La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi CORSO INTRODUTTIVO AL BILANCIO PER GIURISTI III GIORNATA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE 22 maggio 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi CORSO INTRODUTTIVO AL BILANCIO PER GIURISTI III GIORNATA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE 22 maggio 2008."— Transcript della presentazione:

1 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi CORSO INTRODUTTIVO AL BILANCIO PER GIURISTI III GIORNATA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE 22 maggio 2008 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi

2 2 Indice 1) La pianificazione delle operazioni a) Le operazioni più frequenti: acquisizioni, vendite e scorpori b) Il piano industriale e la sostenibilità dell’operazione c) Il finanziamento dell’operazione d) La fiscalità straordinaria 2) Gli strumenti per le operazioni a) I conferimenti di aziende, complessi immobiliari e partecipazioni b) Le fusioni e le scissioni c) Il Leveraged Buy Out d) Le aggregazioni all’italiana: le società consortili

3 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 3 Il metodo: la pianificazione La pianificazione è un’attività essenziale per l’impresa Pianificare significa: a) Porsi obiettivi – generali: crescita, consolidamento, etc. – particolari: acquisizioni, dismissioni, delocalizzazioni etc. b) Concepire una serie concatenata di azioni finalizzate al raggiungimento degli obiettivi: operazioni ordinarie e operazioni straordinarie. c) Fare i conti - prevedere gli effetti economici e patrimoniali delle azioni ed accertare la coerenza delle azioni con gli obiettivi: redigere il piano industriale.

4 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 4 Bilancio: lo Stato Patrimoniale

5 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 5 Con il conferimento d’azienda una società (conferente) trasferisce ad un’altra un complesso di beni mediante la sottoscrizione in natura di un aumento di capitale della società conferitaria. Passaggi dell’operazione a) La Prativerdi S.r.l. costituisce una nuova società, la Conferitaria S.r.l., partecipata al 100% b) La conferente fa redigere da un professionista una perizia di valutazione del ramo d’azienda. Il professionista deve essere iscritto al Registro dei revisori contabili (nel caso di conferimento in s.r.l. non è richiesto che il perito sia scelto dal Tribunale competente). c) La Prativerdi S.r.l. conferisce il ramo d’azienda periziato ai sensi dell’art c.c (art per le Spa) sottoscrivendo un aumento di capitale della Conferitaria S.r.l. per un importo non superiore al valore di perizia. d) Ai fini fiscali sul valore di conferimento non è si applica IVA e le imposte di registro, ipotecarie e catastali si applicano in misura fissa (168 Euro). Inoltre l’art. 176 del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR) stabilisce che il conferimento di aziende è fiscalmente neutro. In sostanza il valore di perizia ha soltanto efficacia civilistica. Pertanto fiscalmente il valore del compendio conferito non cambia per effetto della perizia. Prativerdi S.r.l. Conferitaria S.r.l. 100% Azienda Il conferimento dell’azienda ed il conferimento neutro

6 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 6 Il conferimento ed il conferimento neutro a) La Prativerdi S.r.l. costituisce una nuova società, la Conferitaria S.r.l., partecipata al 100%. Il capitale di costituzione è il capitale minimo di Euro

7 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 7 La perizia di valutazione. Effetti contabili del conferimento neutro  La conferente fa redigere da un professionista una perizia di valutazione del ramo d’azienda da cedere.  Nell’esempio, per semplicità di esposizione, il compendio aziendale è costituito dal solo immobile. E’ importante ricordare che il regime fiscale sopra esposto si applica solo se il compendio patrimoniale trasferito costituisce azienda. Da solo l’immobile normalmente non costituisce “azienda”.  Il perito deve tener conto della fiscalità latente che grava sui beni da conferire Prativerdi S.r.l. Attivo Immobilizzazioni € di cui fabbricato industriale € di cui partecipazioni € di cui credito verso controllante € - Spese di impianto € Crediti vs clienti € Credito Iva € Cassa, depositi bancari e titoli € Totale € Perizia di valutazione Valore dell'immobile € Calcolo delle imposte latenti Valore di stima dell'immobile € Valore fiscale immobile-€ Plusvalenza fiscale latente € IRES 27,5% € IRAP 3,9% Totale imposte differite Calcolo del valore dell'intero compendio Valore di stima dell'immobile Imposte latenti Valore del compendio

8 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 8 Conferimento neutro: gli effetti contabili per la conferitaria La società conferitaria delibera un aumento di capitale di Euro La differenza tra il valore di perizia e l’aumento di capitale viene allocato (e deve risultare dall’atto di conferimento) quale “Riserva”

