La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione alla CETS La Carta Europea per il Turismo Sostenibile Luca Dalla Libera.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione alla CETS La Carta Europea per il Turismo Sostenibile Luca Dalla Libera."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione alla CETS La Carta Europea per il Turismo Sostenibile Luca Dalla Libera

2 LOVING THEM TO DEATH? Riflessioni di un gruppo di lavoro sugli effetti del turismo nelle aree protette (EUROPARC 1993) Gli scopi dei parchi sono contraddittori? E’ possibile conciliare conservazione e sviluppo? Necessario creare uno strumento! 1.La genesi della Carta

3 Un progetto LIFE ( ) sviluppato a nome della Federazione EUROPARC attraverso un Comitato di coordinamento composto da: 1.La genesi della Carta 10 parchi pilota in 6 paesi europei Rappresentanti del Settore Turistico a livello nazionale e locale Rappresentanti a livello globale delle Organizzazioni Turistiche e di Protezione dell’Ambiente Carta Europea per il Turismo Sostenibile Nasce la Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette 1.La genesi della Carta

4 Strumento metodologico e Certificazione (non di qualità, ma di processo) che permette una migliore gestione delle aree protette per lo sviluppo del turismo sostenibile Cos’è ? 2.La natura e gli obiettivi operativi

5 La CETS è coordinata da EUROPARC Federation che, col supporto delle sezioni nazionali della federazione (come Federparchi-Europarc Italia), gestisce la procedura di conferimento della Carta e coordina la rete delle aree certificate 2.La natura e gli obiettivi operativi

6 Gli obiettivi fondamentali della CETS la conservazione… Aumentare la conoscenza e il sostegno per le aree protette europee come parte fondamentale del nostro patrimonio, da preservare per la fruizione delle generazioni attuali e quelle a venire. Finalità istituzionale dei parchi la promozione… Migliorare lo sviluppo sostenibile e la gestione del turismo nelle aree protette, rispettando i bisogni dell’ambiente, dei residenti, delle imprese locali e dei visitatori. La sostenibilità dei parchi 2.La natura e gli obiettivi operativi

7 Elemento centrale La collaborazione tra tutte le parti interessate a sviluppare una strategia comune, sulla base di una approfondita analisi della situazione locale. 2.La natura e gli obiettivi operativi

8 1. Presentare la candidatura ad Europarc – Federation 2. Creare e gestire dei Forum (Tavoli di lavoro) con i diversi attori dell’area (imprese, amministratori locali, associazioni…) che partecipano a tutto il processo 3. Realizzare un Rapporto Diagnostico del mercato turistico, delle opportunità ma anche dell’impatto ambientale, economico e sociale 4. Elaborare una Strategia e un Piano d’Azione della durata di cinque anni 5. Ottenere la valutazione positiva da Europarc Federation sul processo in atto e sul Piano d’Azione 2.La natura e gli obiettivi operativi Per ottenere la Carta, si deve

9 La Carta enuncia 10 PRINCIPI che tutti i partecipanti al processo sottoscrivono Ad ogni principio corrisponderanno alcune azioni promosse dal parco o dagli altri soggetti del processo 3.I dieci principi della sostenibilità

10 1. Lavorare in partnership Coinvolgere tutti coloro che sono implicati nel settore turistico dell’area protetta, nel suo sviluppo e nella sua gestione (Forum permanente, o una struttura equivalente) 2. Elaborare e realizzare una strategia La strategia dovrà basarsi su attente valutazioni ed essere approvata e condivisa dai soggetti locali coinvolti 3.I dieci principi della sostenibilità

11 3. Tutelare e migliorare il patrimonio naturale e culturale dell’area, attraverso il turismo, ma al contempo proteggere l’area da uno sviluppo turistico inappropriato Azioni di monitoraggio su visitatori al fine di ridurre gli impatti su flora e fauna, di promozione attività turistiche legate specificatamente legate alla cultura e alla natura. 3.I dieci principi della sostenibilità

