Si procede come per il calcolo di massimi-minimi in una funzione ad una variabile Esempio: trovare max.-min della funzione: con vincolo Si esplicita nel vincolo rispetto ad y E si sostituisce nella funzione z ottenendo così una funzione con una sola variabile:

34 Il problema ora è diventato un problema di analisi di funzione ad una sola variabile. Si procede quindi al calcolo della derivata prima che viene posta uguale a zero: Si sono ottenuti due punti critici. Ora si può procedere in due modi: Con lo studio della crescenza/decrescenza o con lo studio della derivata seconda: z= 2x+1 z(2) = 2 min (2,-5,2/3) z(-3)=-5 Max(-3,-15/2,43/2) Max min

35 Metodo della funzione Lagrangiana Assegnata la funzione z=f(x,y) e il vincolo g(x,y) si costruisce una nuova funzione detta FUNZIONE LAGRANGIANA: Z = f(x,y) + λ·g(X,Y) λ è detto moltiplicatore di Lagrange e trasforma un problema di massimo – minimo vincolato in un problema di massimo – minimo libero vincolato. La funzione Lagrangiana è una funzione a tre variabili: x, y, λ Condizione necessaria, ma non sufficiente affinchè Z abbia un massimo (minimo) vincolato è data dal contemporaneo annullamento delle derivate parziali prime rispetto a (λ, x, y).

36 Le soluzioni del sistema sono dette punti critici o punti stazionari A questo punto si procede al calcolo di un determinante detto Hessiano Orlato: Per ogni punto critico p(x 0,y 0,λ 0 ) deve essere calcolato il valore dellHessiano orlato e verificare se: H (X0, Y0, λ0) > 0 in P0 la funzione ha un massimo vincolato H (X0, Y0, λ0) < 0 in P0 la funzione ha un minimo vincolato H (X0, Y0, λ0) = 0 non si può dire nulla ed occorre studiare la funzione nei punti del vincolo prossimi a P0 Dove gx e gy sono le derivati parziali del vincolo e Z xx Z xy Z yy le derivate parziali seconde della funzione Lagrangiana

37 Metodo delle linee di livello tangenti Si rappresenta graficamente la funzione per curve di livello evidenziando la relazione esistente fra il variare della variabile z e le curve Si rappresenta graficamente il vincolo (nello stesso sistema cartesiano) Si cercano, fra tutte le curve di livello che sono tangenti al vincolo: nei punti di tangenza, se ci sono, si avranno max-min vincolati


Scaricare ppt "FUNZIONI REALI DI DUE VARIABILI REALI. Ricordiamo che … Una funzione di due variabili è del tipo z = f(x, y) Si definisce funzione reale di due variabili."

Presentazioni simili


Annunci Google