La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Una nuova Flotta Mercantile affronta in alto mare la valanga dei rifiuti del Mediterraneo e degli Oceani Progetto „ V.F.F. Island hopper „ dalla Economia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Una nuova Flotta Mercantile affronta in alto mare la valanga dei rifiuti del Mediterraneo e degli Oceani Progetto „ V.F.F. Island hopper „ dalla Economia."— Transcript della presentazione:

1 1 Una nuova Flotta Mercantile affronta in alto mare la valanga dei rifiuti del Mediterraneo e degli Oceani Progetto „ V.F.F. Island hopper „ dalla Economia della Produzione alla Economia della Trasformazione delle materie seconde Una nuova Flotta Mercantile affronta in alto mare la valanga dei rifiuti del Mediterraneo e degli Oceani Progetto „ V.F.F. Island hopper „ dalla Economia della Produzione alla Economia della Trasformazione delle materie seconde V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Im Rasental 6 A – Wildon ( Austria ) Tel Fax Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG VFF Island Hopper è un programma pluriennale Strategico con finalitá di pubblica utlitá, ideato e realizzato dall‘Istituto di ricerca scientifica VFF Marenostrum e.V. - NPO ( Austria ) in collaborazione con Viribus Unitis AG ( Austria ). Il progetto è stato avviato nel 2006 ed interamente finanziato negli anni successivi fino ad oggi, dagli ideatori senza alcuna sovvenzione da parte di terzi e/o finanziamenti europei !. Nel corso degli ultmi 7 anni, sono state individuate specifiche soluzioni innovative sia per quanto riguarda le tecnologie utilizzate per i vari processi industriali che rivoluzionarie soluzioni finanziarie per la attuazione del programma. Il programma è rivolto a tutti i paesi dell‘area del Mediterraneo e del Nord Europa, ove l‘Istituto VFF ha giá attuato ed avviato specifiche trattative coinvolgendo le Istituzioni e Associazioni delle imprese. Questi nuovi innovativi mezzi navali adibiti al trasporto e lavorazione dei rifiuti, saranno equipaggiati con diverse soluzioni di impianti industriali ( depolimerizzazione, usw.. ) che permettono una efficiente trasformazione di differenti tipologie di rifiuti solidi urbani ed industriali ( test giá effettuati con impianti sperimentali a terra ). I vari processi di lavorazione che possono essere attuati sia in navigazione che in rada, permettono di ottenere a ciclo continuo ( 24 ore su 24 ) nuove materie seconde ( raw materials ) da reimpiegare in specifici processi industriali e nuovi combustibili alternativi ad elevata resa energetica. “ V.F.F. - Islandhopper “ non è un progetto qualunque ideato solo per ricercare finanziamenti, ma è l’unico progetto industriale del settore navale attualmente avviabile in breve tempo, per la gestione innovativa dei rifiuti e che prevede la compartecipazione diretta nella gestione operativa, degli operai e dei managers.

2 2 V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Im Rasental 6 A – Wildon ( Austria ) Tel Fax Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG Situazione nei paesi dell´area del Mediterraneo In molte aree geografiche lo stoccaggio in discarica dei rifiuti è ancora effettuato senza una adeguata raccolta differenziata e conseguente pre-trattamento come stabilito dalle leggi comunitarie. Questo ha comportato negli ultimi 20 anni conseguenze disastrose per l‘ambiente e per la salute dei cittadini a causa delle infiltrazioni del percolato nei terreni relativi alle discariche abusive a cielo aperto e l‘inquinamento atmosferico dell‘aria. Con l´aumento costante del fabbisogno di materie prime e di combustibili alternativi registrato a livello internazionale negli ultimi anni si è reso necessario essendo non piú procastinabile, attuare il passaggio dall’ era dei pericolosi inceneritori, all´era della trasformazione dei rifiuti in nuove materie seconde. La mancanza delle necessarie infrastrutture in molti paesi e specifiche regioni, ha portato al collasso del sistema di gestione di raccolta e smaltimento dei rifiuti in molti comuni, con aumento dei rischi per la salute pubblica in alcune aree geografiche ove si è giá manifestato un aumento esponenziale di decessi per diverse patologie tumorali. Attualmente, non esiste un sufficiente numero di luoghi di stoccaggio temporanei o definitivi per i rifiuti solidi urbani ed inustriali e quindi aumenta sempre di più il disagio e la conseguente pressione da parte della popolazione, compreso l’aumento del livello di contaminazione dei terreni e riduzione delle aree coltivabili per la produzione alimentare umana. ZVR