9 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 9 Conferimento neutro: gli effetti contabili per la conferente

10 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 10 La fusione per incorporazione di società posseduta al 100% Con la fusione per incorporazione una società viene incorporata dalla società che, in tutto o in parte, ne detiene le partecipazioni. I passaggi legali sono previsti dagli artt e s.s. del codice civile. Dal punto di vista contabile, con la fusione i due patrimoni si fondono e la società incorporante sostituisce il valore contabile della partecipazione della società incorporata con le attività e le passività di quest’ultima. Quando il valore contabile della partecipazione (di solito il costo di acquisto) non coincide con il saldo delle attività e le passività dell’incorporata (= patrimonio netto) si produce una differenza detta disavanzo o avanzo di fusione. Se la differenza è positiva – e quindi il costo di acquisto è stato superiore al patrimonio netto dell’incorporata - si ha il cosiddetto disavanzo di fusione. Tale disavanzo deve essere attribuito nell’attivo agli elementi del patrimonio che hanno un valore maggiore rispetto a quelli contabili e, per la differenza, ad avviamento. Se la differenza è negativa si ha un avanzo di fusione che, entro certi limiti, viene allocato tra le riserve del patrimonio netto Prativerdi S.r.l. Newco S.r.l. 100%

11 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 11 Fusione per incorporazione: il disavanzo 1) La Newco S.r.l. ha acquisito il 100% delle quote della Prativerdi S.r.l. per un costo complessivo di Euro dato dal corrispettivo di acquisto di Euro e da Euro per i costi accessori (professionisti, notaio, mediatori etc.). 2) Il costo storico della partecipazione è maggiore rispetto al patrimonio netto di Prativerdi S.r.l. con una differenza (= disavanzo in caso di fusione) di Euro ) Il disavanzo di fusione è neutro fiscalmente: dovrà essere considerata la fiscalità latente (per semplicità nell’esempio che segue non è stata considerata).

12 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 12 Fusione per incorporazione: effetti contabili

13 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 13 La scissione parziale proporzionale Con la scissione parziale una società (detta scissa) assegna in tutto o in parte il proprio patrimonio ad una o più società di nuova costituzione (dette beneficiarie) e ne assegna le partecipazioni ai propri soci. I passaggi legali sono previsti dagli artt e s.s. del codice civile. Sotto l’aspetto contabile, con la scissione parziale parte del patrimonio della scissa viene assegnato ad una società costituita contestualmente all’operazione. Sempre contestualmente le partecipazioni della beneficiaria vengono assegnate ai soci. Se l’assegnazione ai soci avviene nelle stesse percentuali della scissa la scissione è detta “proporzionale”. L’operazione ha, nella meccanica, qualche analogia con il conferimento societario. Anche qui il patrimonio assegnato va a costituire il capitale della beneficiaria. Mentre però, nel conferimento, la società destinataria del trasferimento rimane partecipata dalla conferente, nella scissione la beneficiaria è partecipata dai soci della scissa. Nell’esempio che segue la Beta S.r.l. con la scissione realizza una separazione tra patrimonio immobiliare, e relativo indebitamento bancario, e azienda di produzione comprensiva di avviamento commerciale, debiti e crediti di funzionamento. Socio Unico. Beta S.r.l. Scissa 100% Beneficiaria Socio Unico. Beta S.r.l. 100%

14 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 14 Scissione parziale proporzionale: effetti contabili

15 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 15 Norme tributarie notevoli: le partecipazioni PEX (Partecipation Exemption): art. 87 del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR). Con la riforma Tremonti è stata introdotta nel nostro ordinamento la cosiddetta Partecipation Exemption, una norma che ha modificato i comportamenti delle società in molte operazioni straordinarie. Secondo questa norma - in presenza di determinati requisiti - in caso di vendita delle partecipazioni le plusvalenze (e le minusvalenze), cioè la differenza positiva o negativa tra il valore contabile delle partecipazioni (in genere il costo di acquisto) ed il prezzo di vendita, sono esenti da imposte sui redditi nella misura del 95%. Questa norma, che ha l’indubbia valenza agevolativa di non tassare in capo alla società redditi destinati ad essere reinvestiti nell’attività sociale, ha però come controindicazione il fatto di rendere non equivalente, sotto il profilo dell’onerosità fiscale, l’acquisto diretto di beni (ad esempio immobili o aziende) e l’acquisto di partecipazioni in società che li contengono. Quando infatti i beni posseduti da una società hanno un valore fiscale basso e/o c’è una importante differenza tra il prezzo delle partecipazioni e il patrimonio netto della società acquisita, tale differenza non è recuperabile fiscalmente per l’acquirente. In sostanza direttamente o indirettamente gli oneri fiscali latenti rimangono a carico dell’acquirente mentre, per il venditore, vi è generalmente una tassazione agevolata. Ovviamente questi oneri rappresentano un importante elemento per la formazione del prezzo nella compravendita di partecipazioni.

