La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I Fondi Paritetici Interprofessionali Una opportunità per le imprese a “costo zero”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I Fondi Paritetici Interprofessionali Una opportunità per le imprese a “costo zero”"— Transcript della presentazione:

1 I Fondi Paritetici Interprofessionali Una opportunità per le imprese a “costo zero”

2 Cosa sono I Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali per la formazione continua sono organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni di rappresentanza delle Parti Sociali attraverso specifici Accordi Interconfederali stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

3 Come si costituisce un Fondo Paritetico Interprofessionale La normativa prevede che un Fondo possa essere costituito attraverso un Accordo siglato da Confederazioni nazionali, di rappresentanza dei datori di lavoro e le Confederazioni sindacali nazionali dei lavoratori. Sulla base dell’accordo le parti elaborano uno Statuto ed un Regolamento che vengono sottoposti all’esame del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per ottenere, attraverso specifico Decreto ministeriale, l’autorizzazione ad operare.

4 Settori economici di riferimento Possono essere istituiti Fondi Paritetici Interprofessionali per ciascuno dei settori economici: Industria Agricoltura Terziario Artigianato

5 La normativa sui Fondi Interprofessionali: una breve sintesi Articolo 118 Legge 388/2000 (finanziaria 2001) modificato dall’articolo 48 della legge 289/2002. Circolare Inps n.71 del 2/4/2003 Decreto Interministeriale del 23/4/2003 Decreto Direttoriale n. 148/1/2003 Decreto Direttoriale n. 351/1/2003 Decreto Ministeriale 383/V/2003 Circolare n. 36 del 18/11/2003 Circolare Inps n. 60 del 6/4/2004 Decreto Direttoriale n. 133 del 26/5/2004 Legge 30 dicembre 2004, n Il comma 151 dell'articolo 1 Circolare Inps n.67 del 24/5/2005 Decreto Interministeriale del 20/5/2005 Decreto Direttoriale n.250 del 1/9/2005 Messaggio Inps n del 13/9/2005 Decreto Ministeriale n.40 del 06/3/2006 Messaggio Inps n del 4/4/2006 Accordo Fondi Interprofessionali e formazione continua, aprile 2006 Decreto Ministeriale n.39 del 28/2/2007 Decreto Ministeriale n.40 del 28/2/2007 Messaggio INPS n del 24/5/2007 Decreto Ministeriale n.91 del 16/4/2008 Decreto Ministeriale n.92 del 16/4/2008 Messaggio INPS n del 6/5/2008 Messaggio INPS n del 5/11/2008 Circolare INPS n°107 del 01/10/2009

6 Art. 118 della legge 388/2000 (così come modificata dalla legge 289/2002 art. 48) Nel 2003, con l’istituzione dei primi dieci Fondi, si realizza quanto previsto dalla legge 388/2000, che consente alle imprese di destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all’INPS (il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”) alla formazione dei propri dipendenti.

7 Circolare INPS n° 107 del 01/10/2009 Scelta libera per le aziende che vogliono aderire, revocare l’adesione o passare da un fondo all’altro. La scelta del Fondo potrà essere fatta in qualunque momento dell’anno e i cui effetti decorreranno dal momento di espressa volontà sul DM 10 e non dal 1 gennaio dell’anno successivo. I decreti legge 185/2008 e 5/2009, introducono la cosiddetta “mobilità tra i fondi”, ovvero la possibilità per le aziende di trasferire ad un nuovo fondo parte delle risorse destinate al fondo scelto precedentemente. In tal senso risulta quindi superata l’impostazione Inps che stabiliva al 31 ottobre di ogni anno il termine per manifestare adesioni e/o revoche, i cui effetti decorrevano dal 1 gennaio dell’anno successivo.

