La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ITALIA: MORIRE PER L’EURO? Avviso ai naviganti Enrico Ascari Zugliano 15 giugno 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ITALIA: MORIRE PER L’EURO? Avviso ai naviganti Enrico Ascari Zugliano 15 giugno 2012."— Transcript della presentazione:

1 ITALIA: MORIRE PER L’EURO? Avviso ai naviganti Enrico Ascari Zugliano 15 giugno 2012

2 ITALIA:MORIRE PER L’EURO?  Pozzi avvelenati  Il prezzo della globalizzazione  La zavorra del debito  Finanza killer  Euro: il sogno diventa incubo  Chi vince e chi perde  Banche in ginocchio  Giocare con il fuoco  Italia: gatto(pardo) di marmo  Vincolo esterno e papa straniero  Il paese immobile  Il convento è povero ma i frati sono ricchi  Il piano “B”  Conclusioni: guardare oltre 2

3 POZZI AVVELENATI – Il prezzo della globalizzazione ACCELERANO I PAESI EMERGENTIDECELERANO I PAESI SVILUPPATI Da un’economia di 1 miliardo di persone a una di 5 miliardi, con altri due in attesa. Processo governato dalle multinazionali, non dalla politica. Fonte: Maurizio Novelli – Fondo ZEST. 3

4 POZZI AVVELENATI – Il prezzo della globalizzazione E’ LA CRESCITA DEL REDDITO PRO CAPITE CHE CONTA GUARDATE L’ITALIA ! E DOVE CONTINUA A CRESCERE E’ STATO DROGATO DAL DEBITO 4 REDDITO MEDIO REALE DELLE FAMIGLIE. ITALIA: -2,1% RISPETTO AL 1991; US: -1,4% RISPETTO AL 2001.

5 POZZI AVVELENATI – la zavorra del debito Fonte: DAGLI ANNI 80 IL BENESSERE E’ STATO COSTRUITO SUL DEBITO L’INFEZIONE ARRIVA DAGLI STATI UNITI UN LUNGO PERIODO DI DEFLAZIONE DEL DEBITO CI ATTENDE 5  Il debito accelera dall’inizio degli anni ‘80;  La leadership è americana; è debito privato prevalentemente immobiliare;  In parallelo il sistema finanziario esplode come dimensioni e complessità;  E’ un percorso convergente con quello della globalizzazione digitale e commerciale;  Alla fine (2008) implode e inizia il contagio. IL QUADRO E’ SIMILE A QUELLO DEGLI ANNI ‘30

6 POZZI AVVELENATI - Finanza killer  US:  UK:  GERMANIA:  IRLANDA: 100  OLANDA: 80  SPAGNA:  FRANCIA: 40  BELGIO+AUSTRIA: 65  ITALIA: COSTO DEI SALVATAGGI – MILIARDI DI EURO IMPATTO SUL DEBITO PUBBLICO FONTE: R&S MEDIOBANCA – STUDIO PHI 6

7 POZZI AVVELENATI - Finanza killer DEBITO PUBBLICO IN % DEL PIL In crescita al 108.6% nelle economie avanzate nel 2013 (Fonte FMI) 7 IL SALVATAGGIO DELLE BANCHE SI SCARICA SUL DEBITO PUBBLICO

8 POZZI AVVELENATI – Finanza killer  Crolla la velocità di circolazione della moneta  I rischi sono troppo alti (liquidità, solvibilità, credito)  La liquidità viene ridepositata presso le banche centrali oppure alimenta la speculazione finanziaria  Impossibile creare nuovo debito quando il sistema ne ha già troppo LE BANCHE CENTRALI STAMPANO MONETA COME MAI NELLA STORIA MA IL SISTEMA CREDITIZIO INTERNAZIONALE E’ BLOCCATO 8

9 EURO: il sogno diventa incubo L’EURO, COME IL GOLD STANDARD NEGLI ANNI 30, NON HA RETTO A UNA CRISI DI PARI PORTATA TASSI A 10 ANNI J.L.T. Géricault “la zattera della Medusa” 9

10 Euro - Chi vince e chi perde DIVERGENZA ECONOMICA IN AUMENTO DOPO LA CRISI COMPETITIVITA’ CLUBMED IN CONTINUA EROSIONE 10

11 Euro - Chi vince e chi perde PARTITE CORRENTI PRE E POST EURO (1999) CHI RIVALUTA E CHI SVALUTA CON IL BREAK UP VINCE SOLO IL BLOCCO TEDESCO 11

12 Euro - Chi vince e chi perde CREDITI DELLA BUNDESBANK VS ALTRE BANCHE CENTRALI FINANZIANO DEFICIT INTRA EURO FUGA DI DEPOSITI DALLA PERIFERIA VS. CORE EU. E’ IL TURNO DELLA SPAGNA IN CASO DI BREAK UP BUNDESBANK E BANCHE TEDESCHE PERDONO. DOVRANNO ESSERE SALVATE DAL GOVERNO (PARADOSSALE VERO?) 12