16 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 16 Acquisto immobile o partecipazione: gli effetti fiscali La fiscalità latente sull’immobile è di Euro Essa è dovuta al fatto che il valore fiscale dello stesso è di Euro 4 mln. inferiore rispetto al valore contabile. Se la società vende l’immobile a 7,5 mln. essa dovrà pagare Ires e Irap su 4 mln. e pertanto Euro Per l’acquirente vi sarà coincidenza tra costo sostenuto e il suo valore fiscale e non vi sarà alcuna fiscalità latente. Se invece sarà la società ad essere venduta (si noti che essa possiede solo l’immobile) a 7,5 mln. il venditore non pagherà imposte sul 95% di 4 mln. (quindi solo circa Euro) ma l’acquirente sosterrà in proprio presto a tardi l’onere di Euro (nel caso di successiva vendita ed annualmente per i ridotti ammortamenti).

17 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 17 Norme tributarie notevoli: l’affrancamento dei maggiori valori iscritti in seguito a conferimento fusione o scissione: art. art. 175 comma 2 ter del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR). Entro certi limiti e con certi effetti dal 2008 è possibile affrancare fiscalmente i maggiori valori attribuiti ai beni costituenti l’azienda conferita pagando una imposta sostitutiva variabile dal 12 al 16%. Perizia di valutazione Valore dell'immobile € Calcolo delle imposte latenti Valore di stima dell'immobile € Valore fiscale immobile-€ Plusvalenza fiscale latente € IRES 27,5% € IRAP 3,9% Totale imposte differite Calcolo del valore dell'intero compendio Valore di stima dell'immobile Imposte latenti Valore del compendio Perizia di valutazione Valore dell'immobile € Calcolo delle imposte latenti Valore di stima dell'immobile € Valore fiscale immobile-€ Plusvalenza fiscale latente € Imposta sostitutiva 12% € Totale imposte differite Calcolo del valore dell'intero compendio Valore di stima dell'immobile Imposte latenti Valore del compendio

18 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 18 Leveraged Buy Out – LBO - : definizione Il Leveraged Buy Out è una tecnica finanziaria mediante la quale una società neocostituita (c.d. Newco) o già esistente acquisisce una partecipazione totalitaria o di controllo in un’altra società di capitali (c.d. società bersaglio o target) mediante ricorso a capitale di credito. L’aspetto caratterizzante dell’operazione, ed anche il suo più rilevante tratto problematico, è che il rimborso del debito contratto per l’acquisizione viene effettuato successivamente all’acquisizione con i flussi finanziari provenienti dalla stessa società acquisita. In particolare il debito contratto per l’acquisizione può essere rimborsato con i flussi finanziari prodotti ordinariamente dalla società Target o dalla vendita di cespiti sociali (c.d. asset stripping)

19 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 19 Leveraged Buy Out – LBO - : tecnica Newco S.r.l. Rossi spa 100% Milton Brothers 100%

20 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 20 Leveraged Buy Out – LBO - : fusione per incorporazione in Newco Rossi spa Newco S.r.l. 100% Milton Brothers 100%

21 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 21 Caratteristiche ottimali della società Target Caratteristiche essenziali: Basso indebitamento Sufficienti e stabili flussi di cassa Caratteristiche preferenziali: Presenza di beni immobili o mobili cedibili o scorporabili Posizione di mercato dominante in un mercato maturo Settore con basso contenuto tecnologico e bassa necessità di investimenti Management di qualità

22 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 22 Leveraged Buy Out – LBO - : il finanziamento di Newco Per finanziare l’operazione di acquisizione si deve dotare Newco della finanza necessaria. La finanza è in genere costituita in parte da capitale di rischio (c.d. equity) normalmente variabile tra il 5% ed il 20% del totale occorrente in relazione al grado di rischio dell’operazione. Per il residuo la finanza è fornita dal sistema bancario usualmente in due passaggi 1) prima della fusione viene concesso un Bridge Loan: un finanziamento provvisorio garantito da pegno sulle azioni della società Target; 2) dopo la fusione il Bridge Loan viene trasformato in Senior Loan: un finanziamento usualmente assistito da garanzie sui cespiti della azienda Target.