8 Come si aderisce L’impresa aderisce ai Fondi Paritetici Interprofessionali in modo volontario secondo criteri e modalità definiti dalla Circolare dell’INPS n. 71 del 2/04/2003. Nel caso in cui l’impresa decida di aderire ad un Fondo il datore di lavoro dovrà utilizzare il modello di denuncia contributiva DM 10/2 (da utilizzare anche per le eventuali revoche di adesione)

9 Fac-simile DM 10/2

10 I datori di lavoro interessati, dovranno indicare, in una delle righe in bianco dei quadri “B” e “C” del modello DM10/2, il Fondo al quale intende aderire. L’indicazione dovrà essere preceduta dalla dicitura “adesione Fondo” e dal codice relativo al Fondo prescelto; nell’apposita casella dovrà, altresì, essere indicato il numero dei dipendenti per cui l’impresa versa il contributo integrativo di cui all’art. 25 comma 4 della legge 845/78. L’adesione a un Fondo non comporta alcuna spesa aggiuntiva; parte del contributo ordinariamente versato all’INPS, secondo quanto previsto dalla Circolare n. 60/2004, verrà trasferito dall’INPS stesso al Fondo prescelto dall’impresa.

11 Cosa fanno I Fondi Paritetici Interprofessionali promuovono e finanziano: Piani formativi aziendali, settoriali, territoriali e individuali concordati tra le Parti Sociali. Attività di sostegno ai Piani per la Formazione Continua. Attività di qualificazione e di riqualificazione per le figure professionali di specifico interesse, nonché per i lavoratori a rischio di esclusione dal mercato del lavoro. Promuove interventi di formazione continua sull’igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro per gli aspetti non disciplinati e finanziati dalle specifiche disposizioni in materia (legge 81/08 e D.M. 10/03/1998).

12 Che cos’è un Piano Formativo? I Fondi possono finanziare esclusivamente Piani Formativi anche se di diverso tipologia (aziendali, settoriali, territoriali e individuali). Il Piano formativo si differenzia da un normale progetto di formazione in quanto deve essere obbligatoriamente condiviso dalle parti sociali. Ad esempio, nel caso di un Piano formativo aziendale, esso dovrà essere formalmente approvato sia dall’impresa, sia dalla rappresentanza sindacale aziendale (o in mancanza di questa, dalle organizzazioni sindacali territoriali). Stessa cosa per i Piani formativi territoriali o settoriali, che dovranno avere l’approvazione delle organizzazioni di rappresentanza (datoriali e sindacali) competenti territorialmente o settorialmente. Rispetto ad un semplice progetto formativo, un Piano è disegnato per rispondere a fabbisogni chiaramente individuati e rapportati ad un arco temporale definito.

13 Generalmente un piano formativo si articola in: Un accordo sottoscritto dalle Parti Sociali, in cui sono motivate le finalità del Piano. Un elaborato tecnico-progettuale, nel quale sono descritte e sviluppate le azioni formative. Un piano finanziario, relativo alla realizzazione del progetto esecutivo. Eventuali documenti (studi, analisi dei fabbisogni, ecc.) che accompagnano e integrano il Piano Formativo.

14 Modalità di partecipazione alle attività formative Conto Sistema È un conto collettivo che viene utilizzato per degli Avvisi cui possono concorrere tutte le aziende, individualmente o in consorzio. Questi Avvisi sono studiati sulle esigenze delle aziende e sono di carattere generalista o tematico. Ogni Avviso ha diverse scadenze per la presentazione dei piani, per consentire alle aziende la possibilità di programmare la progettazione delle attività formative. Conto Formazione Si tratta di un conto individuale di ciascuna azienda aderente. Le risorse finanziarie che vengono accantonate nel "conto formazione" sono a completa disposizione dell'azienda titolare. Solo l'azienda può utilizzarle per fare formazione ai propri dipendenti nei tempi e con le modalità che ritiene più opportuni, sulla base di Piani condivisi dalle rappresentanze delle parti sociali. N.B. non tutti i Fondi sono provvisti di un Conto Formazione, ma dispongono del solo Conto Sistema, mettendolo a disposizione delle imprese aderenti.

15 Quali sono i Fondi Paritetici Interprofessionali I Fondi Interprofessionali ad oggi istituiti sono18 Breve panoramica

16 FONDIMPRESA Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FIMA Fondo per i lavoratori delle imprese industriali CONFINDUSTRIA, CGIL,CISL,UIL

17 FONDIRIGENTI Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FDIR Fondo per i dirigenti industriali CONFINDUSTRIA e FEDERMANAGER

18 FOR.TE Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FITE Fondo per i lavoratori del commercio, del turismo, dei servizi, del credito, delle assicurazioni e dei trasporti. CONFCOMMERCIO, CONFETRA, CGIL, CISL e UIL

19 FONDIR Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FODI Fondo per i dirigenti del terziario. CONFCOMMERCIO, ABI, ANIA, CONFETRA, FENDAC, FEDERDIRIGENTICREDITO, SINFUB E FIDIA.