3 3 V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Im Rasental 6 A – Wildon ( Austria ) Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG IL VERO PROBLEMA „ Ció che risulta evidente alla vista non è sempre la realtá dei fatti „ Non possiamo continuare a nascondere nei cassetti le migliaia di studi indipendenti sulla attuale situazione ambientale e postergare l‘avvio di concrete e definitive soluzioni a tempi futuri indefiniti. Negli ultimi 100 anni ed in particolare dopo la fine della seconda guerra mondiale, sono stati creati danni catastrofici all‘ambiente a causa della incuria, aviditá e negligenza dell‘uomo, con la giustificazione di distribuire benessere e crescita economica attraverso la nuova era del consumismo. Queste azioni hanno creato conseguenze e danni per tutti specialmente per le prossime generazioni. Negli ultmi 20 anni troppe risorse sono state sprecate nella organizzazione di convegni inutili ove a farla da protagonista è sempre stata la mania di autoreferenzialismo di scienziati, tecnici, politici ed imprenditori interessati unicamente ad ottenere consensi ed una momentanea risonanza mediatica, per poi mettere in pratica una minima parte dei propagandistici obiettivi. Nel programma Island Hopper, l‘Istituto austriaco VFF Marenostrum e Viribus Unitis AG, svolgono in stretta collaborazione, il ruolo strategico di Pivot, al fine di definire con le industrie e le istituzioni di vari paesi, la migliore e piú rapida soluzione attuativa. In questa sintetica presentazione non abbiamo volutamente inserito decine di grafici con dati presumibili, ma solo 3 visualizzazioni di quello che è l‘attuale status quo. Analizzeremo prevalentemente la parte non visibile dell‘iceberg denominato „ Bomba ecologica a tempo „ il cui timer e relativo countdown avanza inesorabilmente giorno dopo giorno verso il punto di non ritorno. Foto – copyright free : ZVR

4 4 V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Im Rasental 6 A – Wildon ( Austria ) Tel Fax Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG Il punto di non ritorno ZVR Il 2015 è l‘anno del punto di non ritorno perché il livello di aumento annuale di RSU sia come Ecoballe che materiali sfusi nelle discariche abusive, aumenterá costantemente ogni anno. Allo stato attuale mancano impianti idonei a terra che possano trasformare le ecoballe ed i rifiuti delle discariche abusive, in nuove materie seconde attraverso processi moderni e sicuri per l‘ambiente e per il popolo. Gli inceneritori sono la peggiore soluzione che si possa attuare. Nei grafici abbiamo simulato l‘attivitá di una sola nave con 4 impianti paralleli funzionanti 24 ore su 24. Risulta evidente che se la nave fosse giá operativa ad oggi, sarebbe realistico ipotizzare un livello di diminuzione della massa delle ecoballe per i prossimi 10 anni. Ma allo stato attuale il 2015 sará ricordato come l‘anno della ultima occasione per potere avviare concretamente un piano industriale pluridecennale per la definitiva soluzione di questo problema ambientale. Non servono altri calcoli, serve solo la volontá di attuare questo programma industriale che comporterebbe anche nuovi posti di lavoro.

5 5 mai autogestire Il programma „ Island Hopper „ può essere avviato concretamente ed in brevissimo tempo solo se le parti interessate sopra elencate comprenderanno che il principale ed unico interesse da perseguire non è il ritorno economico, ma l‘avvio di un programma industriale attuato sulla base degli identici ideali di condivisione e di impegno che hanno caratterizzato l‘impegno professionale ed umano di migliaia di persone di buona volontá nel primo dopoguerra. Oggi è il momento di abbandonare ogni interesse personale e riflettere concretamente sul problema principale, cioé che se non verranno avviati entro brevissimo tempo e concretamente, specifici programmi di riconversione industriale basati sul concetto di economia della trasformazione, non basteranno altri convegni, riunioni o manifestazioni tipo expo a dare il via a tali iniziative. Negli ultmi 20 anni si è parlato troppo ed agito poco, dando precedenza ad attivitá di speculazione che hanno portato come unico risultato l‘impoverimento di diverse classi sociali e l‘arricchimento di caste senza scrupoli. Un qualsiasi programma industriale che abbia un futuro e che risolva il gravisissimo problema della disoccupazione dilagante, contribuendo ad attivare nuovi processi produttivi, non puó vedere le parti sopraelencate agire in continuo contrasto al fine di ottenere benefici unilaterali. I managers senza gli operai non potranno mai realizzare una grande impresa, ma gli operai senza i managers possono organizzarsi ed autogestire un grande impresa che abbia finalitá di pubblica utilitá. Per questo è necessario che gli uomini impegnati nella politica rispettosa delle leggi e del bene pubblico, si impegnino concretamente discutendo tutti assieme nel merito e nel metodo per superare gli ostacoli dettati dagli interessi di parte delle lobbies e di quel potere che non accetta in cambiamenti. La nostra proposta è di incontrare le parti sociali ed industriali in campo neutro, in Austria al fine di redigere un programma di azione e sottoscrivere un accordo internazionale a medio lungo termine. Anche se non parliamo tutti la stessa lingua, tutti dovremmo avere a cuore il benessere concreto del popolo. I mezzi finanziari ci sono, ma manca la volontá di agire e di superare gli egoismi radicati nel profondo. V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG ZVR Una concreta proposta ( 2015 – 2025 )