23 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 23 Leveraged Buy Out – LBO - : il finanziamento della Newco e le garanzie Newco S.r.l. Rossi spa 100%

24 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 24 Leveraged Buy Out – LBO - : il divieto di assistenza finanziaria art c.c. Il finanziamento in due tempi - prima Bridge Loan assistito da pegno e, dopo la fusione, Senior Loan garantito da cespiti posseduti dalla società Target - è anche opportuno per non incorrere nel divieto di assistenza finanziaria di cui all’art ° c. Art c.c. (altre operazioni sulle proprie azioni): La società non può accordare prestiti, né fornire garanzie per l’acquisto o la sottoscrizione delle azioni proprie. […] Inoltre, sempre per non incorrere nel medesimo divieto, fino alla fusione non è possibile utilizzare la liquidità della società Target per rimborsare il finanziamento acceso dalla Newco per il suo acquisto. Ambedue le operazioni divengono legittime dopo la fusione.

25 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 25 Leveraged Buy Out – LBO - : il Senior Loan Il finanziamento definitivo presenta il piano di ammortamento di un normale mutuo ed ha una scadenza che nella generalità dei casi, ove non vi siano garanzie immobiliari, non supera i cinque anni.

26 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 26 La fusione ex art c.c.: un passaggio delicato Art bis – (Fusione a seguito di acquisizione con indebitamento) Nel caso di fusione tra società, una delle quali abbia contratto debiti per acquisire il controllo dell'altra, quando per effetto della fusione il patrimonio di quest'ultima viene a costituire garanzia generica o fonte di rimborso di detti debiti, si applica la disciplina del presente articolo. Il progetto di fusione di cui all'articolo 2501 ter deve indicare le risorse finanziarie previste per il soddisfacimento delle obbligazioni della società risultante dalla fusione. La relazione di cui all'articolo 2501 quinquies deve indicare le ragioni che giustificano l'operazione e contenere un piano economico e finanziario con indicazione della fonte delle risorse finanziarie e la descrizione degli obiettivi che si intendono raggiungere. La relazione degli esperti di cui all'articolo 2501 sexies, attesta la ragionevolezza delle indicazioni contenute nel progetto di fusione ai sensi del precedente secondo comma.

27 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 27 Leveraged Buy Out – LBO - : il piano economico e finanziario Il punto centrale è il Piano economico e finanziario della società risultante dalla fusione. Infatti nel LBO sono i flussi finanziari prodotti dall’azienda posseduta dalla società target che, dopo la fusione, vanno a rimborsare l’ingente debito contratto per l’acquisizione. Ovviamente ciò avviene in una situazione di minore solidità della società risultante dalla fusione che presenta fisiologicamente un indebitamento superiore a quello della società Target incorporata. Ecco perché la relazione degli amministratori deve contenere un piano economico e finanziario che dimostri la sostenibilità dell’operazione. Se il piano è sbagliato la società risultante non avrà le risorse per pagare il debito e quindi vi sarà un elevato rischio di dissesto.

28 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 28 Business Plan: conto economico a struttura scalare e Flussi di cassa

29 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 29 Conto economico: ammortamenti, oneri finanziari e imposte

30 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 30 I flussi di cassa semplificati = cash flow lordo Ricavi = entrate Il risultato netto d’esercizio non esprime il flusso di cassa netto, cioè il saldo tra le entrate e le uscite di denaro. Infatti vi sono alcuni costi che non costituiscono uscite di denaro (p.e. gli ammortamenti) e non tutte le uscite transitano dal conto economico (p. e. la quota capitale dei mutui). materie prime, servizi, affitti, personale = uscite Oneri fin.ri = uscite Imposte = uscite Ammortamenti Non sono uscite Rettifica in più ammortamenti Rettifica in meno quota capitale mutui Utile = 327 Cash Flow = 606

31 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 31 Di nuovo il metodo: la pianificazione La pianificazione è un’attività essenziale per l’impresa Pianificare significa: a) Porsi obiettivi b) Concepire una serie concatenata di azioni per conseguire gli obiettivi c) Fare i conti: il piano industriale.

32 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 32 Semplificando gli obiettivi e le azioni per conseguirli In ordine di decrescente frequenza Io compro te Strumenti: acquisizione della società con/senza successiva fusione, acquisizione dell’azienda, conferimento dell’azienda in nuova società e sua acquisizione etc. Mi unisco ad altri Strumenti: fusione societaria, conferimento multiplo delle partecipazioni in holding comune, conferimento di aziende/attività in società consortile. Riassetto il gruppo (= mi riorganizzo) Strumenti: fusioni multiple, conferimento di partecipazioni in holding, dismissioni. Ci dividiamo Strumenti: scissione societaria, conferimento in società partecipata e successiva vendita della partecipazione etc.