12 4. Garantire ai visitatori un elevato livello di qualità in tutte le fasi della loro visita Analisi di soddisfazione dei visitatori, migliorare la cultura dell’accoglienza, miglioramento qualità, attenzione a visitatori svantaggiati, ecc… 5. Comunicare efficacemente ai visitatori le caratteristiche proprie ed uniche dell’area Promozione, Centri visita, web, Pubblicazioni, ecc… 3.I dieci principi della sostenibilità

13 6. Incoraggiare prodotti turistici specifici che aiutino a conoscere e scoprire il territorio locale Eventi, pacchetti legati a prodotti tipici, interpretazione del patrimonio locale, destagionalizzazione, ecc… 7. Migliorare la conoscenza dell’area protetta dei temi della sostenibilità tra tutti gli attori coinvolti nel settore turistico Attività di formazione ed informazione… conquistare gli operatori al Parco… 3.I dieci principi della sostenibilità

14 8. Assicurare che il sostegno al turismo non comporti costi per la qualità della vita delle comunità locali Coinvolgimento comunità locali, immaginare esternalità positive anche per i non operatori, limitare le esternalità negative, gestione conflitti, ecc… 9. Accrescere i benefici provenienti dal turismo per l’economia locale Prodotti e servizi locali, personale locale. 3.I dieci principi della sostenibilità

15 10. Monitorare i flussi di visitatori indirizzandoli verso una riduzione degli impatti negativi Monitoraggio dei flussi turistici soprattutto finalizzati a promuovere la mobilità sostenibile e quindi azioni di riduzione degli impatti 3.I dieci principi della sostenibilità

16 In Europa, 119 aree protette in tredici paesi hanno ottenuto la CETS ; 20 in Italia 6. L’esperienza sin qui maturata

17 In Italia i parchi certificati sono fin’ora Parco Nazionale Monti Sibillini 2. Parco Naturale Alpi Marittime 3. Parco Naturale Adamello Brenta 4. Parco Regionale dell'Adamello 5. Aree Protette delle Alpi Lepontine 6. Sistema Aree Protette dell'Oltrepò Mantovano 7. Parco Naturale Alto Garda Bresciano 8. Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise 9. Parco Nazionale della Sila 10. Parco Regionale dei Colli Euganei 11. Parco Naturale Regionale Dune Costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo 12. Sistema dei Parchi del Salento 13. Riserva Naturale di Monte Rufeno 6. L’esperienza sin qui maturata

18 I 7 appena certificati nel novembre Parco Nazionale Val Grande 2. Parco Nazionale dell’Appennino Lucano 3. Parco Naturale dell’Ossola 4. Parco Naturale Sasso Simone e Simoncello 5. Parco Naturale del Conero 6. Parco Naturale Gola Rossa e Frasassi 7. Parco Regionale Monte San Bartolo Sono 5 Processi in corso: 1.Parco Nazionale del Pollino 2.Parco Nazionale delle Colline Metallifere 3.Parco Nazionale Gran Sasso 4.Parco Nazionale Appennino Tosco-emiliano 5.Parco Nazionale dell’Alta Murgia 6. L’esperienza sin qui maturata … ed ancora 1 … 1.Riserva statale del Furlo

19 Strumento flessibile, adattabile a diverse realtà e diversi contesti ambientali e socio- economici Base per rafforzare le relazioni con le comunità locali, gli attori del turismo locale e con l’industria turistica. Utile valutazione interna ed esterna che induce nuove idee e miglioramenti Alto profilo nel panorama europeo in quanto area impegnata nel turismo sostenibile, in rete con altri parchi europei I Vantaggi della CETS Un osservazione conclusiva

20 Luca Dalla Libera - Federparchi Grazie dell’attenzione Per saperne di più:


Scaricare ppt "Introduzione alla CETS La Carta Europea per il Turismo Sostenibile Luca Dalla Libera."

Presentazioni simili


Annunci Google