6 6 VANTAGGI e BENEFICI - Nuove Eliminazione Riconversione Aumento Affidabilità Controllo Riduzione Riduzione VANTAGGI e BENEFICI - Nuove commesse per la cantieristica navale con immediata ricaduta sull'occupazione e sull’indotto industriale ( piccole e medie imprese ); - Eliminazione della sindrome NIMBY (not in my backyard) perché i rifiuti saranno trattati al di fuori della terra ferma, senza creare problemi di impatto ambientale dato la attuazione di innovative tecniche di prevenzione, senza creare problemi di stoccaggio momentaneo dei rifiuti ; - Riconversione professionale e nuove assunzioni di marinai imbarcati nella flotta da pesca che è attualmente in profondo stato di crisi - Aumento delle entrate pubbliche dovute ai diritti portuali e alle imposte di fabbricazione dei carburanti; - Affidabilità maggiore e flessibilità della gestione delle emergenze grazie alla mobilità degli impianti di trattamento; - Controllo delle infiltrazioni della malavita, attuato grazie all stretta collaborazione con la magistratura e le forze di polizia internazionali; - Riduzione del rischio di sabotaggio degli impianti; - Riduzione dell'impatto ambientale; V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG ZVR Le navi V.F.F. Islandhopper - Vantaggi e Benefici Queste nuove navi, saranno attrezzate per potere ritirare le varie tipologie di rifiuti da ogni territorio sulla terra ferma, compreso le isole ed indipendentemente dal tipo di ormeggio e struttura portuale. Grazie ai processi industriali differenziati, che si effettuano a bordo nave secondo le normative vigenti, viene garantito il perfetto e totale smaltimento dei rifiuti anche in zone geografiche remote. Grazie ad un sistema a ciclo continuo di lavorazione interamente automatizzato con moduli mobili e linee di lavorazione parallele, i processi di produzione risultano attivi 24 ore su 24, ed anche in caso di una interruzione di linea di lavorazione le altre continueranno ad operare anche durante la navigazione. Criteri innovativi di progettazione navale hanno permesso di individuare soluzioni di ingegneria e cantieristica per rendere totalmente sicure le aree adibiti ai processi industriale di lavorazione e trasformazione dei rifiuti, per renderle stagne in caso di incidenti che potrebbero verificarsi per diverse cause, compreso il caso peggiore relativo al naufragio del mezzo navale, al fine di evitare sversamenti e fuoriuscite dei prodotti primari e secondari derivanti dai vari processi differenziati di lavorazione dei rifiuti.

7 7 I mezzi navali V.F.F. ISLANDHOPPER Costi per una tipologia di nave di ca dwt,, compresi gli impianti : … 65 Mio. € Ricavo totale annuo, senza sovvenzioni : …………………………………….19,12 Mio. € Ricavo totale annuo, con 50% di sovvenzione sui costi iniziali : …………….36,73 Mio. € NOTA : I mezzi navali V.F.F. ISLANDHOPPER Le dimensioni possono variare in base alla richiesta - tipologia di intervento, in funzione dei tragitti di navigazione e dei porti di carico e scarico. Durante tutto il tragitto di navigazione fino a successiva destinazione, continuano le varie fasi industriali di smistamento e lavorazione dei rifiuti, in modo totalmente automatico con sistemi di controllo per la sicurezza che permettono alle unita´ di terra, un costante monitoraggio 24 ore su 24 ( immagini e dati ) delle navi e dei processi industriali, a salvaguardia della sicurezza ambientale. Grazie a questi innovativi processi industriali, si ottengono dai rifiuti, nuove qualita´ di combustibili alternativi e diverse tipologie di nuove materie seconde che verranno reintrodotte in nuovi cicli di produzione. Costi per una tipologia di nave di ca dwt,, compresi gli impianti : … 65 Mio. € Ricavo totale annuo, senza sovvenzioni : …………………………………….19,12 Mio. € Ricavo totale annuo, con 50% di sovvenzione sui costi iniziali : …………….36,73 Mio. € NOTA : La collaborazione al programma “ VFF – Island Hopper “ è aperta sia ad imprese del settore cantieristico navale ed industriale ( indotto e terziario ), a singoli ricercatori ed a Università e Centri di ricerca che aderiscano al protocollo internazionale “ Open Source Initiative - OSI “. V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Im Rasental 6 A – Wildon ( Austria ) Tel Fax Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG ZVR Analisi Finanziaria Generica ” Il denaro non risolve i problemi da solo “

8 8 Analisi Finanziaria Semplificata V.F.F. Research Institute “ Mare Nostrum “ e.V. Im Rasental 6 A – Wildon ( Austria ) Tel Fax Web : All Rights Reserved - by V.F.F. e.V. Wildon & Viribus Unitis AG ZVR


Scaricare ppt "1 Una nuova Flotta Mercantile affronta in alto mare la valanga dei rifiuti del Mediterraneo e degli Oceani Progetto „ V.F.F. Island hopper „ dalla Economia."

Presentazioni simili


Annunci Google