33 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 33 Io compro te: acquisizione della società La Bianchi S.r.l. acquisisce il 100% della Rossi S.r.l. Vantaggi per l’acquirente : a) Tributari - le Imposte sul trasferimento delle quote sono minime: non c’è iva non c’è imposta di registro, ipotecaria e catastale. b) Aziendali – se non vi è successiva fusione il compendio aziendale della società acquisita viene mantenuto separato ed autonomo senza commistioni contabili: il rischio aziendale viene mantenuto separato; inoltre vi sono due distinti bilanci e pertanto i risultati economici dei due compendi aziendali sono più facilmente apprezzabili. Svantaggi per l’acquirente : a) Tributari – se il corrispettivo pagato per le partecipazioni è superiore al patrimonio netto della società acquisita sulla differenza, normalmente definita “avviamento”, le imposte sul reddito vengono di fatto pagate dall’acquirente. Ovviamente ciò costituisce un vantaggio per il venditore. b) Civilistici: la società viene acquisita con tutte le sue passività e rischi potenziali anche se non appaiono in bilancio. In particolare rischi per sanzioni tributarie, fidejussioni prestate, passività in genere non rilevate in contabilità. Anche se a fronte di tali rischi vi sono in genere garanzie del venditore il timore di rischi non conosciuti consiglia di attendere, per la successiva fusione, un congruo periodo di osservazione. Bianchi S.r.l. Rossi S.r.l. 100%

34 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 34 Io compro te: acquisizione dell’azienda La Bianchi S.r.l. acquisisce l’azienda della Rossi S.r.l. Vantaggi per l’acquirente : a) Civilistici: esistono norme che limitano i rischi per le passività non iscritte in bilancio. Per le passività potenziali vi è l’art del c.c. che limita la responsabilità dell’acquirente alle passività rilevate in contabilità. Per i rischi tributari (imposte non pagate e sanzioni) è possibile richiedere all’Agenzia delle Entrate un Certificato sulla posizione tributaria del cedente che limita la responsabilità dell’acquirente a quanto riportato sul certificato. Quanto sopra ovviamente riduce ma non azzera i rischi di acquisto (in caso ad esempio di insolvenza del venditore e conseguente assoggettamento dello stesso a procedura concorsuale). b) Tributari – se il corrispettivo pagato per l’azienda è superiore al valore netto nella contabilità del cedente sulla differenza, normalmente definita “avviamento”, le imposte sul reddito vengono di fatto pagate dal venditore. Ovviamente ciò costituisce uno svantaggio per il venditore. Svantaggi per l’acquirente: a) Tributari - le Imposte sul trasferimento delle quote sono massime: non c’è iva ma c’è imposta di registro, ipotecaria e catastale. Sull’avviamento vi è il 3% di imposta di registro e sugli immobili presenti nel compendio aziendale le imposte di registro e ipocatastali possono raggiungere l’11% b) Aziendali – vi è immediata commistione dei compendi aziendali e pertanto dei rischi aziendali; inoltre vi è un solo bilancio e i risultati economici dei due compendi aziendali sono meno facilmente apprezzabili. Bianchi S.r.l. Rossi S.r.l. Azienda Rossi

35 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 35 Io compro te: conferimento neutro e acquisizione della società conferitaria La Rossi S.r.l. conferisce l’azienda da cedere in una società neo costituita (Newco S.r.l.). La Bianchi S.r.l. acquista il 100% della Newco S.r.l. Passaggi dell’operazione a) In accordo con l’acquirente, la Rossi Spa costituisce una nuova società, la Newco S.r.l., interamente partecipata dalla Rossi stessa. Normalmente il capitale di costituzione è il capitale minimo. b) Fa redigere da un professionista una perizia di valutazione del ramo d’azienda da cedere. Il professionista deve essere iscritto al Registro dei revisori contabili (nel caso di conferimento in s.r.l. non è richiesto che il perito sia scelto dal Tribunale competente). c) Conferisce ai sensi dell’art (2343 per le Spa) del codice civile alla Newco S.r.l. il ramo d’azienda periziato ad un valore eguale al valore di perizia. Sul valore di conferimento non è si applica IVA e le imposte di registro, ipotecarie e catastali si applicano in misura fissa (Euro 168). d) Successivamente Rossi cede il 100% di Newco a Bianchi ad un corrispettivo che, normalmente, è eguale al valore di perizia del ramo di azienda più il capitale iniziale di Newco. Rossi S.r.l. Newco S.r.l. 100% Azienda Rossi

