La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

© by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale CORSO PER ALLENATORI DI PRIMO GRADO MODULO 1 METODOLOGIA 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "© by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale CORSO PER ALLENATORI DI PRIMO GRADO MODULO 1 METODOLOGIA 1."— Transcript della presentazione:

1 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale CORSO PER ALLENATORI DI PRIMO GRADO MODULO 1 METODOLOGIA 1

2 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale OBIETTIVO GENERALE DEL MODULO Dal concetto generale di classificazione ed organizzazione degli obiettivi della programmazione del lavoro è possibile identificare alcune strategie di programmazione ed organizzazione della seduta di allenamento tecnico – tattico.

3 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale PROGRAMMAZIONE Per stendere un programma serve: Conoscenza delle qualità degli atleti Conoscenza dei modelli prestazionali Individuazione di obiettivi Conoscenza delle metodologie necessarie per il conseguimento

4 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale OBIETTIVI Priorità e progressività Individuare e comunicare agli atleti gli obiettivi minimi determinati dai modelli di gioco Obiettivi a lungo termine Obiettivi a medio termine (microcicli di lavoro) Obiettivi a breve termine (unità didattiche)

5 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale La formazione come obiettivo generale La formazione deve garantire il successo nel corso degli anni attraverso il raggiungimento della massima capacità prestativa che l’atleta è in grado di raggiungere (Ulatowsky)

6 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale La formazione Lo sviluppo dello sport giovanile e la realizzazione delle sue funzioni sociali, compresa la salute, sono collegate con la competizione che rappresenta lo stimolo della pratica sportiva

7 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale L’apprendimento L’apprendimento è un processo che comporta una modificazione relativamente stabile del modo di agire o di pensare dell’allievo. Questa modificazione è progressiva selettiva, risulta dalla pratica, dalle ripetizioni e dall’esperienza. (Bargelli)

8 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale La capacità di apprendimento motorio è ciò che permette ad un individuo di assimilare nuovi movimenti e, attraverso le ripetizioni di questi, giungere, dopo le varie correzioni e adattamenti, alla stesura di un programma motorio interno appropriato reso preciso e permanente attraverso l’esercitazione e l’allenamento

9 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale L’atto motorio è una parte dell’attività motoria che si sviluppa sulla base di un’anticipazione e scelta cosciente così come un attraverso un processo di controllo analitico e sintetico. E’ caratterizzato da una finalità che si concreta in un obiettivo (Manno)

10 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale Gli elementi costitutivi del movimento sono: Percezione Volontà Progetto motorio Esecuzione Verifica

11 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale Porsi un fine sottintende l’immediata selezione di un programma motorio e la sua predisposizione Tale programma deve essere realizzato nel modo più fedele possibile al modello che corrisponde a ciò che l’allievo ha più volte provato in allenamento

12 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale E’ importante che l’allievo con l’aiuto delle informazioni dell’allenatore e dei suoi rinforzi (feedback estrinseci) comprenda il compito e costruisca un’immagine mentale dell’azione che poi si perfezionerà e si arricchirà con il contributo dei canali sensoriali (feedback intrinseci). E’ fondamentale il modello, cioè l’immagine mentale che l’allievo si pone. Se il soggetto ha un’immagine imprecisa dell’atto motorio, l’esecuzione sarà carente ed incostante, cioè non automatizzata

13 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale La pallavolo è una disciplina open skill come tutti i giochi sportivi nei quali l’ambiente esterno è in continuo mutamento e quindi poco prevedibile E’ quindi necessario partire dalle invarianti di base per poi evolvere E’ necessario apprendere in tre direzioni: Sotto il profilo percettivo Sotto il profilo decisionale Sotto il profilo esecutivo Il tutto deve ovviamente essere sostenuto da un idoneo sviluppo delle qualità motorie, condizionali e coordinative, nelle varie fasi della crescita

14 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale GLI OBIETTIVI SPECIFICI DELL’ALLENAMENTO TECNICO – TATTICO Il concetto di micro ciclo di lavoro: obiettivi a medio termine. Il concetto di “unità didattica”: obiettivi a breve termine. La seduta di allenamento: obiettivo permanente; obiettivo principale; obiettivo secondario;

15 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale L’ORGANIZZAZIONE DELLA SEDUTA DI ALLENAMENTO Struttura e fasi che la contraddistinguono: Preparatoria; Centrale; Finale; L’unità didattica programmata come seduta di allenamento: Numero di sedute necessarie in base agli obiettivi tecnici; Organizzazione dei contenuti dell’unità didattica;

16 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SEDUTA DI ALLENAMENTO Criteri generali per l’organizzazione del tempo e degli spazi a disposizione: aspetti che consentono l’incremento del tempo di lavoro. Spazi complementari; Parete; Attrezzature alla parete o comunque nella struttura;

17 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale LA GESTIONE E LA CONDUZIONE DELLA SEDUTA DI ALLENAMENTO L’allenatore e la sua posizione rispetto alla conduzione della seduta: la visione d’insieme della seduta; l’intervento specifico. L’allenatore e la gestione dei lavori complementari, specialistici e supplementari. L’allenatore e la gestione di eventuali collaboratori: relazione preparazione tecnica – preparazione fisica; relazione lavoro fisioterapico – lavoro tecnico; l’assegnazione di compiti: condivisione degli obiettivi.

18 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale LA SQUADRA NELLA SEDUTA DI ALLENAMENTO La differenziazione e l’individualizzazione del lavoro. Criteri di raggruppamento dei giocatori: i ruoli; le problematiche tecniche; la possibilità di integrare i lavori individuali in esercitazioni di sintesi; La valutazione dell’intensità ottimale di lavoro. La gestione del lavoro specifico del libero nella seduta di allenamento.

19 © by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale DOMANDE E CONSIDERAZIONI ?


Scaricare ppt "© by FIPAV - Centro Qualificazione Nazionale CORSO PER ALLENATORI DI PRIMO GRADO MODULO 1 METODOLOGIA 1."

Presentazioni simili


Annunci Google