20 FON.AR.COM Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FARC Fondo per i lavoratori dei settori del terziario, artigianato e PMI. C.I.F.A e CONF.S.A.L.

21 FONDO FORMAZIONE PMI FAPI Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FAPI Fondo per i lavoratori delle PMI industriali CONFAPI, CGIL, CISL, UIL

22 FONDO DIRIGENTI PMI Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FDPI Fondo per i dirigenti delle PMI industriali CONFAPI e FEDERMANAGER

23 FONDARTIGIANATO Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FART Fondo per i lavoratori delle imprese artigiane CONFARTIGIANATO, CNA, CASARTIGIANI, CLAAI, CGIL,CISL, UIL

24 FON.COOP Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FCOP Fondo per i lavoratori delle imprese cooperative A.G.C.I., CONFCOOPERATIVE, LEGACOOP, CGIL,CISL, UIL

25 FON.TER Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FTUS Terziario: turismo, distribuzione e servizi CONFESERCENTI, CGIL, CISL, UIL

26 FOND.E.R. Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FREL Fondo per la formazione continua negli enti ecclesiastici, associazioni, fondazioni, cooperative, imprese con o senza scopo di lucro, aziende di ispirazione religiosa A.G.I.D.A.E, CGIL, CISL, UIL

27 FONDOPROFESSIONI Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FPRO Fondo per la formazione negli studi professionali e nelle aziende ad essi collegati CONSILP, CONFPROFESSIONI, CONFEDERTECNICA, CIPA, CGIL,CISL, UIL

28 FOR.AGRI Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FAGR Fondo di settore per la formazione continua in agricoltura CONFAGRICOLTURA, COLDIRETTI, CIA, CONFEDERDIA, CGIL, CISL, UIL

29 FONDAZIENDA Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FAZI quadri e dipendenti dei comparti commercio- turismo- servizi, artigianato e PMI. CONFTERZIARIO, CIU, CONFLAVORATORI

30 FONDO BANCHE ASSICURAZIONI Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FBCA Credito e assicurazioni ABI, ANIA, CGIL, CISL, UIL

31 FORM.AZIENDA Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FORM Fondo per la formazione nel comparto del commercio, turismo, servizi, professione e PMI SISTEMA COMMERCIO E IMPRESA E CONF.S.A.L.

32 FONDITALIA Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici FEMI riguarda tutti i settori economici, compresi quelli dell’agricoltura FEDERTERZIARIO e UGL

33 FONDO FORMAZIONE SERVIZI PUBBLICI Codice Adesione Settori Interessati Organizzazioni Promotrici …… CONFSERVIZI, CGIL, CISL, UIL

34 A quale Fondo deve aderire l’impresa? Le imprese possono aderire liberamente al Fondo Paritetico Interprofessionale che preferiscono. Solitamente l’adesione avviene in base all’appartenenza settoriale o dell’appartenenza ad una organizzazione di rappresentanza che ha promosso il Fondo stesso. Negli Statuti di alcuni Fondi si fa riferimento ad alcune specifiche forme di impresa e quindi si limita l’adesione al Fondo solo a quella particolare categoria di impresa. Resta fermo il principio che una stessa impresa può aderire ad un solo Fondo.

35 Qual è il limite massimo del finanziamento e quanti piani una singola azienda può presentare in un anno? Uno degli atti più importanti del Fondo è l’emanazione della comunicazione periodica con cui si invitano le imprese interessate a presentare i propri piani formativi. Contestualmente vengono definiti i limiti di finanziamento massimo per progetto. Il numero di piani che un’impresa può presentare nell’arco dell’anno dipende dalle regole stabilite da ciascun Fondo.

36 ULTERIORI INFO Ogni Fondo si sta dotando di un proprio sito Internet. Qualora i siti non fossero già attivi si consiglia di cercare informazioni e recapiti presso i siti Internet delle Confederazioni che li hanno promossi e ovviamente presso ASSOCIAZIONE SURPLUS


Scaricare ppt "I Fondi Paritetici Interprofessionali Una opportunità per le imprese a “costo zero”"

Presentazioni simili


Annunci Google