36 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 36 Io compro te: acquisizione della società conferitaria La Bianchi S.r.l. acquisisce il 100% della Newco S.r.l. Vantaggi per l’acquirente : a) Civilistici: al conferimento si applica la stessa disciplina codicistica che si applica all’acquisto dell’azienda. Pertanto per le passività potenziali vi è l’art del c.c. che limita la responsabilità della conferitaria alle passività rilevate in contabilità. Per i rischi tributari (imposte non pagate e sanzioni) è possibile richiedere all’Agenzia delle Entrate un Certificato sulla posizione tributaria del conferente che limita la responsabilità della conferitaria a quanto riportato sul certificato. Va ribadito che quanto sopra riduce ma non azzera i rischi di acquisto (in caso ad esempio di insolvenza del venditore e conseguente assoggettamento dello stesso a procedura concorsuale). b) Tributari - le Imposte sul trasferimento delle quote sono minime: non c’è iva non c’è imposta di registro, ipotecaria e catastale. Come si è detto tali imposte non sono state applicate nemmeno sul conferimento. Inoltre ai sensi dell’art. 176 del TUIR il conferimento è neutro. c) Aziendali – se non vi è successiva fusione il compendio aziendale della società acquisita viene mantenuto separato ed autonomo senza commistioni contabili: il rischio aziendale viene mantenuto separato; vi sono due distinti bilanci e pertanto i risultati economici dei due compendi aziendali sono più facilmente apprezzabili. Svantaggi per l’acquirente : a) Tributari – se il corrispettivo pagato per le partecipazioni (= valore di perizia) è superiore al valore che nella contabilità del conferente (Rossi S.r.l.) aveva il ramo d’azienda conferito, sulla differenza, normalmente definita “avviamento”, le imposte sul reddito vengono di fatto pagate dall’acquirente. Ovviamente ciò costituisce un vantaggio per il venditore/conferente. Bianchi S.r.l. Newco S.r.l. 100%

37 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 37 Passaggi dell’operazione a) La Rossi S.r.l. e la Bianchi S.r.l. possiedono due rami di azienda che esercitano attività nello stesso settore. b) Le due società costituiscono una nuova società, la Newco S.r.l.. Il capitale di costituzione è il capitale minimo. c) Ambedue fanno redigere da un professionista una perizia di valutazione del ramo d’azienda da cedere. Il perito assegna all’azienda Bianchi un valore di stima di circa Euro 6 mln. ed all’azienda Rossi un valore di circa 4 mln. d) La Newco delibera un aumento di capitale ad Euro ed ambedue le società conferitarie sottoscrivono in natura conferendo ai sensi dell’art (2343 per le Spa) del codice civile alla Newco S.r.l. il ramo d’azienda periziato ad un valore eguale al valore di perizia. e) Il capitale viene sottoscritto per il 60% dalla Rossi e per il 40% dalla Bianchi. Il rimanente valore di perizia (Euro 9,9 mln) viene allocato in una Riserva di conferimento. Bianchi S.r.l. Newco S.r.l. 60% Azienda Bianchi Mi unisco ad altri: costituzione di una società comune mediante conferimenti Rossi S.r.l. 40% Azienda Rossi

38 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 38 Passaggi dell’operazione a) Fase Uno: la Rossi S.r.l. e la Bianchi S.r.l. costituiscono ognuna una società partecipata al 100% e le conferiscono il proprio ramo di azienda. b) Fase Due: (dopo un anno per applicare agevolazioni Pex) la Rossi S.r.l. e la Bianchi S.r.l. costituiscono una nuova società, la Insieme Holding S.r.l.. e le conferiscono il 100% delle due società conferitarie. Il Patrimonio delle due società, come da perizia di stima, è rispettivamente di 6 mln. e di 4 mln. Corrispondentemente il patrimonio netto della Holding sarà di complessivi 10 mln. Esso viene sottoscritto per il 60% dalla Rossi e per il 40% dalla Bianchi. Il rimanente valore di perizia (Euro 9,9 mln) viene allocato in una Riserva di conferimento. Bianchi S.r.l. Bianchi Gestione S.r.l. 100% Azienda Bianchi Mi unisco ad altri: costituzione di una Holding comune mediante conferimenti di azienda Rossi S.r.l. 100% Azienda Rossi Rossi Gestione S.r.l. Fase uno Bianchi S.r.l. Bianchi Gestione S.r.l. 60% Rossi S.r.l. 40% Rossi GestioneS.r.l. Fase due Insieme Holding S.r.l. 100%