13 Euro - Chi vince e chi perde 13 MA C’E’ ANCHE CHI LA VEDE COSÌ….

14 Euro - Banche in ginocchio: perdiamo tutti  Fuga dei depositi in Grecia e Spagna (66 mld. € solo in marzo);  Banche spagnole con 190 mld.€. di sofferenze immobiliari;  Banche italiane con 120 mld.€ di sofferenze (lorde) e 300 mld. € di titoli di stato;  Banche francesi con attivi esposti ai PIIGS pari al 25% del PIL;  Leva di 25 per le banche EU, di 15 per quelle Usa;  Ma più di 1200 mld. USD sono parcheggiati sulle Banche Centrali;  Rinazionalizzazione strisciante. 14

15 Euro - Giocare con il fuoco  Assicurazione depositi (rinforzata) e supervisione bancaria federale;  Fondo speciale europeo per salvataggi bancari o utilizzo EFS all’uopo (oggi vietato);  Cambio del mandato della BCE (treaty change)  Emissione Eurobond per debito in eccesso al 60% PIL  Salvataggio banche spagnole;  Elezioni in Grecia e default finale sul debito (senza uscita dall’Euro);  Aumento spread e stress banche a livelli insostenibili; Arrampicata di sesto grado verso la vetta dell’unione politica Caduta nel vuoto: Grexit o break up COSA CHIEDERA’ IN CAMBIO LA GERMANIA? FISCAL COMPACT RAFFORZATO, AGONIA PER I PERIFERICI LA GRECIA USCIRA’ DALL’EURO SOLO QUANDO NON DOVRA’ PIU’ FINANZIARSI SUI MERCATI; SUCCESSIVAMENTE DIVENTA POSSIBILE IL BREAK UP (MA RIMANE L’IPOTESI PIU’ IMPROBABILE) LUNGO PERIODO DI STAGNAZIONE (DEPRESSIONE) PER AREA EURO 15

16 ITALIA: il gatto(pardo) di marmo Ahi serva Italia, di dolore ostello, / nave sanza nocchiere in gran tempesta, / non donna di province, ma bordello! (Dante, Divina Commedia) Gli italiani non vogliono un dittatore: attendono un impresario. (L. Longanesi) Ahi serva Italia, di dolore ostello, / nave sanza nocchiere in gran tempesta, / non donna di province, ma bordello! (Dante, Divina Commedia) Gli italiani non vogliono un dittatore: attendono un impresario. (L. Longanesi) L’ITALIA RIMANE CON SOLO DUE GRANDI RISORSE: LA RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE E IL TESSUTO DELLA PICCOLA-MEDIA IMPRESA. DUE ALTERNATIVE : LENTA AGONIA O COLPO DI RENI 16

17 ITALIA - vincolo esterno e papa straniero ANNIMONDOITALIA MACROFENOMENI 50RICOSTRUZIONE1948 PIANO MARSHALL MIRACOLO ECONOMICO EINAUDI - DE GASPERI 60 CRESCITA 1963 NAZIONALIZZAZIONE INDUSTRIA ELETTRICA WELFARE E STATALIZZ. FANFANI FINE BRETTON WOODS 1973 PRIMA CRISI PETROLIFERA INFLAZIONE SALARIO V. INDIPEN VOLKER 1989 MURO BERLINO 1982 DIVORZIO TESORO -BI ABOL. SCALA MOBILE DEBITO PUBBLICO ANDREOTTI - CRAXI MAASTRICHT US - GOLDILOCKS 1999 BOLLA INTER RISCHIO DEFAULT SVALUTAZIONE LIRA 1998 ENTRATA EURO PRIVATIZZAZIONI CONVERGENZA BERLUSCONI - PRODI TWIN TOWERS 2001 WTO- CINA 2008 CRISI SUBPR. ? DECLINO BERLUSCONI - PRODI CRISI EUROZONARISCHIO DEFAULT DEFLAZIONE ? 17

