La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

τέμνω Anatomia [ ανά = « attraverso », e τέμνω = "tagliare“] è la scienza che studia la struttura di un corpo e le relazioni tra le sue parti. Fisiologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "τέμνω Anatomia [ ανά = « attraverso », e τέμνω = "tagliare“] è la scienza che studia la struttura di un corpo e le relazioni tra le sue parti. Fisiologia."— Transcript della presentazione:

1

2 τέμνω Anatomia [ ανά = « attraverso », e τέμνω = "tagliare“] è la scienza che studia la struttura di un corpo e le relazioni tra le sue parti. Fisiologia [φύσις=«fenomeno» e λόγος=«studio»] è la scienza che studia come funzionano le parti di un organismo. Patologia [πάθος=«sofferenza» e λογία=«studio»] è la scienza che studia le malattie.

3 A.MACROSCOPICA ( Antropotomia ) A. microscopica Forma e struttura dell’organismi, degli apparati e degli organi senza microscopio Forma e struttura degli organi con microscopio

4

5

6 Il corpo umano, visto nel suo nel suo insieme, è diviso convenzionalmente in :  Testa, Faccia e Collo — includono tutto quanto si trova sopra al torace.  Arti superiori — includono la spalla, il braccio, il gomito, l’avambraccio, il polso, la mano.  Torace — la regione del petto dalla cassa toracica al diaframma.  Addome – va dal diaframma alla pelvi.  Schiena — la colonna vertebrale con i propri componenti: le vertebre, l'osso sacro, il coccige, e i dischi intervertebrali.  Pelvi (o bacino)— zona in corrispondenza delle due ossa iliache o ossa dell’anca, dell’osso sacro e del coccige  Perineo — la regione tra gli organi sessuali e l'ano.  Arti inferiori — tutto ciò che sta sotto al legamento inguinale, includono l'anca, la coscia, il ginocchio, la gamba e il piede.

7 Lo studio del corpo, o di una sua parte (organo, tessuto ecc.), può essere fatto secondo 4 piani (o sezioni) principali. o coronale  Laterale e mediale - più lontana o più vicina al piano mediosagittale.  Superiore e inferiore - più vicina alla testa o più vicina ai piedi.  Anteriore e posteriore (o ventrale e dorsale) – più vicina o più lontana alla parte frontale del corpo Superficiale e profondo - più vicina o più lontana dalla pelle  Distale e prossimale - Lontana o vicina alla connessione del bacino al tronco. Posizioni relative

8 All’interno del corpo si identificano le cavità corporee che contengono, proteggono, separano e sostengono gli organi e apparati.

9

10 Tessuto gruppo di cellule con uguali forma e funzione Tessuti principali Tessuti specializzati T. OsseoSostegno e riserva di calcio T. cartilagineoSostegno T. Ematico (sangue)Trasporto: sostanze respiratorie, alimentari, di rifiuto, calore, difese immunitarie, ormoni. T. germinativoRiproduzione T. epaticoElaborazione sostanze Relazione tra organi interni

11 Più tessuti costituiscono organi «assemblati» in Apparati Movimento Relazionare, coordinare Ricevere segnali esterni e interni

12 Dal greco ομέο-στάσις=«stesso stato». I nsieme di meccanismi messi in atto da ogni essere vivente per mantenere costante (in equilibrio ottimale), sia sotto l’aspetto quantitativo che sotto quello funzionale, la sua composizione. La modifica di un qualche parametro chimico-fisico (ad es. causato da uno stimolo interno o esterno oppure dalla regolare attività metabolica) «altera» lo stato ottimale producendo una risposta (feedback) da parte dell’organismo tale da annullare la causa della modifica e rideterminare le condizioni di partenza (omeostasi). Es  omeostasi acido-base, omeostasi termico, omeostasi glucosio, omeostasi leucociti circolanti, omeostasi alimentare, omeostasi gravitazionale etc.