39 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi Piano per la costituzione di una holding fra le società della Toscana Nord Occidentale Mi unisco ad altri: costituzione di una Holding comune mediante affitti e conferimenti di azienda

40 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 40 Gamma Consorzio ALFA S.p.a. Delta S.p.a. Blue Spa Verdi SpaRossi Spa Arancio Spa Bianchi Spa 33,570% 30% 34,494% Beige Spa 30% BETA S.p.a. 30% 34,494% 29,592% 17,661% 37,6362% Situazione di partenza Fase uno: a) costituzione di una nuova società partecipata dalle sei società Bianchi, Blue, Beige, Verdi, Rossi e Arancio: la Insieme Holding S.r.l.; b) c onferimento dei servizi direzionali (amministrazione, finanza e controllo, segreteria, commerciale etc.) alla Insieme Holding S.r.l. mediante affitto di ramo d’azienda da ciascuna delle sei società. La Insieme Holding assume il ruolo di società direzionale di Gruppo. Fase due: c) ogni società conferisce il ramo di azienda di produzione ad una propria società di nuova costituzione; d) ogni società conferisce il 100% delle quote della società conferitaria alla Insieme Holding che assume pertanto il ruolo di holding del gruppo

41 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 41 Gamma Consorzio ALFA S.p.a. Delta S.p.a. Blue Spa Verdi SpaRossi Spa Arancio Spa Bianchi Spa Fase uno: Insieme S.r.l. societa’ direzionale e di servizi 30% Beige Spa 30% BETA S.p.a. 30% 37,6362% Insieme S.r.l. direzionale 12,5% 25% 12,5% 25% 33,570% 34,494% 29,592% 17,661% Le sei società operative Bianchi, Blue, Beige, Verdi, Rossi e Arancio costituiscono una società comune la Insieme S.r.l. e le affittano i rami di azienda costituiti dalle attività direzionali (amministrazione finanza e controllo, Commerciale, Affari generali/segreteria). La Insieme S.r.l. diviene una società direzionale e di servizi

42 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 42 Gamma Consorzio ALFA S.p.a. Delta S.p.a. Blue Spa Verdi SpaRossi Spa Arancio Spa Bianchi Spa Fase due: Insieme Holding S.r.l. Conferimento delle società alla Insieme S.r.l. 30% Beige Spa 30% BETA S.p.a. 30% 37,6362% Insieme S.r.l. Holding 12,5% 25% 12,5% 25% Blue gestione Verdi gestione Rossi gestione Beige gestione Bianchi gestione Arancio gestione 33,570% 34,494% 29,592% 17,661% Le sei società operative Bianchi, Blue, Beige, Verdi, Rossi e Arancio conferiscono l’attività di produzione ad una società partecipata al 100%. Successivamente conferiscono le partecipazioni nelle conferitarie alla Insieme S.r.l. Holding

43 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 43 Antefatto di un Management Buy Out (ostile) La famiglia Rossi possiede un impresa nel settore dei trasporti. La Rossi Spa. Amilcare Rossi è l’imprenditore che dal nulla ha creato l’impresa ed è intestatario dell’intero capitale azionario. Non ha eredi in grado di condurre l’impresa. Paolo Brambilla, dirigente della Rossi Spa, concepisce l’idea di acquisire la società e dà mandato ai suoi professionisti di elaborare un piano per il Buy Out. Il mandato prevede la massima riservatezza perché si teme che Amilcare Rossi non venderebbe se sapesse che l’acquirente è lui. Per garantire la riservatezza viene conferito mandato ad una Merchant Bank, la Milton Brothers, di condurre l’operazione nella quale, apparentemente, l’acquirente è la Milton stessa. Il range di prezzo di acquisto viene fissato dal Brambilla in minimo 8 e massimo 10 mln.

44 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 44 Amilcare Rossi Rossi spa Struttura Rossi Spa End S.r.l. 100%

45 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 45 Stato Patrimoniale Rossi S.p.a. e End S.r.l. Basso indebitamento: la Rossi spa e la End s.r.l. non hanno debiti bancari, quindi hanno massima possibilità di attingere al credito; inoltre vi sono complessivi 3,5 mln. di liquidità.