18 ITALIA - Il paese immobile  Il decreto “Salva Italia”, la stangata; (ok pensioni);  Il decreto “Cresci Italia”, le liberalizzazioni alle vongole;  La riforma del mercato del lavoro; “il totem”;  La “spending review”: 4,2 miliardi di risparmi?  Decreto “sviluppo Italia”. Infrastrutture? La solita inutile bufala  Nuova delega fiscale: la “never ending story” recuperata dall’immaginifico Ministro.  Grave carenza culturale ; assenza di reali alternative di visione;  E’ un paese duale, mezza Baviera e mezza Grecia;  La classe dirigente è storicamente inadeguata;  La grande industria è stata distrutta; anche per questo non si fa ricerca;  Giustizia e sanità sono a digitalizzazione zero. Il Governo Monti: esecutore testamentario di un decesso annunciato I veri problemi: una short list… non c’è governo tecnico che tenga L’articolo 18 configura “una assurda disparità di trattamento” perché “contrappone un’area ristretta di lavoratori iperprotetti a un’area molto più vasta di lavoratori privi di protezione”…“ l’istituto della reintegrazione, nei termini generali in cui è previsto nel nostro diritto non trova riscontro in nessun altro ordinamento”. Documento approvato dalla Commissione del Lavoro (Lama e Boni – CGIL – Benvenuto – UIL- e Beretta – CISL-) 4 giugno

19 ITALIA - “Il convento è povero ma i frati sono ricchi” RICCHEZZA NETTA PRO CAPITE RAPPORTO TRA RICCHEZZA E REDDITO DISPONIBILE - FAMIGLIE 19

20 ITALIA - Il piano “B”  Di fronte ad un rischio epocale come il break up dell’Euro una classe politica responsabile ha l’imperativo categorico di prepararsi per un possibile evento catastrofico (e.g. Grexit, breakup) riuscendo a mantenere l’indipendenza economica del paese, anche con scelte drastiche.  L’Italia è in “guerra”: è necessario attivare una strategia parallela, non necessariamente alternativa, rispetto a quella che privilegia la cooperazione in Europa; l’Italia deve pensare a salvarsi con le proprie forze; IL TREND DEL DEBITO “The first rule of politics is never believe anything until it has been officially denied.” Sir Humphrey Appelby, Yes Minister “Il primo dovere di un paese è quello di non mettersi in condizione di essere vulnerabile agli eventi esterni” Paolo Savona, Eresie, esorcismi e scelte giuste per uscire dalla crisi, Rubettino

21 ITALIA - Perché il piano “B”  Il paese deve essere messo in sicurezza rispetto al rischio di fragilità finanziaria derivante dall’enorme debito pubblico.  Bisogna azzerare le nuove emissioni di debito per un periodo di due, tre anni, evitando così di ricorrere ai mercati e subirne il ricatto.  E’ necessaria una riduzione dello stock del debito di miliardi di € (al di sotto del 100% del PIL), con una o più operazioni di finanza straordinaria, possibilmente “di mercato”. RIDURRE LA FRAGILITA’ FINANZIARIA E LA DIPENDENZA ESTERNA (MERCATI & MERKEL) CREDIT DEFAULT SWAP ITALIA PROBABILITA’ DI DEFAULT - fonte Nomura 21

22 ITALIA - Cos’è il piano “B”  Cessione del patrimonio pubblico;  Cartolarizzazioni;  Privatizzazioni;  Ristrutturazione volontaria del debito;  Utilizzo Cassa Depositi e Prestiti;  Minore fragilità finanziaria (esposizione a rischi esterni/umore mercati);  Riduzione onere del debito, rischio di credito, tassi d’interesse;  “Fiscal Compact”: più veloce rientro debito nei limiti EU. Maggiore credibilità internazionale;  Più risorse per il settore privato, più crescita economica;  Si apre spazio per investimenti pubblici strategici;  Il debito pubblico è una tassa differita; la sua riduzione apre un circolo virtuoso per I nostri figli di minore imposizione fiscale. COME FARE?I vantaggi immediati e a lungo termine 22

23 CONCLUSIONI: guardare oltre – ambiziose fantasie  Il ventennio “perduto” dimostra che la classe dirigente ha fallito. Affrontiamo le stesse questioni del terribile biennio in condizioni molto più difficili;  La responsabilità è del blocco sociale che ha (s)governato l’Italia dagli anni 80 in poi: occorre rompere la barriera ideologica che separa i produttori e permette ai gruppi sociali “parassitari” di essere la vera classe dirigente italiana.  La credibilità è la principale delle tante qualità che mancano alla classe dirigente e alla politica. L’equilibrio politico che genera il declino si basa su una fiscalità predatrice, sull’evasione, sulla spesa pubblica.  I tecnici dovrebbero mettere in sicurezza il paese (piano B), regalando all’Italia l’opzione di “scegliere”, se diventerà necessario, l’uscita dall’euro avendo la possibilità e il diritto di rimanerci.  Il nuovo ceto politico che governerà dopo le prossime elezioni dovrebbe puntare a:  Una progressiva riduzione in termini assoluti, anno per anno, della spesa pubblica.  Mettere le basi per fronteggiare le nuove sfide della globalizzazione (rivoluzione digitale nel settore pubblico). 23

24 CONCLUSIONI: guardare oltre – l’amara realtà 24


Scaricare ppt "ITALIA: MORIRE PER L’EURO? Avviso ai naviganti Enrico Ascari Zugliano 15 giugno 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google