13 I meccanismi di regolazione dell’omeostasi rispettano uno schema d’azione che coinvolge tre soggetti funzionali: 1. recettore (sensore) 2. centro di controllo e integrazione 3. effettore Ogni meccanismo specifico ha i suoi soggetti.

14 La termoregolazione. La temperatura media interna ottimale per l’uomo è intorno ai 37,5°C. La variazione esterna (climatica) o interna (per attività varia) rappresenta lo stimolo recepito dai termocettori [sensori] I recettori, attraverso le vie nervose, mandano segnali ai centri nervosi, sia vegetativi che volontari [controllori], Dai centri nervosi q parte una risposta [feedback] che coinvolge varie strutture [effettori] in grado di annullare la variazione di temperatura (vasodilatazione o vasocostrizione, sudorazione o brividi, spinta a svestirsi o coprirsi, spinta a cercare luoghi più caldi o più freschi ecc)

15 La normoglicemia. Il glucosio nel sangue deve mantenersi intorno ai 110 mg/ml. L’omeostasi della temperatura e della glicemia avvengono con meccanismi definiti a feedback negativo in quanto la risposta è mirata ad annullare la variazione causata dallo stimolo. L’alterazione della glicemia dopo un pasto o un digiuno stimola il pancreas e il sistema nervoso [recettori e controllori] Pancreas e sistema nervoso rispondono [feedback], il primo producendo insulina o glucagone, il secondo stimoli sensoriali. (senso di «fame» o di «pienezza») Insulina e glucagone spingeranno le cellule, soprattutto quelle del fegato, a prendere o rilasciare glucosio, mentre il sistema nervoso spingerà a ingerire o a rifiutare cibo.

16 Le doglie da parto. La crescita del feto (stimolo) provoca una tensione via via maggiore delle pareti dell’utero (miometrio) Questo meccanismo viene definito a feedback positivo in quanto la risposta aumenta la variazione causata dallo stimolo. La tensione attiva appositi recettori all’interno delle stesse pareti che invieranno segnali al centro regolatore (sistema nervoso + ipofisi) Dall’ipofisi si libera un ormone, l’ossitocina (feedback) che,attraverso il sangue, raggiunge la muscolatura delle pareti dell’utero provocandone la contrazione (effettore). La contrazione aumenta la tensione che stimola maggiormente i recettori i quali, a loro volta, richiederanno una maggiore produzione di ossitocina dall’ipofisi col risultato di aumentare la contrazione e la tensione del miometrio il miometrio e così via fino al parto. (Ecco perché le «doglie» da parto diventano man mano più frequenti e più intense).

17 Organismo in omeostasi Condizioni fisiologiche Stimoli esterni Stimoli interni Alterazione parametri fisiologici Feedback di compensazione Fallimento Successo Recupero condizioni ottimali Stato di Benessere Mantenimento alterazioni Morte cellulare Alterazione organi e apparati Morte organismo Acuto Cronico Risoluzione Nuovo equilibrio Benessere ridotto

18 PROCESSI FISIOLOGICI Trasformazione (metabolismo) Catabol.Anabol. Relazione (Int. ed est.) Sensaz.Elabor. Scambio (Int. ed est.) Scambio (Int. ed est.) NutrizEscrezTrasp Azione Respir IMMUNITA’ RIPRODUZIONE

19 PATOLOGIA SPECIALE GENERALE Studi dei processi che provocano danni a diversi tessuti ed organi con modalità uguali. Infezione, infiammazione, febbre, tumore, degenerazione ecc. Studio dei processi che provocano danni con modalità specifiche in specifici organi e apparati Malattie genetiche, Cardio- vascolari, da sostanze chimiche ecc


Scaricare ppt "τέμνω Anatomia [ ανά = « attraverso », e τέμνω = "tagliare“] è la scienza che studia la struttura di un corpo e le relazioni tra le sue parti. Fisiologia."

Presentazioni simili


Annunci Google