46 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 46 Rossi Spa: Conto economico e Cash flow Sufficienti e stabili flussi di cassa: il cash flow lordo di oltre Euro 1,1 mln. è sufficiente per il pagamento di un mutuo di Euro 5 mln. da restituire in cinque anni al Tasso del 5%

47 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 47 Leveraged Buy Out – LBO - : il Senior Loan Il finanziamento definitivo presenta il piano di ammortamento di un normale mutuo ed ha una scadenza che nella generalità dei casi, ove non vi siano garanzie immobiliari, non supera i cinque anni.

48 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 48 Rossi spa – riepilogo caratteristiche per il Buy Out Caratteristiche essenziali: Basso indebitamento: la Rossi spa non ha debiti bancari, quindi massima possibilità di attingere al credito, e inoltre possiede 3,5 mln. di liquidità. Sufficienti e stabili flussi di cassa: il cash flow lordo di oltre Euro 1,1 mln. è sufficiente per il pagamento di un mutuo di Euro 5 mln. da restituire in cinque anni al Tasso del 5% Caratteristiche preferenziali: Posizione di mercato dominante in un mercato maturo: la società ha circa il 50% del proprio mercato geografico di riferimento Settore con basso contenuto tecnologico e bassa necessità di investimenti: il settore specifico presenta tali caratteristiche Management di qualità: i dirigenti della società sono capaci e stabili Presenza di beni immobili o mobili cedibili o scorporabili: valore effettivo degli immobili circa Euro , valore effettivo degli autoveicoli circa 1,5 mln.

49 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 49 Struttura della operazione di Buy Out 1) Paolo Brambilla rilascia a Milton Brothers un mandato fiduciario. Il costo dell’operazione comprese fees per la Merchant e spese professionali e notarili è di Euro 0,5 mln. 2) Milton tratta l’acquisto dell’intero capitale della Rossi Spa e lo conclude al prezzo complessivo di Euro 9,5 mln. 3) Milton costituisce una Newco s.r.l. in cui viene versato un capitale di Euro 1 mln. depositato da Paolo Brambilla presso la Merchant. 4) Un pool di banche finanzia Newco con un Bridge Loan di 9 mln. garantito dal pegno sulle azioni acquisite di Rossi spa. 5) Newco dispone così di finanza per Euro 10 mln. con la quale acquista il 100% della Rossi spa e paga le spese. 6) Newco, Rossi spa e End s.r.l. vengono fuse per incorporazione in Newco.

50 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 50 Rossi spa End S.r.l. Newco S.r.l. Struttura dopo acquisizione Rossi Spa 100% Milton Brothers 100%

51 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 51 Fusione multipla di Rossi Spa e End S.r.l. in Newco S.r.l. Rossi S.r.l. Milton Brothers 100%

52 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 52 Bilancio post fusione con parziale rimborso del debito bancario Il Bridge Loan di 9 mln. garantito da pegno sulle azioni di Rossi Spa è stato rimborsato per circa 3,5 mln.. Il residuo è stato convertito in un mutuo di 5 mln. al 5% da rimborsare in cinque anni. Ad integrazione è stato accesa una linea di credito bancaria ordinaria per circa Euro

53 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 53 Comparazione dello stato patrimoniale Rossi prima e dopo il Buy Out Dopo l’operazione la società è meno solida: il Patrimonio netto si è ridotto, l’attivo immobilizzato è cresciuto, non vi è più la liquidità iniziale. Attenzione all’avviamento

54 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 54 Leveraged Buy Out – LBO - : il Senior Loan

55 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 55 Conto economico post fusione (senza ammortamento avviamento)

56 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 56 Conto economico post fusione (con ammortamento avviamento)

57 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 57 Problema avviamento post fusione: adozione IAS Adozione IAS: è oggi facoltà delle società che superano una certa dimensione (secondo alcuni parametri di bilancio) adottare i Principi contabili Internazionali fissati dal Comitato dell’International Accounting Standard (IAS). Adottando gli Ias non è più obbligatorio (anzi è proibito) l’ammortamento dell’avviamento. Tale procedura viene sostituita con la verifica annuale dell’esistenza di perdite di valore (Impairment test). La valutazione si basa sul mantenimento dell’attitudine dell’azienda di produrre reddito/flussi di cassa. Se quindi l’azienda posseduta dalla Rossi S.r.l. mantiene sufficienti parametri di redditività/flussi di cassa il conto economico della società non viene gravato da alcun onere correlato all’avviamento.

58 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 58 Conto economico prima e dopo la fusione comparazioni

59 Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi 59 Fine


Scaricare ppt "Studio Lisi e Associati - Il bilancio per giuristi CORSO INTRODUTTIVO AL BILANCIO PER GIURISTI III GIORNATA LE OPERAZIONI STRAORDINARIE 22 maggio 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google